Il sensore segreto di HomePod mini esposto: per cosa potrebbe usarlo Apple

0
20

Un nuovo sensore attualmente inattivo nell'HomePod mini di Apple potrebbe contribuire a rendere l'altoparlante intelligente alimentato da Siri una parte più utile della casa intelligente, se la società deciderà di abilitarlo in futuro. Lanciato nel novembre 2020, l'HomePod mini era inizialmente un fratello più piccolo e più economico dell'HomePod originale. Ora, con quella versione più grande ufficialmente interrotta, il modello da $ 99 è l'unico altoparlante intelligente che Apple offre.

Come l'HomePod a grandezza naturale, però, ha sempre mirato ad essere più di un semplice modo di riprodurre musica. Sebbene Apple abbia utilizzato funzionalità come la banda ultra larga per rendere più semplice il passaggio della riproduzione da un dispositivo iOS a HomePod mini, insieme alla stretta integrazione di Apple Music, l'altoparlante ha anche una radio Thread per la futura integrazione con i dispositivi domestici intelligenti.

Apple non utilizza ancora l'hardware Thread, ma non è l'unica parte dell'altoparlante che a quanto pare è stata integrata per offrire un certo grado di protezione per il futuro. L'HomePod mini include anche un sensore per la temperatura e l'umidità, riferisce Bloomberg, attualmente inattivo ma con discussioni presumibilmente in corso internamente su cosa si potrebbe fare con quel tipo di funzionalità.

Gli smontaggi dell'HomePod mini di iFixit hanno confermato la presenza di un sensore digitale di umidità e temperatura HDC2010 di Texas Instruments. Un minuscolo chip, è stato posizionato in basso sul bordo della base dell'altoparlante, vicino al cavo di alimentazione. Quella posizione è stata selezionata, viene suggerito, in modo che possa misurare le condizioni ambientali nella stanza piuttosto che ciò che sta accadendo all'interno del diffusore stesso.

Apparentemente, le discussioni all'interno di Apple hanno riguardato il modo in cui quel sensore potrebbe essere utilizzato all'interno di HomeKit, l'ecosistema della casa intelligente dell'azienda. I dispositivi di terze parti esistenti possono misurare tali livelli nella stanza, ma finora Apple non ha offerto il monitoraggio stesso. Una possibilità, presumibilmente è stato discusso, è che HomePod mini potrebbe utilizzare i livelli di temperatura e umidità per regolare il sistema HVAC di una casa a seconda delle condizioni in ogni stanza.

In alternativa, le letture potrebbero essere utilizzate come trigger per altri dispositivi HomeKit. Una lettura di umidità elevata, ad esempio, potrebbe fungere da innesco per un deumidificatore abilitato per HomeKit. Se una casa aveva tende motorizzate compatibili con HomeKit, l'aumento della temperatura potrebbe automaticamente richiedere la copertura della finestra durante i periodi di luce solare intensa.

Ovviamente, Apple potrebbe anche scegliere di non abilitarlo affatto. Non è del tutto raro che i dispositivi includano funzionalità hardware che successivamente non vengono richieste per funzionalità rivolte ai consumatori, poiché i piani di prodotto cambiano ed evolvono. I chip della radio FM negli iPhone Apple, ad esempio, non sono mai stati effettivamente abilitati; Sonos ha incluso due microfoni nel suo altoparlante Play Five riprogettato nel 2015, solo per la sua strategia di cambiamento e per non richiedere l'hardware.

Tuttavia, date le ambizioni di Apple nello spazio della casa intelligente e l'utilità dei sensori delle condizioni ambientali, sembrerebbe probabile che il chip misterioso di HomePod mini verrà attivato alla fine.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui