20 cose da sapere prima di partire: Grecia settentrionale

0
108

Dimentica Mykonos: le informazioni di Sarah Souli su bere, mangiare, ballare (e imprecare) nel nord della Grecia

1. Non è il sud. Dimentica Mykonos, Santorini o persino Atene. La parte settentrionale della Grecia, che condivide i confini con diversi paesi balcanici e la Turchia, è una destinazione distinta. A est si trova la capitale culturale del paese, Salonicco, dove antiche rovine si trovano accanto a moderni condomini in anarchia architettonica. La maggior parte delle maestose palme della città sono state strappate durante la dittatura, quindi per la vegetazione, dirigiti a ovest attraverso la regione montuosa piena di scogliere, gole e foreste verso l'altra grande città del nord, la riva del lago Ioannina. Sarai in compagnia storica: macedoni, illiri, romani, bizantini, slavi e ottomani sono passati di qui, lasciando il segno nell'architettura, nella cultura e nel cibo della regione.

2. Avere qualche soldo in più a portata di mano. Una cosa che il nord ha in comune con il resto della Grecia è la crisi economica e le paralizzanti misure di austerità. Migliaia di persone hanno perso il lavoro, la casa, i risparmi e, in alcuni casi, la vita. Gli stipendi sono stati tagliati o non pagati del tutto. Sebbene le strade siano ancora piene di persone che fanno acquisti e mangiano, l'instabilità economica in corso ha, per non dire altro, avuto un effetto negativo sulla popolazione. A giugno è stato introdotto il controllo dei capitali in tutto il paese; I greci possono prelevare solo 60 euro al giorno dai loro conti. Questo non si applica ai titolari di banche estere, ma le code agli sportelli automatici possono essere lunghe. Preparati di conseguenza.

3. Immergiti nella storia ottomana. I bizantini avrebbero potuto governare la Grecia per oltre 1000 anni, ma l'eredità degli ottomani, che erano presenti dalla metà del XV secolo fino all'istituzione del moderno stato greco nel 1832, è più tangibile. Camminando per certi quartieri o città, ti sentirai esattamente nel mondo musulmano. I minareti raggiungono il cielo e le moschee a cupola punteggiano il paesaggio. A Ioannina, assicurati di visitare il Museo Ali Pasha, situato nella sua residenza estiva dell'isola (accessibile con le barche, che partono frequentemente dalla corniche). Fautis Rapakousis, un ex fornaio che ha iniziato a raccogliere le reliquie di Ali Pasha quando aveva 17 anni, è il proprietario gioviale e informativo del museo (ingresso € 3), che offre una panoramica impressionante della vita e della morte del controverso Pascià.

Anarchia architettonica a Salonicco. Foto di: Sarah Souli

4. Fai spazio. Per il cibo, questo è. È un cliché dire che un popolo ama mangiare (chi non lo fa?), Ma i greci lo portano a un livello completamente diverso. Entra in qualsiasi casa e hai la certezza di trovare qualcosa nel forno. È tutto delizioso: feta salata, verdure ripiene, carne e pesce alla griglia, pastitsio cremoso, peperoni rossi dolci marinati, souvlaki, pita al formaggio, patate cotte nel grasso di agnello. La quantità è importante quanto la qualità e le dimensioni delle porzioni rivaleggiano abitualmente con la Cheesecake Factory. Il cibo è ovunque: ordina un espresso e viene fornito con un piatto di biscotti; compra una birra e ti viene garantita una porzione di meze. Se sei a casa di qualcuno e gli piaci, ti daranno da mangiare direttamente dalla loro forchetta. Il tuo compito è aprire la bocca con diligenza come un neonato per ricevere qualunque cosa ci sia dall'altra parte, ed è così che, una sera, mi sono ritrovato a mangiare bulbo oculare di agnello.

