lunedì, Marzo 4, 2024
HomeBenessereFitnessTurkesterone: orologio integratore alla moda

Turkesterone: orologio integratore alla moda


Quando si entra nel settore del fitness e della salute come specialista della nutrizione, qual è l’argomento più comune che tutti dicono di prestare estrema attenzione? Supplementi. Perché? Beh, perché mentre molti sembrano essere utili in teoria, non ci sono prove scientifiche che dimostrino che siano efficaci in qualsiasi forma.
Per fornire un esempio, in questo blog tratteremo un integratore specifico che ha guadagnato molta popolarità nella comunità dei body-building: il Turkesterone.

Il Turkesterone ha guadagnato interesse negli anni ’80, quando i bodybuilder olimpici russi erano sospettati di usarlo per scopi di doping.

La parola stessa suona familiare, giusto? Molto probabilmente perché stai pensando al testosterone! Questo pensiero sarebbe corretto perché il Turkesterone è essenzialmente l’equivalente di piante e insetti del testosterone.

Cos’è il turkesterone?

Il turkesterone è un phytoecdysteriod specifico, che è essenzialmente un ormone steroideo negli insetti e in alcune specie di piante e si ritiene che aiuti a scoraggiare i predatori e a regolare la riproduzione.

Il turkesterone si trova nella pianta Ajuga turkestanica. Tuttavia, è solo uno dei fitoecdisteroidi nella pianta. L’altro composto derivato da questa pianta si chiama Ecdysterone, noto anche come “20HE”, e gli integratori etichettati con Turkesterone spesso contengono entrambi i composti.

L’uso iniziale del Turkesterone era quello di sviluppare insetticidi più sicuri poiché si scoprì rapidamente che questi composti non erano tossici per i mammiferi. Da notare, questi composti esistono negli alimenti che si trovano comunemente nelle diete dei mammiferi, come gli spinaci. Tuttavia, in seguito, è stato scoperto un uso per potenzialmente aiutare con la comorbidità medica e regolare l’espressione genica.

Come funziona il turkesterone?

Quando osserviamo la struttura chimica dei fitoecdisteroidi, in particolare Turkesterone e testosterone, sembrano molto simili. Principalmente poiché il Turkesterone è sintetizzato dalle piante dal colesterolo. Suona familiare? Sì, perché il colesterolo è la spina dorsale degli ormoni steroidei presenti anche nell’uomo!

Per quanto riguarda l’espressione genica, è stato scoperto che i phytoecdysteriods non si legano ai recettori degli steroidi nell’uomo né alterano la produzione naturale, ma agiscono invece come influencer per segnalare percorsi come la sintesi proteica. Pertanto, è stato postulato che i fitoecdisteroidi potessero essere un efficace sostituto degli steroidi anabolizzanti perché non avrebbero prodotto effetti collaterali comunemente osservati con l’uso di steroidi anabolizzanti (acne, ginecomastia, comportamento aggressivo, ipertensione, ecc.).

Sebbene esistano dati molto limitati sul Turkesterone in particolare, altri tipi di fitoecdisteroidi come l’Ecdysterone hanno più ricerche, che è ciò che fornisce la struttura per il potenziale utilizzo del Turkesterone.

Sessioni di studio

Per prima cosa, esaminiamo un paio di studi che hanno esaminato gli effetti dell’Ecdysterone sulla crescita muscolare e sulla forza, perché è meglio iniziare con risultati promettenti!

Uno studio che utilizzava ratti voleva esaminare gli effetti dell’ecdisterone sulla dimensione del muscolo del polpaccio. Ai ratti sono stati somministrati 5 mg/kg di peso corporeo di Ecdysterone, altri due steroidi anabolizzanti e un placebo per 21 giorni e hanno avuto libero accesso a cibo e acqua. Per imitare gli effetti degli “atleti”, i ratti sono stati sottoposti a vari test di esercizio per stimolare l’attività muscolare. Hanno scoperto che Ecdysterone ha aumentato le dimensioni delle fibre muscolari significativamente più degli altri due steroidi anabolizzanti studiati!

Nel 2019 è stato condotto uno studio sull’uomo per testare gli effetti di Ecdysterone sui parametri di forza nei sollevatori di pesi collegiali maschi. Confrontando gli individui che assumevano un placebo, con quelli che assumevano due diverse dosi di Ecdysterone, hanno scoperto che quelli che assumevano Ecdysterone avevano miglioramenti significativi nella loro 1 ripetizione massima per back squat e bench press.

