giovedì, Ottobre 21, 2021
Home Senza categoria Suggerimenti per la risoluzione dei problemi per le camelie coltivate in contenitore

Suggerimenti per la risoluzione dei problemi per le camelie coltivate in contenitore

In questo articolo, discuteremo i segni e i sintomi che indicano che qualcosa non va e come affrontarli, in modo che tu possa sentirti più sicuro di venire in soccorso.

Diamo un'occhiata ai problemi più comuni che potresti incontrare quando coltivi la tua camelia in un contenitore e come correggerli.

Ecco cosa tratterò:

Risoluzione dei problemi di camelia in vaso

Danni da freddo e gelo

Se vivi in ​​un'area in cui le temperature precipitano in autunno e in inverno, dovrai proteggere la tua pianta.

Scatti di freddo imprevisti e forti venti gelidi possono causare danni come foglie marroni e deperimento, noto anche come ustione invernale.

L'adozione di misure preventive, incluso il posizionamento strategico, è l'unico modo per garantire che la tua pianta non subisca ustioni invernali.

È più facile quando la tua camelia è in vaso, poiché può essere spostata all'interno, avvolta o trasferita in un'area riparata.

Assicurati che la tua pianta sia ben irrigata durante i periodi di temperature più fredde e avvolgila con coperte, pluriball, telo paesaggistico o una combinazione di questi, per proteggerlo dalle basse temperature.

Se osservi segni di ustione invernale, attendi che la pianta mostri segni di nuova crescita prima di tagliare il fogliame colpito, ma evita di potare troppo in primavera o in autunno, poiché non vuoi tagliare le fioriture in erba.

Se è possibile recuperare una quantità sufficiente della pianta, dovrebbe riprendersi con il tempo e la cura.

Puoi saperne di più nella nostra guida alla cura della camelia in inverno. (Prossimamente!)

Radici Compatte

Fai attenzione ai segni che la tua pianta ha messo radici.

I sintomi includono caduta di foglie e gemme, foglie gialle o marroni, scarsa crescita e "cintura" – o arricciatura delle radici visibili vicino ai bordi del vaso – o radici che mostrano attraverso i fori di drenaggio sul fondo del contenitore.

Anche le radici che crescono strettamente insieme possono essere più suscettibili al marciume radicale, specialmente se le radici a crescita stretta impediscono un adeguato drenaggio

I segni del marciume radicale sono quasi identici a quelli della compattazione delle radici, ma includono anche radici annerite o viscide.

Se sembra che le radici stiano diventando compatte o malsane, potrebbe essere il momento di rinvasare la tua camelia, con particolare attenzione al drenaggio.

È sempre una buona idea fare un controllo visivo delle radici una volta ogni uno o due anni, per essere al sicuro.

Le radici danneggiate possono far deteriorare rapidamente la salute della tua pianta, il che può essere molto difficile o talvolta impossibile da invertire.

Malattia e infestazione

Le camelie in vaso sono suscettibili alle infestazioni e alle malattie quanto gli arbusti interrati.

Se noti un bianco polveroso, nero fuligginoso, o sostanze simili a ragnatele sulle foglie, è probabile che abbiano anche ospiti indesiderati o malattie.

I parassiti possono includere afidi, cocciniglie, e acari di ragno. Ulteriori segni che possono essere presenti parassiti includono scolorimento delle foglie, caduta di gemme e foglie, macchie nere o marroni e buchi nelle foglie e crescita scarsa o stentata.

I segni della malattia possono sembrare simili a quelli dell'infestazione, quindi è importante tenere d'occhio le condizioni e la crescita della tua pianta. Se noti uno di questi sintomi, non aspettare di agire, poiché le camelie possono essere sensibili.

Trova maggiori informazioni sulla gestione dei parassiti e delle infestazioni nella nostra guida per identificare e risolvere i problemi con le camelie. (Prossimamente!)

larve

Esistono diversi tipi di coleotteri che depongono le uova nel terreno, risultando in larve che si schiudono dalle uova tra la primavera e l'autunno. Queste brutte larve possono variare di dimensioni da circa mezzo pollice a quasi due pollici di lunghezza.

