venerdì, Settembre 24, 2021
Home Tech Recensione Samsung Galaxy Z Flip 3

Recensione Samsung Galaxy Z Flip 3

Alcune idee hanno subito un senso, e altre hanno bisogno di un po' di tempo per fermentare: dopo tre generazioni, il Samsung Galaxy Flip 3 è una versione molto più accessibile dei telefoni pieghevoli, e forse la prima volta che la tecnologia sembra qualcosa di diverso da un espediente. A $ 999, è anche la metà del prezzo del Galaxy Z Fold 3 più grande e accattivante, anche se sembra meno un compromesso che una questione di atteggiamento.

Il Flip 3 sembra davvero un Galaxy S21+ piegato a metà. È un solido 183 grammi, con un tasto del volume e un pulsante di accensione combinato e un sensore di impronte digitali su un lato. Nella parte inferiore c'è una porta USB-C, anche se non sorprende che non ci sia jack per le cuffie. Invece del vecchio altoparlante mono di Flip, ora ottieni un suono stereo, anche se non lascerà a bocca aperta nessuno né con il suo volume né con i suoi bassi.

Ci sono volute tre generazioni per ottenere quella che in realtà è una ricetta abbastanza semplice. Uno schermo del telefono Android di dimensioni normali, che si riduce in qualcosa di più tascabile, che non sacrifica indebitamente le prestazioni della batteria o della fotocamera nel processo e che può essere utilizzato a sufficienza quando è chiuso in modo da non doverlo aprire ogni volta che il Flip 3 suona o vibra.

Dietro questa premessa apparentemente semplice c'è un sacco di lavoro sulla gestione dell'alimentazione, sulla riduzione dei componenti, sullo sviluppo flessibile di AMOLED e altro ancora. Quello che devi davvero sapere è che, per la maggior parte, il Galaxy Z Flip 3 ora offre l'esperienza di un Galaxy S21+ a un prezzo comparabile solo in un fattore di forma che si piega nel mezzo.

L'opinione sembra ancora divisa sul fatto che sia qualcosa di cui le persone hanno effettivamente bisogno, ma quando si tratta di qualcosa che vogliono il Flip 3 è erba gatta tecnologica. Samsung ha una varietà di colori – alcuni opachi e altri lucidi – nella sua gamma quest'anno, ma mi piace come la versione nera non gridi immediatamente "telefono" quando la guardi quando è chiusa. È chiaramente una sorta di tecnologia, ma quell'incertezza sull'identità da grattacapo rende solo il grande schermo rivelarsi ancora più drammatico.

È un AMOLED dinamico FHD + da 6,7 ​​pollici, risoluzione 2640 x 1080 con una frequenza di aggiornamento adattiva di 120 Hz e 900 nit di luminosità tipica (o picco di 1.200 nit). È più o meno lo stesso del pannello del Galaxy S21+, solo lo schermo del Flip 3 ha un formato 22:9 anziché 20:9. Lo rende alto e abbastanza stretto.

Samsung lo completa con una nuova protezione per lo schermo, installata in fabbrica e non destinata a essere rimossa dagli utenti. Se il tuo si graffia o vedi la formazione di bolle, la raccomandazione è di farla sostituire da un centro di riparazione ufficiale. Non sembra vetro, ma è anche meno morbido rispetto alle versioni precedenti, il che significa che è molto più piacevole interagire giorno dopo giorno. Per quanto riguarda la piega, sì, è evidente a seconda di cosa c'è sullo schermo – e peggio se indossi occhiali da sole polarizzati – ma ho scoperto che mi sono abituato rapidamente (proprio nello stesso modo in cui non vedo la tacca di un iPhone più).

Il display pieghevole del Flip 3 reggerà a lungo? Qui sta la domanda da un milione di dollari per AMOLED flessibile, anche se Samsung insiste sul fatto che ogni generazione è più robusta della precedente. Ottieni un anno di copertura della garanzia estesa, il che è bello, anche se ciò significa comunque che sei pronto per una correzione dello schermo da $ 249 se qualcosa dovesse andare storto. Per tutta la rassicurazione di Samsung, il goffo, negligente o semplicemente prudente dovrebbe probabilmente farne a meno.

La praticità in tasca non è l'unico motivo per avere un display pieghevole. Samsung offre anche la modalità Flex in cui, in una piccola manciata di app come Galleria, Fotocamera e YouTube, l'utilizzo del Flip 3 parzialmente piegato sblocca un'interfaccia utente personalizzata. Per la fotografia, ad esempio, la metà superiore dello schermo mostra l'anteprima della fotocamera, mentre i controlli sono tutti nella metà inferiore. È intelligente, ma la modalità Flex è anche l'eccezione piuttosto che la regola e la maggior parte delle volte le app non prestano attenzione alla posizione in cui si trova la cerniera.

Il pannello pieghevole potrebbe essere ciò che ci porta alla festa di Flip 3, ma il display esterno è ciò che rende il tutto coeso. L'originale Galaxy Z Flip – e il suo successore 5G – aveva un minuscolo pannello esterno, utile in questi giorni quanto lo sarebbe un cercapersone. Sapevi chi stava chiamando o potevi visualizzare in anteprima un messaggio, ma fare qualcosa di significativo con quella conoscenza richiedeva di aprire il telefono ogni volta. È stata un po' come l'esperienza di ricevere notifiche su uno smartwatch, solo senza la comodità di farlo al polso.

Il touchscreen esterno del Flip 3 non è esattamente grande nel grande schema delle cose, ma le sue dimensioni lo rendono comunque molto più utilizzabile. La risoluzione di 1,9 pollici e 260 x 512 non sembra molto, ma con i widget di Samsung e lo spazio per quattro righe di notifiche puoi effettivamente ottenere una discreta quantità di risultati.

Un doppio tocco riattiva lo schermo – Samsung lo chiama Cover Display – e quindi puoi scorrere a sinistra e a destra tra i widget. Ce ne sono sei per cominciare, per Meteo, Calendario, Timer, Sveglia, Samsung Pay e Musica. Per la maggior parte, sembra ancora più una finestra di visualizzazione che un luogo in cui interagire con Android. Se vuoi rispondere a un messaggio, ad esempio, dovrai dettare la tua risposta con Bixby.

Al di là degli schermi fantasiosi, però, tutto il resto sembra vicino alla famiglia Galaxy S21, e penso che sia una buona cosa. Il chipset Snapdragon 888 con 8 GB di memoria funziona altrettanto bene, la OneUI di Samsung su Android 11 è progettata in modo pulito e facile da usare, e ci sono sia Sub-6 che mmWave di 5G più WiFi 802.11ax e Bluetooth 5.1. L'aggiunta dell'impermeabilità IPX8 è un passo importante per rassicurare le persone sul fatto che pieghevole non significa necessariamente fragile, anche se vale la pena notare che mentre un IP68 Galaxy S21+ è anche resistente alla polvere, la grinta è ancora il nemico mortale dei display flessibili.

Per la fotografia, c'è una fotocamera principale da 12 megapixel con autofocus Dual Pixel, stabilizzazione ottica dell'immagine e obiettivo f/1.8. Accanto c'è un ultra-wide da 12 megapixel con un campo visivo di 123 gradi e all'interno c'è una fotocamera selfie da 10 megapixel. Nessun teleobiettivo ottico, purtroppo, ma lo zoom digitale 10x di Samsung è utilizzabile a livelli di ingrandimento inferiori.

Non sorprende che le foto scattate dal Flip 3 siano praticamente alla pari con le foto catturate da un Galaxy S21+. C'è il riconoscimento della scena basato sull'intelligenza artificiale, il tracking AF, una modalità notturna in condizioni di scarsa illuminazione e l'intelligente Single Take di Samsung che estrae foto, video, ritratti, ritagli e altro ancora modificati da una breve sequenza di filmati.

La post-elaborazione di Samsung è un po' meno esuberante di una volta, il che significa che i colori non hanno lo stesso aspetto eccessivamente saturo. Preferisco anche l'effetto della modalità ritratto del Flip 3 a quello del Pixel 5a; lotta meno con i dettagli più fini, come i baffi degli animali domestici.

Ultimo, ma non meno importante, c'è il potere. Qui è dove le realtà – e i compromessi – del fattore di forma pieghevole sono più chiari: per adattarsi a un meccanismo a cerniera, qualcosa deve dare, e quel qualcosa è pura dimensione della batteria. 3.300 mAh non sono terribili, ma nemmeno i 4.800 mAh del Galaxy S21+. Anche il più piccolo Galaxy S21 racchiude di più.

Samsung fa molto per cercare di aggirare questa limitazione. Lo schermo adattivo riduce la frequenza di aggiornamento, lo Snapdragon 888 rallenta ed è chiaro che parte dell'obiettivo del display esterno più funzionale è che lo utilizzerai di più e aprirai meno il Flip 3. Tuttavia, un addebito in tarda giornata non è insolito.

Quando si tratta di ciò, il Flip 3 supporta la ricarica rapida da 15 W, sebbene Samsung non fornisca un vero mattone di ricarica nella confezione, e la ricarica wireless rapida da 10 W. C'è anche la ricarica wireless inversa da 4,5 W, anche se sospetto che sarà utile solo in caso di necessità date le dimensioni della batteria del pieghevole.

Samsung Galaxy Z Flip 3 Verdetto

Non è che i precedenti telefoni pieghevoli di Samsung fossero cattivi, più che i compromessi e le sistemazioni che dovevi fare in cambio di un design all'avanguardia erano più ovvi. Il Galaxy Z Flip 3 sembra meno rischioso in questo senso, come ci si aspetterebbe da un dispositivo con un adesivo da $ 999.

Allo stesso tempo, no, questo non è il telefono per tutti, e mentre i pieghevoli sono certamente più vicini a quello che pensiamo come il mainstream degli smartphone, questo non vuol dire che i giorni del Big Glass Slab sono contati. Non solo la tecnologia su cui Samsung fa affidamento con il Flip 3 ha ancora molto spazio per maturare, ma anche l'argomento fondamentale della praticità del clamshell non risuonerà necessariamente con tutti gli utenti.

In breve, il Flip 3 non è ancora un acquisto facile, ma non è più a causa di domande inerenti all'implementazione pieghevole di Samsung. Invece è una questione di priorità: le fotocamere, la durata della batteria e le dimensioni dello schermo sono le tue motivazioni principali o la portabilità e la flessibilità giocano un ruolo più importante? Il più grande risultato del Galaxy Z Flip 3 è che rende un design pieghevole solo un altro fattore distintivo sulla scheda tecnica, piuttosto che una decisione che comporta compromessi significativi. A prima vista potrebbe non sembrare eccitante, ma dovrebbe fare un'enorme differenza per spingere i telefoni pieghevoli nel mainstream.

ARTICOLI CORRELATI

I PIÙ POPOLARI