17 cose da sapere prima di andare a Città del Messico

0
27

Come mangiare, bere, vestirsi e viaggiare nell'immensa capitale del Messico.

Non aspettarti i tropici. Un sacco di esordienti si presentano nei loro abiti da spiaggia più belli alla ricerca di palme e giornate miti. Sono spesso delusi nello scoprire che Città del Messico si trova a 7.000 piedi sopra il livello del mare, il 50% più alto di Denver, il che si traduce in un clima alpino fresco e secco e nell'aria rarefatta che potrebbe lasciarti improvvisamente senza fiato mentre sali le scale (non dimenticare di bere molta acqua; è importante rimanere idratati ad altitudini più elevate). Questo non vuol dire che qui fa freddo, ma di certo non fa caldo. Le serate piovose e le notti e le mattine fredde sono comuni, anche nei giorni più caldi. Porta gli strati.

Porta contanti. Sebbene molti posti accettino le carte, ci sono alcune esperienze fondamentali a Città del Messico che possono essere vissute solo con una tasca piena di banconote e monete. Prendi un taxi per strada (non è pericoloso, anche se potrebbe richiedere un po 'di trattativa), prendi un autobus, fai acquisti nei mercati (specialmente Lagunilla la domenica), usa la metropolitana, compra caffè appena macinato o concha in uno degli innumerevoli della città panifici. E usalo per dare la mancia alle persone, di solito tra il 10 e il 15 percento.

Diventa colto. "Quando la capitale della Nuova Spagna aveva già, in una sola strada, la prima università, la prima tipografia e la prima accademia di belle arti del continente americano, c'erano ancora bufali che pascolavano casualmente a Manhattan", recita un famoso detto sulla capitale messicana. A parte il fatto che non ci sono mai stati bufali a New York, non è affatto sbagliato. Popolosa anche prima dell'arrivo degli spagnoli, questa metropoli sofisticata è stata per secoli incline alla produzione culturale, il che rende difficile districare senza un po 'di preparazione. Prima di intraprendere un viaggio, guarda Los Caifanes (1967) di Juan Ibáñez o il debutto 2014 di Alonso Ruizpalacios, Güeros, quindi dai un'occhiata a ciò che viene proiettato alla Cineteca Nacional, l'emporio statale della città del cinema nazionale e internazionale. Per un elenco di letture, faresti bene a iniziare con The Savage Detectives (1998) di Roberto Bolaño, La región más transparente (solitamente tradotto come Where the Air is Clear) di Carlos Fuentes (1958), una selezione di poesie e saggi di Il premio Nobel messicano Octavio Paz e l'eccellente La Capital: The Biography of Mexico City (1988), scritto da Jonathan Kandell, ex corrispondente del New York Times.

Approfitta di Instagram. Anche prima di arrivare, seguire una manciata di account Instagram super specifici può darti un'idea della cultura estetica distintiva di Città del Messico. Ci sono feed dedicati alle insegne dipinte a mano), cartelli scritti su cartoncino al neon, porte, donne che si truccano sui mezzi pubblici e le tante belle persone che affollano le nostre strade. Porta con te batterie extra per caricare il tuo telefono: la nostra è una città visiva.

Salta alla galleria in metropolitana. Il modo migliore per arrivare praticamente ovunque a Città del Messico è comunque la metropolitana. Utilizzato ogni giorno da 7,5 milioni di chilangos (come sono chiamati i cittadini della capitale del Messico), il sistema ha 12 linee e 195 stazioni, all'interno delle quali troverai installazioni artistiche permanenti come il murale di Rafael Cauduro Metro de Londres, Metro de París nella stazione di Insurgentes , riproduzioni dei celebri murales Maya di Bonampak nella fermata Bellas Artes dipinta dalla discepola di Rivera Rina Lazo, e il Museo del Metro di recente apertura a Mixcoac, utilizzato per mostre di archeologia, arte moderna, design e storia. La linea 2 è la più interessante per la sua architettura modernista; l'ultima macchina sulla linea 1 è storicamente conosciuta come una zona di crociera gay; mentre la linea 12, la più nuova e pulita, è praticamente priva di venditori ambulanti, noti come vagoneros, che solcano rumorosamente le loro merci in tutto il sistema.

Non restare bloccato a Roma e Condesa. Questi bei (e costosi) quartieri sono di per sé una meta degna – potresti dedicare loro un intero viaggio – ma sono solo una piccola parte di ciò che la capitale messicana ha da offrire. Città del Messico è divisa in 16 delegazioni, che, a loro volta, sono suddivise in colonie o quartieri. Solo nella delegazione centrale di Cuauhtemoc, dove si trovano sia la Roma che la Condesa, vale la pena dedicare del tempo a esplorare colonie come Juárez, Tabacalera, San Rafael e Santa María la Ribera, che offrono molte cose in termini di storia e cibo. E, naturalmente, c'è il Centro Histórico. Le centinaia di isolati che compongono il centro storico sono stati, per secoli, l'intera città, una metropoli costruita su una grande isola nel mezzo di un lago poco profondo, popolata da indigeni messicani e, più tardi, da spagnoli e meticci. Nel corso dei secoli, i progetti di drenaggio e irrigazione volti a controllare le inondazioni hanno gradualmente prosciugato il letto del lago, lasciando più spazio alla città per espandersi e, infine, assorbire città e villaggi circostanti. Purtroppo, la maggior parte dei visitatori vede, al massimo, tre delegazioni che si perdono posti come Chimalistac, Mixcoac e Santa Catarina a Coyoacán, nascosti nell'immensa impronta urbana della città.

