Perché le mie piantine di mais stanno morendo?

0
27

Non c'è niente di più frustrante che piantare mais e immaginare succose orecchie coltivate in casa da arrostire sulla griglia, solo per vedere le tue piantine ammalarsi e morire.

Ma le piantine sono cose tenere, e so come ci si sente. Quando ho iniziato a coltivare il mais anni fa, ho piantato del mais in casa con l'intenzione di trapiantarlo all'aperto con l'arrivo della bella stagione.

Invece, i minuscoli germogli sono diventati troppo alti e poi si sono accasciati, morti. Non riuscivo a capire perché.

Ci colleghiamo ai fornitori per aiutarti a trovare i prodotti pertinenti. Se acquisti da uno dei nostri link, potremmo guadagnare una commissione.

Nel la nostra guida alla coltivazione del mais, spieghiamo come coltivare il mais nel tuo giardino, ma se trovi che le tue piantine sembrano malate, avrai bisogno di questa guida.

Rivelerò i motivi principali per cui le tue piantine potrebbero morire e cosa puoi fare al riguardo la prossima volta.

Ecco cosa tratterò:

Perché le mie piantine di mais stanno morendo?

Il mais è suscettibile a parassiti, malattie, freddo e altre calamità per tutta la sua vita, ma è particolarmente soggetto a problemi quando è giovane.

Ecco i cinque principali motivi per cui le tue piccole piantine potrebbero lottare per sopravvivere.

1. Non abbastanza calore

Potresti essere tentato di precipitarti fuori e piantare semi di mais nel momento in cui vedi spuntare il primo dente di leone nella tua zona. Ma il terreno del tuo giardino potrebbe non essere pronto a supportare la crescita delle piantine.

Affinché i semi di mais possano germogliare, il terreno deve riscaldarsi fino a 50 ° F e non scendere al di sotto di tale temperatura durante il giorno o la notte.

Se una brina a sorpresa colpisce le piantine dopo che sono germogliate, questo può causare problemi. Alcune ore di esposizione a temperature dell'aria comprese tra 28 e 32 ° F potrebbero non danneggiare il mais, ma se le temperature scendono sotto i 28 ° F, le giovani piante ne risentiranno.

A temperature così basse, l'acqua all'interno delle cellule vegetali si trasforma in cristalli di ghiaccio che rompono le pareti cellulari mentre prendono forma.

Una volta che la temperatura si è riscaldata, il ghiaccio si scioglie, facendo perdere acqua e sostanze nutritive alle cellule rotte. Se viene colpito un numero sufficiente di cellule, la pianta può morire.

Per evitare che ciò accada alle tue piantine, specialmente se vivi nelle zone da 3 a 5, la tua unica opzione è farlo semina i semi al chiuso e attendere per trapiantarli all'aperto fino a due settimane dopo che il pericolo di gelo è passato.

Probabilmente sarà intorno alla fine di maggio o all'inizio di giugno per i giardinieri in queste regioni più fredde.

Le piantine potrebbero non trapiantare bene, ma vale la pena provare per essere in grado di raccogliere il mais prima che il gelo colpisca in autunno. La soluzione migliore è piantare più piantine di quelle che pensi di aver bisogno, per tenere conto della potenziale perdita dopo il trapianto.

2. Mancanza di luce solare

Se le piantine appena emerse non ricevono almeno 6-8 ore di piena luce solare al giorno, ne soffriranno.

Se li coltivi in ​​casa, posizionali vicino a una finestra luminosa e soleggiata e aggiungi una luce crescente per fermare le luminose ore di mezzogiorno, poiché la luce solare filtrata non sarà sufficiente e il mais diventerà leggy e debole senza abbastanza luce.

Queste piantine di mais avevano bisogno di una luce crescente invece di una finestra soleggiata. Una volta che li ho spostati, hanno prosperato. Foto di Laura Melchor.

Assicurati di posizionarlo a solo un pollice dalla cima delle piantine, regolando la luce man mano che il mais cresce. Inoltre, ti consigliamo di dare alla pianta circa 12-16 ore al giorno con una luce crescente.

Sono abbastanza sicuro che la mancanza di luce sia stato il problema che ha colpito le mie piantine quando ho provato per la prima volta a coltivarle in casa come giardiniere alle prime armi.