5. Questo non è il posto giusto per essere astemi. Cosa fai quando il padre 64enne del tuo ospite ti porge un bicchiere di alcol fatto in casa insieme al tuo caffè mattutino? Lo bevi, ovviamente, e procedi a farlo ogni giorno prima di mezzogiorno per i prossimi dieci giorni. È scortese rifiutare un drink nella maggior parte delle circostanze, quindi preparati a tintinnare i bicchieri e gridare yammas! (Applausi!). Lo tsipouro, ottenuto da uve distillate e con una gradazione alcolica del 45%, è la bevanda preferita. I posti migliori per bere sono gli tsipouradikas, bar che servono bottiglie di tsipouro da € 2, accompagnate da un'enorme quantità di meze. A ovest è servito normale, senza ghiaccio; si sposta verso est ed è aromatizzato con anice e servito freddo. Durante l'inverno, puoi ordinare tsipouro confuso con miele e cannella. Un avvertimento: finché starai seduto, ti sentirai composto. Alzati e avrai dimenticato il tuo nome.

PUOI MALEDICARE SOLO SU QUALSIASI COSA, DALLA VERGINE MARIA ALL'ANTICRISTO

6. Non guardare la tua bocca. All'orecchio puritano americano, il greco può sembrare un flusso infinito di parolacce. In un momento particolarmente surreale, un uomo biondo muscoloso seduto vicino al nostro tavolo si alzò per andarsene. "Vado a portare il cazzo a casa", annunciò a un tavolo mezzo pieno di sconosciuti, facendo cenno al suo ragazzo, un prete ortodosso barbuto in completo abito. "Con la benedizione di Dio!" disse il prete. Nessuno ha battuto ciglio. A Salonicco, ho sentito un uomo dire a un piccione che era atterrato vicino a lui: "Mi scopo il tuo Cristo!" In effetti, puoi maledire qualsiasi cosa, dalla Vergine Maria all'anticristo, senza offendere un'anima. L'unica cosa assolutamente off-limits è la propria madre.

7. Vestiti per rispetto. Indipendentemente dall'età o dal sesso, i greci sono cassettiere meticolosamente ordinate e alla moda. Le scarpe sono lucidate, le mani sono curate, i capelli sono gonfiati e il trucco è applicato perfettamente in ogni momento della giornata. Se vuoi adattarti, porta i tuoi abiti più belli, i tacchi alti e dipingi le unghie, normcore non è un concetto qui. "Ma perché?" mi ha chiesto una nuova amica arricciando il naso quando le ho spiegato che a Brooklyn va di moda sfoggiare capelli non lavati e maglioni mangiati dalle tarme. Per molti greci, è una questione di rispetto, sia per se stessi che per gli altri, vestirsi bene. Se lo shopping e la cura di sé sono la tua passione, sarai in paradiso: la pedicure costa circa 12 euro, marchi come Orsalia Parthenis offrono abiti su misura chic e i prodotti di bellezza Korres, che negli Stati Uniti costano oltre $ 50, possono essere acquistati per € 5 in farmacia.

8. C'è più di una Macedonia. Ascolta la parola "Macedonia" e potresti pensare innocentemente che sia il nome di un piccolo paese slavo che ha ottenuto l'indipendenza dalla Jugoslavia nel 1991. Ma in Grecia, dove milioni di persone si identificano come etnicamente macedone, la Macedonia si riferisce a una provincia nel nord conosciuto come il luogo di nascita di Alessandro Magno. Il governo greco rifiuta la denominazione della Macedonia come paese indipendente, rivendicando preoccupazioni storiche e territoriali. La Grecia ha anche accusato la Macedonia di appropriarsi di simboli ellenici che sono parte integrante della cultura greca. La disputa sulla denominazione ha provocato una rottura delle relazioni tra i due paesi, con la Grecia che ha posto un embargo alla Macedonia nel 1994 e ha posto il veto alle applicazioni UE e NATO del paese. Non sorprenderti se un greco insiste che tu lo chiami Skopje.

Flacone personale di Ali Pashas, ​​forse un regalo del suo amico, Lord Byron. L'Impero Ottomano: super illuminato e anche per niente partecipe. Foto di: Sarah Souli

9. Accesso alle sorgenti termali 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Ci sono sorgenti termali in tutto il nord-est. A poche ore da Salonicco, ad Aridea-Pozar, ci sono bagni termali che hanno qualità curative. Puoi optare per le sorgenti all'aperto, con cascate calde zampillanti e vapore che sale tra gli alberi e le rocce, o prenotare una stanza privata in uno dei tanti centri termali che hanno deviato l'acqua. Sia i bagni che le terme all'aperto sono aperti 24 ore su 24. Per un'esperienza particolarmente magica, vai molto tardi durante una notte invernale senza luna, quando l'aria è più frizzante e le stelle più luminose.

