Primo combattente transgender UFC: Fallon Fox

0
128

Quando si tratta di sport, certi sportivi non mancano mai di ispirarci. Non importa quale sia lo sport, ci sono sempre un sacco di giocatori che ispirano generazioni diverse. E quando parliamo di MMA, una di queste ispirazioni è Fallon Fox. Che tu sia un ardente fan delle MMA o che le segua casualmente, siamo sicuri che ti sarai imbattuto in questo nome. Fox non ha un rapporto vittorie-sconfitte eccezionale o alcun titolo straordinario. Ma nonostante questo, è famosa nel mondo delle MMA. Scopriamo di più su questo fantastico, stimolante ed eccezionale combattente MMA.

Cosa rende Fallon Fox uno dei combattenti MMA più coraggiosi?

Il 2013 è stato l'anno in cui Fox ha fatto coming out pubblicamente come transgender. Sebbene fosse già una delle preferite dal pubblico, in qualche modo i suoi fan e le persone di tutto il mondo hanno difficoltà a venire a patti con il suo orientamento. Era un bersaglio di odio immenso, qualcosa che il mondo dello sport non aveva mai visto prima.

Uscire al pubblico è stato immensamente impegnativo per lei. Successivamente Fox ha ammesso di essere stata "costretta" a rivelare il suo orientamento al pubblico. È stata minacciata da una terza parte, che ha avuto un sentore della sua preferenza di genere a causa della quale ha scelto di uscire lei stessa in pubblico.

In aggiunta a questo c'erano le sue numerose lesioni a causa delle quali alla fine ha dovuto ritirarsi dallo sport. La Fox scomparve dalla vista del pubblico e si ritirò nel suo guscio mentre lavorava per ottenere una laurea e contemporaneamente guarire il suo corpo dalle ferite. Ma anche il suo ritorno non è stato facile – è stata trattata con freddezza dai club popolari e anche cancellata dai media – al punto da dipingerla come un aggressore criminale.

Nonostante tutto questo, Fox ha mantenuto gli occhi sul suo sogno di essere un'eccellente combattente MMA. Il suo coraggio nell'accettare pubblicamente il suo orientamento sessuale, con la consapevolezza di come influenzerà la sua carriera, è stato sicuramente fonte di ispirazione per molti sportivi in ​​tutto il mondo.

Polemiche che ruotano attorno alla licenza di Fox

La vita per Fallon non è stata facile, anche dopo aver subito un intervento chirurgico di riassegnazione del sesso e altri interventi chirurgici correlati come l'aumento del seno e il trapianto di capelli. È emersa la questione della sua licenza e molti commentatori hanno sollevato la questione se una donna a cui è stato assegnato un maschio alla nascita dovrebbe essere in grado di combattere nelle divisioni femminili di MMA. Alla fine, è stata autorizzata a combattere nella divisione femminile, ma ancora una volta; è stata oggetto di una serie di commenti dispettosi.

“Lei non è davvero una 'lei', è una persona transgender post-operatoria. L'intervento chirurgico post-operatorio non modifica la densità ossea. Le mani di un uomo e le mani di una donna sono costruite in modo diverso".

"Se attraversi la pubertà come un 'uomo' non è qualcosa che puoi invertire, non c'è un pulsante di inversione su questo."

Mentre questi erano alcuni dei commenti duri che Fox ha ricevuto, ha anche avuto il sostegno di alcuni. Il co-fondatore di CFA Jorge De La Noval è stato al suo fianco anche quando ha dovuto affrontare controversie sulla procedura di autorizzazione. Ha rilasciato una dichiarazione pubblica affermando che l'organizzazione non girerà le spalle a Fox e, finché avrà la licenza, sarebbe sempre la benvenuta nella loro promozione. Ha offerto anche il suo completo supporto.

Uno dei punti di svolta nella carriera di Fallon Fox è il suo ultimo combattimento professionale nel settembre 2014. Questo incontro è stato contro Tamikka Brents e mentre Fox ha vinto l'incontro, le conseguenze sono state drastiche: Brents è stato lasciato con una commozione cerebrale, con una frattura nell'osso orbitale. Aveva bisogno di sette graffette nella sua testa. Anche i commenti di Tamikka dopo il combattimento hanno guadagnato i riflettori – ha detto che mentre ha combattuto molte donne nella sua carriera, Fallon Fox era diversa – non si era mai sentita così sopraffatta in vita sua. Ha sottolineato il fatto che mentre poteva muoversi attorno al clinch di altre femmine, non poteva muoversi affatto nel clinch di Fox. Ha detto che la barca l'ha riportata indietro perché anche lei è una donna anormalmente potente.