Da allora ho iniziato a coltivare il mais al chiuso ed è fiorito perché ho regolato alcuni fattori legati alla luce, incluso lo spostamento che fa crescere la luce molto più vicino.

3. Malattie fungine

Quelli di noi che vivono in zone di coltivazione più fresche e umide devono affrontare più malattie fungine rispetto a quelli che vivono in luoghi più caldi e asciutti.

Piantare mais in un terreno freddo e umido lo rende un facile bersaglio per le malattie fungine, comprese smorzamento e la ruggine della piantina.

È importante notare che questi due termini sono talvolta usati in modo intercambiabile, sebbene la ruggine della piantina si riferisca più comunemente a problemi che una piantina ha una volta che è emersa, mentre lo smorzamento può influenzare i semi prima che emergano. Questo è indicato più specificamente come smorzamento pre-emergente.

Se le tue piantine ingialliscono e appassiscono, o se semplicemente cadono e sembrano umide e marce alla base, potrebbero essere affette da un'infezione fungina.

Può essere quasi impossibile dire esattamente quale tipo di fungo sta causando l'infezione e, a volte, più tipi di funghi potrebbero essere responsabili!

L'unico modo per sapere con certezza cosa ha ucciso le tue piante è inviarle al tuo ufficio di estensione locale per il test.

I più comuni colpevoli fungini che provocano lo smorzamento delle specie di Fusarium, che provocano lesioni rosso-brune sulle giovani piante; Rhizoctonia, un patogeno complicato che non mostra sintomi in superficie fino alla morte della pianta ma che causa radici corrose e in decomposizione; e Pythium, un altro killer "invisibile" che provoca lesioni scure sulle radici, che poi marciscono e uccidono la pianta.

Questi agenti patogeni patogeni svernano facilmente nel suolo e su attrezzature da giardinaggio utilizzate in precedenza. Le condizioni umide possono aumentare la probabilità che emergano e distruggano il tuo giovane raccolto.

Per evitare lo smorzamento:

  • Pulisci sempre i tuoi attrezzi da giardinaggio tra un utilizzo e l'altro.
  • Se stai riutilizzando vassoi o contenitori, immergili per 30 minuti in una soluzione al 90% di acqua e al 10% di candeggina, per eliminare eventuali funghi persistenti.
  • Usa un impasto fresco ed evita di usare il terreno del giardino se stai iniziando a seminare in casa.
  • Mantieni le piantine in condizioni ottimali: dai loro abbastanza calore, abbastanza luce solare e la giusta quantità di acqua, ed evita di aggiungere fertilizzante fino a quando non hanno almeno quattro foglie vere.
  • Piantine d'acqua con acqua pulita a temperatura ambiente – 68-77 ° F è l'ideale.

Puoi scopri di più sulla peronospora delle piantine di mais nella nostra guida.

4. Danni da erbicidi e carenze minerali

Sebbene sia importante mantenere il tuo giardino pulito e privo di erbacce, l'uso di erbicidi può uccidere o danneggiare le giovani piantine di mais.

Anche se non usi erbicidi nel tuo orto, se li usi nel tuo prato, le sostanze chimiche possono spostarsi sulle tue giovani piante e causare danni.

Se le foglie giovani sembrano attorcigliate, arricciate, annodate oa coppa, o se sono distese a terra, potresti avere un caso di infortunio da erbicida sulle mani.

Gli erbicidi da prato più comuni che uccidono anche le piante da giardino sono quelli che contengono 2,4-D, atrazina, dicamba, diquat, glifosato, metsulfuron e picloram.

Quindi controlla le etichette dei tuoi erbicidi prima di usarli, o non usarli affatto. Personalmente abbraccio il abbondanza di allegri denti di leone che spuntano con la mia erba ogni anno.

Per le piantine che sembrano sane ad eccezione di alcune colorazioni anormali come descritto di seguito, potresti effettivamente avere a che fare con una carenza di minerali.

Un colore delle foglie verde insolitamente pallido suggerisce una carenza di azoto o zolfo. I bordi delle foglie ingialliti e secchi sono probabilmente causati da una mancanza di potassio adeguato. Se solo le foglie superiori stanno diventando gialle, probabilmente stai osservando una carenza di magnesio.

Per il colore delle foglie pallido e bordi delle foglie ingialliti, applicare un fertilizzante NPK 10-10-10. Per una carenza di magnesio, aggiungi calce dolomitica (al contrario della calce calcitica, che non contiene quasi la stessa quantità di magnesio) nel terreno.