10. Non essere un pesce freddo. Con poche eccezioni, i greci sono generalmente molto affettuosi e cordiali. Entro un'ora dall'incontro con un nuovo amico, ha fatto scivolare il suo braccio nella mia piega. "Fammi solo …" disse, e passeggiammo per la strada come se ci conoscessimo da anni. È molto normale che le persone si tocchino, si baciano e si abbracciano, sia tra uomini che donne e tra i relativi sconosciuti. Abbraccialo.

11. La carne è nel menu. Nel nord, la dieta mediterranea a base di carne sparsa si applica solo al mare di Salonicco. Ovunque, in particolare nella provincia dell'Epiro, aspettatevi mucchi di carne perfettamente condita servita con formaggi freschi e morbidi e insalate tritate. Nella piccola città di montagna di Metsovo, dirigiti al Pente Fi, un ristorante senza fronzoli che serve pezzetti di agnello alla griglia su pezzi di carta pergamena. Se vuoi assaggiare la giovane agnello, una specialità regionale, devi arrivare prima delle 10 del mattino (si esauriscono presto). Altrimenti, prova i kokoretsi, intestini di agnello grigliati per uno scricchiolio avvolti attorno a fegato tenero e animelle. Evita le forchette di plastica: tutto ha un sapore migliore mangiato con le mani. E se stai andando per il souvlaki, mangialo direttamente dal bastoncino mettendo saldamente i denti intorno alla carne e tirando via il bastoncino dalla tua faccia.

Bocconcini di agnello a Metsovo. Foto di: Sarah Souli

12. Rispetta il malocchio … e il tuo oroscopo. Diversi giorni dopo un terribile mal di testa, un amico chiamò suo nonno per curarmi. Poche gocce di olio in acqua, diverse preghiere mormorate e una diagnosi si è rivelata: avevo il malocchio. Molti greci sono superstiziosi riguardo agli occhi, appendono cerchi blu alle finestre, ai cruscotti e al collo. Anche se potresti non sperimentare l'occhio, ti verrà chiesto il tuo segno zodiacale entro cinque minuti dall'incontro con la maggior parte delle persone. "Vergine, eh", nuovi conoscenti direbbero con un cenno d'intesa. Nessuno può dirmi esattamente perché i segni zodiacali sono così importanti (un inizio di conversazione? Un modo per classificare le persone?), Ma la Grecia settentrionale è un buon posto per leggere il tuo oroscopo senza sensi di colpa.

13. Impara una danza. Un programma televisivo molto popolare in Grecia mostra una stanza piena di persone moderatamente famose che mangiano e bevono attorno a lunghi tavoli bianchi. C'è sempre qualcuno che canta in modo molto teatrale e il resto degli ospiti balla o lancia piatti con nonchalance. Tutti, compresi gli adolescenti blasé, conoscono almeno una routine di ballo. Non è raro entrare in un soggiorno e vedere i genitori ballare al ritmo della musica tradizionale, con enormi sorrisi incollati sui loro volti; durante i festival di strada, i matrimoni e le feste, centinaia di persone balleranno. Sarai invitato a ballare – non essere imbarazzato – prendi una spalla e prova a seguire le orme della vite. È meno un dondolio del culo e più un movimento su e giù con il salto occasionale. Comunque ti muovi, sarai lodato per averci provato.

14. … e già che ci sei, impara anche una canzone. Dopo diverse settimane in Grecia, ho iniziato a perdere di vista il numero di volte in cui le persone sono scoppiate spontaneamente a cantare nei caffè, nei ristoranti ea casa. Questa è una cultura musicale e tutti ne sono fieramente orgogliosi. C'è una preferenza per le voci forti e gli strumenti a corda: lioutas, lire, mandolino, bouzouki e gli adorabilmente piccoli baglamas (intenzionalmente piccoli in modo che i musicisti possano nasconderli sotto i loro cappotti per evitare la persecuzione durante periodi particolarmente sfortunati nel 20 ° secolo). La musica tradizionale è apprezzata da tutte le generazioni, quindi rispolvera alcuni classici, tra cui Xaris Aleksiou, Manos Xatzidakis, Dimitra Galani e Giorgos Batis.

