lunedì, Dicembre 6, 2021
HomeTechGli auricolari Beats Studio Buds ANC trattano iPhone e Android allo stesso...

Gli auricolari Beats Studio Buds ANC trattano iPhone e Android allo stesso modo

Beats ha lanciato i suoi primi, e più piccoli, auricolari true wireless, e i Beats Studio Buds offrono agli AirPods Pro di Apple e al WF-1000XM4 di Sony una certa concorrenza attiva per la cancellazione del rumore. Progettati per funzionare altrettanto bene con i dispositivi Android come con quelli che eseguono iOS, gli Studio Buds supportano anche la musica spaziale basata su Dolby Atmos di Apple Music.

Se sei un utente iPhone, c'è il supporto per lo stesso abbinamento one-touch su cui si basano gli AirPod di Apple. Android Fast Pair, nel frattempo, rende altrettanto semplice il collegamento degli Studio Buds ai recenti telefoni Android.

C'è il supporto per Trova il mio iOS e il supporto per Trova il mio dispositivo Android, insieme al Bluetooth di Classe 1 per una portata estesa. Gli stessi auricolari sono più piccoli del 25-50 percento in peso rispetto ai loro principali rivali, afferma Beats, e fino all'80 percento più piccoli in volume. Ogni auricolare pesa poco più di 5 grammi.

Nonostante le dimensioni, si stringono ancora molto. Gli auricolari stessi sono IPX4 resistenti al sudore e all'acqua e hanno un driver personalizzato da 8,2 mm con un design acustico a due camere e un diaframma in due pezzi appositamente realizzato per ANC. I nuovissimi auricolari in silicone sono inclusi nelle nuove taglie piccole, medie e grandi e che Beats sostiene siano stati progettati dopo aver analizzato migliaia di diverse forme di orecchio.

Per quanto riguarda la cancellazione attiva del rumore, anche questo è del design di Beats, piuttosto che il sistema sviluppato da Apple per i suoi AirPods Pro. C'è anche una modalità Trasparenza, con controllo del guadagno adattivo in tempo reale per consentire il rumore ambientale o la conversazione. Beats mette due microfoni beamforming su ciascun lato.

Puoi passare da uno all'altro premendo a lungo il pulsante "b" su ciascun auricolare. Funziona anche per rispondere e terminare le chiamate e gestire la riproduzione di musica. È un pulsante fisico, con Beats che afferma di volere la sicurezza e l'affidabilità di quello piuttosto che un controllo capacitivo.

Fuori dalla scatola, entrambi gli auricolari hanno per impostazione predefinita le stesse scorciatoie dei pulsanti; il pulsante su ciascuno può essere rimappato, tuttavia. Con iPhone, c'è l'attivazione vocale "Hey Siri" per l'assistente di Apple, ma se sei un utente Android potresti voler rimappare una delle scorciatoie a pressione prolungata per attivare invece l'Assistente Google, poiché non c'è supporto per le parole di attivazione per quello. Beats dice che sta esaminando quali funzionalità potrebbero essere aggiunte in seguito per aggiungere ulteriore parità lì; allo stesso modo assente in questo momento è il supporto del profilo aptX, con gli Studio Buds che utilizzano AAC.

Le personalizzazioni vengono gestite nelle impostazioni iOS o tramite l'app Beats per Android. Quest'ultimo è anche il luogo in cui gli utenti Android troveranno gli aggiornamenti del firmware e lo stato della batteria.

Per quanto riguarda la durata della batteria, con ANC attivato stai guardando 5 ore di riproduzione musicale dalle batterie degli auricolari, e poi due ricariche complete dalla custodia per un totale di 15 ore. Disattiva ANC e puoi aspettarti 8 ore di ascolto e fino a 24 ore in totale. Cinque minuti di ricarica nella custodia sono sufficienti per un'ora di riproduzione ANC-off, utilizzando il sistema Fast Fuel di Beats.

La custodia stessa si carica tramite USB-C, anche se non esiste un'opzione di ricarica wireless come supporto per AirPods Pro. Manca anche il rilevamento in-ear per mettere automaticamente in pausa la musica quando si estrae un auricolare e riprenderlo quando lo si rimette a posto. Beats afferma che il sensore che richiederebbe occuperebbe semplicemente troppo spazio.

Le dimensioni sono, ovviamente, un grande vantaggio rispetto ai precedenti auricolari Beats. I Powerbeats Pro del 2019 rimarranno in vendita insieme agli Studio Buds – il loro design a gancio per l'orecchio li rende più adatti all'uso sportivo – ma mentre gli auricolari stessi sono più piccoli, è la custodia di ricarica degli Studio Buds che si è notevolmente ridotta e il che rende il tutto molto più tascabile.

I Beats Studio Buds sono in vendita oggi, al prezzo di $ 149,99. Sono disponibili in nero, bianco e rosso Beats e verranno spediti dal 24 giugno.

ARTICOLI CORRELATI

I PIÙ POPOLARI