mercoledì, Luglio 17, 2024
HomeIntrattenimentoCome sta cambiando il mondo dei videogame

Come sta cambiando il mondo dei videogame

Dai tempi di SuperMario, passando per Street Fighter, PEE e l’ultra decennale saga di Final Fantasy, il mondo dei videogame è cambiato non poco. Non solo perché l’evoluzione grafica e di giocabilità è ovviamente migliorata con gli anni, arrivando ad avere sui nostri schermi una iper definizione e personaggi al limite dell’umano, ma anche perché il modo di approcciarsi ai giochi, gli strumenti ludici, quelli di interattività e di giocabilità sono stati letteralmente rivoluzionati nel corso degli ultimi anni. I videogame, parte ormai integrante della nostra vita non solo nelle nostre case ma ormai in fiere, eventi, tornei e appuntamenti pubblici, sono un settore travolto dagli investimenti e da attività di business sempre più grandi grazie all’attrattività che questo comparto ha visto negli ultimi tempi. Basti pensare al ramo dell’iGaming, con sale da gioco virtuali che ripropongono in formato digitale l’esperienza di un vero e proprio casinò tradizionale, con l’unica differenza che qui, oltre ad essere tutto digitalizzato, c’è la possibilità di utilizzare specifiche promozioni come i codici bonus casinò già registrato o quelli riservati ai nuovi iscritti. Inoltre tra il 2021 e il 2023 si è assistito a un passo deciso nella rivoluzione videoludica con novità attesissime che potrebbero segnare una svolta epocale per questo settore.

Videogiochi, non solo console: le nuove tecnologie

Di sicuro a rendere rivoluzionario questo periodo è l’affidamento sempre più intensivo alle nuove tecnologie e modalità di fruizione dei videogiochi. Il futuro, ma già il presente, non resterà più legato ai giochi acquistati per essere giocati su console e Pc ma tutto passerà dal Cloud, con servizi da remoto che renderanno la fruizione dei videogiochi sempre più libera e in mobilità. E con qualsiasi dispositivo si detenga. La grande novità del cloud gaming, infatti, non è solo il fatto di poter acquistare e sfruttare un determinato gioco su un server, e dunque utilizzabile da qualsiasi dispositivo che si possa collegare ad esso, ovunque ci si trovi. La grande novità è che il server stesso è il computer sul quale si gioca. In parole povere, non servirà più avere una console di ultimissima generazione o un computer costosissimo con alte prestazioni perché tutto lo sforzo sarà demandato al computer server. Esistono già piattaforme che offrono questa tecnologia e già con buoni risultati.

Playable in streaming 

Ci sta già provando YouTube e Netflix non sta a guardare investendo su tanti titoli già disponibili per Android e iOS. Si tratta delle piattaforme di streaming che oltre ai loro contenuti video stanno cercando di portare l’interattività, anche quella videoludica, sui loro portali. Ogni utente può accedere al proprio account, andare nella sezione gaming e scegliere un gioco da giocare su smartphone o computer, con una semplice connessione internet e soprattutto senza la necessità di scaricare nulla sul dispositivo. Un esperimento per il momento, quello dei colossi americani, per vedere come risponde il mercato ma sicuramente un tentativo per aprirsi ad altri settori e trovare nuove forme di business.

Le tecnologie 

C’è un comparto che più di tutti sta vedendo un’espansione clamorosa, fatta non solo di tecnologie incredibili ma anche, e soprattutto, di nuove figure professionali. Ed è quello del video, anche se questo sarebbe riduttivo. Le aziende di videogiochi hanno capito che offrire un’esperienza videoludica “esterna” non basta. Serve un maggiore coinvolgimento del gamer sia nello storytelling e nella sceneggiatura del gioco sia a livello emotivo e quasi fisico. Ecco perché le tecnologie di IA, di realtà virtuale e aumentata sono quelle su cui si stanno spendendo le maggiori risorse. L’obiettivo è quello di immergere il giocatore a 360° nel gioco, con una definizione al limite del realistico e una interattività mai vista prima. A fare da corollario a tutto questo anche una responsività sempre migliore, una sound experience come se si fosse al cinema e una cura nei dettagli grafici che è una vera e propria opera d’arte.

RELATED ARTICLES

Most Popular