domenica, Novembre 28, 2021
Home Senza categoria Come coltivare la Dracaena come Bonsai

Come coltivare la Dracaena come Bonsai

Se stai cercando di immergerti nel mondo dei bonsai ma non vuoi iniziare con qualcosa di troppo difficile, le piante di dracaena stanno per diventare le tue nuove migliori amiche.

La maggior parte dei bonsai deve essere tenuta all’aperto e richiede un attento equilibrio di acqua, luce intensa e alimentazione regolare.

Dracaena, d’altra parte, può vivere all’interno tutto l’anno ed è perfettamente felice in condizioni di scarsa illuminazione. Non alzerà le dita dei piedi se rimani un po’ indietro rispetto al vecchio programma di irrigazione e l’alimentazione è una prospettiva biennale.

Ci colleghiamo ai fornitori per aiutarti a trovare prodotti pertinenti. Se acquisti da uno dei nostri link, potremmo guadagnare una commissione.

Per dirla semplicemente, la dracaena rende facile l’apprendimento dell’arte del bonsai.

Ecco cosa puoi aspettarti in questa guida:

Se hai già coltivato un albero del drago, allora sai cosa è coinvolto.

In caso contrario, potresti volerlo dai un’occhiata alla nostra guida alla crescita per aiutarti a prendere piede. Abbiamo anche un principiante guida per iniziare con i bonsai se cerchi qualche info in più

Tutto stabilito? Allora iniziamo il nostro viaggio.

Dracaena come Bonsai

Dracaena è perfetta se sogni di prenderti cura di un bonsai da interno che possa crescere in condizioni di scarsa illuminazione.

Non è una delle specie “tradizionali” che gli esperti usano, anche perché ha foglie così grandi. La maggior parte dei bonsai tradizionali ha foglie piccole, che le fanno sembrare alberi in miniatura.

Le grandi foglie degli alberi del drago infrangono questa illusione, ma sono comunque un’ottima opzione per coloro che desiderano un albero di facile manutenzione che possa vivere all’interno tutto l’anno.

Foto di Tangopaso, Wikimedia Commons, via CC BY-SA.

Gli alberi del drago si prestano bene all’addestramento come bonsai perché a loro piace quando le loro radici sono un po’ legate. Possono anche resistere a un po’ di siccità, il che è l’ideale se si è un po’, diciamo, dimentichi dell’irrigazione.

Forse ti starai chiedendo da dove viene il nome “dracaena”. È latino moderno e deriva dal nome greco drakaina, che denota un mitico serpente o drago femminile. La pianta ha una linfa rosso sangue e una corona di fiori appuntiti, che la fanno sembrare simile a un drago.

In effetti, la resina rosso sangue è così vibrante che è stata utilizzata nell’industria delle vernici.

Queste piante possono vivere a lungo, il che le rende particolarmente adatte ai bonsai. Uno degli alberi di drago più antichi del mondo cresce a Tenerife, la più grande delle Isole Canarie, che ha circa 500 anni.

Piantare e curare

Quindi hai portato a casa la tua dracaena e ora è il momento di rinvasarla.

Anche se hai acquistato un esemplare pre-iniziato in un contenitore, vorrai comunque rimuovere il terreno esistente e sostituirlo con le tue cose fresche.

Il primo passo è estrarre la pianta dal suo contenitore esistente e spazzare via quanto più terreno possibile. Assicurati di rimuovere eventuali rocce incollate che potrebbero essere state messe nella parte superiore del contenitore con la pianta.

Elimina le radici morte o mollicce con un paio di cesoie pulite. Potrebbe anche essere necessario accorciare alcune delle radici per assicurarsi che si adattino al contenitore selezionato.

Se stai riutilizzando un contenitore, puliscilo prima con una soluzione 1:10 di candeggina e acqua. Quindi, posiziona la pianta nel contenitore pulito e riempilo con del substrato fresco.

La Dracaena richiede un diverso tipo di substrato rispetto a una specie tradizionale utilizzata nei bonsai. Invece, vuoi selezionare un substrato adatto alla coltivazione di piante tropicali.

Bonsai Boy ha un mix tropicale fatto solo per bonsai da interno.

Mix di invasatura tropicale

Ora aggiungi dell’acqua per sistemare il substrato e dai da bere alla tua pianta traumatizzata.

Dopo aver piantato la tua nuova aggiunta, posizionala in un’area in cui riceverà una luce brillante e indiretta. Lascia che il terreno si asciughi tra un’annaffiatura e l’altra, ma non lasciarlo riposare troppo a lungo in un terreno asciutto. La tua pianta soffrirà più di qualche giorno con terreno asciutto.

L’alimentazione dovrebbe avvenire due volte l’anno, con la prima applicazione in primavera e la seconda in estate. Non concimare in autunno o in inverno quando la crescita della tua pianta rallenta.

Qualsiasi fertilizzante formulato per bonsai andrà bene. Questi fertilizzanti sono fatti per rilasciare lentamente i nutrienti nel substrato per mantenere la tua pianta felice per diversi mesi.

Pellet di fertilizzante a rilascio lento

Bonsai Boy porta sacchi da quattro once di pellet a lento rilascio.

Assicurati di pulire le foglie di tanto in tanto con un panno umido per rimuovere la polvere.

Modellatura e potatura

Quando porterai a casa la tua pianta del drago, o sarà già addestrata per tenerla in forma, oppure dovrai addestrarla tu stesso.

Ecco dove accade la parte divertente.

La Dracaena normalmente cresce con uno stelo e un ciuffo di foglie in cima. Anche se non puoi creare un complesso baldacchino di rami come puoi fare con altre specie, puoi tagliare la cima di un albero di drago e invierà nuovi germogli.

Ciò significa che puoi lasciarlo così com’è con un singolo stelo e ciuffo, o tagliarlo e far crescere diversi nuovi steli, ognuno con il proprio ciuffo di foglie.

Per completare la tua pianta, usa un paio di cesoie pulite e fai un taglio dritto all’altezza che preferisci. Mantieni la tua pianta in un luogo caldo con luce indiretta e acqua come faresti normalmente. Dovresti iniziare a vedere una nuova crescita emergere entro poche settimane.

Una volta che lo stelo forma nuovi ciuffi, puoi lasciarli crescere, oppure puoi anche superarli per incoraggiare più ramificazioni.

Uno degli elementi davvero eccitanti delle dracene è che puoi attorcigliare, intrecciare o trasformare gli steli in forme interessanti per soddisfare la tua visione creativa.

Ho visto tronchi attorcigliati, quelli che formano una forma a “S” e persino esemplari che zigzagano. Se aggiungi più piante allo stesso contenitore, puoi attorcigliare o intrecciare gli steli l’uno intorno all’altro.

Tieni presente che nei bonsai tradizionali, l’apice dell’albero termina direttamente sopra la base della pianta. Se decidi di torcere e piegare i tuoi tronchi, cerca di assicurarti che finiscano direttamente sopra le radici.

Poi di nuovo, il bonsai è un’arte, quindi provaci e diventa creativo!

Per creare una treccia, inizia con una pianta con tre, quattro, cinque o sei steli. Ruotali o intrecciali delicatamente in un modo che ti sembri piacevole. Puoi optare per un look più formale e creare una treccia tradizionale in tre parti, o attorcigliare gli steli in modo casuale per renderli più naturali.

Se necessario, fissa gli steli in alto sotto il fogliame con dei lacci da giardino. Potrebbe anche essere necessario fissare gli steli più in basso lungo i tronchi se non vogliono rimanere fermi.

Mi piacciono le cravatte da giardino in velcro perché rimangono sicure e sono facili da usare e regolare, se necessario. Ti suona bene?

Home Depot trasporta Lunghezze di 50 piedi. Potrebbe sembrare molto, ma senza dubbio troverai molti modi per usare queste cose utili.

Cravatte da giardino in velcro

Per creare curve e torsioni, avvolgi delicatamente un tronco giovane e flessibile attorno a un tassello o un pezzo di legno e fissalo con dei lacci. Dovrai farlo gradualmente, nell’arco di diverse settimane o mesi.

Non cercare di creare una forma drammatica tutto in una volta, perché corri il rischio di rompere il tronco. Se ti sembra che stia resistendo, fermati!

Immergere lo stelo (non le radici) in acqua per 30 minuti può aiutare a renderlo un po’ più flessibile. Dopo l’immersione, lasciare che il gambo si indurisca in forma.

Non è necessario potare necessariamente la dracaena, ma assicurati di eliminare eventuali foglie ingiallite o morte. Puoi anche tagliare per mantenere la sua altezza sotto controllo come desiderato.

rinvaso

Dracaena ha molto da offrire come bonsai. Può crescere in condizioni di scarsa illuminazione, è in grado di stare in casa tutto l’anno e non richiede molta manutenzione.

Ma c’è solo un’eccezione: queste piante crescono rapidamente e dovranno essere rinvasate o tagliate le radici molto più frequentemente rispetto alla maggior parte delle altre piante utilizzate tradizionalmente per creare questa arte botanica.

Il processo è lo stesso di qualsiasi altra specie utilizzata nei bonsai.

Dovrai rimuovere l’albero dal vaso, battere o spazzolare via quanto più terreno possibile, quindi tagliare le radici in modo che si adattino all’interno del vaso senza essere così affollate da premere contro i lati del contenitore.

Vincolando le radici, stai aiutando la pianta a mantenere una dimensione gestibile. Rinvasare nella stessa miscela di invasatura che hai usato inizialmente.

Specie e cultivar da selezionare

Dracaena è in realtà il nome di un genere che comprende dozzine di specie, di cui una manciata comunemente coltivate come piante d’appartamento.

D. fragrans, D. deremensis, D. marginata, D. sanderiana e D. surculosa sono le più comuni e qualsiasi pianta di queste specie può essere trasformata in bonsai.

Le piante di Marginata sono esemplari particolarmente buoni e ci sono diverse cultivar tra cui scegliere, tra cui “Colorama”, “Tarzan” e “Tricolor”.

‘Tarzan’ ha foglie eccezionalmente appuntite, spesse e compatte, che sembrano particolarmente belle su una piccola pianta da contenitore.

‘Colorama’ si distingue per il fogliame striato rosa-rossastro, mentre ‘Tricolor’ ha foglie gialle, verdi e rosa.

Gestire parassiti e malattie

Qualsiasi parassita o malattia che può avere un impatto sulle piante d’appartamento dracaena può danneggiare i tuoi bonsai.

afidi, cocciniglie, scala, e acari di ragno sono tutti parassiti da tenere d’occhio. Tieni d’occhio anche il marciume molle e le macchie fogliari.

La nostra guida contiene maggiori dettagli su come individuare e fermare questi problemi.

Perfetto per i principianti

Per una pianta in grado di creare uno spettacolo così drammatico, la dracaena non richiede molto.

Ciò lo rende ideale se stai appena iniziando il tuo viaggio con la forma d’arte, e anche i praticanti esperti possono imparare qualcosa da questa meraviglia senza fronzoli.

Che forma pensi di dare alla tua nuova aggiunta al tuo spazio interno? Stai optando per un vaso alto o uno largo? Raccontaci tutti dei tuoi grandi progetti nei commenti qui sotto!

Se questa guida ti ha dato la sicurezza di cui hai bisogno per far crescere il tuo bonsai di dracaena, potresti volerlo amplia la tua conoscenza dell’arte controllando queste guide di seguito:

© Chiedi agli esperti, LLC. TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Consulta i nostri TOS per maggiori dettagli. Foto dei prodotti tramite Bonsai Boy e Home Depot. Foto non accreditate: Shutterstock.

Informazioni su Kristine Lofgren

Kristine Lofgren è una scrittrice, fotografa, lettrice e amante del giardinaggio da fuori Portland, in Oregon. È cresciuta nel deserto dello Utah e nel 2018 si è recata nelle foreste pluviali del Pacifico nord-occidentale con suo marito e due cani. La sua passione in questi giorni si concentra sulla coltivazione di edibili ornamentali e sulla ricerca di cibo nel paesaggio urbano e suburbano.

ARTICOLI CORRELATI

I PIÙ POPOLARI