Molti altri studi sono stati condotti su topi, pecore e maiali. Uno studio condotto nel 1975 ha scoperto che il Turkesterone ha stimolato la crescita nei ratti. Allo stesso modo, studi nel 1968 e nel 2000 hanno scoperto che Ecdysteroid ha stimolato la sintesi proteica nel fegato e negli organi del topo. Altri benefici scoperti riguardavano la riduzione dei livelli di glucosio nel sangue, la guarigione dei tessuti cardiovascolari ed epatici e il miglioramento dei sistemi di difesa immunitaria.

Hai bisogno di prendere Turkesterone?

I risultati sembrano promettenti finora, giusto? Pensi che il Turkesterone possa essere un degno integratore da aggiungere alla tua dispensa per la costruzione muscolare? Prima di entusiasmarci, supponendo che tu abbia trovato una degna alternativa agli steroidi, dobbiamo prima esaminare altri studi con risultati contraddittori e valutare i disegni/metodi di studio degli esperimenti che mostrano risultati positivi.

Uno studio che ha testato gli effetti di Ecdysteroids sulla sarcopenia, o perdita di massa muscolare con l’invecchiamento, nei ratti, ha rilevato che la somministrazione di Ecdysteroids per 28 giorni non ha alterato la massa corporea, muscolare o organica. Inoltre, i marcatori di segnalazione della sintesi proteica sono rimasti invariati, indicando inoltre che l’uso di Ecdysteroid non ha influenzato la sintesi proteica muscolare.

Inoltre, la maggior parte degli studi fino ad oggi che hanno mostrato risultati promettenti erano in vitro, ovvero un sistema isolato come una provetta o un piatto di coltura. Esistono pochissimi dati per l’uso in vivo, ovvero un intero organismo. Con i dati disponibili, ci sono alcuni motivi principali per cui il Turkesterone non sarebbe un’alternativa efficace agli steroidi anabolizzanti tradizionali.

1. Gli ecdisteroidi vengono rapidamente eliminati e hanno una breve emivita. Ciò significa che dovrebbero essere ingerite quantità molto grandi ogni giorno per avere un effetto.

2. Per il motivo di cui sopra, non è stata ancora determinata una “dose” standardizzata. Questo è pericoloso per qualsiasi integratore perché è molto importante comprendere i limiti massimi per evitare tossicità o effetti avversi.

3. Le conversioni metaboliche nei tessuti periferici sono poco conosciute. Ciò significa che il meccanismo di come il turkesterone viene scomposto e utilizzato e come influenza i geni non è completamente noto.

4. Esiste troppa complessità genetica con i test. Il modo in cui le cellule possono essere manipolate, come si legano e la loro influenza sull’espressione genica è ancora poco compreso.

5. Esistono virtualmente zero dati nei modelli umani. La maggior parte degli studi, sia in vitro che in vivo, sono stati condotti su animali. Sebbene ciò fornisca informazioni sui potenziali meccanismi, non può concludere con sicurezza l’efficacia in un modello umano.

Conclusione

Mentre gli integratori saranno sempre in anticipo rispetto alla ricerca, è comunque importante valutare a fondo i dati disponibili esistenti per eliminare qualsiasi “ipotesi” quando si tratta di introdurre una nuova “chimica” nel tuo corpo, specialmente quella che non esiste naturalmente in il corpo umano.

Quando si parla con i clienti o si effettuano ricerche per uso personale, ci sono cinque punti chiave su cui vogliamo concentrarci prima di iniziare un nuovo integratore.

1. Sono elencati tutti i singoli ingredienti sull’etichetta del supplemento?

2. Il supplemento è stato testato per sostanze vietate?

3. Gli ingredienti sono fatti di materie prime?

4. I dosaggi sono basati su ricerche scientifiche?

5. L’integratore è prodotto in una struttura NSF e ha sia la sostanza vietata che la certificazione cGMP?

Se la risposta è no a una qualsiasi delle domande, presterei estrema cautela prima di assumere o raccomandare un nuovo integratore.

Mentre il Turkesterone suona alla grande in teoria e mostra alcuni risultati promettenti in vari modelli animali, c’è ancora molta più ricerca da fare prima di comprendere appieno i meccanismi e i potenziali usi di questo integratore.

Risorse

https://academic.oup.com/jinsectscience/article/3/1/7/841235?login=true

Turkesterone and Phytoecdysteroids: Mother Nature’s Anabolic Warfare

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4447764/

https://link.springer.com/article/10.1007/s00204-019-02490-x

RELATED ARTICLES

Most Popular