Carne di strada in Centro

Impara la differenza tra ahorita e nunca. Lo spirito barocco della capitale esige che i suoi abitanti dicano di sì quando, in realtà, noi intendiamo no. La nostra parola preferita, ahorita, è un esempio calzante. La forma diminutiva di ahora, o ora, non significa, come ci si potrebbe aspettare, in questo momento, ma piuttosto qualcosa come "tra un po '" o "dopo" o "alla fine" o, a volte, nunca, che significa "mai". Non ti offendere: è cortesia, non maleducazione. Lo stesso vale per la spezia: no pica, o "non piccante", significa generalmente "piccante" – e molto.

Assapora la vecchia Città del Messico a Bellinghausen. Bancarelle e fondas – la risposta messicana a un bistrot provinciale senza fronzoli, che serve cibo sostanzioso e senza pretese a prezzi accessibili – offrono infinite prelibatezze (e, per la maggior parte, non sono motivo di preoccupazione per la tua salute gastro-intestinale), mentre, più recentemente, la scena culinaria moderna di Città del Messico è notoriamente decollata. Ma abbiamo anche la nostra quota di ristoranti storici ed eleganti, come questo gioiello del 1915 nella Zona Rosa, altrimenti passata e privilegiata. Bellinghausen continua ad attirare politici e celebrità, la maggior parte dei quali viene per una cosa: la chemita. Il piatto principale della cucina vecchia scuola di Città del Messico, la chemita è un semplice filetto di manzo, carbonizzato all'esterno, rosso all'interno, bagnato nel suo stesso sugo burroso, condito con pepe nero e guarnito con cipolle fritte e purè di patate. Classico.

Bevanda diurna in a cantina. Come tradizionale luogo di incontro sia nella capitale che nelle città del Messico, la cantina come istituzione risale al 1840, quando gli americani invasori richiedevano bar come quelli che avevano a casa. Ma hanno radici precedenti nelle fondas e pulquerías – le taverne umide e ricoperte di segatura che servono linfa di agave fermentata – dei secoli precedenti. Le cantine sono per lo più aperte durante il giorno, meglio apprezzate durante la prima serata e, fino al 1982, quando hanno aperto ufficialmente le loro porte alle donne, erano spazi storicamente maschili. Apprezzo molto il Salón España, che ha più di 100 anni, vicino al Templo Mayor, nel bel mezzo del Centro Histórico. Fino a quando l'università non stabilì il suo nuovo campus (merita una visita per la sua spettacolare architettura modernista) nel lontano sud della città negli anni '50, questo quartiere era il cuore del mondo accademico di Città del Messico e, per estensione, del Messico. Il cibo al Salón España è economico e per niente male: un menu a prezzo fisso di tre portate è gratuito con qualsiasi ordine di tre birre o due bevande più forti. Il motivo migliore per venire al Salón España è l'elenco delle tequila, più di 170 bottiglie in tutto (le mie preferite provengono dalla regione in crescita di Arandas). Sono tutti convenienti e, ancora più sorprendenti in una città che sembra essere costantemente a corto di cose, quasi tutti sono disponibili la maggior parte del tempo.

Se contiene un verme, non berlo. Questo è il modo in cui distinguiamo tra mescal artigianale e roba industriale. Fino a una decina di anni fa, a Città del Messico quasi nessuno beveva mescal: era visto come un po 'di roba da quattro soldi per il tuo cugino di campagna. Poi La Botica ha aperto i battenti a La Condesa e il mescal ha cavalcato (o ha contribuito a generare?) L'ondata di nostalgia che ha riportato in auge tutte le cose tradizionali nella capitale. Ora il posto migliore per assaggiare i liquori a base di agave è Bósforo, probabilmente il bar più alla moda di Città del Messico, situato in una strada buia ai margini del Centro Histórico dietro una tenda di velluto rosso. Anche qui c'è molto di più del mescal: prova un raicilla di Jalisco, bacanora di Sonora o sotol di Chihuahua.

Salón España.

Cadere in alcune trappole. Andare a vedere lucha libre sembra probabilmente una trappola per turisti; non è. Preferisco gli spettacoli del sabato sera all'Arena Coliseo – dietro l'angolo dell'elegante Plaza Santo Domingo nel Centro Histórico – agli spettacoli più sgargianti del venerdì sera all'Arena Mexico. Lo stesso vale per il Ballet Folklórico de México, diretto da Amalia Hernández. Vedrai schierarsi quasi interamente stranieri, ma è solo perché i miei connazionali non sanno cosa si perdono.