La maggior parte delle larve si nutre di radici e steli delle piante. Loro possono distruggere un pezzo di prato, divorando le radici fino a quando l'erba diventa marrone e muore. Dopo essersi nutriti, si impupano ed emergono come coleotteri adulti.

Le piante in vaso sono particolarmente suscettibili alle larve perché la superficie del terreno è generalmente molto aperta e il terreno è umido e sciolto, rendendo facile per gli insetti adulti depositare le uova a piacimento.

Le uova e le larve vengono quindi incubate in sicurezza nell'ambiente chiuso del vaso e possono passare completamente inosservate.

Come misura preventiva, puoi mescolare circa mezza tazza di perossido di idrogeno al tre percento per litro d'acqua e utilizzare la soluzione per innaffiare le tue piante. Il perossido ucciderà uova e larve.

Inoltre, puoi aggiungere uno strato di pietra decorativa o sabbia grossolana sulla parte superiore del terreno per impedire agli insetti adulti di depositare le uova.

terra di diatomee può anche essere diffuso e ucciderà efficacemente la maggior parte degli insetti che entrano in contatto con esso; tuttavia, anche alcuni insetti utili possono essere uccisi.

Quando si utilizza la farina fossile, evitare di metterla sulle foglie, boccioli o fiori, per aiutare a prevenire danni a insetti utili.

Se noti che parti della tua pianta stanno morendo, cambiando colore in giallo o marrone, o perdendo foglie, ma non vedi altri segni di angoscia come un'evidente infestazione o malattia, le larve potrebbero essere il colpevole.

Verifica la loro presenza rimuovendo la pianta dal vaso e spazzolando delicatamente il terreno lontano dalle radici. Le larve sono facili da individuare poiché il loro colore da bianco a grigio risalta in contrasto con il terreno.

Se sono presenti larve, rimuovi tutto il terreno sia dalle radici che dal vaso.

Riempi un secchio o un contenitore di plastica – abbastanza grande da contenere l'intera zolla – con acqua, abbastanza profonda da coprire le radici e aggiungi circa una tazza di perossido di idrogeno per litro d'acqua.

Il perossido di idrogeno disponibile al supermercato è generalmente una soluzione al tre percento ed è perfettamente adeguata a questo scopo.

Aggiungi la pianta interessata alla soluzione, assicurandoti che le radici siano completamente sommerse e lasciale in ammollo per tre o quattro ore per uccidere eventuali uova o larve presenti.

Smaltisci il terreno in un sacco della spazzatura che hai legato saldamente, oppure raccogli le larve e lasciale in un piatto poco profondo per far banchettare gli uccelli e gli animali da spazzino, poiché molti li trovano deliziosi.

Sterilizzare il vaso strofinandolo bene con acqua e sapone e immergendolo per trenta minuti a un'ora in una soluzione di nove parti di acqua per una parte di candeggina. Sciacquare accuratamente la soluzione dal vaso prima di rinvasare la pianta.

Rinvasa la tua pianta con terreno fresco e taglia via il fogliame interessato.

Crescita eccessiva

Alcune piante in vaso diventano semplicemente troppo grandi per le loro braghe, per così dire. Potrebbe essere necessaria una potatura dura se il tuo arbusto ha subito un periodo di abbandono, che lo ha portato a diventare troppo grande per la coltivazione in vaso.

Alcune varietà di camelia possono crescere fino a più di otto piedi di altezza, quindi è possibile che un arbusto che è stato trascurato possa diventare troppo grande per crescere in un contenitore.

Le piante che diventano troppo grandi per il loro contenitore hanno maggiori probabilità di ribaltarsi, il che può causare danni. Hanno anche maggiori probabilità di essere rachitici, più suscettibili di diventare radicati e possono cadere vittime della crescita della muffa quando il flusso d'aria è limitato dal fogliame denso.

