I video VR sono davvero il futuro del porno?

0
26
futuro del porno vr

Quando la realtà virtuale è arrivata, ha acceso la nostra immaginazione. I geek di tutto il mondo si sono svegliati con la stessa brillante idea: “Amico, il porno in VR sarà fantastico!”.

E se abbiamo imparato qualcosa dalla storia, sappiamo che il porno spinge in avanti la tecnologia. Il porno è stata la prima economia di Internet. Ha contribuito molto alla crescita del video. Cosa possiamo dire, gli umani sono eccitati? E quella cornea sfida i nostri limiti?

Allora, qual è il prossimo? Le cabine “Orgasmatron” con auricolari VR e giocattoli sincronizzati Bluetooth saranno popolari in tutto il mondo? È così che affronteremo la nostra solitudine o ci renderà più soli? Quando la fantasia diventerà così reale, usciremo mai?

Perché ora possiamo iniziare a stimare dove sta andando il mercato. E forse anche imparare qualcosa sul futuro della realtà virtuale nel suo complesso. La realtà virtuale cambierà davvero le nostre vite o è solo un flop?

Che cos’è il porno VR e qual’è il problema?

Se farai ricerche sul porno VR, quello che troverai principalmente è un video 180 stereoscopico (3D) che ti offre un nuovo tipo di immersione. Sarai posizionato nella prima persona POV (punto di vista) dell’uomo (c’è meno porno VR fatto per le donne).

Il nuovo corpo e la prospettiva intima hanno un grande potenziale. Qui abbiamo la possibilità di provare il porno come non abbiamo mai sperimentato prima. Incarnare un nuovo corpo sexy e avere l’attrice che ci guarda negli occhi mentre andiamo in città. È un punto di svolta!

Anche se la promessa è buona, non abbiamo ancora visto le masse correre nei negozi per acquistare cuffie VR e immergersi nel porno VR. Il mercato sta crescendo, ma molto lentamente. Non è che vediamo una riga di Best Buy per ottenere il nuovo Oculus, come abbiamo visto quando esce ogni iPhone. Allora, qual’è il problema?

Cominciamo con la “distribuzione”. Gli auricolari VR sono ancora tecnologici, ingombranti e costosi. Sebbene le vendite dei principali auricolari VR siano aumentate negli ultimi anni, la crescita della realtà virtuale sembra ancora lenta. Nel 2017 sono state vendute circa 4 milioni di unità. Nel 2018 erano circa 5 milioni e nel 2019 sono stati venduti circa 6 milioni di visori VR. Sta crescendo, ma non esplode.

L’uso principale della VR è ancora nei videogiochi e questo è praticamente tutto. I film, l’istruzione e anche il porno sono ancora sottosviluppati o non creati in modo massiccio. Inoltre, Oculus non ospiterà contenuti pornografici sulle proprie piattaforme. Pertanto, se desideri provare il porno VR, dovrai farlo dal web.

In tal caso, è essenziale disporre di una buona connessione Internet. Puoi trovare porno VR in tutti i principali siti porno, ma le biblioteche sono ancora noiose e per lo più non originali. Vediamo molte nuove società di produzione che creano contenuti e sembra che stiano avendo buoni affari. Tuttavia, è discutibile se la domanda è superiore all’offerta o se l’offerta non è abbastanza buona per aumentare la domanda.

E non voglio che tu pensi che sto criticando i creatori di porno VR là fuori. È difficile creare buoni contenuti. Il che ci porta alla seconda e principale sfida, la creazione di contenuti.

Quasi tutto il porno VR là fuori è 180 stereoscopico a causa del desiderio di una prospettiva realistica e intima. E mentre le fotocamere 360 ​​professionali si sono sviluppate bene nel corso degli anni, le 180 fotocamere vengono utilizzate più frequentemente.

Finora la maggior parte dei 180 video, in generale, sono stati ripresi principalmente da telecamere che Google stava inviando ai loro creatori. E il porno non era nel loro elenco di contenuti. Solo pochi anni fa è stata lanciata al pubblico la fotocamera professionale Z CAM K1, che è l’unica fotocamera 180 commercializzata per uso professionale.

E anche con Z CAM, è ancora molto difficile ottenere risultati realistici. Il processo di cucire una parallasse realistica è molto specifico e complesso. Il tempo di rendering è lungo e, dopo tutto questo lavoro, i risultati potrebbero comunque farti venire il mal di testa. Allora come possiamo salvare la giornata?

I plus della tecnologia

In questo segmento, si parla delle sfide che il porno VR sta affrontando e offrire un altro approccio per superarle. Quando ci si avvicina a un set immersivo da questo tipo di contenuto, ci sono alcune sfide che dobbiamo affrontare:

POV: quasi tutto il porno immersivo là fuori viene filmato dal punto di vista in prima persona. Il che porta la sfida di localizzare la fotocamera. Se potessi muovere la testa dell’attore e posizionare una telecamera proprio sul collo, sarebbe l’ideale. Ma poiché molto probabilmente non è così, la fotocamera è solitamente posizionata davanti al suo mento. Questo è anche il motivo per cui i creatori hanno utilizzato principalmente 180, quindi l’attore potrebbe posizionare la testa dietro di esso.

Parallax – Dal momento che vorremmo che l’attrice fosse vicina alla telecamera, porta sfide alla cucitura e al realismo del parallasse.

Movimento: poiché lo spettatore ha la libertà di guardarsi intorno, la telecamera deve essere stabile. Pertanto, rende più difficile dimostrare i movimenti del corpo dell’attore. Molte posizioni, come stare in piedi, potrebbero essere impegnative. Questo è il motivo per cui la maggior parte del porno VR è attualmente girata in una posizione meno attiva o “sdraiata”.

Proviamo qualcosa di diverso

Vorrei dare un consiglio, forse anche sfidare lo status quo qui. Creatori di erotica coinvolgenti là fuori, vorrei offrirti un nuovo approccio.

Per quanto comprenda perfettamente perché il 180 stereoscopico è un’ottima soluzione, prenderei in considerazione le riprese in 360. Le telecamere 360 ​​sono molto più sviluppate. Il processo di cucitura nella creazione di una parallasse realistica sarà più facile da ottenere. Allora cosa dovremmo fare con le teste degli attori che chiedi?

Può appoggiare la testa sotto la telecamera e poi comporre la testa durante la post-produzione. Mascherare il treppiede inferiore (o la testa) è diventato un normale metodo di lavoro e gli strumenti per farlo sono molto più stabili (grazie Adobe!).

E cosa dovremmo vedere se guardassimo indietro? Bene, lascerò correre libera la tua immaginazione. Forse c’è un’altra coppia laggiù che se la prende. Poiché l’azione si svolge proprio di fronte allo spettatore (e leggermente in basso), l’opzione di guardare indietro completa l’immersione.

Inoltre, mi piacerebbe vedere il medium uscire da quel POV in prima persona ed esplorare nuovi orizzonti. Una prospettiva immersiva di un’orgia potrebbe essere eccitante. Immergiti nel vecchio “teatro” romano o in una festa sessuale. Posso vedere come questo potrebbe vendere. Il numero limitato di 180 non fornirebbe completamente la premessa immersiva e il processo di post-produzione è molto meno supportato e instabile.

Soprattutto, a questo punto vorrei votare contro il video stereo. La tecnologia non è abbastanza buona per creare un buon parallasse su una questione normale e la maggior parte delle apparecchiature di visualizzazione delle persone non è ottimale per il 3D. Direi che fino a quando la tecnologia non migliorerà, stereo in 180 e anche stereo in 360, fa più male che bene.

Soprattutto a una distanza così intima dalla telecamera. La stessa prospettiva immersiva è sufficiente per eccitare il pubblico. Direi che lo stereo rende le persone più malate, e quindi le allontana dalla realtà virtuale in generale. Il 3D rende il processo di post-produzione molto più complicato.

I video stereo impiegheranno più del doppio del tempo per ottenere una qualità professionale. Inoltre, la maggior parte delle persone si sta ancora abituando ad avere quegli strani occhiali in testa. Facciamo in modo che sia più semplice per i loro occhi ed esportiamo su Mono fino a quando la tecnologia non migliora.

Il pubblico

Dopo aver massacrato il porno VR, parliamo di ciò che è buono.

La gente lo adora!

Tutto quello che ho trovato sono recensioni entusiaste che parlano di quanto sarà bello “sarà”. Con l’accento su “sta per essere”. Vedi molta eccitazione sul web per il porno VR. La gente è entusiasta e si lamenta dei siti che esistono, con molto spirito “quanto sarà bello il futuro”.

Che penso sia una cosa incredibile. Cos’è il porno se non una fantasia? Pertanto, fantasticare sul futuro del porno VR può farne parte. Per citare un articolo su rabbitsreviews.com “Immagina lo stato del porno VR nel 2033”.

“Non preoccuparti, non è niente come il porno 3D”, dicono. Non credo che qualcuno pensasse che il 3D fosse il futuro del porno, ma è piacevole vedere una risposta così positiva ai video 360. E alcuni di quei nuovi siti porno VR sono costruiti meglio della maggior parte dei siti di distribuzione VR cinematografica.

Esiste un divario tra l’interesse per la tecnologia stessa e la necessità di contenuti in luoghi in cui le persone sono per lo più isolate. Il che mi porta a pensare alla domanda con cui abbiamo aperto. Questa tecnologia ci renderà più soli o isolati?

Questa è una domanda che abbiamo sentito molto quando la realtà virtuale era in eccesso. Vivremo nella nostra realtà virtuale e non usciamo di casa? Penso che questo confronto ci mostri la differenza. Mostra la necessità di questa tecnologia nei luoghi in cui siamo soli o non siamo in grado di uscire con le persone.

Consideriamo anche la combinazione di VR con giocattoli gestiti tramite Bluetooth. Possiamo connetterci e condividere esperienze anche se non siamo nello stesso luogo fisico e questo, amici miei, è un nuovo capitolo per l’umanità. Ora i miei pensieri sono cambiati dai futuristici “Orgasmatrons” e hanno aggiunto un nuovo livello di connessione tra le persone in modo intimo.

Questo è l’obiettivo del lavoro di Facebook con Oculus. Chiamano la realtà virtuale la macchina dell’empatia e voglio suggerire che non è solo l’immersione a produrre quell’effetto. È anche la disconnessione da tutto ciò che ci circonda per concentrarsi su una cosa. È ironico che per togliere i telefoni avessimo bisogno di metterne uno sugli occhi in modo da poterci guardare di nuovo intorno e concentrarci su una cosa.

Non c’è equità sessuale

Vorrei toccare una questione molto chiara. Tutto il porno VR che ho potuto scoprire è dalla prospettiva POV in prima persona dell’uomo / fondoschiena. Non sono riuscito a trovare un singolo video girato da un’altra prospettiva. Inoltre, non capisco perché non vediamo molto porno in realtà virtuale dal punto di vista femminile.

Non c’è una ragione tecnica per questo, ce n’è solo una culturale. Penso che la realtà virtuale ci dia l’opportunità di vedere letteralmente le cose da un’altra prospettiva. Penso che sia una grande opportunità per esplorare cose nuove.

Penso che sia giunto il momento di creare raccolte di porno VR che esploreranno nuovi angoli. Nel porno normale non ci sono pregiudizi, le persone guardano cosa li eccita. Ma quando usi il punto di vista in prima persona vedi il mondo dalla loro prospettiva, e c’è solo una prospettiva lassù in questo momento.

Penso che sarà molto interessante vedere anche la prospettiva femminile. Può regalare una nuova avventura ai curiosi. La realtà virtuale è lì per noi per provare nuove realtà.

È il futuro?

Volevo vedere a cosa stanno lavorando i pionieri del mercato erotico. Quali sono le innovazioni di cui parla l’industria e se la VR è inclusa? Ho iniziato guardando le startup leader nel mercato di oggi e quello che ho trovato sono molte start-up guidate da donne che vendono per donne.

Molte aziende offrono vibratori e porno progettati per le donne. E sebbene questi siano grandi sviluppi, non sono riuscito a trovare alcuna realtà virtuale tra le startup emergenti nel mercato dell’erotismo. Inoltre, guardando queste startup guidate da donne, è chiaro che progettano i loro contenuti erotici in modo completamente diverso dai soliti siti porno.

Puoi trovare podcast erotici, ma non molti contenuti visivi. Se si allontanano dalla stimolazione visiva, la realtà virtuale non sarà sicuramente nei loro piani. Ma quando guardi fuori dagli Stati Uniti, il porno VR è nella conversazione. In Giappone, assistiamo a un aumento dei giochi sessuali VR come “Wedding VR”. Si rivolge a giocatori di sesso femminile che vorrebbero legare il nodo con un personaggio maschile animato di loro scelta.

In sintesi, c’è un futuro per uno sviluppo migliore nel porno VR, ma è ancora molto presto. Se hai mai desiderato diventare un regista porno, ora è il momento di prendere una videocamera VR e iniziare a costruire il tuo impero. C’è bisogno di porno VR e c’è eccitazione per VR in generale. Ma praticamente non ce n’è abbastanza e non abbastanza di buona qualità.

I revisori adorano il porno VR, ma principalmente per la promessa. Offre un prodotto nuovo ed entusiasmante per il futuro. In questo momento, la maggior parte dei video ti dà principalmente mal di testa. La domanda di VR è cresciuta, ma l’offerta non c’è ancora. Quindi amici, uscite e girate altro porno VR.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui