lunedì, Settembre 26, 2022
HomeSenza categoriaCome utilizzare le colture trappole come esche per controllare gli insetti

Come utilizzare le colture trappole come esche per controllare gli insetti

Hai mai notato che non riesci a tenere lontani gli insetti da alcuni tipi di piante nel tuo giardino?

Allo stesso modo in cui i cracker di pesce rosso sembrano più attraenti dei broccoli per la maggior parte dei bambini (e molti adulti!), alcuni preferiti del giardino sono più attraenti per gli insetti di altri.

Se sappiamo quale coltura preferisce un insetto infestante, diciamo, ai broccoli del tuo giardino, possiamo sfruttare le loro preferenze e usare queste piante seducenti come trappole.

Ci colleghiamo ai fornitori per aiutarti a trovare prodotti pertinenti. Se acquisti da uno dei nostri link, potremmo guadagnare una commissione.

Il ritaglio delle trappole è un strategia di gestione integrata dei parassiti (IPM). dove giardinieri o agricoltori usano esche per attirare gli insetti fastidiosi lontano dai loro raccolti. Una volta riuniti in un punto, è più facile affrontarli.

Tutto ciò che devi sapere sulle colture a trappola e su come utilizzarle nel tuo giardino è spiegato per te di seguito!

Ecco cosa tratteremo in questo articolo:

Cosa sono le colture trappola?

Gli insetti amano le piante. Ma le piante di determinate specie e cultivar, e quelle in determinate fasi di sviluppo, sono spesso più attraenti per i parassiti del giardino rispetto ad altre.

Usa questa conoscenza a tuo vantaggio e posiziona strategicamente colture più attraenti dentro o vicino al giardino per attirare i parassiti dannosi lontano da verdure, frutta e fiori. Mentre sono impegnati a nutrirsi della trappola, le altre tue piante sono al sicuro.

E non finisce qui: una volta che i cattivi insetti si sono radunati sulle esche, possono essere uccisi con insetticidi o rimuovendoli fisicamente.

Proprio così, stai ritagliando una trappola!

Calendule consociate come esca.

Conosciute anche come piante sacrificali o esche, le piante trappole possono essere selezionate da un’ampia varietà di opzioni, purché ai parassiti piaccia qualsiasi cosa tu abbia scelto più del tuo prezioso raccolto.

Questo metodo di controllo dei parassiti riduce al minimo i danni e protegge la tua resa, tra le altre cose.

Suona bene? Iniziamo! Ci sono alcune cose che devi sapere prima di iniziare a piantare le tue esche.

Come usare le colture trappola

Sono disponibili diversi metodi per aggiungere queste esche al tuo spazio di coltivazione. Puoi metterli sul perimetro del giardino o tra le file per una pratica nota come consociazione.

Come fai a sapere quando usare quale metodo? La decisione dipende dal tipo di parassita con cui hai a che fare.

Le trappole perimetrali sono perfette per grandi campi o colture piantate in blocchi e per impedire agli insetti di entrare nel tuo giardino dai margini.

Questo metodo è più efficace quando si prendono di mira insetti che non possono volare o coprire così bene la distanza, come i tripidiche spesso intaccano i bordi dell’area di impianto e non penetrano nel mezzo di ampi campi.

Consociazione in un piccolo giardino.

La consociazione è migliore per prendere di mira volantini e parassiti più forti che dimorano nel terreno, come nematodi parassiti delle piante.

In generale, la consociazione è l’opzione ideale per chi ha giardini più piccoli poiché in genere non includono grandi blocchi di un singolo raccolto. Invece, miri a proteggere file, aiuole e piantagioni miste più piccole.

Puoi posizionare le tue esche in vaso o nel terreno, anche se piantare in contenitori potrebbe non essere fattibile se hai bisogno di un gran numero di piante trappole.

Prendi in considerazione l’uso di vasi se li stai iniziando così presto nella stagione che potrebbe essere necessario portarli al chiuso per proteggerli dal gelo.

Come fai a sapere quante esche aggiungere al tuo giardino?

Dipende da quanti parassiti ti aspetti e da quanto è mobile la specie data. Normalmente, è sufficiente puntare a un numero totale di trappole compreso tra il 10 e il 20 percento del numero totale di piante coltivate principali.

Ci sono alcuni altri punti da tenere a mente per un efficace ritaglio delle trappole:

1. Inizia presto o offri qualcosa di più attraente

La trappola deve essere disponibile per gli insetti affamati all’inizio della stagione, o essere più attraente per loro in generale, rispetto ai raccolti che miri a proteggere. In generale, due settimane sono un buon tempo di consegna.

Avviare le esche prima del raccolto principale è intelligente, poiché un gran numero di parassiti ritiene che le piante che producono fiori, frutti e semi siano le più attraenti per nutrirsi e riprodursi.

Ma se stai prendendo di mira le larve che sono già nel terreno e ti stai preparando per emergere e banchettare, i teneri germogli e le foglie potrebbero essere più inclini ad attaccare.

2. Monitorare e identificare i parassiti

Devi sapere quale tipo di parassita potrebbe invadere il tuo raccolto.

E non puoi presumere che un raccolto trappola sarà più attraente per tutti gli insetti cattivi che potrebbero visitare il tuo appezzamento di produzione rispetto alle tue verdure o ai tuoi fiori.

Ravanello in fiore e scarabeo di patate.

Considera ciascuno caso per caso. Sei preoccupato che quei hornworms tornino a masticarti pomodori anche quest’anno? Interpianto aneto o levistico allontanare le larve è la strada da percorrere.

Ma se sei preoccupato Scarabei della patata del Colorado sarà dopo le tue patate, prova con la consociazione Rafano o tanaceto invece.

3. Mantieni sane le tue esche

Anche se non sono l’attrazione principale nel tuo giardino, è importante mantenere sani anche questi ragazzi!

Acqua, fertilizzanti e considerazioni sulla luce sono importanti per mantenere la loro salute, quindi le esche continueranno a sembrare deliziose per i parassiti.

4. Sradicare gli insetti

Infine, e soprattutto, assicurati di uccidere i parassiti che hanno trovato le esche.

Parte della bellezza del ritaglio delle trappole è che ci sono molte meno piante da esplorare rispetto a quelle che avresti se cercassi di monitorare ogni singola pianta del raccolto per i segni di infestazione. Ma hai ancora bisogno di tenere un tallone su di loro.

Una volta che i cattivi insetti iniziano a concentrarsi sulla tua esca, non lasciarli nutrire, riprodursi e disperdersi da lì.

Raccogli e smaltisci i parassiti, tira e distruggi l’intera esca o, se necessario, uccidili con insetticidi. Meno area da spruzzare significa anche meno pesticidi!

Per quanto riguarda l’estrazione delle esche, a volte potrebbe essere necessario rimuovere la trappola stessa se il problema dei parassiti è grave e le popolazioni sono cresciute così tanto che non possono essere controllate con raccolta manuale o insetticidi.

Qualunque sia il metodo che usi per distruggerli, assicurati che gli insetti non abbiano il tempo di fuggire, o comunque in grado di scappare e quindi invadere nuovamente il tuo giardino.

Poiché si tratta di una strategia di gestione integrata dei parassiti, funziona meglio se combinata con altri metodi di protezione come la rotazione delle colture.

Tipi di piante trappole

Come si decide quale specie o cultivar utilizzare, sapendo che deve colpire un parassita specifico e servire per essere più attraente per quell’insetto rispetto al raccolto che stai cercando di proteggere?

Cerfoglio tra i fiori.

Premuroso piantagione da compagnia è la chiave. Potresti aver sentito parlare dell’utilizzo calendule per proteggere le colture solanacee, crocifere, leguminose e cucurbitacee dai nematodi parassiti.

Cerfogliopiantato tra ortaggi o piante ornamentali, subirà il peso maggiore di qualsiasi problemi di lumache. Ma la maggior parte delle varietà che scegli funzioneranno per prendere di mira un parassita specifico su una coltura specifica.

Le esche possono provenire dalla stessa famiglia, genere o specie di quelle che stai cercando di proteggere, oppure potrebbero essere imparentate più distante.

Ad esempio, le zucchine “Blue Hubbard” sono efficaci per attirare gli insetti della zucca e i trivellatori della vite lontano dalle altre cucurbitacee.

Ma basilico o le calendule possono rivelarsi efficaci se stai cercando di catturare i tripidi prima che arrivino al tuo aglio – e nessuna di queste specie è strettamente imparentata.

Se usi la stessa specie come esca, la solita raccomandazione è di seminarla o trapiantarla presto e distruggerla prima che il raccolto principale raggiunga il suo stadio vulnerabile nella speranza che il raccolto trappola ospiti la più grande ondata iniziale di insetti fastidiosi.

Iniziare presto significa anche che le tue piante sacrificali potrebbero trovarsi in una fase di sviluppo più attraente rispetto al raccolto principale quando arrivano i parassiti.

E puoi tenerlo in giro se preferisci invece di rimuovere la trappola dal giardino, per continuare ad attirare i parassiti mentre il raccolto principale sta crescendo e uccidere i parassiti che si accumulano su di esso durante la stagione.

Tieni presente che le esche non sono sempre indesiderabili come colture di ortaggi, frutta o fiori: potrebbero essere specie commestibili che ami coltivare nel tuo orto o piante ornamentali che aggiungono un valore attraente ai tuoi spazi esterni.

Oltre agli esempi citati, cipolle o l’aglio può essere usato per proteggere carote dalle mosche delle carote, per esempio, e Ravanelli sono più attraenti di cavoli a coleotteri delle pulci e larve di radice.

Ravanello in fiore e scarabeo di patate.

Puoi usare cavolo cinese, mostardao ravanelli per proteggere il cavolo dai vermi del cavolo, dalle tramogge delle pulci e dagli afidi della senape.

I legumi possono essere usati per attirare cicaline, coleotteri fogliari, piralidi e far cadere i vermi dell’esercito lontano da Mais. E i peperoncini piccanti possono essere usati per attirare i vermi del pepe dal tuo raccolto peperoni.

Ci sono molte risorse disponibili con raccomandazioni specifiche per tutti i tipi di colture commestibili e ornamentali e l’elenco delle possibilità è piuttosto ampio. Fai le tue ricerche prima di pianificare le tue trame e iniziare a seminare!

Ricorda solo che non vorrai raccogliere o mangiare le esche vermiformi o infestate: è qui che la pianificazione del giardino è importante. Decidi in anticipo quali sono le trappole e preparati a distruggerle se necessario.

In altre parole, puoi sentirti libero di goderti il girasoli eri solito attirare gli insetti dai piedi delle foglie e cimicima non attaccarti troppo.

Probabilmente un giorno non finiranno in un vaso, dal momento che erano destinati a servire uno scopo diverso.

Vantaggi e sfide

L’aggiunta di piante esca alla tua strategia IPM può comportare qualcosa di più del semplice sollievo dalla pressione dei parassiti e cavoli e pomodori non danneggiati.

Con meno piante e un’area più piccola da spruzzare, puoi ridurre l’uso di pesticidi e rimanere entro il tuo budget.

Un minor uso di pesticidi si traduce anche in altri benefici, inclusi i nemici naturali preservati (ovvero i buoni insetti, il insetti utili), una maggiore biodiversità e una generale conservazione dell’ambiente, con un minor numero di input potenzialmente dannosi che possono influire sull’acqua, sul suolo e sull’aria.

Inoltre, la presenza di una varietà di specie vegetali nel tuo giardino lo rende uno spazio più attraente per gli insetti utili, che di conseguenza si affolleranno lì naturalmente.

Anche un numero concentrato di parassiti in luoghi specifici può essere molto invitante per i benefici!

Afidi e coccinelle.

L’uso di questo metodo di gestione dei parassiti non è privo di sfide ed è importante tenerle a mente.

Se non vengono trattati adeguatamente, possono diventare vivai, sfornando un gran numero di mostri freschi nelle generazioni future piuttosto che aiutare a eliminare quelli che erano già in giro.

Le cose possono anche complicarsi se stai cercando di affrontare più parassiti su più colture.

E ci vuole più tempo per gestirli, dal momento che le esche devono essere avviate presto, seminate in un terreno di alta qualità, esplorate e mantenute.

Per utilizzare con successo le colture trappola nel tuo giardino, devi avere un’idea di chi siano gli insetti che stai guardando. Può essere complicato, ma noi abbiamo te!

Dai un’occhiata a tutte le nostre guide specifiche sui parassiti per informazioni approfondite e suggerimenti per l’identificazione.

Distrarre i parassiti dall’evento principale

Il modo in cui mi piace pensarlo, i tuoi raccolti sono come una palla che stai lanciando per un cane, che in questo esempio rappresenta i parassiti.

Il cane sta correndo a tutto tondo verso la palla, ma improvvisamente devia verso un altro bersaglio: uno scoiattolo. Questa è la tua esca. È molto più divertente da inseguire e un bersaglio potenzialmente più gustoso.

Nel caso del tuo giardino, in realtà non vuoi che il cane prenda la palla, quindi pianta lo scoiattolo lì apposta.

Hai mai provato a ritagliare una trappola? Come ha funzionato per te? Fateci sapere nei commenti qui sotto!

E mentre sei qui, leggi altri metodi di ritaglio utili, a partire da questi articoli:

© Chiedi agli esperti, LLC. TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Vedi i nostri TOS per maggiori dettagli. Foto non accreditate: Shutterstock.

RELATED ARTICLES
- Advertisment -
Google search engine

Most Popular

Recent Comments