domenica, Ottobre 24, 2021
Home Senza categoria Suggerimenti per coltivare astri in contenitori

Suggerimenti per coltivare astri in contenitori

Gli astri perenni sono fiori robusti con masse di piccoli fiori simili a margherite che irrompono sulla scena a fine estate e durano fino al gelo.

Ci sono numerose specie di aster e varietà coltivate nel Famiglia delle Asteraceae che include crisantemi, margherite e girasoli.

La maggior parte fiorisce dalla fine dell'estate all'autunno, ma alcuni, come il aster alpino, A. alpinus, aperto in primavera.

Ci colleghiamo ai fornitori per aiutarti a trovare prodotti pertinenti. Se acquisti da uno dei nostri link, potremmo guadagnare una commissione.

Nostro guida agli astri in crescita dice tutto ciò di cui hai bisogno per crescere e prenderti cura di te stesso.

E le nostre raccolte consigliano varietà entusiasmanti in sfumature di blu, rosa, viola, e bianca.

In questo articolo condividiamo 5 consigli per coltivare gli astri in vaso, un metodo di coltivazione adatto a giardinaggio in piccoli spazi e il gestione delle vigorose abitudini di crescita delle piante.

Ecco la scaletta:

Iniziamo!

1. Scegli il piatto perfetto

Per coltivare gli astri in contenitori, dovrai conoscere le dimensioni delle varietà che stai piantando.

Sopra il suolo, le altezze degli aster variano da sei pollici a sei piedi, con una diffusione tra otto e 36 pollici. Le varietà coltivate per il giardino domestico tendono ad avere abitudini di crescita più compatte rispetto alle specie selvatiche.

Sotto terra, c'è una crescita superficiale composta sia da rizomi spessi che da sottili radici fibrose.

Quando selezioni i contenitori, scegli quelli con un diametro che si adatta alle dimensioni mature, oltre a un pollice in più per un beccuccio per annaffiatoio o un ugello per tubo flessibile per adattarsi facilmente.

Una buona regola empirica è quella di selezionare un vaso che sia la metà dell'altezza della pianta matura. Per un gruppo misto, usa la tua specie più alta come guida.

Evita i vasi di terracotta che percolano acqua e possono rompersi in inverno. I tipi smaltati trattengono l'acqua più a lungo, ma sono anche soggetti a screpolature.

Evita pentole di metallo e contenitori di colore scuro che possono surriscaldarsi.

Anziché, scegli i materiali del contenitore che può resistere al gelo e allo scongelamento invernale senza screpolarsi e che non si riscalda al sole estivo, come pietra fusa, fibra di vetro e resina di polietilene a bassa densità.

2. Garantire un buon drenaggio

I vasi dovrebbero avere almeno un foro di drenaggio. Puoi stendere due spessori di giornale sul fondo interno del contenitore per evitare che il terriccio fuoriesca, senza ostacolare il drenaggio.

Se trovi un contenitore di design attraente che ti piacerebbe usare, ma privo di fori di drenaggio, potresti essere in grado di posizionare un recipiente ben drenante al suo interno. Assicurati di posizionare quello interno su un letto di ciottoli, per evitare che si sieda nell'acqua stagnante, o le piante rischiano di marcire.

Prendere in considerazione il peso dei contenitori. Un carrello con ruote può facilitare lo spostamento di piante pesanti per soddisfare il requisito di pieno sole della maggior parte degli astri, oltre a proteggerle dal sole intenso del pomeriggio nelle zone più calde.

E un'ultima parola sui contenitori: disinfettali prima dell'uso con una soluzione acquosa di candeggina al 10% e risciacquali bene.

3. Gestire l'umidità

Mentre ci sono alcuni tipi che prosperano in terreni rocciosi e poveri, la maggior parte degli astri preferisce annidare le proprie radici in una terra umida e ricca.

Durante la germinazione e l'insediamento nel primo anno, è fondamentale fornire agli astri circa un pollice di acqua a settimana, senza mai farli seccare.

Dopo il primo anno, le piante da giardino necessitano solo di annaffiature supplementari durante i periodi di siccità, poiché hanno una tolleranza alla siccità superiore alla media.

Tuttavia, con le piante in vaso, è necessaria la vigilanza, perché si asciugano più velocemente del terreno. E quando innaffiate, abbiate cura di puntare l'ugello verso le radici, non le foglie, per evitare di attivare le spore della muffa.

Usa un misuratore di umiditàe innaffia prima che la metà inferiore del mezzo si asciughi completamente. Prendi in considerazione l'autoirrigazione dei vasi se sei spesso fuori casa.

Per aiutare a trattenere l'umidità, aggiungi uno strato di pacciame da un pollice sul terreno. Assicurati di evitare che tocchi gli steli delle piante, altrimenti potrebbero rimanere umidi e diventare più inclini alle malattie fungine.

L'umidità è essenziale, ma evita l'eccessiva saturazione. Gli astri troppo bagnati sono soggetti a malattie fungine e marciume. Ecco perché l'acqua in eccesso deve drenare liberamente e non ristagnare.

