mercoledì, Ottobre 27, 2021
Home Sport Spiegazione: come funzionerà effettivamente la nuova Super League europea?

Spiegazione: come funzionerà effettivamente la nuova Super League europea?

Domenica, 12 dei più grandi club europei hanno annunciato l'intenzione di formare la Super League a lungo vociferata, confermando le loro intenzioni di staccarsi dalla UEFA Champions League. La notizia ha scosso il mondo del calcio e la competizione proposta è stata accolta con una condanna diffusa. Di seguito, theScore analizza tutto ciò che devi sapere su una mossa che potrebbe rimodellare il panorama del calcio.

Cos'è successo, esattamente?

Una dozzina di club europei importanti, alla ricerca di un flusso di entrate garantito – ed enorme – ha annunciato la formazione di una nuova competizione infrasettimanale, confermando i piani di lunga data di staccarsi dall'organo di governo del calcio europeo, la UEFA, e creare un torneo che possono controllare e sorvegliare. Sì, si chiama letteralmente "The Super League".

Il campionato proposto da 20 squadre offrirebbe posti permanenti a 15 club; a quelle squadre sarebbero garantiti partecipanti ogni stagione e, a differenza dell'attuale Champions League, non avrebbero dovuto preoccuparsi della possibilità di perdersi a causa delle scarse prestazioni.

Le restanti cinque squadre sarebbero state determinate da un formato di qualificazione non specificato in base ai risultati della stagione precedente. Ad oggi, 12 squadre hanno accettato di essere membri fondatori.

Chi sono i soci fondatori?

A bordo ci sono sei squadre inglesi e tre ciascuna di Spagna e Italia.

Sono, in ordine alfabetico: Milan, Arsenal, Atletico Madrid, Barcellona, ​​Chelsea, Inter, Juventus, Liverpool, Manchester City, Manchester United, Real Madrid e Tottenham Hotspur.

E i punti rimanenti?

Il Bayern Monaco e il Borussia Dortmund hanno espresso il loro disprezzo per la Super League, con i dirigenti di entrambi i club che hanno affermato lunedì di essere soddisfatti dell'attuale struttura dello sport.

Secondo quanto riferito, nemmeno RB Leipzig, un altro potenziale partecipante dalla Germania mentre filtravano le notizie domenica sera, non parteciperà.

Il Paris Saint-Germain, semifinalista di Champions League, è notevolmente assente anche dalla lista dei club fondatori; Nasser Al-Khelaifi, presidente dei giganti francesi, è membro del comitato esecutivo UEFA.

L'FC Porto, che si dice sia in corsa per un posto in Super League, non è interessato nonostante i "contatti informali" sull'adesione al progetto, ha detto lunedì il presidente del club Jorge Nuno Pinto da Costa.

Chi gestisce questo spettacolo?

Il presidente del Real Madrid Florentino Perez servirà come presidente della Super League. Andrea Agnelli della Juventus, ex capo della European Club Association (ECA), è uno dei vicepresidenti. Joel Glazer del Manchester United è l'altro.

ANNE-CHRISTINE POUJOULAT / AFP / Getty

Agnelli, in particolare, è visto come una forza trainante di questo processo, ed è stato indicato come un "serpente" e "bugiardo" dal presidente UEFA Aleksander Ceferin per il suo ruolo nella formazione della Super League.

Di quanti soldi stiamo parlando?

Tutto, fondamentalmente. Non sorprende che i migliori club europei abbiano sempre agitato per più soldi nei loro rapporti con la UEFA – questo è stato al centro della più recente ristrutturazione della Champions League, confermata lunedì – ed è quello che a quanto pare si sono assicurati qui.

Ciascuno dei 15 membri permanenti della Super League riceverebbe 350 milioni di euro solo per l'iscrizione, secondo i documenti ottenuti da Tariq Panja del New York Times.

"Il nuovo torneo annuale fornirà una crescita economica e un sostegno significativamente maggiori per il calcio europeo attraverso un impegno a lungo termine per pagamenti di solidarietà illimitati che cresceranno in linea con i ricavi del campionato", si legge in una dichiarazione della Super League. "Questi pagamenti di solidarietà saranno sostanzialmente superiori a quelli generati dall'attuale competizione europea e dovrebbero superare i 10 miliardi di euro nel corso del periodo di impegno iniziale dei club".

Ha aggiunto: "In cambio del loro impegno, i club fondatori riceveranno un importo di 3,5 miliardi di euro esclusivamente per sostenere i loro piani di investimento infrastrutturale e per compensare l'impatto della pandemia COVID".

Secondo quanto riferito, la banca di investimenti con sede a New York JPMorgan Chase sta sottoscrivendo il progetto.

Cosa significa questo per i campionati nazionali?

I club hanno dichiarato che desiderano continuare a giocare nei rispettivi campionati nazionali oltre a partecipare alla Super League.

La Premier League, La Liga e la Serie A hanno denunciato la nuova competizione proposta. All'interno di quei campionati sono in corso riunioni per determinare se eventuali sanzioni possono – o dovrebbero – essere imposte ai 12 club ribelli.

La UEFA ha ripetutamente promesso di rimuovere i club ei loro giocatori dalle competizioni continentali e internazionali, inclusa, in particolare, la Coppa del Mondo, ma non è chiaro se l'organo di governo possa portare avanti quella minaccia.

E la Champions League?

La Super League, in virtù di essere giocata infrasettimanale, si scontrerebbe con la Champions League. I club coinvolti nel primo non giocherebbero nel secondo.

Denis Doyle – UEFA / UEFA / Getty

Real Madrid, Chelsea e Manchester City sono in semifinale di Champions League di questa stagione, che riprenderà il 27 aprile. Secondo Jesper Moller, membro del comitato esecutivo UEFA, potrebbero essere espulsi dalla competizione alla fine della settimana.

Come verrebbero formattate le partite della Super League?

Se dovesse realizzarsi, la Super League presenterebbe due gironi di 10 squadre che giocheranno partite in casa e fuori casa, con le prime tre squadre di ogni gruppo che si qualificheranno automaticamente per i quarti di finale. Le squadre del quarto e del quinto posto avrebbero quindi disputato un playoff a due gambe per determinare i restanti quarti di finale.

La fase a eliminazione diretta, simile all'attuale Champions League, si giocherà su due gare, fino alla finale, che sarebbe una singola partita ospitata in un campo neutro. Suona familiare, vero?

E quando sarebbero stati riprodotti?

La Super League ha detto che l'edizione inaugurale dell'evento si terrà "non appena possibile", con August nel mirino.

Il calcio femminile è incluso?

Sebbene non sia stato ignorato nella dichiarazione di intenti della Super League, i membri fondatori hanno fatto solo un breve riferimento al gioco femminile, dicendo che un campionato sarebbe stato lanciato "non appena possibile dopo l'inizio della competizione maschile".

In questo modo aiuteremmo a "far avanzare e sviluppare il gioco delle donne", hanno aggiunto.

Accadrà davvero?

Può essere! Per cominciare, il campionato ha bisogno di altri tre membri fondatori per decollare; tieni d'occhio il PSG.

Se dovrebbe accadere è una domanda più interessante.

La minaccia di una lega separatista è sempre sembrata più una merce di scambio che altro, ma questo è, ovviamente, il più vicino possibile a vederlo effettivamente in azione.

Simon Stacpoole / Fuorigioco / Fuorigioco / Getty

Ogni volta che i club ricchi e potenti volevano spremere termini e condizioni più favorevoli dalla UEFA, come hanno fatto durante il recente round di discussioni sul rinnovamento della Champions League, usavano la Super League come leva. Dopotutto, hanno il potere di star per fare una mossa del genere.

Quei club, ei loro proprietari, stanno ora facendo molto affidamento sul fatto che i nuovi e giovani tifosi di calcio nei mercati emergenti, molti dei quali consumano e seguono lo sport in modi diversi e unici, sono interessati solo a vedere gli incontri di marquee ogni settimana. Se ce ne sono abbastanza di quei fan per rendere questo piano fattibile a lungo termine, solo il tempo lo dirà. È certamente vero che molti tifosi, vecchi e nuovi, non hanno interesse a vedere i cosiddetti "pesciolini" di questo sport, e vogliono solo guardare Barcellona, ​​Manchester United, Milan e simili in un chiuso, nordamericano- competizione di stile.

Ma, come abbiamo visto nel furioso contraccolpo, molti pensano che questo rovinerà il gioco.

Qual è stata la risposta?

In una parola: indignazione.

La condanna della Super League è stata diffusa e rapida in molti ambienti, con i tifosi disgustati dall'apparente avidità dei club coinvolti.

La UEFA, naturalmente, è infuriata. La confutazione di Ceferin della Super League, in cui ha preso di mira tutti i soggetti coinvolti per "sputi in faccia" ai tifosi, è stata un incapsulamento appropriato. Ovviamente, l'organo di governo europeo rischia di perdere più di chiunque altro se questo campionato dovesse decollare, quindi la sua reazione non dovrebbe sorprendere.

La FIFA, varie federazioni calcistiche, governi nazionali, gruppi di tifosi, allenatori e giocatori – sia attuali che precedenti – si sono tutti espressi contro la proposta. I giocatori del Leeds United, in vista della partita di Premier League con il Liverpool lunedì, hanno indossato magliette da riscaldamento con un messaggio chiaro che diceva: "Champions League: GUADAGNA. Il calcio è per i tifosi".

Questa lotta, a quanto pare, è appena iniziata.

ARTICOLI CORRELATI

I PIÙ POPOLARI