giovedì, Ottobre 21, 2021
Home Tech Xiaomi inizia a bloccare i telefoni nei territori con restrizioni di esportazione

Xiaomi inizia a bloccare i telefoni nei territori con restrizioni di esportazione

Non tutti gli smartphone sono disponibili in tutti i mercati, ma al giorno d’oggi non è esattamente difficile acquistarli tramite i rivenditori online. Compatibilità di rete e normative locali a parte, è sicuramente possibile far funzionare i telefoni in territori non supportati. Lo stesso vale per i territori in cui potrebbero esserci restrizioni legali in cui alcune aziende possono esportare. Xiaomi, tuttavia, potrebbe assumere una posizione più proattiva su questo fronte, bloccando i telefoni che sono stati attivati ​​nei mercati in cui ha un divieto di esportazione.

C’è un piccolo numero di paesi in cui la maggior parte delle nazioni alleate del mondo ha accettato di non esportare le proprie merci. Alcune aziende hanno rispettato tali restrizioni per timore di essere penalizzate per aver infranto tali divieti commerciali. ZTE, ad esempio, è stata severamente punita dal governo degli Stati Uniti per aver esportato prodotti che utilizzavano tecnologie e componenti statunitensi in quei paesi vietati.

Xiaomi proibisce anche l’esportazione dei suoi telefoni in paesi come Crimea, Cuba, Iran, Corea del Nord, Sudan e Siria. Tuttavia, non ha esattamente il controllo su rivenditori ed esportatori di terze parti che potrebbero servire i consumatori in quei territori. In passato, tali consumatori sono stati in grado di acquistare e utilizzare liberamente i telefoni Xiaomi, ma ora potrebbe cambiare.

Secondo i rapporti raccolti da XDA, Xiaomi sta ora bloccando in modo proattivo i telefoni che operano in queste regioni. C’è una teoria secondo cui il blocco viene attivato solo sui telefoni Xiaomi che sono stati attivati ​​in quei paesi elencati ma non su quelli che sono stati attivati ​​prima altrove. Anche le ROM di terze parti in esecuzione sui telefoni Xiaomi potrebbero non essere interessate dal sistema di blocco remoto dell’azienda.

Xiaomi sta probabilmente camminando su basi legalmente oscure. Sebbene i suoi Termini e condizioni proibiscano chiaramente la vendita e l’esportazione dei suoi prodotti in paesi vietati, non affermano nulla sul blocco dell’uso dei telefoni lì. Se dimostrato di essere legalmente valido, potrebbe essere un precedente per altri produttori che seguano l’esempio o per i paesi che facciano pressione su queste aziende affinché lo facciano.

ARTICOLI CORRELATI

I PIÙ POPOLARI