sabato, Ottobre 16, 2021
Home Senza categoria Come identificare e controllare le falene zingare

Come identificare e controllare le falene zingare

Lymantria dispar

Ho dovuto memorizzare un lungo elenco di nomi latini di parassiti invasivi nella mia classe di identificazione dei parassiti e, per aiutarmi a ricordare, ho immaginato gli alberi che gemevano un silenzioso mantra di disperazione quando si sono resi conto che stava emergendo una generazione di bruchi defogliatori di Lymantria dispar .

Il nome mi è rimasto in testa da allora.

Sebbene le falene stesse siano innocue, le loro larve sono una minaccia per gli alberi, masticando buchi nelle foglie e talvolta spogliando completamente il fogliame.

Ci colleghiamo ai fornitori per aiutarti a trovare prodotti pertinenti. Se acquisti da uno dei nostri link, potremmo guadagnare una commissione.

Fortunatamente, ci sono alcuni passaggi che puoi eseguire se li noti nel tuo paesaggio.

Abbiamo raccolto tutto ciò che devi sapere su questi parassiti da masticare in questa guida.

Ecco cosa tratteremo:

Cosa sono le falene zingare?

Il nome gypsy moth, a partire da luglio 2021, non è più riconosciuto dalla Entomological Society of America come nome comune ufficiale per Lymantria dispar.

Tuttavia, fino a quando non viene trovato un nuovo nome, è probabile che l'uso di questo moniker obsoleto e offensivo continui.

L. dispar è originario dell'Europa, dell'Asia e del Nord Africa ed è stato introdotto in Nord America 130 anni fa.

Da allora, si è stabilito negli Stati Uniti nordorientali e nel Canada orientale ed è classificato come un parassita invasivo e regolamentato.

Hai mai notato dei cartelli lungo l'autostrada che ti pregano di non spostare la legna da ardere?

Questa falena è uno dei motivi. Si ritiene che il modo principale in cui si diffondono da una regione all'altra sia la legna da ardere e altri oggetti esterni come mobili, attrezzature da campeggio e rimorchi.

I bruchi masticheranno oltre 300 specie di piante, soprattutto alberi, sia di latifoglie che di conifere.

Circa 150 di questi, tra cui querce, aceri, betulle, ontani e biancospini, tutti alberi ornamentali e forestali di grande valore, sono considerati ospiti privilegiati. A volte attaccheranno anche conifere.

Non solo possono defogliare facilmente gli alberi, ma il conseguente deperimento di ramoscelli e rami è sgradevole sia negli ambienti silvani che urbani e gli alberi gravemente infestati si indeboliscono, diventando più vulnerabili alle malattie.

La maggior parte degli alberi maturi è resistente e produrrà una seconda vampata di foglie una volta che l'infestazione si sarà placata, di solito entro la fine di luglio.

Saranno stressati, ma la maggior parte sopravviverà per alcuni anni di danni finché non saranno presenti altri gravi fattori di stress come siccità o malattie.

Tuttavia, le conifere non ricrescono gli aghi nella stessa stagione e sono più vulnerabili ai danni.

Se le infestazioni si verificano in luoghi pubblici, non è gradita una pioggia di escrementi (feci di bruco) dall'albero sopra un veicolo o una panchina da picnic. I peli dei bruchi possono anche essere irritanti per la pelle delle persone.

Identificazione

Le femmine adulte hanno ali bianche o beige chiaro, ma non possono volare.

Femmina

I maschi sono più piccoli delle femmine e hanno ali marroni con segni scuri e antenne piumate, che usano per annusare i loro compagni.

Maschio.

Sia gli adulti maschi che quelli femminili hanno una V rovesciata che punta a un punto sulle ali.

Le uova vengono deposte in masse abbronzate che sono spesso lunghe un pollice e mezzo e larghe tre quarti di pollice. Le nuove masse sono solide al tatto, mentre quelle vecchie sono di colore pallido e si schiacciano facilmente.

Femmina e massa di uova su un albero.

Le larve sono di colore scuro e lunghe fino a due pollici e mezzo (sei centimetri), con lunghi peli scuri e cinque paia di punti blu seguiti da sei paia di punti rossi lungo la schiena.

Le pupe hanno un guscio rosso-marrone scuro.

Biologia e ciclo di vita

Questo parassita completa una generazione all'anno.

Le femmine depongono da 500 a 1.000 uova in massa sul tronco o sui rami degli alberi e le ricoprono con i peli dell'addome. Le uova svernano e si schiudono ad aprile.

Le larve si arrampicano immediatamente sull'albero e iniziano a nutrirsi. Le giovani larve si nutriranno durante il giorno, ma man mano che invecchiano, passeranno a nutrirsi principalmente di notte.

Le giovani larve a volte strisciano sulla cima dell'albero, producono un filo di seta e volano nel vento verso nuovi pascoli. O alberi, piuttosto.

Le larve si nutriranno per quattro-sei settimane prima di impuparsi in un luogo riparato. Gli adulti emergono dopo 10-14 giorni a fine luglio o all'inizio di agosto.

pupe.

Poiché le femmine non possono volare, i maschi devono cercarle rilevando i loro feromoni sessuali.

Gli adulti sono privi di apparato boccale, quindi non si nutrono e vivranno solo il tempo necessario per l'accoppiamento e la deposizione delle uova, spesso meno di due settimane.

Grazie a diversi agenti di controllo naturali, di cui parleremo di seguito, le popolazioni tendono a fluire e diminuire.

Le epidemie localizzate che durano da due a tre anni prima di collassare e che rimangono basse per cinque-dieci anni sono comuni, tuttavia, le epidemie in vaste aree possono durare molto più a lungo.

Monitoraggio

Le agenzie governative di alcune regioni e altri gruppi effettuano un monitoraggio approfondito con trappole per tenere traccia dei focolai e determinare se sono necessari irrorazioni aeree o altre misure di controllo.

Queste trappole sono innescate con il feromone sessuale femminile, che attira i maschi e consente loro di trovare nuove popolazioni e fare previsioni sulla popolazione.

Le trappole non sono efficaci nel controllare o ridurre le popolazioni.

Trappole ed esche per falene zingare profumate

Puoi trovare trappole e esche per falene zingare profumate all'Arbico Organics.

Come proprietario di un albero, puoi tenere d'occhio le ovvie masse di uova sulla corteccia o su altre superfici per prevedere se potresti avere danni da falena zingara l'anno successivo.

Tenere d'occhio quando i bruchi si sono schiusi è essenziale per il trattamento con controlli da contatto o da ingestione, se si decide di utilizzarli.

Metodi di controllo biologico

Anche dopo un anno o due di gravi danni, gli alberi sani possono sopravvivere.

Tuttavia, il danno è piuttosto brutto, quindi combina una varietà dei metodi di controllo descritti di seguito come parte di un lotta integrata contro i parassiti (IPM) strategia per ridurre il numero di parassiti.

Controllo culturale e fisico

Cominciando molto prima che questi parassiti diventino un problema, mantieni i tuoi alberi sani. Questo li aiuterà a resistere agli attacchi di L. dispar.

Gli alberi stressati dalla siccità sono più vulnerabili, quindi innaffia profondamente i tuoi alberi una volta alla settimana durante i periodi di siccità in estate e in autunno.

Evita di danneggiare le radici e il tronco, ad esempio con un mangiatore di erbacce o altri attrezzi da giardino.

Pianta una varietà di alberi e prova a scegliere specie meno sensibili, anche se può essere difficile perché gli insetti hanno così tanti ospiti preferiti!

Se noti delle masse di uova, aspetta fino a dopo il primo gelo per grattarle via. Immergere in acqua saponata per un paio di giorni prima di smaltirli.

Aspettare la fine del gelo è utile per consentire a eventuali parassitoidi benefici di svilupparsi ed emergere dalle uova, potenziando le loro popolazioni.

A partire da giugno, avvolgi i tronchi degli alberi con della tela da imballaggio, lasciando un lembo sotto il quale i bruchi possano ripararsi durante il giorno. Butta le larve nascoste che trovi in ​​un secchio di acqua saponata.

Rivestimento appiccicoso della trappola di groviglio

Puoi anche applicare una barriera adesiva come il rivestimento adesivo Tangle-Trap, che è disponibile da Arrico Organics, sul tronco per catturare eventuali larve che strisciano su e giù.

Non applicarlo direttamente sul tronco; avvolgere prima uno strato di nastro adesivo attorno all'albero e applicare il prodotto sul nastro.

Avvolgere l'albero appiccicoso

In alternativa, prova anche Stiky Tree Wrap disponibile presso Arrico Organics, che è un involucro già ricoperto di adesivo e pronto per essere applicato all'albero.

Controllo biologico

È qui che le cose si fanno interessanti. Si scopre che la natura (con la N maiuscola!) ha alcuni trucchi per controllare L. dispar nella manica.

Topi dai piedi bianchi, uccelli, parassitoidi come Ooencyrtus kuvanae e cacciatori di bruchi predano tutti questo insetto.

Cacciatore di bruchi.

Oltre a questi utili benefici, ci sono due agenti patogeni che sono le ragioni principali per cui le popolazioni di focolai tendono a collassare dopo pochi anni.

Il fungo Entomophaga maimaigi, che predilige il clima fresco e umido, attacca specificamente questa specie di falena, facendo seccare le larve e appendendole a testa in giù rigidamente al tronco del loro ospite.

È stato introdotto negli Stati Uniti dalla sua gamma nativa in Giappone nel 1910, e di nuovo nel 1985 e 1986, e dal 1989 è stato un controllo biologico molto efficace.

Bruco infetto di Entomophaga maimaigi.

L. dispar multiple nucleopoliedrovirus (LdMNPV) è sempre presente in quantità subletali nelle popolazioni di questa specie e può influenzare le dimensioni delle femmine, riducendo il numero di uova che può deporre.

Durante le epidemie, il virus alla fine prende il sopravvento e danneggia in modo letale gli organi interni delle larve.

Le larve pendono flosce, a forma di V rovesciata dalla corteccia e dai rami, il loro interno si liquefa e si disintegrano. Attenzione a maneggiarli in questa fase: sono molto puzzolenti!

LdMNPV è stato formulato in diversi prodotti per il controllo dei parassiti, tra cui Gypchek, utilizzato dall'USDA Forest Service, e Dispavirus, utilizzato nella silvicoltura canadese.

Pesticidi organici

L'uso di pesticidi è difficile. Gli alberi colpiti sono spesso troppo alti e larghi per raggiungere i parassiti masticatori con i prodotti a contatto.

Invece di raschiare via le masse di uova, puoi anche spruzzarle con olio per l'orticoltura, come questo prodotto di Monterey che è disponibile da Arrico Organics.

Olio per l'orticoltura di Monterey

Tuttavia, dovrai riapplicarlo più volte per ottenere penetrazione e controllo.

Le larve sono suscettibili a Bacillus thuringiensis v. batteri kurstaki o Btk, un agente microbico disponibile in una varietà di formulazioni tra cui Bonide Thuricide.

Bonide Turicida

Suo disponibile presso Arrico Organics.

Btk deve essere consumato dalle larve per avere un effetto e le giovani larve sono più vulnerabili. Spruzzalo sulle foglie degli alberi sensibili quando le larve sono giovani, iniziando subito dopo la schiusa delle uova.

Pesticidi chimici

I prodotti chimici sistemici, quelli che vengono assorbiti o iniettati nella pianta e trasmessi dalla radice alle punte, sono la soluzione per i grandi alberi infestati dai bruchi.

Gli alberi possono essere iniettati con un pesticida sistemico come l'emamectina benzoato o l'imidacloprid, che ucciderà le larve che masticano le foglie.

Controllo degli insetti di alberi e arbusti

Home Depot porta un controllo degli insetti per alberi e arbusti prodotto che contiene imidacloprid.

Tieni presente che in generale, molte sostanze chimiche sono tossiche per insetti utili, impollinatori e pesci, quindi usali con cautela!

Arrivederci, Foglie

Un albero calvo non è mai un bell'aspetto, che sia nel tuo cortile o nella foresta.

Mentre le epidemie di solito durano solo pochi anni grazie al virus e alle malattie fungine che la natura mette a disposizione per abbattere le popolazioni, può essere frustrante per il giardiniere e stressante per l'albero essere attaccato anno dopo anno da questi parassiti.

Fortunatamente, ci sono alcune opzioni disponibili, inclusi alcuni metodi culturali, fisici e biologici, nonché controlli chimici se necessario.

I tuoi alberi sono mai stati spogliati delle foglie dai bruchi di L. dispar? Facci sapere nei commenti qui sotto per quanto tempo è durata l'epidemia nella tua zona e come li hai affrontati!

E già che ci sei, leggi di altre larve che masticano piante parassiti del giardino qui:

© Chiedi agli esperti, LLC. TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Consulta i nostri TOS per maggiori dettagli. Foto dei prodotti tramite Arrico Organics e Home Depot. Foto non accreditate: Shutterstock.

A proposito di Sylvia Dekker

Sylvia Dekker è una creativa ispirata alla natura con una laurea in agricoltura, una storia di salti di provincia canadese e una vita piena di pollici marroni, punture di api e segni dell'abbronzatura. Quando Sylvia viaggia, in montagna o nella steppa, raccoglie conoscenze, esperienze e miele, osserva con gli occhi stellati ogni piccola pianta e scrive di tutto.

ARTICOLI CORRELATI

I PIÙ POPOLARI