sabato, Novembre 27, 2021
Home Tech L'implementazione dell'aggiornamento a Windows 11 sta per diventare più aggressiva

L’implementazione dell’aggiornamento a Windows 11 sta per diventare più aggressiva

Dato il brouhaha sul lancio di Windows 10 più di mezzo decennio fa, è un po’ un sollievo che Microsoft abbia scelto di essere più cauta con Windows 11, almeno all’inizio. Ha aggiunto un pizzico della salsa magica preferita da tutti, nota come apprendimento automatico, per determinare quali PC Windows 10 sono idonei a ricevere l’aggiornamento. Ora, tuttavia, sembra che la società stia annunciando che lancerà Windows 11 più velocemente di quanto pianificato in precedenza, tutto grazie al feedback positivo che Microsoft afferma di aver ricevuto.

Certo, ci sono state meno lamentele per aggiornamenti non funzionanti a Windows 11 rispetto a quanto accaduto da cinque a sei anni prima. Anche gli avvisi di aggiornamento non sono comparsi a destra e a manca come con Windows 10, soprattutto perché ci sono meno computer che soddisfano i criteri per un aggiornamento ufficiale in primo luogo. C’erano ancora alcuni bug, ovviamente, come quelli che interessano i processori AMD Ryzen, nonostante Microsoft supporti solo un piccolo sottoinsieme di CPU per Windows 11.

Nonostante ciò, Microsoft ora rivela che il feedback degli utenti è stato per lo più positivo, il che suggerisce che gli utenti di Windows 10 hanno eseguito l’aggiornamento più rapidamente quando ricevono la notifica. In ogni caso, non ci sono molte modifiche a Windows 11 per quanto riguarda l’UX, con le modifiche più problematiche al menu Start e alla barra delle applicazioni. A causa di questi fattori, Microsoft è sicura di poter rendere Windows 11 disponibile per PC Windows 10 ancora più idonei a una velocità maggiore.

Naturalmente, quei PC “idonei” sono ancora un piccolo sottoinsieme di computer lanciati negli ultimi tre o quattro anni, in particolare quelli dotati di hardware TPM 2.0 installato. Anche questi PC devono eseguire almeno Windows 10 versione 2004 da maggio 2020. Per coincidenza, Microsoft ha anche annunciato che la versione 2004 di Windows 10 non sarà più supportata dopo il 14 dicembre di quest’anno.

Anche se Windows 11 continua a essere distribuito ai proprietari di PC, Microsoft continua a sviluppare e migliorare anche l’ultima versione di Windows. A volte, ciò richiede persino di fare un passo indietro da una modifica introdotta nelle build precedenti. In modo divertente, l’ultimo Windows 11 Build 22000.346 per i tester Insider sta riportando la schermata blu della morte, meglio conosciuta come BSOD, dopo che Microsoft si è trasformata nella schermata nera della morte. Non è detto perché, ma si può solo immaginare la confusione in cui si trovano sia gli utenti che i rappresentanti del servizio clienti quando fanno riferimento a qualcosa che è quasi diventato parte di un’autentica esperienza Windows.

ARTICOLI CORRELATI

I PIÙ POPOLARI