giovedì, Ottobre 21, 2021
Home Tech Scanner di impronte digitali sotto il display Pixel 6 visto in Android...

Scanner di impronte digitali sotto il display Pixel 6 visto in Android 12

Stock Android non è sempre stato al passo con le tendenze e lo sviluppo della sicurezza biometrica. L'impronta digitale rimane il suo sistema più potente supportato e anche in questo caso supporta solo i tradizionali sensori ottici sul retro dei telefoni o sotto i pulsanti di accensione. Il riconoscimento facciale è ancora lo stesso rozzo di anni fa e non l'implementazione basata su radar hi-tech che Pixel 4 ostentava due anni fa. Ora sembra che Google stia finalmente abbracciando l'ormai comune tecnologia di scansione delle impronte digitali sotto il display in Android 12, ma potrebbe anche essere un'esclusiva di quello che alla fine diventerà il Pixel 6.

Dato il numero di smartphone con scanner di impronte digitali in-display, alcuni potrebbero essere sorpresi di apprendere che Android stesso, almeno il "puro" Android che proviene da Google, in realtà non supporta la tecnologia. In poche parole, ciò significa che ogni OEM distribuisce la propria implementazione proprietaria e che le ROM personalizzate che basano il proprio codice su Android Open Source Project o AOSP non hanno tale accesso.

Le ultime anteprime degli sviluppatori per Android 12 hanno suggerito che Udfps, abbreviazione di "scanner di impronte digitali sotto il display", sta arrivando all'ultima versione della piattaforma mobile di Google. Nella prima anteprima dello sviluppatore, non era chiaro se questo sarebbe stato disponibile per AOSP o un'esclusiva Pixel. Con DP2, tuttavia, XDA ha notato che questa funzione è invece intesa come "com.google.android.systemui", il che significa che è specifica solo per un telefono Pixel.

Il passaggio all'utilizzo di uno scanner di impronte digitali arriva in un momento in cui le tecnologie di riconoscimento facciale sui telefoni non sono in grado di far fronte alle persone che indossano maschere per la protezione. È ancora sconcertante che Google abbia impiegato così tanto tempo per aggiungere finalmente il supporto per questi sensori sotto il display ma, di nuovo, è sempre stato lento a saltare sulle tendenze comunque. Questo a meno che non ne crei uno proprio, come il riconoscimento facciale basato su Soli su Pixel 4.

Detto questo, questa implementazione ha uno svantaggio, almeno per i produttori di ROM di terze parti e forse altri OEM. Non è ancora un supporto generico per la tecnologia a cui tutti gli sviluppatori Android potranno collegarsi, lasciandoli per ora fare affidamento su implementazioni diverse.

ARTICOLI CORRELATI

I PIÙ POPOLARI