21 cose da sapere prima di andare a Ho Chi Minh City

0
144

A prima vista, Saigon, o Ho Chi Minh City, per usare il suo nome ufficiale, può essere un assalto di megalopoli caos, per gentile concessione di 13 milioni di persone e oltre 7 milioni di motociclette. A differenza della capitale, Hanoi, con il suo bel centro storico e i laghi coperti di nebbia, trovare il fascino di Saigon può essere un po ‘più impegnativo. Molti visitatori per la prima volta se ne vanno sentendosi disillusi. Senza una mappa e un piano, una giornata di vagabondaggio può diventare rapidamente un’esperienza infruttuosa. Ma per coloro che sono disposti a fare una piccola ricerca, Saigon è una città degna di mesi, se non anni, di esplorazione. I confini della città si estendono dalle acque del Mar Cinese Meridionale fino a un tiro di schioppo dal confine cambogiano. Adrenalinica e alimentata da minimarket, motori giapponesi a due tempi e caffè vietnamita turbo, è la città 24 ore su 24, 7 giorni su 7, con cui suo fratello maggiore, Hanoi, sta ancora recuperando.

Trova la stazione dei taxi dell’aeroporto.

Una volta atterrati, dal nastro dei bagagli al marciapiede affollato all’esterno, le persone ti offriranno servizi di trasferimento, che si tratti di personale in divisa dietro un bancone o di uomini che indugiano nella zona. Sono tutte opzioni facili che si dimostrano costose. Invece, segui le indicazioni per l’aeroporto fino alla fermata dei taxi (dritto dalle porte del terminal nazionale o a sinistra fuori dagli arrivi internazionali). Trova il rappresentante per le compagnie di taxi Vinasun o Mai Linh. Mostra loro il tuo indirizzo di destinazione e aspettati di pagare tra $ 15 e $ 20 per raggiungere il centro del Distretto 1 (a circa 5,5 miglia e 20-40 minuti di distanza, a seconda del traffico). Queste due aziende sono sicure, affidabili, convenienti e spesso hanno mappe GPS sul display che mostrano la tua posizione e il percorso in tempo reale.

Non trattare in dollari

Durante gli anni di instabilità del dopoguerra, il dollaro USA è stato la valuta ufficiale non ufficiale del Vietnam, ma ora dovrai usare la valuta locale, il Dong vietnamita. Per le conversioni di valuta, recati al negozio di cambio valuta (anche un negozio di souvenir) in 135 Dong Khoi Street, District 1, per alcune delle migliori tariffe in città. Alcune banche, insieme agli sportelli di cambio nei centri commerciali e nei grandi magazzini, sono un’altra opzione, ma tendono ad applicare una tariffa più alta. E mentre la tua banca può addebitare una commissione per le transazioni estere, ci sono bancomat gratuiti situati in tutta la città. Le transazioni senza contanti sono in aumento, ma non andrai lontano senza un rotolo di banconote di plastica high-tech del Vietnam.

Un condominio sbiancato dal sole si affaccia su un incrocio nel Distretto 3.

Non ignorare il Distretto 3

Più economico, meno affollato e con cibo migliore del Distretto 1, il distretto centrale dove finisce la maggior parte dei visitatori, il Distretto 3 si trova lungo il perimetro settentrionale del Distretto 1 (strade Nguyen Thi Minh Khai e Hai Ba Trung), e comunque a pochi passi da le attrazioni più famose della città. Prova i numerosi ristoranti di Vo Van Tan Street e Nguyen Dinh Chieu Street, mentre di tanto in tanto ti immergi nei vicoli che collegano i due. Non perdetevi il mercato di strada mattutino al 287 Nguyen Dinh Chieu per frutta, verdura, rane vive, pentole e padelle, panini di maiale alla griglia e persino una cantina segreta di armi in tempo di guerra. E se ti piacciono i vicoli stretti …

Taglia un file orlare—Con una mappa

Gli hẻm (vicoli) di Saigon possono fornire una scorciatoia rapida da una strada principale all’altra o proseguire per chilometri in ogni direzione. (Assicurati di scaricare una mappa Google locale sul tuo smartphone prima di entrare in quest’ultimo.) Inizia con il passaggio a 5A Nguyen Dinh Chieu Street, dove le tradizionali caratteristiche hẻm come i venditori di caffè della vecchia scuola, i negozi di “riso spezzato”, il buco -in-the-wall ristoranti e venditori di frutta carretto a mano siedono accanto a commensali giapponesi contemporanei, case di produzione di media, sarti di fascia alta e una sinagoga, il tutto trascurato da imponenti blocchi di uffici rivestiti di vetro. Per evitare il caldo e vedere Saigon nel suo aspetto più vivace, il momento migliore per esplorare qualsiasi hẻm è la mattina. Fai attenzione alle motociclette, alle galline libere e ai bambini amichevoli desiderosi di praticare il loro inglese.

L’ingresso di una casa residenziale in Nguyen Dinh Chieu Street, District 3.

Bevi birra in un cantiere edile.

Per la vita notturna, guarda oltre la via per i viaggiatori con lo zaino in spalla di Bui Dien Street e la striscia di Hai Ba Trung Street, ricca di hotel, e dirigiti verso una qualsiasi stazione 5Ku della città. Questa catena di locali per bere all’aperto, costruita con pallet, barili e teloni (e spesso tra le rovine di edifici demoliti), offre un ampio menu di carne e pesce alla brace, snack salati, qualche verdura simbolica piatti e tanta birra, tutti componenti essenziali di un venerdì sera in Vietnam. È probabile che l’intrattenimento dal vivo si presenti sotto forma di un cantante karaoke o un mago rotolante (molti dei quali ti venderanno anche biscotti, fazzoletti e gomme da masticare), e gli agenti di vendita concorrenti dei birrifici locali manterranno il tuo bicchiere riempito con il loro Prodotto. Mentre la posizione di Thai Van Lung Street di 5Ku è probabilmente la più comoda, lo sbocco sul canale di Hoang Sa Road (specializzato in crostacei e lumache) vale la corsa in taxi leggermente più lunga. E, non dimenticare, il ghiaccio nella tua birra è una buona cosa quando lo spazio nel frigorifero è prezioso.

1. Uno dei tanti templi tascabili del centro di Saigon. 2. Un carrello di cibo vecchia scuola nel Distretto 3.

Non aspettarti di essere capito

Pronuncia le parole vietnamite per “latte fresco” (sữa tươi) con il minimo adattamento al suono e al tono delle vocali e potresti invece farti servire il caffè con “medusa marcia” (sứa thối). Il vietnamita è notoriamente difficile da imparare. Alcuni nomi richiedono suoni che la maggior parte degli occidentali farà fatica a produrre. A meno che tu non sia preciso con la tua pronuncia, anche le frasi e i saluti più elementari potrebbero essere accolti con sguardi di sconcerto educati ma addolorati. Quindi, procurati un’app per smartphone parlante come Google Translate e annota tutti gli indirizzi quando viaggi in taxi.

Guarda i tuoi passi.

Con l’approccio informale del Vietnam alle norme stradali e alla sicurezza (più più motociclette che mai, più auto che mai e marciapiedi spesso disseminati di ostacoli), navigare in città a piedi, in particolare nelle ore di punta, può essere difficile. Ma se non ti dispiace superare quello che a volte può sembrare un percorso a ostacoli urbano, passeggiare per Saigon è probabilmente il mezzo di viaggio più gratificante e coinvolgente. Detto questo, prendi un taxi durante le ore più calde della giornata o durante l’acquazzone quotidiano della stagione delle piogge. Se viaggi con bambini, lascia i passeggini a casa e investi in un trasportino.

Il viale alberato di Truong Dinh che attraversa il Parco Tao Dan del Distretto 1.

Guarda la città all’alba

Per approfittare della fresca aria mattutina, i saigonesi si alzano presto. Anche prima dell’alba, i parchi pubblici saranno già pieni di jogging, addetti alla manutenzione, lezioni di tai chi e giochi di badminton o da cau (badminton con i piedi) giocati alla luce della lampada. I mercati, in particolare, sono i migliori da visitare il prima possibile quando i prodotti sono più freschi e quando le biciclette ei camion arrivano ancora dalla campagna. Potresti persino individuare i rituali di pre-apertura e le offerte religiose dei venditori. Quindi, imposta la sveglia, prendi un po ‘di caffeina e fai almeno una passeggiata mattutina prima di partire.

Fan ballerini di prima mattina al Tao Danh Park, Distretto 1.

Ordina un caffè freddo sul marciapiede

Introdotto per la prima volta dai francesi nel 1800, il caffè è parte integrante dell’economia e della cultura. Il Vietnam è ora il secondo produttore di caffè al mondo. Il leggendario ca phe sua da – caffè freddo con latte condensato – è denso, dolce, forte come l’inferno ed è disponibile ovunque, dai venditori lungo la strada agli hotel a cinque stelle. Realizzata principalmente con fagioli robusta prodotti in serie, la birra Saigon street, per la maggior parte, non vincerà alcun premio per la qualità. (Se non vuoi dormire per 72 ore, tuttavia, è perfetto.) Gli appassionati di caffè dovrebbero entrare in uno qualsiasi dei punti vendita di caffè artigianali che sono sorti negli ultimi anni. Il Workshop è già un’istituzione e il rilassato [a] Il Cafe ha alcune delle migliori birre della città (ha anche uno dei migliori carretti banh mi street a portata di mano ogni mattina).

Un caffè sul canale in 147 Hoang Sa Road, Distretto 1.

Uno dei caffè nostalgici di Saigon.

Poi mangia il miglior panino del mondo

Il panino vietnamita è un alimento base essenziale. Qui, “banh mi” da solo significa semplicemente pane, ma per il mondo occidentale è arrivato a rappresentare uno spettro vario e talvolta controverso di creazioni di sandwich. La combinazione di carne di maiale che ora conosciamo e amiamo per la prima volta lasciò la madrepatria e salpò per la California negli anni del dopoguerra di migrazione di massa, ma la storia iniziò alla fine del XIX secolo con l’arrivo dei francesi in Vietnam. Oggi, caricato con carne di maiale arrosto, salumi assortiti, oltre a paté, maionese, coriandolo, peperoncino fresco e un pizzico di salsa Maggi, il banh mi si può trovare in tutta la città e spesso costa meno di un dollaro.

Il miglior banh mi di Saigon è generalmente quello che hai in mano. Se sei su una minuscola sedia di plastica su un marciapiede affollato, con una ca phe sua da in una mano e un panino reale nell’altra, non puoi sbagliare. Ma se non sai da dove cominciare, vai da Banh Mi Hong Hoa al 62 Nguyen Van Trang nel Distretto 1. In alternativa, per cenare con la famiglia che ha inventato il moderno banh mi, vai a Banh Mi Hoa Ma al 53 Cao Thang, Distretto 3. Salta la colazione in hotel, arriva presto e arriva affamato.

Trova un affare

Dai una rapida occhiata ai costosi corridoi del famoso Ben Thanh, quindi visita un mercato di quartiere. Cho Tan Dinh, situato in 1 Nguyen Huu Cau Street nel Distretto 1, è una corsa facile e veloce (o una lunga passeggiata) dal centro della città e ha prezzi più semplici. Oltre agli articoli per la casa standard, ai prodotti freschi, all’abbigliamento e ad alcune bancarelle di souvenir più autentiche ma adatte ai turisti, il mercato è anche noto per i suoi numerosi commercianti di tessuti e mercerie. Vale anche la pena dare un’occhiata alla chiesa rosa Barbie in fondo alla strada.

Una stradina secondaria del centro vicino al mercato di Ben Thanh.

Resta asciutto

Se visiti durante la stagione delle piogge, di solito da aprile a ottobre, non uscire di casa senza infradito e un piccolo asciugamano da viaggio. Quando arriva il diluvio quotidiano, entra o mettiti sotto un poncho di plastica (venduto ovunque). Gli ombrelli non possono competere con un acquazzone di Saigon. Se un viaggio durante la stagione secca non è possibile, non preoccuparti. I temporali tendono ad essere brevi, acuti e in qualche modo prevedibili. Le mattine sono generalmente asciutte, mentre tende da sole, teloni e ombrelloni pieghevoli aiutano a mantenere Saigon in uno stato normale, anche se l’attività inizia a fluttuare lungo la strada.

Rilassati!

È ancora una grande città nel 21 ° secolo, ma Saigon è molto sicura rispetto ad altre parti del mondo. Tuttavia, i furti di borse e macchine fotografiche opportunistiche sono in aumento, anche se principalmente nelle enclave turistiche del centro che circondano il mercato di Ben Thanh. Porta il tuo telefono con te: avrai sicuramente bisogno di scaricare alcune mappe locali di Google, ma non agitarlo. Il crimine grave è generalmente un evento raro.

Vieni per il pho, resta per il bun thit nuong

Pho (zuppa di noodle) ha trovato un seguito globale. È probabile che tu trovi la migliore ciotola della tua vita a Saigon se sei disposto a cercarla un po ‘(suggerimento: cercare su Google “il miglior _____ di Saigon” è un buon inizio per qualsiasi cosa). Aromatico, speziato, dolce, aspro, caricato con carne di manzo rosso rubino e servito con una montagna di accessori freschi del giardino, il piatto nazionale del Vietnam è la materia dei sogni carnosi. Ma è anche una scodella fumante di zuppa bollente in un paese tropicale, e possibilmente servita in un ristorante che potrebbe non avere pareti, per non parlare di un condizionatore. Quindi, saluta bun thit nuong, il perfetto miscuglio di spaghetti di riso freddi per la giornata di sole, un’insalata di verdure croccante, arachidi tritate, maiale alla brace e un condimento piccante con salsa di peperoncino e pesce. Per una delle migliori versioni in città (con l’aggiunta bonus di cha gio, involtini primavera croccanti), dirigiti al venditore ambulante che si apre fuori 1 Nguyen Trung Truc nel Distretto 1. È nel cuore della città turistica, ma manca di menu, segnaletica e prezzi lo ha mantenuto un segreto solo per i locali. Accomodati, alza uno, due o dieci dita (vendono solo una cosa), aggiungi un bicchiere di tra da (tè freddo) e preparati ad innamorarti.

I croccanti involtini primavera di granchio e gli spiedini di maiale alla griglia di bun thit nuong cha gio.

Trova quello sul tetto

29 aprile 1975 e come C.I.A. L’elicottero azionato “Air America” ​​è atterrato sul tetto di un condominio di Saigon, il compianto fotografo olandese Hubert van Es ha catturato il momento in un’immagine che sarebbe diventata il simbolo della lenta e dolorosa sconfitta dell’America in Vietnam. Le forze del nord si stavano avvicinando alla città, il Vietnam del Sud era sul punto di cadere e l’evacuazione di massa del personale statunitense e dei loro più stretti collaboratori stava volgendo al termine. La fotografia mostra un flusso di sfollati che affollano una fragile scala da un tetto affollato, ciascuno che si sforza di arrampicarsi e verso una delle ultime giostre fuori dal paese in rovina. Spesso scambiato per l’ambasciata americana, il condominio e il suo ascensore sono ancora in piedi, situati in quella che ora è 22 Ly Tu Truong Street nel Distretto 1. A meno che non ti capiti di lavorare nel moderno blocco di uffici del Vincom Center B di fronte, la vista migliore è dal vicino incrocio di Dong Khoi Street e Le Thanh Ton Street.

Bevi in ​​alto

Fate l’happy hour al Saigon Saigon Rooftop Bar del Caravelle Hotel. Prima che venisse costruito il vicino Sheraton Hotel, i giornalisti di guerra stranieri bevevano cocktail qui mentre si godevano la vista sul vicino fiume Saigon. A differenza dell’happy hour “Five O’Clock Follies” troppo pubblicizzato e costoso, che si trova sull’altrettanto leggendario tetto del Rex Hotel, la sessione giornaliera di sconti al tramonto del Caravelle vale il viaggio. Con un menu di cocktail preparati con cura, birre artigianali locali, personale cordiale, un’atmosfera rilassata e comunque con viste impressionanti del centro della città, è uno dei preferiti dalla gente del posto e dagli espatriati.

Dai un’occhiata ai musei, ma guarda oltre le vetrine

La tariffa bassa per molti dei migliori archivi di Saigon vale la pena anche solo per sbirciare all’interno di alcuni degli edifici storici sempre più rari. Il Museo di Ho Chi Minh City, in particolare, potrebbe non entusiasmare se paragonato a un equivalente di Londra o New York City. Ma guarda più da vicino: scivola dietro la grande porta blindata al piano terra e scoprirai che l’edificio ospita un rifugio antiaereo in tempo di guerra e una serie di tunnel di fuga segreti. Durante un colpo di stato del 1963, quest’ultimo fu utilizzato dal più famigerato presidente del Vietnam del Sud, Ngo Dinh Diem, nelle ore prima del suo assassinio. L’edificio, un tempo noto come Gia Long Palace, all’epoca era utilizzato come sua sistemazione temporanea ed è forse più degno del tuo tempo rispetto alle mostre polverose e un po ‘antiquate che contiene. Il palazzo servì anche come quartier generale e residenze per una successione in continua evoluzione di leader e governatori giapponesi, francesi, vietnamiti e britannici nei mesi e negli anni caotici dopo la seconda guerra mondiale.

