venerdì, Maggio 20, 2022
HomeSenza categoriaCome identificare, trattare e controllare la peronospora orientale

Come identificare, trattare e controllare la peronospora orientale

Anisogramma anomala

Le nocciole sono considerate divine da secoli. Possiamo far risalire questa storia alla loro menzione in un manoscritto cinese del 2838 a.C. come sacro nutrimento conferito da Dio.

Attualmente, i boschetti commerciali di queste gustose noci sono assediati da un’aggressiva malattia fungina comunemente nota come peronospora orientale.

Nel caso non lo conoscessi già, nocciola è un nome più antico per la nocciola che è ancora comunemente usata nel nord-ovest.

Foto di Tom Creswell, Bugwood.org, tramite CC BY-NC.

Ci colleghiamo ai fornitori per aiutarti a trovare prodotti pertinenti. Se acquisti da uno dei nostri link, potremmo guadagnare una commissione.

Il fungo che causa questa peronospora, Anisogramma anomala, è considerato il peggior patogeno per affliggere i noccioleti. Se non è controllata, si diffonde rapidamente da albero ad albero e da frutteto a frutteto.

Non esiste una cura per questa malattia e può uccidere tutte le parti dell’albero tranne le radici.

Inoltre, la malattia ha un ritardo di 12-15 mesi prima che si manifestino i sintomi.

Continua a leggere per scoprire come proteggere le tue nocciole da un potenziale assalto.

Come controllare la peronospora orientale negli alberi di nocciola

Nocciole della costa occidentale e della costa orientale

Ci sono tre diverse specie di nocciola comunemente coltivate negli Stati Uniti: specie nativa americana, Corylus americana, la nocciola C. maxima, e la specie europea, C. avellana.

Ciò include la cultivar ornamentale C. avellana “Contorta”, comunemente nota come la nocciola contorta o il bastone da passeggio di Harry Lauder, dal nome dell’intrattenitore scozzese.

Le nocciole di fascia alta della varietà europea in genere ottengono i prezzi più alti e sono spesso coltivate commercialmente nel Pacifico nord-occidentale. Questi alberi non tollerano il freddo così come le specie americane.

Allora, perché coltivarli?

Le noci che producono sono più grandi e generalmente considerate più gustose, e gli alberi sono stati allevati alla perfezione per secoli se non migliaia di anni. Questo è il tipo comunemente usato nei dolci al cioccolato e raggiunge i prezzi più alti.

E poi ci sono i noccioleti originari del Nord America, dal Canada fino alla Georgia e alla Louisiana.

Queste noci non soddisfano gli standard rarefatti di quelle europee, ma le nocciole che producono sono comunque gustose e facili da coltivare.

Ancora più importante, la specie americana tende a essere resistente alla peronospora orientale (EFB), una malattia che ha fatto del suo meglio per devastare i boschetti commerciali dell’Oregon e di Washington.

Se stai coltivando le specie europee in casa, questo può essere un problema anche per te.

L’invasione della ruggine della nocciola orientale nel Pacifico nord-occidentale

I terreni e il clima dell’Oregon e dello Stato di Washington sono ideali per le nocciole europee, che sono state coltivate lì dalla metà del 1800.

In particolare, la Willamette Valley dell’Oregon è un paradiso per questi alberi e produce oltre il 99% delle nocciole del paese. È un luogo da sogno per la coltivazione delle nocciole, con il suo clima mediterraneo vicino all’oceano.

Oltre a terreni e temperature ideali, un altro vantaggio di questa località è che le noci sono state coltivate a migliaia di chilometri di distanza dal temuto EFB, per quasi un secolo, cioè.

Tuttavia, i patogeni non rispettano i confini geografici e la malattia è stata scoperta nello Stato di Washington negli anni ’60. Nel 1998 si era diffuso nella Willamette Valley.

Sintomi

Come puoi determinare se i tuoi alberi sono stati infettati da questa peronospora?

Foto di Tom Creswell, Bugwood.org, tramite CC BY-NC.

I rami possono morire improvvisamente, da luglio a settembre.

Segni più sottili sono le aree collassate della corteccia sul tronco o sugli steli, note come cancri. Li vedrai prima su nuovi ramoscelli.

Le nocciole americane possono vivere quasi indefinitamente con EFB.

Foto di Bruce Watt, Bugwood.org, tramite CC BY-SA.

Secondo Kaitlin Morey Gold del Dipartimento di patologia vegetale dell’Università di Madisongli alberi potrebbero non sviluppare alcun cancro.

Se lo fanno, i cancri si espandono lentamente e possono causare la perdita di rami occasionali.

Tuttavia, è un’altra storia per le nocciole europee. I cancri continueranno a crescere – fino a tre piedi all’anno – e nel tempo possono formare solchi o solchi profondi, in genere uccidendo un albero o un arbusto infetto entro 5-10 anni.

Foto di Joseph OBrien, Bugwood.org, tramite CC BY-SA.

Un altro sintomo è la struttura fungina che produce le spore: uno stroma o stromi multipli.

Il fungo produce queste strutture nere a forma di calcio all’interno dei cancri. Gli stromi sono leggermente rialzati sopra i rami.

Come si diffonde la malattia

Le spore degli stromi possono essere spruzzate dall’acqua o trasportate dal vento. Le persone possono anche diffondere la malattia sui loro vestiti, mani e attrezzi da giardinaggio o trasportando legno da piante infette.

Foto di Elizabeth Bush, Bugwood.org, tramite CC BY-SA.

Questo fungo è insolito perché non infetta le piante attraverso le ferite esistenti. Invece, infetta il tessuto immaturo su foglie e steli che stanno attivamente crescendo.

I cancri non diventeranno visibili fino a 12-18 mesi dopo l’infezione.

Ispeziona i tuoi alberi ogni sei mesi

Se stai coltivando cultivar europee, è imperativo cercare questa malattia almeno due volte l’anno.

Foto di Joseph OBrien, Bugwood.org, tramite CC BY-SA.

Il fungo ha un ciclo di vita di due o più anni ed è probabile che i tuoi alberi mostrino sintomi entro i primi due anni dopo la semina.

Essere in grado di contenere la malattia è più probabile se la prendi presto. Se non noti i sintomi all’inizio, il tuo frutteto potrebbe passare rapidamente da un singolo cancro a centinaia di essi.

Questo processo comporta l’esame dei tuoi alberi per il cancro e l’azione se li trovi.

Se ci sono solo pochi cancri, puoi provare a potare il tessuto infetto. Taglia due o tre piedi sotto ogni cancro.

Assicurati di disinfettare i tuoi strumenti dopo ogni taglio. Immergili in alcol al 70 percento o candeggina al 10 percento e poi lasciali asciugare.

Se non rimuovi gli arti malati, è probabile che l’intera chioma muoia entro 7-15 anni dopo il primo segno di infezione.

Gli alberi fortemente infetti devono andare

Se il tuo albero è coperto di cancri, sii spietato e rimuovilo. In caso contrario, il fungo continuerà a produrre spore e questo causerà nuove infezioni negli alberi vicini.

Brucia il tuo albero infetto se questo è consentito nella tua zona. Altrimenti, dovresti seppellirlo in profondità nel terreno o tagliarlo a scaglie e lasciarle asciugare per uccidere il fungo.

Come prevenire l’infezione

Fortunatamente, ci sono passaggi che puoi intraprendere per prevenire l’infezione se stai coltivando cultivar europee:

Cultivar resistenti alle piante

“Barcelona”, una cultivar vigorosa e ad alto rendimento, un tempo era la varietà principale coltivata nel 60-70% dei frutteti nel Pacifico nord-occidentale.

Produce noci rotonde di dimensioni medio-grandi, dal sapore eccellente.

Qual è il suo aspetto negativo? È solo moderatamente resistente a EFB. Questa caratteristica ha portato a piantagioni commerciali più limitate negli ultimi anni.

Nel 2017, la percentuale di nocciole “Barcellona” piantate in Oregon era diminuita della metà.

Oggi vengono piantate altre varietà che hanno una maggiore resistenza all’EFB, secondo il I coltivatori di nocciole dell’Oregon.

Con il supporto dell’industria delle nocciole, l’Oregon State University (OSU) alleva nocciole dal 2007 per sviluppare nuove cultivar per sostituire “Barcelona”.

Le cultivar recenti prodotte dal Dr. Shawn Mehlenbacher e dal suo team all’OSU includono “PollyO”, “Yamhill”, “Wepster”, “Jefferson” e “Dorris”.

“PollyO”, dal nome della fedele industria Polly Owen, produce noci adatte per l’uso nel cioccolato e nei prodotti da forno.

Sebbene queste cultivar possano ancora ottenere cancri, ciò si verificherà raramente se un albero è infetto e i cancri potrebbero non produrre spore.

Sfortunatamente, ci sono ceppi del fungo che possono superare la resistenza genica in queste varietà.

Se vuoi coltivare nocciole sulla costa orientale, è meglio attenersi alla specie locale, C. americana, piuttosto che coltivare le cultivar resistenti che sono popolari sulla costa occidentale.

Lo Stato dell’Oregon fa del suo meglio per tenere fuori la malattia limitando le cultivar che possono essere importate da altri stati.

Impollinatori resistenti alle piante

Sai come si consiglia di coltivare più di una varietà di nocciolo per l’impollinazione incrociata? Le nocciole americane possono effettivamente autoimpollinarsi, ma le specie europee sono autoincompatibili, quindi è necessario coltivare più di una varietà.

Se stai coltivando solo pochi alberi di nocciole, puoi semplicemente piantare due o tre della stessa cultivar, così si impollinano a vicenda.

Tuttavia, se hai intenzione di coltivare un frutteto, dovresti considerare di aggiungere diverse cultivar al tuo repertorio e devi assicurarti che siano resistenti alla malattia.

Gli impollinatori resistenti includono:

  • ‘Gamma’ – impollinazione incrociata ‘Barcellona’
  • ‘Felix’ – impollina in modo incrociato ‘Ennis’
  • ‘Zeta’ – impollina incrociata ‘Sacajawea’
  • ‘Epsilon’ – impollinazione incrociata ‘Lewis’
  • ‘Delta’ – impollina in modo incrociato ‘Clark’

Questi alberi hanno tempi di fioritura simili e sono buoni partner per promuovere rese elevate.

Ventose di controllo

I polloni che spuntano dalla base dello stelo vengono solitamente eliminati comunque, in modo che l’energia si concentri sullo stelo principale o “leader”.

Tuttavia, se hai bisogno di un ulteriore incentivo per potarli, i polloni possono anche essere fonti di spore che possono diffondersi ad altri alberi.

Mentre i polloni possono essere potati in estate, la primavera è il momento perfetto per farlo, perché puoi potarli mentre sono piccoli e prima che si induriscano.

Trattare con fungicida

Sebbene non esista una cura per la peronospora orientale, i trattamenti fungicidi possono proteggere da nuove infezioni se applicati correttamente.

Dovrai applicare un fungicida quattro volte a stagione per proteggere adeguatamente i tuoi alberi, a partire dal germogliamento. Assicurati di coprire completamente tutti i rami.

Dovresti trattare anche le cultivar resistenti, nella prima primavera dopo la semina.

Inizia quando le cime iniziano a gonfiarsi e spruzza ogni due settimane per un totale di quattro trattamenti nel corso di otto settimane.

Assicurati di alternare o mescolare i fungicidi con diverse modalità di azione.

Fungicida multiuso Bonide Fung-onil

I fungicidi consigliati per i giardinieri domestici per il trattamento della peronospora orientale includono il fungicida multiuso Bonide Fung-onil, disponibile da Home Depot.

Come descritto da George Plaven nel 2018 in an articolo della Capital Pressuno studio dettagliato sull’uso di fungicidi nei frutteti di nocciole commerciali ha rilevato che il loro uso potrebbe fruttare ai coltivatori un extra di $ 4.274 per acro.

Questo studio fa ben sperare per i giardinieri domestici, poiché dovrebbero anche avere il potenziale per rendimenti molto più elevati dopo aver usato fungicidi per curare l’infezione.

E, cosa ancora più importante, il loro utilizzo ha fatto guadagnare tempo ai ricercatori per sviluppare cultivar resistenti, salvando così l’industria.

C’è speranza per i coltivatori di nocciole

Fortunatamente, le cultivar di nocciole americane coltivate sulla costa orientale possono vivere in armonia con la peronospora orientale.

Foto di Tom Creswell, Bugwood.org, tramite CC BY-SA.

Se solo fosse così per le pregiate cultivar europee coltivate sulla costa occidentale… È stata davvero una notizia terribile quando l’EFB è stato scoperto a Washington e poi nell’Oregon nel secolo scorso.

Tuttavia, la combinazione di fungicidi e nuove cultivar resistenti oggi disponibili ha notevolmente migliorato le probabilità di successo per la coltivazione di queste deliziose e molto ricercate noci.

Hai una storia dell’orrore da condividere sulla peronospora orientale o una storia di redenzione? Ad ogni modo, faccelo sapere nei commenti.

E continua a leggere per saperne di più malattie delle noci in questi articoli:

© Chiedi agli esperti, LLC. TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Vedi i nostri TOS per maggiori dettagli. Foto del prodotto tramite Home Depot. Foto non accreditate: Shutterstock. Con scrittura e montaggio aggiuntivi di Allison Sidhu e Clare Groom.

ARTICOLI CORRELATI

I PIÙ POPOLARI