Non aspettare in fila per Casa Azul. Niente contro questo museo, ma l'arte messicana è molto più di Diego e Frida. Questa è un'intera città di musei. Non dovresti partire senza aver visitato i famosi Musei di Antropologia e Arte Moderna, ma dovresti anche trovare il tempo per il Franz Mayer, per le arti decorative; lo spettacolare Museo di Arte Contemporanea (MuAC) dell'università; e la sacrestia della Cattedrale, che tecnicamente non è un museo, ma potrebbe anche esserlo. Se sei un appassionato del duo più famoso di Città del Messico, probabilmente sarai più soddisfatto di una visita allo Studio Rivera-Kahlo, alla Secretaría de Educación Pública nel Centro o al Museo Dolores Olmedo, dove tu ' Troverò la più grande collezione Kahlo del mondo.

Il Museo di Arte Contemporanea (MuAC).

Cenate intorno a Tacubaya. Polanco è tutto a posto, patria dei tanto lodati Pujol e Biko, con le loro reputazioni internazionali (e prezzi), chef simili a autori e liste d'attesa scomode. Detto questo, ci sono molte altre eccezionali esperienze culinarie da vivere non troppo lontano. Casa Merlos, nella Colonia Observatorio, serve ricette, e talpe particolarmente squisite, dall'apogeo barocco di Puebla, una città a due ore a sud-est della capitale (aperto da giovedì a domenica, 13-18). Chillakiller, in uno dei primi edifici art déco della città, serve enormi porzioni di variazioni creative sul classico chilaquile, un piatto di tortillas di un giorno fritte in triangoli croccanti, cosparse di salsa, crema, queso e usate universalmente per curare postumi di una sbornia. A pochi passi da lì troverai un ramo di La Poblanita, dove potrai gustare alcuni eccezionali antojitos (antipasti), come tostadas, flautas e fogli croccanti di chicharron (pelle di maiale fritta) con guacamole.

Non aver paura del Centro. Molte persone pensano che la mia città sia pericolosa (lo è, anche se non molto più di qualsiasi altra capitale mondiale), ma i quartieri lungo il Paseo de la Reforma sono, il più delle volte, pieni di persone, attività aperte e telecamere di sicurezza . Non c'è davvero nulla di cui preoccuparsi. Anche le parti del Centro dietro il Palacio Nacional, nonostante la loro cattiva reputazione, stanno perfettamente bene durante il giorno. Lo stesso vale per Tepito, quartiere internazionalmente noto per la sua bravura, che dovrebbe essere conosciuta, invece, per le sue migas (una nutriente zuppa di pane e ossa) e per la Chiesa di Tequipeuhcan. Se decidi di andare lì, fai attenzione a rimanere nelle strade principali del mercato come Aztecas e Matamoros e non far lampeggiare il tuo iPhone in giro. Per citare Alfonso Hernández, il cronista più famoso di Tepito, "Facciamo pagare una tassa elevata per l'ingenuità".

La Cattedrale Metropolitana dell'Assunzione della Beata Vergine Maria al Cielo, la più grande cattedrale delle Americhe.

Conosci il lato rurale della città. Ben un quinto dello stato di Città del Messico – ex Distrito Federal – è in realtà campagna, punteggiata di villaggi indigeni che conservano il proprio sapore caratteristico e locale. Non è difficile raggiungere alcuni di questi, come il pittoresco villaggio millenario di Tlaltenco, che ha la sua stazione della metropolitana. Per i più intrepidi, i villaggi di San Pedro Atocpan e Santa Ana Tlacotenco a Milpa Alta sono famosi per le loro talpe e gli infiniti campi di nopales.

Usa Sanborn's per il bagno. Un ristorante travestito da grande magazzino, o viceversa, Sanborn's è una parte essenziale dell'immaginario collettivo di Città del Messico. Per molti decenni, a partire dall'inizio del XX secolo, ce n'è stato solo uno, situato nel palazzo del XVII secolo noto come Azulejos, chiamato per la sua facciata riccamente piastrellata. Adesso sono assolutamente ovunque. Nei giorni precedenti a Grindr, la sezione della rivista era uno dei tanti luoghi di crociera gay sparsi per questa città generalmente tollerante. In questi giorni, è un posto dove andare per un caffè, un piatto di enchiladas passabili e, in caso di emergenza, bagni puliti in modo affidabile a disposizione di chiunque con una tassa di cinque pesos o l'acquisto di qualsiasi piccolo oggetto che potresti desiderare il cassiere.

Un impiegato in abiti tradizionali da Sanborn's.

Non preoccuparti per i terremoti. A parte la preoccupazione per l'acqua del rubinetto (che, onestamente, non è così male come si dice), questa è probabilmente la più grande paura che le persone hanno quando vengono a Città del Messico. La città si trova in una zona sismica e gli effetti di forti scosse sono amplificati dal terreno soffice dell'ex fondale del lago, ma i terremoti non si verificano spesso e raramente sono così gravi come quello che ha colpito il 19 settembre di quest'anno. Se sei ancora preoccupato, considera di rimanere sul terreno (relativamente) solido di quartieri come Centro, Polanco o Coyoacan.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui