Notizie false: una minaccia per la salute pubblica

0
263
notizie false minacciano la salute pubblica

Le fake news non sono un fenomeno nuovo. Secondo Wikipedia, le fake news sono una forma di stampa grossolana o propaganda che consiste in una deliberata disinformazione o farsa che si propaga attraverso la stampa tradizionale, la trasmissione dei media oi social media online. “Notiamo, quindi, che le fake news possono essere diffuse attraverso una varietà di metodi di comunicazione. Vale la pena menzionare, ad esempio, la diffusione di una voce all’interno di cluster sociali chiusi, o anche più diffusi, nell’ultimo secolo (il cosiddetto gossip, che era spesso basato su voci piuttosto che sulla realtà).

La caratteristica principale che è cambiata rispetto alle fake news nel 21 ° secolo è il metodo con cui vengono diffuse. Oltre al tipo “tradizionale”, ancora utilizzato per creare propaganda, all’elenco dei modi in cui le notizie false appaiono all’utente medio, sono stati aggiunti i media moderni, basati principalmente sull’uso di Internet per il loro funzionamento. Giornali, riviste e agenzie di stampa (soprattutto le più ampie) hanno acquisito un proprio sito web, un canale online e “moduli” elettronici per sfruttare la crescita diffusa di Internet. L’accesso a questi media è diventato molto facile su Internet, essendo quest’ultimo una fonte di informazioni per milioni di persone in tutto il mondo. Secondo un sondaggio del Reuters Institute (2016), la maggior parte dei residenti in 26 paesi intervistati fa ora più affidamento sui social media piuttosto che sulla stampa per informarsi.

Il valore di riferimento a questo punto è l’impressionante ma anche preoccupante (come vedremo in seguito) l’avanguardia cinese nel telegiornale. La stampa cinese Xinhua ha ideato e realizzato i primi conduttori di notizie interamente basati sull’Intelligenza Artificiale. Questo è senza dubbio un risultato impressionante, ma permangono i rischi di disinformazione e notizie false.

Oltre all’avanzare di tecnologie sempre più automatizzate sono ancora presenti meccanismi più umani per la diffusione delle informazioni. Stanno nascendo infatti molti siti come News Flash 24 che hanno come mission il limitare la diffusione di notizie false e smascherare quelle che al momento circolano sul web riportando la notizia vera. Questo è sicuramente un lavoro molto più faticoso in termini di tempo rispetto all’intelligenza artificiale ma attualmente il controllo umano è l’unica cosa che può giudicare una notizia riconoscendo se è vera o falsa.

Quali sono le implicazioni e i rischi della diffusione di notizie false su Internet?

Il primo degli effetti più dannosi delle fake news è di natura legale e ha a che fare con possibili violazioni dei diritti di informazione e di espressione. Questi diritti sono sanciti dalla Convenzione europea dei diritti dell’uomo, CEDU (articolo 10), e costituzionalmente garantiti in Grecia ai sensi degli articoli 5a e 14 rispettivamente. Sulla base di queste disposizioni, ogni cittadino greco deve essere in grado di essere informato ed esprimersi, senza restrizioni (a meno che non siano consentite eccezioni). L’impatto delle fake news, in termini legali, a prima vista, sembra essere molto importante: questa notizia disinforma il cittadino, con la conseguente violazione dei suoi diritti fondamentali. A prima vista, quindi, la diffusione di tali notizie è costituzionalmente vietata in Grecia. Questo divieto si applica alle notizie trasmesse con qualsiasi mezzo, compreso Internet. A un livello più pratico, le fake news trovate negli ambienti online possono essere dannose, dato il modo in cui diventano note e accessibili al grande pubblico. I mezzi con cui queste notizie vengono trasmesse (es. Internet) aiutano: a) la facilità di scrittura / creazione; b) la facilità della loro trasmissione (in cui il destinatario di tali notizie può ora svolgere un ruolo attivo, la loro distribuzione a più persone attraverso piattaforme di social networking); e c) la difficoltà di identificare la fonte delle notizie data la grande quantità di informazioni disponibili su Internet.

Cosa significano tutto quanto sopra? Molto semplicemente, la facilità con cui tali notizie possono raggiungere un utente di Internet, unita alla travolgente – già disponibile e nuova – informazione, rende la loro diffusione estremamente facile. Questa facilità cresce notevolmente con l’aiuto dei social media, offrendo un canale di comunicazione estremamente efficace di tali notizie con il loro destinatario finale. A causa della loro facilità di creazione, possono essere estremamente persuasivi e plausibili. Allo stesso tempo, questa notizia è difficile da controllare e confermare a causa della già grande quantità di informazioni disponibili su Internet e della difficoltà di filtrarle dall’utente medio dei media online.

Indubbiamente, l’effetto più dannoso delle fake news è la diffusione del loro contenuto (non vero). La persona presa di mira da tali pubblicazioni, notizie e contenuti generalmente affronta i pericoli derivanti dagli incentivi di coloro che li diffondono. Ogni tipo di scopo è servito dalla diffusione di tali notizie. Indicativamente, questi possono essere politici, economici, sociali, umanitari o terroristici. L’influenza del destinatario può portare a successive manipolazioni, terrore, pregiudizi ed emarginazione. Allo stesso modo, soprattutto quando le notizie false si riferiscono a individui o organizzazioni, possono causare loro danni non materiali, sotto forma di calunnie, pregiudizi, odio e sentimenti positivi, senza fare affidamento su fatti veri.

Metodi per affrontare il fenomeno

Per questo, puoi chiedere quanto segue:

  • Qual è la fonte della notizia?
  • Chi è l’autore / scrittore?
  • Quanto sopra è credibile?
  • Quando è stata pubblicata la notizia? È recente / cruciale?
  • Pubblicato su più media / da fonti diverse?
  • Il contenuto è oggettivo o soggettivo / parziale?

In conclusione, le notizie fuorvianti su Internet, che hanno molti punti in comune con quelle utilizzate in ambienti più “disconnessi”, sono ancora più disastrose. Come possiamo dunque proteggerci da notizie di dubbia validità? Lo strumento più efficace per questo è senza dubbio l’uso del pensiero critico.