mercoledì, Agosto 17, 2022
HomeSenza categoriaCome propagare le ortensie dalle talee

Come propagare le ortensie dalle talee

Chi non ama un giardino pieno di fiori colorati di ortensie?

Se vuoi coltivare questo arbusto dalla bellezza classica ma non vuoi preoccuparti di costosi inizi di vivaio, ottime notizie! Le ortensie sono molto facili da radicare dalle talee.

Puoi semplicemente trovare un amico o un vicino con un arbusto sano e sei pronto per iniziare.

Continua a leggere per imparare come propagare facilmente le ortensie dalle talee del gambo.

Quando prendere talee del gambo

Le ortensie sono arbusti perenni decidui che crescono e fioriscono durante i mesi primaverili ed estivi.

Puoi prelevare talee in qualsiasi momento dalla tarda primavera dopo che la pianta ha fogliato fino all’inizio dell’autunno.

Se è tardi nella stagione di crescita, assicurati che il fogliame sia ancora verde e di avere abbastanza tempo perché le radici si formino completamente prima che il terreno si congeli, poiché può essere difficile mantenere le piante appena piantate in casa durante l’inverno.

Pianifica da sei a otto settimane affinché le talee mettano radici prima che siano pronte per essere piantate in giardino.

Preparazione delle talee

Assicurati di iniziare con arbusti sani e privi di malattie. Le talee produrranno cloni della pianta madre, quindi scegline una con le caratteristiche che ti piacciono.

Per fare un taglio, trova un ramo lungo circa sei pollici o più.

È meglio scegliere un nuovo stelo di crescita senza fiori. La nuova crescita sarà di colore verde brillante.

Quando identifichi un ramo appropriato, usa un paio di cesoie da giardino affilate per tagliare appena sotto un nodo fogliare.

Le talee dovrebbero essere lunghe da tre a cinque pollici e contenere almeno tre serie di nodi fogliari.

Quindi, strappa con cura la maggior parte delle foglie, lasciandone un paio sulla punta del taglio. Le nuove radici si formeranno nei nodi in cui le foglie sono state rimosse.

Se l’ortensia che hai scelto è una varietà con foglie grandi, puoi anche tagliare le restanti due foglie tagliandole a metà.

Ciò ridurrà la quantità di acqua necessaria per sostenere il fogliame, riducendo lo stress sul taglio mentre sta sviluppando le sue radici. Questo passaggio non è necessario se le foglie sono lunghe o larghe meno di tre pollici.

Durante questo processo, è importante evitare che i gambi tagliati si secchino. Sii consapevole, lavora rapidamente ed evita di esporli alla luce diretta del sole.

Puoi avvolgere le talee in un tovagliolo di carta umido e metterle in un sacchetto di plastica finché non sei pronto per metterle in vaso.

Dopo aver prelevato tutte le talee di cui hai bisogno, puoi scegliere di immergere le estremità tagliate di ogni stelo nell’ormone radicante in polvere. Questo passaggio è facoltativo, ma può accelerare il processo di rooting.

Invasatura nel terreno

Riempi uno o più contenitori larghi sei pollici con l’umidità terriccio sterileo una miscela fuori suolo contenente metà torba e mezza perlite.

Evita di usare il terreno del giardino o qualsiasi terreno ricco di fertilizzante. I nutrienti in eccesso potrebbero far marcire il taglio prima che si possa radicare.

Inumidisci il terriccio, quindi fai dei buchi con una matita o un dito e posiziona le talee nel vaso uno per uno, seppellendo almeno due serie di nodi fogliari sotto la superficie del terreno. Comprimi il terriccio attorno a ciascun gambo finché non è aderente.

Puoi piantare più steli in un contenitore, distanziandoli di almeno due pollici l’uno dall’altro.

Innaffia bene, facendo defluire bene il terreno. Il terreno deve essere umido ma mai inzuppato.

Il prossimo passo è creare una cupola di umidità sulle talee. Puoi farlo coprendo il contenitore con un sacchetto di plastica e usando dei paletti per evitare che il sacchetto tocchi le foglie.

Se non vuoi usare un sacchetto, puoi anche tagliare la parte superiore di una lattiera o di una bottiglia d’acqua di plastica e metterla capovolta sopra.

Metti la pentola in una zona riparata dalla luce solare diretta. Controllalo ogni due giorni, annaffiando quando la parte superiore del terreno si sente asciutta. Evita di annaffiare troppo perché potrebbe portare a marcire.

Le radici dovrebbero iniziare a formarsi in circa due o tre settimane. Questo potrebbe accadere in appena una settimana con tempo caldo e umido.

Puoi controllare se un taglio sta radicando tirando delicatamente lo stelo. Se senti una certa resistenza, questo indicherà che le radici si stanno sviluppando.

Dopo alcune settimane, quando sei certo che lo stelo abbia iniziato a radicare, puoi rimuovere il sacchetto o la cupola di umidità. Continua a monitorare da vicino e annaffia quando il terreno si sente asciutto.

Trapianto

Dopo quattro-otto settimane, le radici dovrebbero essere completamente formate. La tua nuova ortensia è pronta per essere piantata in giardino o per trasferirti un contenitore più grande e permanente.

Innaffia bene per le prime due settimane dopo la semina. Puoi saperne di più come coltivare e prendersi cura delle ortensie nella nostra guida.

Se le piante non sono abbastanza robuste per essere piantate prima dell’inverno, puoi tenerle protette fino alla primavera o mettendole in a serra oppure affondando pentole nel terreno e coprendole con a spesso strato di pacciame.

Diffondi quei fiori in giro

Perché spendere soldi per un’ortensia quando è così facile propagarne una da soli?

Puoi divertirti a scegliere diverse varietà da tutti i giardini dei tuoi amici e, prima che te ne accorga, avrai grandi e bellissime fioriture e talee da condividere.

Hai avuto successo nel propagare le ortensie dalle talee? Condividi i tuoi suggerimenti nei commenti qui sotto!

E per ulteriori informazioni su ortensie in crescita nel tuo giardino, leggi queste guide dopo:

© Chiedi agli esperti, LLC. TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Vedi i nostri TOS per maggiori dettagli. Foto non accreditate: Shutterstock.

ARTICOLI CORRELATI

I PIÙ POPOLARI