Foto di Laura Melchor.

Una carenza di fosforo è facile da individuare: le foglie diventano violacee. Una volta è successo al mio mais e l'ho facilmente risolto aggiungendo ricco di fosforo farina d'ossa al terreno intorno alle piante ogni due settimane circa.

Il modo migliore per prevenire le carenze di minerali è quello di condurre una prova del suolo prima di iniziare a coltivare mais. Un po 'di lavoro prima di piantare può salvarti da un grande mal di testa in seguito!

Ma se non esegui un test del suolo e finisci per avere problemi con carenze minerali, è facile trovare fertilizzanti e integratori vegetali per aiutare a ricostituire una mancanza di nutrienti una volta che sai con cosa hai a che fare.

5. Parassiti

Tra i molti parassiti che possono affliggere Z. mays, ce ne sono due che minacciano in particolare le giovani piantine: i lombrichi, in particolare il lombrico nero (Agrotis ipsilon) e i nematodi del mais (Melanotus communis).

I vermi neri sono le larve di una specie di falena che depone le uova sulle erbacce e sulle foglie di mais. Le larve bruno-nere sono lunghe 1/8 di pollice quando emergono, ma crescono fino a due pollici appena prima di lasciare lo stadio larvale.

I lombrichi fanno quello che suggerisce il loro nome: mangiano attraverso le piantine appena sotto il terreno o appena sopra il terreno, con conseguente decapitazione visibile o avvizzimento improvviso.

Presenti in gran parte degli Stati Uniti, sebbene non possano sopravvivere a temperature gelide, migrano verso sud in autunno e tornano a nord in primavera.

I wireworm, che sono le larve dei coleotteri, fanno lo stesso rosicchiando le radici e mangiando i giovani steli di mais. I wireworm sono di colore rosso-arancio e sono lunghi da mezzo a un pollice e mezzo.

Questi parassiti sono diffusi in particolare negli Stati Uniti del Midwest e del sud-est, sebbene possano essere trovati quasi ovunque negli Stati Uniti e in tutto il mondo.

Se noti la prova di un'infestazione da lombrichi, rimuovi e distruggi quanti più vermi riesci a trovare.

NemAttack Pro Sc

pubblicazione nematodi benefici nell'area di impianto, come questi nematodi benefici di Steinernema carpocapsae (Sc) di Arbico Organics.

Se vedo danni da wireworm, disturbo attentamente il terreno vicino alle mie piante di mais dissodandolo con una cazzuola a mano per vedere se riesco a trovare dei vermi da rimuovere manualmente.

Oppure potresti applicare un insetticida che contiene zolfo e piretrine, che funzionano come un insetticida abbattente contro i coleotteri dei clic.

Bonide Pomodoro e Verdura Spray

Mi piace questo spray al pomodoro e verdure di Bonide, disponibile presso Arbico Organics.

Promuovere la crescita di giovani germogli sani

Ora che conosci i cinque motivi più comuni per le piantine di mais malate, puoi piantare il mais in condizioni ideali e tenerlo d'occhio per individuare tempestivamente potenziali problemi.

Questo ti darà la possibilità di goderti quei succosi noccioli o sbuffi di popcorn in seguito.

Hai mai avuto a che fare con piantine malate prima? Fateci sapere nella sezione commenti qui sotto!

E nel frattempo, per maggiori informazioni su coltivare mais nel tuo giardino, dai un'occhiata a queste guide dopo:

Foto di Laura Melchor © Ask the Experts, LLC. TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Vedi i nostri TOS per maggiori dettagli. Foto del prodotto tramite Arbico Organics. Foto non accreditate: Shutterstock.

A proposito di Laura Melchor

Laura Melchor è cresciuta aiutando sua madre nel giardino del Montana e da adulta ha portato con sé le sue abilità di giardinaggio per il freddo a casa sua in Alaska. È particolarmente orgogliosa delle aiuole che lei e suo figlio di tre anni hanno costruito con le rocce scavate nella loro piccola fattoria in Alaska. Come scrittrice freelance, contribuisce a diversi siti Web e blog in tutto il Web. Laura scrive anche romanzi e ha conseguito un MFA in scrittura presso il Vermont College of Fine Arts.