Come identificare e controllare le cocciniglie

0
112

Pseudococcidi

Un minuto hai una succulenta felice e sana e quello dopo noti un ciuffo di lanugine bianca o alcuni piccoli insetti dall'aspetto strano incastrati in una fessura della tua preziosa pianta. Sembrano apparire dal nulla.

Quando si è verificata un'improvvisa infestazione di cocciniglie sulle piante d'appartamento di mia madre, però, tutti sapevano dove dare la colpa: alle talee che avevo portato a casa dalla serra tropicale della mia università.

Ci colleghiamo ai fornitori per aiutarti a trovare prodotti pertinenti. Se acquisti da uno dei nostri link, potremmo guadagnare una commissione.

Lenti a diffondersi da soli, una volta che li introduci nel tuo spazio su nuove piante, strumenti o forniture, questi parassiti possono essere notoriamente difficili da gestire.

Fortunatamente, ci sono opzioni disponibili per aiutarti a ridurre il loro numero e ridurre al minimo il successo della loro invasione, e abbiamo tutto pronto per te di seguito!

Ecco di cosa parleremo:

Cosa sono le cocciniglie?

Le cocciniglie sono insetti della famiglia degli Pseudococcidae e ci sono circa 275 specie che popolano gli Stati Uniti. Condividono la loro superfamiglia, Coccoidea, con squame morbide.

Molte delle specie comuni sono nei generi Pseudococcus e Planococcus, tra cui Planococcus citri, la cocciniglia degli agrumi o delle serre, e Pseudococcus longispinus, la cocciniglia dalla coda lunga.

Le specie di Pseudococcidi amano radunarsi in aree protette tra parti di piante, come fessure, spazi ristretti tra frutti e foglie a contatto, su steli vicino al suolo e, nel caso di specie che si nutrono di radici, annidate tra le radici e il suolo.

Questi insetti si nutrono della maggior parte delle specie ornamentali, comprese piante perenni legnose ed erbacee, fiori, alberi (soprattutto agrumi), uva, orchidee, piante grasse e cactus, e anche alcune erbe.

Sono comuni nelle serre e negli spazi interni, poiché amano i climi caldi e umidi.

Questi insetti succhiano i succhi delle piante direttamente dal floema con il loro apparato boccale penetrante, che sono fondamentalmente come cannucce appuntite.

Il floema è la parte del sistema vascolare che trasporta i prodotti zuccherini della fotosintesi (fotosintati) intorno alla pianta.

Pertanto, puoi spesso trovarli raggruppati sulle nervature delle foglie e sulle costole centrali, trangugiando felicemente il sudato cibo della pianta.

Come gli afidi, secernono un liquido appiccicoso e dolce noto come melata dai loro addomi. La muffa fuligginosa nera cresce su queste escrezioni, il che fa sembrare una pianta piuttosto brutta. Imparare come affrontare la muffa fuligginosa qui.

Le formiche adorano così tanto le prelibatezze alla melata che proteggeranno le cocciniglie dai nemici naturali e le porteranno persino sulle piante fresche.

Non solo le piante sono infestate da cocciniglie, ricoperte di muffa fuligginosa e brulicanti di formiche piuttosto antiestetiche, ma avranno anche un vigore ridotto.

Se i fiori vengono attaccati, potrebbe esserci una scarsa allegagione. E i frutti coperti di cibo, insetti pelosi e muffa nera non solo sono poco appetitosi, ma i frutti possono anche cadere o avvizzire sull'albero.

Durante l'alimentazione, i parassiti Pseudococcidae possono fungere da vettore per virus che possono causare ingiallimento e necrosi (morte).

Il virus delle foglie della vite, ad esempio, è veicolato sia dalle cocciniglie dalla coda lunga che da quelle degli agrumi. Fa sì che le foglie diventino rosse o gialle, spesse e fragili e alla fine si arrotolano.

Identificazione

Come famiglia, puoi pensare alle cocciniglie come insetti piccoli, generalmente lunghi un centimetro, di forma ovale, dal bianco al grigio, segmentati, ricoperti di cera e senza ali.

Spesso aiutando con l'identificazione tra le specie, alcuni sviluppano filamenti che sembrano lunghe zampe bianche lungo i lati dei loro corpi, o che assomigliano a due o tre code cerose all'estremità dei loro addomi, mentre altri non sviluppano affatto filamenti.

Questa descrizione copre le ninfe più anziane e le femmine adulte di molte specie, sebbene ci siano una varietà di sfumature di colore.

Gli adulti maschi sembrano moscerini, con due ali e quattro occhi.

Le ninfe di entrambi i sessi sono piatte e sono disponibili in tonalità pallide di giallo, arancione o rosa. I primi stadi non hanno una copertura cerosa.

Le uova dal rosa al giallo vengono deposte in sacche cotonose ricoperte di cera bianche o crema note come ovisac.

Ovisac.

P. citri, la cocciniglia degli agrumi, è la specie in serra più diffusa e dannosa.

Questi hanno una striscia grigia lungo la lunghezza dei loro corpi e non crescono lunghi filamenti. Quando si nutrono, iniettano tossine che deformano la pianta.

Cocciniglia di agrumi.

P. longispinus, la cocciniglia dalla coda lunga, sviluppa lunghi filamenti dall'estremità del suo corpo e, invece di deporre le uova come fanno la maggior parte delle specie, dà alla luce piccoli vivi.

Cocciniglia dalla coda lunga.

Le specie Rhizoecus si nutrono di radici. Questi hanno corpi a forma di sacco, producono giovani vivi e sviluppano un lungo filamento dall'estremità del loro addome.

È facile confonderli con squame di cuscino cotonose (Icerya purchasi) o afidi lanosi (sottofamiglia Erosomatinae).

Le femmine cotonose a forma di cuscino hanno un colore del corpo rosso-marrone e un pennacchio di lanugine bianca che si estende dai loro corpi.

Bilancia a cuscino cotonosa.

Gli afidi, compresi gli afidi lanosi, tendono ad essere più attivi e a volte hanno le ali, si nutrono della parte inferiore delle foglie e degli steli e in generale non sono così preoccupati di trovare una fessura in cui nascondersi.

Afidi lanosi.

Se vedi qualcosa sulla tua pianta che sembra un'infezione fungina o di muffa, dai un'occhiata più da vicino per assicurarti che non sia un'infestazione da Pseudococcidi, poiché i due possono sembrare abbastanza simili!

Biologia e ciclo di vita

Il ciclo di vita varia a seconda della specie, ma in generale le femmine depongono fino a 600 uova in ovisac in aree protette su chiome, foglie, cortecce o frutti delle piante.

In alternativa, alcune specie danno alla luce piccoli vivi, come menzionato sopra.

Le uova impiegano dai sei ai 14 giorni per schiudersi, emergendo come minuscole ninfe. Per la maggior parte delle specie, le femmine passano attraverso quattro stadi, che sono le fasi tra ogni volta che muoiono mentre l'insetto si sviluppa. I maschi hanno cinque stadi.

Ninfe e adulti.

Durante la fase di ninfa, sono conosciuti come crawler e sono molto mobili. Anche gli adulti hanno le gambe, ma tendono a muoversi lentamente. In genere non si spostano molto e preferiscono stabilirsi in un punto per nutrirsi.

All'inizio della loro vita come crawler, le ninfe mancano di quel rivestimento ceroso protettivo, e questo è il momento migliore per implementare metodi di controllo dei pesticidi organici e chimici.

Una volta che diventano adulti, il rivestimento ceroso respinge l'umidità, così come qualsiasi sostanza chimica che può essere trasportata con essa.

I maschi si vedono raramente, poiché sono piccoli, vivono solo pochi giorni e non si nutrono. Non sono sempre nemmeno necessari, poiché molte specie hanno femmine che possono riprodursi asessualmente.

Questo è noto come partenogenesi, in cui gli embrioni si sviluppano senza fecondazione.

A seconda della specie, possono completare da due a sei generazioni all'anno. Quelli che sfidano i grandi spazi aperti di solito finiscono due e svernano come uova o stadi precoci sotto la corteccia.

Al chiuso e all'aperto nei climi caldi, sarai in grado di trovare tutte le fasi contemporaneamente.

Monitoraggio

Dato che sono piccoli e amano nascondersi in luoghi protetti, è facile perdere alcune cocciniglie che stanno succhiando la tua pianta. Cioè, fino a quando non hanno completamente preso il sopravvento.

Controlla regolarmente tutte le fessure, nonché i vortici di foglie e fiori, esaminando la presenza di masse di uova, aggregazioni di ninfe o adulti o singoli crawler.

Usa una lente a mano per aiutarti a vedere la differenza tra questi insetti o altri insetti e infezioni fungine.

Controlla le piante all'aperto prima di portarle dentro per l'inverno.

I padroni di casa preferiti includono molte delle varie piante morbide e succose con cui ci piace abbellire le nostre case, come le orchidee, e vari tipi di cactus e piante grasse.

Anche alcune piante ornamentali e da frutto da esterno sono comunemente colpite, come ad esempio ibisco, agrumi e uva.

Infestazione di radici.

Se noti fogliame giallo o appassito, controlla le radici per l'infestazione sotterranea rimuovendo il vaso e allontanando delicatamente il terreno da una sezione di radice se le radici non sono visibili.

Metodi di controllo biologico

Questi insetti sono notoriamente difficili da controllare.

Si nascondono in aree protette, sviluppano un rivestimento ceroso che li protegge e respinge i prodotti chimici, si diffondono facilmente su nuove piante, strumenti e vasi e possono sopravvivere senza nutrirsi di materiale vivo fino a due settimane.

Fortunatamente, ci sono una varietà di opzioni per i proprietari di case, inclusi alcuni volontari naturali efficienti e affamati.

L'utilizzo di un approccio di gestione integrata dei parassiti (IPM) è l'opzione migliore, poiché ciò ottimizzerà e proteggerà i nemici naturali di questi parassiti fornendo al contempo un controllo efficace.

Puoi saperne di più su IPM e come progettare un buon programma per il tuo giardino qui.

Controllo biologico

Ci sono molti nemici naturali nel paesaggio a cui piace fare un pasto con le cocciniglie. All'aperto e quando vengono introdotti nelle serre, questi benefici possono mantenere le popolazioni a livelli tollerabili.

Vespe parassite, coccinelle, criceti verdi e marroni, ragni, minuscoli insetti pirati e larve di moscerini predatori possono lanciare un assalto impressionante alle specie di Pseudococcidae.

Il cacciatore di cocciniglie (Cryptolaemus montrouzieri) è un coleottero lucido e rotondo con una testa e un torace rosso-arancio, coperture delle ali nere e un appetito per gli Pseudococcidi.

Puoi acquistare questi predatori su Arrico Organics e presentali alla tua serra!

Leptomastix dactylopii sono piccole vespe color ambra che parassitano le ninfe o gli adulti più anziani deponendo le uova nei corpi di questi parassiti. Le larve risultanti mangiano il corpo dell'ospite dall'interno verso l'esterno, trasformandolo in una dura mummia gialla.

L. dactylopii è particolarmente efficace contro la cocciniglia degli agrumi ed è disponibile in commercio per i coltivatori in serra.

P. longispinus è preso di mira nientemeno che dal parassitoide della cocciniglia dalla coda lunga, Anagyrus fusciventris.

Anagyrus fusciventris

Questa piccola vespa non solo parassita i parassiti nelle fasi più anziane della vita, ma anche le vespe adulte pungono e si nutrono di quelle nelle fasi giovanili.

Puoi trovare questi predatori disponibile presso Arrico Organics.

Controllo culturale

Poiché le femmine non possono volare e non si muovono rapidamente quando decidono di usare le loro zampe corte, questi insetti non si disperdono rapidamente da soli.

Se si diffondono, è probabilmente colpa del proprietario dell'impianto. (O nel caso di mia madre, una figlia ben intenzionata che porta regali taglienti…)

Quindi, ha senso che il modo migliore per proteggere i tuoi piccoli di piante sia ispezionare attentamente qualsiasi nuova introduzione prima di portarli a casa. Controlla anche i tuoi strumenti e pentole, specialmente sotto i bordi e nelle scanalature.

Pulisci i detriti e rimuovi eventuali frammenti di corteccia, poiché questi costituiscono buoni siti di svernamento.

Distruggi le piante fortemente infestate.

Evita le applicazioni di fertilizzanti non necessarie, poiché l'eccesso di azoto può far crescere le piante troppo rapidamente, con conseguente crescita debole e morbida che è più suscettibile agli insetti dannosi.

Inoltre, può causare anche un aumento della produzione di uova di cocciniglia.

Controllo fisico

Se hai tempo e occhi buoni, puoi raccogliere manualmente le cocciniglie dalle tue piante per rimuovere fisicamente aggregazioni o individui, specialmente se non ce ne sono ancora molti.

In alternativa, spruzza le piante con un getto d'acqua duro per rimuovere sacche di uova, crawler e adulti.

Pesticidi organici

Potrebbe essere necessario ricorrere a trattamenti spot se non ci sono nemici naturali presenti nella tua serra o in casa.

Usa un batuffolo di cotone imbevuto di alcol isopropilico per uccidere le aggregazioni e le masse di uova.

Lascia che questi prodotti si asciughino sulle piante e inizi a fare effetto prima di rilasciare i benefici. Tieni presente che l'olio di neem può essere tossico per impollinatori come le api, quindi usa la mattina presto o la sera tardi quando non sono presenti.

Controllo dei pesticidi chimici

Piretroidi come il bifentrin, disponibile presso Home Depot, ucciderà le cocciniglie.

Ma tieni presente che i piretroidi possono danneggiare gli insetti utili, quindi cerca la presenza di nemici naturali prima dell'uso e usa con cautela!

Insetticida per interni ed esterni con bifentrin

Gli insetticidi sistemici sono più efficaci degli insetticidi a contatto, poiché attraversano la pianta stessa e verranno risucchiati da eventuali insetti che si nutrono di essa.

Assicurati di seguire tutto il pacchetto istruzioni per un uso sicuro se scegli di applicare questi prodotti.

I neonicotinoidi come l'imidacloprid e il dinotefuran sono talvolta utilizzati dai coltivatori commerciali per controllare le epidemie, poiché non richiedono più applicazioni. E, essendo sistemico, raggiunge punti della pianta che non entrano in contatto con insetticidi.

Piante Infastidite

Che tu ti renda conto di averli o meno, le cocciniglie non sono benvenute dai proprietari di piante o dalle piante.

Questi insetti minuscoli, morbidi e dall'aspetto alieno succhiano il sangue vitale zuccherino, espellono la melata appiccicosa che sviluppa una brutta muffa fuligginosa e può trasmettere malattie.

Un giorno, quando sarò sicuro che mia madre si sarà dimenticata di chi ha introdotto le cocciniglie nella sua collezione di piante, affronterò con attenzione l'argomento di come le ha trattate.

Fino ad allora, hai mai avuto a che fare con un'infestazione da cocciniglia? Raccontaci dove credi che sia nato e con quali strategie hai avuto successo nella sezione commenti qui sotto!

E già che ci sei, impara a proteggere il tuo giardino e le piante d'appartamento da altri insetti succhiatori iniziando da questi articoli su parassiti comuni del giardino Il prossimo:

© Chiedi agli esperti, LLC. TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Consulta i nostri TOS per maggiori dettagli. Foto dei prodotti tramite Arrico Organics e Home Depot. Foto non accreditate: Shutterstock.

A proposito di Sylvia Dekker

Sylvia Dekker è una creativa ispirata alla natura con una laurea in agricoltura, una storia di salti di provincia canadese e una vita piena di pollici marroni, punture di api e segni dell'abbronzatura. Quando Sylvia viaggia, in montagna o nella steppa, raccoglie conoscenze, esperienze e miele, osserva con gli occhi stellati ogni piccola pianta e scrive di tutto.