L'uso di un terriccio leggero è preferibile al terreno del giardino per il giardinaggio in contenitori. A differenza del terriccio da giardino che tende a diventare molto denso nei contenitori, le opzioni commerciali sono leggere e formulate per trattenere l'umidità ottimale consentendo allo stesso tempo all'eccesso di defluire.

Tuttavia, a meno che il substrato non sia fortificato con fertilizzante, manca dei nutrienti essenziali presenti nel terreno, il che ci porta al nostro prossimo consiglio.

4. Aumenta la nutrizione

Con un mezzo di invasatura commerciale di buona qualità che trattiene l'umidità e ben drena, e piante o semi di alta qualità e resistenti alle malattie, sei sulla buona strada per il giardinaggio in vaso di successo.

Tuttavia, gli astri richiedono un'alimentazione supplementare che imiti ciò che otterrebbero nel ricco terreno del giardino che preferiscono.

Esistono miscele di terriccio sterili e fuori suolo e terricci che contengono materia organica. Alcuni prodotti contengono fertilizzante.

Per aumentare i nutrienti del tuo prodotto, combinane circa due terzi con un terzo materia organica, come il compost, e applicare un fertilizzante granulare ben bilanciato a lenta cessione al momento della semina.

Abbi cura di evitare che il fertilizzante tocchi gli steli per evitare che si brucino.

Applicare fertilizzante all'inizio di ogni primavera per un ottimo inizio della stagione di crescita.

5. Pizzicare e potare

Igienizza sempre cesoie prima e dopo l'uso per evitare la diffusione di agenti patogeni da pianta a pianta.

Per avere astri compatti e cespugliosi, piuttosto che magri e con le gambe lunghe, pizzica le punte in crescita per rimuovere un terzo dell'altezza totale, tra la tarda primavera e l'inizio dell'estate. Questo stimola la crescita laterale e la fioritura ottimale, riducendo la necessità di picchettamento.

Foto via Alamy.

Inoltre, quando tutti i fiori su uno stelo hanno finito di sbocciare, taglia il gambo nel punto di origine. In questo modo, incoraggi una maggiore produzione di fiori e inibisci l'auto-semina.

Se vedi segni di infestazione o infezione, taglia il fogliame colpito e applica un insetticida o un fungicida a seconda dei casi.

Alla fine della stagione, dopo il primo forte gelo, taglia tutti gli steli sulla superficie del vaso per liberare il contenitore da parassiti e agenti patogeni che possono svernare.

E infine, l'inizio della primavera è il momento di dividere gli astri per mantenere gestibili i grumi di piante. La maggior parte beneficia di tale ringiovanimento ogni tre anni, ma i coltivatori estremamente vigorosi possono richiedere il diradamento ogni anno.

Ripiantare le divisioni in contenitori igienizzati utilizzando terriccio fresco, compost e fertilizzante.

Una finitura forte

Devo dirtelo: ero riluttante a coltivare gli astri, perché pensavo che avrebbero avuto un aspetto erbaceo e forse si sarebbero diffusi oltre dove li volevo.

Tuttavia, una volta che ho capito quanto bene posso controllare il loro comportamento scegliendo varietà compatte, piantandole in vaso e eliminando le fioriture esaurite per ridurre al minimo la caduta dei semi, sono stata venduta all'idea di introdurli nel mio spazio di vita all'aperto.

Trovo che una delle più grandi sfide del giardinaggio sia avere una successione continua di fiori dalla primavera all'autunno. Quando succede, è un brivido.

Un ottimo modo per iniziare subito la stagione di crescita è coltivare il diminutivo fiori di primavera, piace elleboro e bucaneve che sfidano il tardo inverno, spuntando spesso proprio attraverso la neve.

E per una finitura forte, riempi i contenitori con astri in fiore da fine estate a autunno per masse di blu, rosa, viola e bianco che ravvivano il giardino fino a quando le dita gelide dell'inverno non afferrano il paesaggio.

Stai coltivando astri in contenitori? Faccelo sapere nella sezione commenti qui sotto e sentiti libero di condividere una foto!

Se hai trovato questi suggerimenti informativi e vuoi saperne di più su astri in crescita, ti consigliamo di leggere quanto segue:

© Chiedi agli esperti, LLC. TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Consulta i nostri TOS per maggiori dettagli. Foto non accreditate: Shutterstock.

A proposito di Nan Schiller

Nan Schiller è una scrittrice con profonde radici nel suolo della Pennsylvania sudorientale. Il suo background include design paesaggistico e floreale, una laurea in economia presso l'Università di Villanova e un certificato di merito in design floreale di Longwood Gardens. Sostenitrice del giardinaggio biologico con piante autoctone, ha sempre lo sporco sotto le unghie e le lentiggini sul naso. Con arguzia e, si spera, un po' di saggezza, condivide ciò che ha imparato ed è sempre pronta a scavare in un nuovo progetto!

ARTICOLI CORRELATI

I PIÙ POPOLARI