Gli escursionisti attraversano un ponte sulle montagne del Pindo Foto di: Sarah Souli

15. Le montagne sono aperte. Per quasi 20 anni, il governo greco è stato coinvolto in un imponente progetto infrastrutturale che ha creato una serie di autostrade che collegavano la parte montuosa orientale e occidentale del paese. Completato nel 2009, l'Egnatia Odos si estende per 670 km, comprendendo circa 1670 ponti e 76 gallerie. Il tempo di viaggio tra le principali città è stato dimezzato e raggiungere i villaggi più piccoli della catena montuosa del Pindo non è mai stato così facile. Troverai "foreste" di pietra, imponenti scogliere e pittoreschi villaggi di ardesia come Zagorohoria e Metsovo. Le strade originali, minuscole e tortuose, sono ugualmente belle e spesso vuote, salvo qualche mucca.

16. Il trasporto sembra un prezzo casuale. I taxi e gli autobus in città come Ioannina e Salonicco sono molto economici, in particolare rispetto ad altre città europee, ma autobus e treni regionali possono essere sorprendentemente costosi. Un'ora e mezza di autobus può costare più di 20 €. Se viaggi fuori dalle principali città, potrebbe essere meglio noleggiare un'auto.

17. La colazione è più che caffè e sigarette. Sebbene entrambi siano disponibili in abbondanza dannosa, sarebbe un grave errore non mangiare un mpougatsa per prima cosa al mattino. Ripiena di formaggio salato o crema dolce spolverata di zucchero a velo, la mpougatsa è una torta friabile e croccante ("Ma non esattamente una torta", continuava a ripetere la gente) servita sempre calda e tagliata sempre in piccoli quadrati con una lama a doppio manico. Puoi comprarli quasi ovunque, ma se ti trovi a Ioannina, vai al Select, un caffè scarsamente decorato gestito da un'industriosa coppia settantenne. Hanno fatto formaggio e panna mpougatsa, e nient'altro, per tutta la vita.

Pasticcini a Salonicco. Foto di: Sarah Souli

18. DJ Spacebilly ha le tracce calde. Durante le vacanze, ti imbatterai spesso in festival di strada, completi di grandi bande di ottoni che riprendono i classici greci e orde di ballerini benestanti. La città portuale di Salonicco offre anche opzioni più convenzionali. Non ci sono molte discoteche, ma i bar fungono da intime piste da ballo, con DJ greci che girano techno, house e discoteca. Inizia la serata da Don't Tell Mama per ascoltare DJ Spacebilly suonare la migliore musica della città (come bonus, i baristi sono particolarmente belli). Bord de L'eau, che funge anche da “ fabbrica di design '' e porta DJ da tutto il paese, ha un'atmosfera rilassante, mentre il Berlin Bar, che è rumoroso e sudato e dispone di una spogliarellista perennemente occupata nella parte posteriore, è il posto perfetto per concludere la serata.

19. Florina è una pausa riposante. Situata a 16 km dal confine con la Macedonia (o Skopje, a seconda di chi stai parlando) si trova la città incredibilmente pittoresca di Florina. È situato in un microclima, con quattro stagioni perfette che durano esattamente tre mesi ciascuna, il che significa che puoi sciare in inverno e nuotare nei fiumi durante l'estate. È una città per passeggiare e mangiare: assicurati di cenare da Genteki, un ristorante slow-food gestito da una dolce coppia. Piatti piccoli vengono preparati su un piano cottura su pezzi di carta stagnola e anatre intere vengono arrostite in un forno a legna. Una breve gita lungo il fiume ti condurrà al Cafe Roza, dove potrai bere un caffè greco ben eseguito circondato dai tesori portati dalla Turchia.

20. Per te è tutto greco. Sì, quella che sembra la lettera P è in realtà pronunciata come una R e la parte superiore V è un suono L, ma se hai trascorso del tempo in un campus universitario, conosci già metà dell'alfabeto greco. L'inglese è fortemente influenzato dal greco e rimarrai sorpreso da quante parole già conosci. Sebbene la maggior parte dei giovani greci parli fluentemente inglese, è sempre bello avere a portata di mano alcune frasi: yassas (ciao), kalimera (buongiorno), ti kanis (come stai?), Efharisto (grazie), eimai pliris (sto pieno!), plaka mou kaneis (mi prendi in giro ?!).