1. Il municipio di costruzione francese sullo sfondo di vetro di un centro commerciale del centro e di un palazzo di uffici. 2. Il Palazzo dell’Indipendenza, o “Palazzo della Riunificazione”, si trova sul sito del Palazzo Norodom di costruzione francese.

Trova il signor Ngo

L’ufficio postale centrale di costruzione francese (di fronte alla cattedrale di Notre Dame di costruzione francese) è una popolare opportunità fotografica. Ma non alzarti e scatta un selfie. Dopotutto, è solo un ufficio postale. Trova il signor Duong Van Ngo: spesso occupa un posto a capo di uno dei banchi di scrittura nel corridoio sul retro. Il gentiluomo trilingue di 89 anni è l’ultimo scrittore pubblico di Saigon e può raccontare più della turbolenta e complessa storia della città in poche righe sommesse di quanto qualsiasi guida possa mai fare.

Scopri le porte

Poiché gli immobili del centro di Saigon diventano sempre più costosi, i proprietari di piccole imprese hanno iniziato a cercare più in alto i vecchi e fatiscenti condomini dell’inizio del XX secolo per aprire un negozio. Questi hanno spesso ingressi stretti, bui e sottostimati, essendo stati originariamente costruiti solo per occupanti residenziali L’edificio Catinat, in via Ly Tu Truong 26, Distretto 1, dovrebbe forse essere visitato con una certa urgenza essendo stato nel mirino degli sviluppatori per diversi anni. Un tempo grondante di opulenza e ricchi residenti coloniali, questo ex condominio è ora sede di negozi, caffè, bar, uffici, una scuola di cucina e diversi piani di vernice scrostata, persiane arrugginite e bellezza di Saigon di prima qualità. Potresti persino individuare lo strano paio di scarpe nel corridoio, perché alcune unità sono ancora abitazioni private. 95 Pasteur Street, 42 Ly Tu Trong Street e 42 Nguyen Hue Boulevard, tutti nel Distretto 1, sono simili garanzie di scoperta.

Segui il canale

Correndo per oltre cinque miglia attraverso cinque distretti centrali di Saigon, il canale Nhieu Loc-Thi Nghe è un capolavoro nel design urbano. Un tempo fiume pieno di rifiuti che formava il confine settentrionale della città, il canale è stato trasformato tra il 2003 e il 2012 da un progetto di rigenerazione di 500 milioni di dollari. Lungo le sue rive tortuose ora si trova un nastro di passaggi pedonali alberati, parchi pubblici e immobili molto ricercati. Le mattine qui sono ciò per cui sono state fatte le mattine, animate da jogging, dog walker, caffè fresco, succhi di frutta freschi e panini freschi di banh mi avvolti nei titoli di ieri. Di notte, nel frattempo, una gamma in continua espansione di ristoranti e bar rende il canale altrettanto glorioso.

Rituali mattutini al canale Nhieu Loc-Thi Nghe.

Evita i ciclos

Questi taxi ibridi bicicletta-carriola erano una volta una vista comune per le strade di Saigon (in genere con funzionari francesi in caschi di midollo seduti sul sedile del passeggero). I tempi sono certamente cambiati. Oggi, aspettati esalazioni soffocanti, sole cocente e conducenti con la reputazione di sovraccaricare gli stranieri. Fai invece un giro in moto. Due delle compagnie migliori e più affidabili sono Tiger Tours e Vespa Adventures. Per i viaggiatori con un budget limitato, c’è Grab bike e GO-VIET preferito dalla gente del posto (l’app ha un’opzione in inglese, il sito web no). Sono entrambi molto più economici dei taxi, ma assicurati di avere un simpatico oratore vietnamita nelle vicinanze nel caso in cui l’autista chiami per controllare il luogo del ritiro.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui