sabato, Ottobre 16, 2021
Home Senza categoria Come identificare e controllare le larve bianche

Come identificare e controllare le larve bianche

Scarabaeidae

Uno stormo di merli si divertiva sul prato del cortile dei miei genitori, grattando, saltellando e divorando su una zona che sembrava un po' triste da un mese.

Mio padre ha scavato un po' per conto suo e ha portato alla luce alcune larve grasse e bianco-grigiastre.

Non abbiamo mai scoperto esattamente da quale coleottero provenissero queste larve, ma gli uccelli hanno trascorso un paio di giorni a roteare quel punto con i loro artigli. E sebbene ci siano volute alcune settimane prima che l'erba si riprendesse, non hanno lasciato dietro di sé una larva.

Ci colleghiamo ai fornitori per aiutarti a trovare prodotti pertinenti. Se acquisti da uno dei nostri link, potremmo guadagnare una commissione.

Conosciuto come il nemico dei prati, le larve bianche possono essere difficili da notare in tempo e difficili da affrontare efficacemente una volta identificate, specialmente se non vuoi che gli uccelli ti strappino il tappeto erboso.

Fortunatamente, ti abbiamo fornito tutte le informazioni necessarie per proteggere il tuo prato e il tuo giardino da questi divoratori di radici, compresi i controlli non aviari, quindi continua a leggere!

Ecco di cosa parleremo in questa guida:

Cosa sono le larve bianche?

A volte chiamati vermi larvali, anche se tecnicamente non sono affatto vermi, le larve bianche che troverai nel tuo giardino e prato sono larve di Scarabaeidae, che abbracciano diversi generi.

Queste larve che si nutrono di radici sono i principali parassiti di prati e tappeti erbosi, ma si nutrono anche delle radici di piante da giardino commestibili come patate e carote, piante ornamentali ed erbacce.

La loro alimentazione ostacola la capacità della pianta di assorbire sostanze nutritive e acqua, motivo per cui i primi sintomi evidenti spesso assomigliano allo stress da siccità e alle carenze nutrizionali: avvizzimento, clorosi (ingiallimento) e crescita stentata.

Nei prati, il danno appare come macchie di erba scolorita che è spugnosa sotto i piedi.

Sebbene questi insetti possano uccidere le piccole piante, le piante grandi con un apparato radicale forte e ben radicato spesso rimangono illese.

Gli adulti si nutrono del fogliame e, a seconda della specie, possono causare danni significativi alle piante ornamentali e ad altre piante. Ma questo è un argomento per un altro articolo.

Identificazione

Il nome comune "larva bianca" descrive lo stadio larvale di diverse specie di coleotteri e sembrano molto simili. Quando sono mature, le larve misurano circa un pollice di lunghezza.

Un'ispezione più ravvicinata con una lente manuale può rivelare lievi differenze. La forma della fessura anale, che è l'uscita per la materia fecale, e il raster, che è il modello di pelo sull'ultimo segmento delle larve, differiscono tra le specie.

In generale, le larve a forma di C sono bianco grigiastre con una capsula della testa brunastra e tre paia di zampe, una su ciascuno dei primi tre segmenti dietro la testa.

Spesso, le larve più vecchie hanno una parte posteriore scura da cui traspare il contenuto del corpo.

Gli adulti della specie comune sono molto più facili da distinguere.

Scarabeo di chafer europeo.

I chafer europei, Amphimallon majale, sono scarabei dorati ovali lunghi mezzo pollice. Le loro larve hanno fessure anali a forma di Y, ma le spine raster sono disposte a V o a forma di cerniera apribile.

Lo scarabeo giapponese, Popillia japonica, è un insetto caratteristico, lungo circa mezzo pollice con una testa e un corpo verde metallico lucido e coperture delle ali di rame.

coleottero giapponese.

Le larve hanno fessure anali a forma di mezzaluna e le spine raster sono modellate in una breve V.

Gli insetti di giugno, noti anche come coleotteri di maggio, costituiscono il genere Phyllophaga, che contiene oltre 300 specie.

bug di giugno.

C'è una certa varietà nel loro colore, ma la maggior parte sono coleotteri bruno-rossastri lunghi un pollice che sono attratti dalle luci del patio al tramonto e rimbalzeranno pesantemente sugli schermi di porte e finestre.

Le loro larve hanno fessure anali a forma di Y e file parallele di spine sul raster.

Biologia e ciclo di vita

La biologia di questi parassiti è simile tra le varie specie, tuttavia, la distribuzione, la preferenza dell'ospite, la durata del ciclo di vita e la stagionalità di queste specie differiscono.

Ci sono quattro fasi distinte: uovo, larva, pupa e adulto. Le larve passano attraverso tre stadi.

Le femmine adulte di coleotteri giapponesi scavano nel terreno per deporre le uova a luglio e agosto, mentre i chafer europei lo fanno a fine giugno e luglio e gli insetti di giugno depongono a giugno.

Dopo una o due settimane, le uova si schiudono e le larve iniziano a nutrirsi fino all'autunno. Per svernare, scavano più a fondo nel terreno.

Una volta che la primavera ritorna, le larve tornano alle radici e continuano a nutrirsi.

I coleotteri giapponesi e i chafer europei impiegano in totale un anno per raggiungere la maturità, ma gli insetti di giugno impiegano dai due ai tre anni, a seconda della latitudine e della specie.

Il periodo dell'anno in cui si verifica la maggior parte dei danni dipende dall'anno di sviluppo.

Ad esempio, con gli insetti di giugno, la maggior parte dell'alimentazione nel loro primo anno avviene in agosto e settembre.

Nel secondo anno, le piante subiranno il maggior danno da aprile a settembre, e se c'è un terzo anno, la maggior parte dell'alimentazione avverrà da aprile a maggio.

Una volta mature, le larve si impupano ed emergono come adulte. I chafer europei emergono a metà giugno e i coleotteri giapponesi all'inizio di luglio. Gli insetti di giugno emergono da fine maggio a inizio giugno nel loro secondo o terzo anno.

I chafer europei causano la maggior parte dei loro danni da settembre a novembre dopo la schiusa e da marzo ad aprile dopo lo svernamento, mentre i coleotteri giapponesi causano danni da settembre a ottobre dopo la schiusa e da aprile a giugno la primavera successiva.

In generale, la gravità del danno aumenta man mano che le larve maturano e crescono.

Monitoraggio

Il monitoraggio è una parte importante di gestione integrata dei parassiti, poiché è fondamentale notare un parassita prima che causi danni irreversibili e prima che le opzioni di controllo diventino limitate.

Presta attenzione a come si sente il terreno sotto i piedi mentre cammini sul prato. Se ti sembra spugnoso e sciolto, o se noti sintomi in superficie come avvizzimento, clorosi e arresto della crescita, scava un po' per vedere se ci sono larve che masticano via le radici.

Usa una pala per rimuovere un pezzo di erba e setaccia i primi tre pollici di terreno e radici per cercare le larve a forma di C.

Tieni d'occhio anche i predatori. Il danno a talpa e puzzola può indicare un problema di parassiti larvali, così come stormi di storni o merli che scendono sul tuo prato. Tutti questi animali amano nutrirsi di larve.

Quando scavi, fai un conteggio. Da otto a dieci larve per piede quadrato indicano un'infestazione che può causare danni significativi.

Metodi di controllo biologico

Ci sono una varietà di metodi disponibili per controllare questi nemici del prato, ed è meglio avvicinarsi al controllo con una strategia di gestione integrata dei parassiti (IPM).

Fatelo combinando le pratiche culturali e biologiche disponibili e usando i prodotti chimici solo quando assolutamente necessario.

Sebbene gli adulti di alcune specie, in particolare i coleotteri giapponesi, causino danni al fogliame, la più grande minaccia che questi parassiti rappresentano è per le radici del prato. Tutti i suggerimenti di seguito si concentrano sul controllo negli spazi erbosi.

Controllo culturale e fisico

La prevenzione è fondamentale e il modo migliore per raggiungere questo obiettivo è iniziare con piante e prati che siano il più sani possibile. In estate, non falciare l'erba a meno di due pollici, poiché questi coleotteri preferiscono deporre le uova in prati corti.

Quando ci si prepara a piantare un prato, se possibile, coltivare accuratamente l'area un anno prima di seminare o deporre le zolle e rimuovere le vecchie piante e le erbacce.

Prenditi cura del tuo prato rimuovendo la paglia in eccesso, che è l'accumulo di materia vegetale morta e viva alla base delle piante, aerando e usando fertilizzanti ad alto contenuto di potassio, come il cibo per prato autunnale Scotts Turf Builder, che ha un NPK rapporto di 32-0-10.

Cibo per prato autunnale Scotts Turf Builder

Trova questo prodotto da Scotts via Amazon.

Puoi anche lasciare i residui del prato dopo la falciatura, consentendo il rilascio lento dell'azoto, a vantaggio dei microrganismi nel terreno che abbattono la paglia.

Innaffia in profondità e di rado, per incoraggiare lo sviluppo delle radici profonde e la tolleranza alla siccità. La raccomandazione generale è di limitare l'irrigazione a una volta alla settimana e di non versare più di un pollice di acqua alla volta.

Scopri quanta acqua riceve il tuo prato disponendo un secchio o un pluviometro per raccogliere l'acqua di irrigazione o le precipitazioni e misurare il risultato.

Il terreno umido significa che sono probabili più danni dei parassiti, mentre i terreni asciutti possono far seccare le uova.

Se noti i coleotteri adulti sulle tue piante, raccoglili a mano al mattino quando sono ancora pigri e depositali in un secchio di acqua saponata.

Se possibile, varietà di erba resistenti o tolleranti alle piante. Festuca e loietto contengono naturalmente un fungo endofitico che produce alcaloidi deterrenti per gli insetti.

Questo è efficace contro i parassiti nella fase adulta di alimentazione fogliare, ma sfortunatamente le radici non producono abbastanza alcaloidi per essere molto efficaci contro le larve.

Considera di piantare piante da compagnia come larkspur e geranio accanto alle piante sensibili, poiché producono anche alcaloidi tossici che respingono questi insetti.

Controllo biologico

Il controllo biologico include i predatori e i parassiti forniti dalla natura e quelli acquistati e applicati da te.

Le larve bianche hanno diversi nemici. Le formiche mangiano le uova, gli uccelli e alcuni animali come le puzzole e le talpe adorano le larve, e ci sono anche alcune piccole vespe e mosche che parassitano le larve.

Nematodi benefici come Heterorhabditis bacteriophora, disponibile presso Arrico Organics sotto il nome di NemaSeek-Hb, può essere applicato come trattamento preventivo o curativo da metà agosto a metà settembre.

NemaSeek Hb

I nematodi hanno bisogno di umidità per svolgere il loro lavoro, quindi mantieni il terreno umido ma non bagnato dopo l'applicazione.

Puoi saperne di più su come usare i nematodi benefici nella nostra guida.

La spora lattiginosa, Paenibacillus popilliae, è un buon trattamento preventivo per i coleotteri giapponesi, ma nota che ha bisogno di terreni caldi per essere efficace.

spora lattea

è disponibile presso Arrico Organics sia in granulare che in polvere. Questi prodotti possono essere applicati a secco e innaffiati insieme ai nematodi per un controllo extra.

Bacillus thuringiensis subsp. galleriae è un prodotto curativo che puoi applicare nei mesi di luglio e settembre.

Fornisce un buon controllo di tutti gli stadi larvali. Innaffia, fino a una profondità di un pollice e un quarto.

Pesticidi organici

I prodotti a base di olio di Neem, come Ecoworks EC, possono essere utili sia come spray fogliare che come inzuppamento del terreno.

Ecoworks EC

Questo prodotto è disponibile presso Arrico Organics.

Summerset AllGuard, un prodotto a base di succo d'aglio, può essere utilizzato come repellente, scoraggiando gli insetti dal deporre le uova nel prato e anche vicino alle piante.

Summerset AllGuard

Questo prodotto è anche disponibile presso Arrico Organics.

Pesticidi chimici

I prodotti chimici possono essere efficaci per il controllo delle larve bianche quando nient'altro sembra funzionare. A seconda del prodotto, possono essere applicati come trattamenti preventivi o curativi.

Gli organofosfati come il triclorfon possono essere usati come curativi e sono più efficaci se applicati da metà luglio a metà ottobre.

L'uso di carbammati come il carbaryl funziona bene come curativo ad agosto.

I neonicotinoidi come l'imidacloprid, il clothianidin e il thiamethoxam possono essere usati a scopo preventivo o come curativo da aprile a ottobre.

Cyantraniliprole e chlorantraniliprole sono efficaci come trattamenti preventivi o curativi precoci se applicati da aprile a metà settembre.

Tieni presente che molte di queste sostanze chimiche sono tossiche per gli organismi utili e gli impollinatori. Se decidi di applicare prodotti chimici, assicurati di seguire sempre attentamente le istruzioni sull'etichetta!

Piantagioni sotterranee

L'aspetto non inganna con queste larve di insetti. Le larve bianche sembrano parassiti sgradevoli e, in effetti, lo sono, specialmente per i proprietari di prati.

Ci sono una varietà di metodi che puoi impiegare per controllare queste larve di coleotteri che masticano le radici, tra cui una miriade di metodi culturali e fisici, alcuni prodotti biologici e alcune sostanze chimiche per completare il tuo piano di eradicazione, se necessario.

Ti sei mai accorto e hai avuto a che fare con larve bianche che masticavano le radici del tuo prato o di altre piante da giardino? Ci piacerebbe sapere come hai notato il problema e come lo hai affrontato nei commenti qui sotto!

E per maggiori informazioni su trattare con i parassiti in giardino, dai un'occhiata a queste guide dopo:

© Chiedi agli esperti, LLC. TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Consulta i nostri TOS per maggiori dettagli. Foto dei prodotti tramite Arrico Organics e Scotts. Foto non accreditate: Shutterstock.

A proposito di Sylvia Dekker

Sylvia Dekker è una creativa ispirata alla natura con una laurea in agricoltura, una storia di salti di provincia canadese e una vita piena di pollici marroni, punture di api e segni dell'abbronzatura. Quando Sylvia viaggia, in montagna o nella steppa, raccoglie conoscenze, esperienze e miele, osserva con gli occhi stellati ogni piccola pianta e scrive di tutto.

ARTICOLI CORRELATI

I PIÙ POPOLARI