Se la pianta raggiunge più di quattro o cinque volte la dimensione del suo vaso attuale e non sei in grado di trasferirla in un vaso più grande per accogliere la crescita, puoi potare i rami a uno o due piedi di altezza.

Ancora una volta, è importante essere assolutamente sicuri che le radici siano sane e conservare questo tipo di potatura per la fine dell'inverno o l'inizio della primavera, quando la pianta sarà nel suo periodo di crescita naturale.

Altrimenti, questa potatura dura può provocare uno shock e uccidere la tua pianta.

Scottatura solare o scottatura solare

La scottatura solare è un pericolo molto reale per le camelie che sono state sovraesposte. Queste piante dei boschi preferiscono il sole screziato all'ombra parziale, in particolare prima che abbiano sviluppato un fogliame denso.

I segni di scottatura solare includono macchie o sezioni marroni, grigie o nere sulle foglie; caduta delle foglie; fiori che muoiono rapidamente o diventano marroni o gialli; e un aspetto generale malsano.

La pianta potrebbe anche non riuscire a produrre tante foglie o fiori come farebbe altrimenti.

Se sono presenti segni di scottatura solare, la cosa migliore da fare con la tua pianta in vaso è spostarla dal percorso della luce solare diretta.

Fornisci piena ombra, in un'area protetta o con una tettoia o una copertura, ma assicurati di evitare di inibire il flusso d'aria.

Bagna accuratamente il terreno con acqua e dai alla pianta il tempo di riprendersi.

Dovrebbe iniziare a ravvivarsi entro pochi giorni e, in quel momento, puoi sfoltire qualsiasi materiale morto o morente. Le foglie che sono diventate marroni non si riprenderanno e dovrebbero essere rimosse.

Se possibile, evita una potatura dura, ma se devi, fallo solo a fine inverno o all'inizio della primavera in modo che la pianta sia in grado di generare rapidamente una nuova crescita.

Mantieni la pianta protetta mentre si riprende, il che può richiedere del tempo, ed evita di spostarla in un luogo dove sarà nuovamente sovraesposta.

Tieni inoltre presente che posizionare la pianta troppo vicino al lato della casa o a una recinzione, dove la luce solare e il calore vengono riflessi e ingranditi, potrebbe danneggiarla ulteriormente.

Ora sei pronto per le sfide della camelia coltivata in container

Per quanto un po' schizzinose possano essere, le camelie sono estremamente popolari e creano bellissime piante da vaso.

Se hai fatto tutto lo sforzo di invasare, potare, rinvasare e mantenere il tuo, chiaramente è importante per te mantenerlo sano e felice.

Ora che conosci i problemi principali che le piante coltivate in contenitore possono affrontare, puoi essere alla ricerca di segnali di allarme precoce.

Se hai qualche consiglio o domanda sulla coltivazione delle camelie in vaso, ci piacerebbe ascoltarle! Fatecelo sapere nella sezione commenti qui sotto.

E, se sei interessato a saperne di più su camelie in crescita, dai un'occhiata a queste guide aggiuntive in seguito:

© Chiedi agli esperti, LLC. TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Consulta i nostri TOS per maggiori dettagli. Foto non accreditate: Shutterstock.

Informazioni su Kelly Spicer

Kelly Spicer è diventata una madre single in giovane età e ha imparato molto rapidamente quanto possa essere spaventosa l'insicurezza alimentare. Di conseguenza, ha iniziato l'autodidatta per imparare a coltivare il cibo, che ha portato alla passione per provvedere agli altri bisognosi. Attualmente, Kelly sta coordinando un piano per produrre una fattoria tropicale nel sud della Florida che fornirà cibo locale alle famiglie bisognose e insegnerà loro a coltivare la propria. Si sta facendo strada verso la certificazione come maestra giardiniere e sta costruendo un amore per la natura che durerà tutta la vita con i suoi figli.

ARTICOLI CORRELATI

I PIÙ POPOLARI