I transgender sono svantaggiati nelle MMA?

L'intero episodio di Fallon Fox ha portato l'attenzione sui problemi: i transgender sono svantaggiati nelle MMA? O sono in vantaggio rispetto alle loro controparti femminili? È giusto lanciare transgender post-operatori contro donne combattenti?

Bene, ecco i fatti: i combattenti transgender hanno vantaggi come una maggiore densità ossea, una maggiore capacità di generare potenza e arti più grandi e più forti. Ma è giusto elencarli come vantaggi? Soprattutto in uno sport in cui i combattenti affrontano abitualmente l'avversario più forte e più grande. Indipendentemente dai cambiamenti ormonali e fisici post-operatori, è davvero complesso concludere se i transgender siano avvantaggiati.

Dal punto di vista di Fallon, in realtà era in svantaggio nella competizione MMA contro le donne. Ha affermato che le sue terapie ormonali l'hanno lasciata con livelli di testosterone più bassi rispetto alle concorrenti femminili.

Esistono combattenti transgender da donna a uomo?

Considerando la controversia intorno a Fallon Fox, altri combattenti di MMA hanno esitato a dichiarare apertamente il loro orientamento sessuale. Oltre a Fallon Fox, Patricio Manuel era un altro combattente transgender da donna a uomo. È stato cinque volte campionessa nazionale statunitense di boxe amatoriale. Il suo ultimo combattimento da donna è stato nel 2012 contro Tiara Brown. Nel 2016 è passato e poi ha gareggiato nel suo primo incontro dilettantistico maschile contro Adan Ochoa.

Ha vinto questo incontro con decisione unanime e poi ha continuato a fare il suo debutto professionale a dicembre 2018. Ha vinto anche questo incontro. La cosa interessante da notare qui è il fatto che Manuel non ha mai affrontato le dure critiche e contraccolpi come ha fatto Fallon Fox. Invece, è recentemente diventato l'ambasciatore del marchio per un famoso marchio sportivo.

Fallon Fox sta ancora combattendo?

Questa è una domanda che ci viene subito in mente: Fallon Fox è ancora attivo nel mondo delle MMA? Nonostante tutte le polemiche a cui è stata esposta, non c'è stato un atleta apertamente transgender per competere in competizioni MMA di alto livello. Fallon Fox è ora in pensione e attualmente vive a Chicago ed è un attivista transgender molto vocale.

Ora ha 45 anni e sebbene non sia mai stata vicina a competere a livello UFC, sta sfruttando al massimo la sua vita e l'ha dedicata all'attivismo. Puoi anche cercarla su Twitter e Instagram, ma non troverai davvero nessun post relativo alle arti marziali là fuori.

Ma ecco alcune notizie entusiasmanti: un film biografico che racconta la vita di Fallon Fox è in cantiere. Prodotto da Mark Gordon Pictures, questo film biografico è stato scritto da T Cooper e Allison Glock-Cooper. La storia di Fallon non ha carenza di colpi di scena, svolte, difficoltà e ispirazione ed è la storia perfetta per essere convertita in un film.

La stessa Fallon è molto entusiasta del film biografico e sente che questo è il momento giusto per far luce sulla difficile situazione degli atleti trans nello sport. Dichiara inoltre di essersi divertita molto a dare vita alla sua storia con l'aiuto degli scrittori e dei produttori.

Qual è il futuro per i combattenti transgender nelle MMA?

Questa domanda non è più limitata alle sole MMA. Ora è molto applicabile al mondo dello sport e ai diversi percorsi di vita. In qualche modo, il cambio di genere diventa molto più rilevante per lo sport, poiché l'aspetto di chi è in vantaggio è ancora ambiguo.

Concedere una licenza ai giocatori transgender per giocare secondo il loro genere cambiato potrebbe avere conseguenze potenzialmente negative. Mentre ci sono state combattenti femminili eccezionali nelle MMA, i combattimenti tra i sessi sono ancora discutibili. Quindi i combattenti di MMA accetteranno davvero gli atleti transgender? Anche se il mondo delle MMA accettasse i giocatori, sarebbe sicuramente circondato da polemiche, proprio come Fallon Fox.