14 cose da sapere prima di andare a Zanzibar

0
25

Perdersi a Stone Town e entrare nel tempo dello Swahili: viaggio intelligente sulle Isole delle Spezie.

Zanzibar non è come la terraferma. L'arcipelago semi-autonomo è un 23
-mile hop dalla Tanzania continentale, e sebbene faccia ufficialmente parte del paese dell'Africa orientale, in quasi tutti gli aspetti – politica, religione, cultura, cibo – la vita è diversa. Come base per i commercianti della regione dei laghi africani, dell'India e della penisola arabica, Zanzibar divenne un fulcro per il commercio di schiavi e spezie della regione. La maggior parte degli zanzibarini si considera Zanzibar piuttosto che tanzaniana, e il loro territorio ha il proprio leader e organi di governo. La Tanzania continentale è un misto di gruppi cristiani, musulmani e indigeni, ma Zanzibar, governata dal Sultanato dell'Oman per secoli, è quasi interamente musulmana. (Il Sultanato aveva a sua volta lottato contro le isole dai portoghesi – e molto più tardi diventarono un protettorato britannico, fino all'indipendenza di Zanzibar nel 1963).

Vai all'ora dello Swahili. Il tempo è inizialmente confuso, ma in realtà ha molto senso. Nella cultura swahili, le persone iniziano a contare il tempo all'alba anziché a mezzanotte, il che significa che 7:00 l'ora occidentale è l'una del mattino, ora swahili, e le 19:00. è l'una di notte. (Questo funziona perché gli orari del tramonto e dell'alba sono relativamente costanti tutto l'anno, poiché Zanzibar è così vicina all'equatore.) Un trucco per decifrare questo codice è immaginare di disegnare una linea direttamente sul quadrante di un orologio: tre diventa nove, quattro diventa dieci . Quando si organizzano gli orari delle riunioni, è meglio specificare l'ora del giorno in cui si desidera incontrarsi (mattina, pomeriggio, sera, notte) in questo modo, anche se i numeri sono disattivati, è probabile che rimarrai comunque connesso.

Piantaggine in vendita sulla strada a Stone Town. Foto di: Megan Dolski

Non temere il traghetto (ad alta velocità). Il transito a Zanzibar avviene in aereo o in nave, molto probabilmente con partenza da Dar Es Salaam. Il viaggio in aereo prevede circa mezz'ora di navigazione in un traballante Cessna, ma il traghetto è più economico e può essere un'esperienza molto più piacevole. Le barche ad alta velocità corrono quattro volte al giorno a tratta, impiegano circa due ore e un biglietto ti farà correre meno della metà di quanto costa volare. Non lasciarti scoraggiare da avvisi di viaggio esagerati che menzionano navi che si capovolgono: le barche ad alta velocità sono sicure, moderne e confortevoli. Stranamente, il film del 2013 Captain Phillips, una rivisitazione hollywoodiana di un vero dirottamento di pirati somali del 2009, è spesso l'intrattenimento a bordo preferito. Se fuori è bello o sei incline al mal di mare, il ponte superiore è ventilato e offre le viste migliori.

Una vista sull'Oceano Indiano dalle rive di Stone Town. Foto di: Megan Dolski

I saluti contano. Fermati e saluta: lo swahili è una lingua facile da imparare e la curva di apprendimento iniziale è rapida. Imparare solo le basi ti porterà abbastanza lontano. Non dare per scontato che la costante attenzione delle persone lungo la strada sia un tentativo di venderti qualcosa o di intrappolarti a fare una sorta di tour – questo accade, ma anche salutare è una parte importante della cultura locale. I "Mambos" e "Jambos" spesso sono proprio questo, quindi è una buona idea salutarci. All'inizio potrebbe essere travolgente, ma è bello rendersi conto che così tanti estranei si prenderanno il tempo per riconoscere la tua presenza e chiederti della tua giornata. (Uno "Shikamoo", solitamente riservato a coloro che non conosci, i tuoi anziani o superiori, è un saluto rispettoso che i locali apprezzeranno.)

Il sole tramonta sull'antica città di Zanzibar. Foto di: Megan Dolski

Perditi a Stone Town. La città antica, dichiarata patrimonio culturale dell'UNESCO nel 2000, è affascinante, ma fondamentalmente è un labirinto. L'atto di ricevere indicazioni stradali attraverso i vicoli tortuosi della città di solito comporta una serie di gesti delle mani confusi e annuisce con la testa, e probabilmente non ti porterà dove vuoi andare più velocemente. Ci sono nomi di strade, più o meno, ma nessuno li usa davvero. Il lato positivo è che Stone Town è piccola e sicura e non sapere dove stai andando fa parte dell'esperienza. Le persone del posto sono utili, quindi puoi chiedere indicazioni tutte le volte che vuoi, ma a volte è meglio lasciarsi andare.

Foto di: Joshua Kehn

La vita sull'isola è lenta. A Zanzibar, la vita muove pole pole – Swahili per lento. Le cose a Zanzibar non hanno sempre senso, non funzionano sempre o possono richiedere del tempo. È importante godersi il caos calmo e prendere spunto dal ritmo tranquillo. Il tuo frullato potrebbe richiedere 45 minuti per presentarsi, ma sarà delizioso e vale la pena aspettare. Lazuli, un piccolo ma meraviglioso ristorante a Stone Town è un buon posto per provare questo.

Tenere il passo con il calcio della Premier League a Stone Town. Foto di: Fabulous Fabs

Scegli la tua avventura. Zanzibar ha ospitato una manciata di resort di lusso più eleganti dell'Africa orientale, il che può essere un contrasto stridente con quella che è un'isola altrimenti tranquilla ed economicamente sfidata (la media di Zanzibar guadagna meno di $ 1 al giorno). Se stai cercando una fuga sulla spiaggia con altri occidentali, dirigiti a nord verso Nungwi e Kendwa, dove troverai gli stessi pacchetti all-inclusive e discoteche sulla spiaggia che troverai nella maggior parte delle altre parti calde del mondo. Per un'esperienza un po 'più Zanzibarina, prova città più tranquille come Bwejuu o Jambiani, dove la tua fetta di isola paradisiaca si mescola ai ritmi della vita del villaggio.

Zanzibar ha due stagioni delle piogge. Ogni anno ci sono le piogge lunghe e le piogge brevi. Sulla scia della fiammeggiante e sudata estate dell'Africa orientale, la lunga stagione delle piogge di Zanzibar dura all'incirca da marzo a maggio. Prenotare un viaggio in questo periodo se sei pronto per una vacanza al mare non è una buona idea; le isole vengono colpite da alcuni monsoni piuttosto epici che letteralmente scaricheranno sul tuo tempo in spiaggia. Le brevi piogge si verificano generalmente tra novembre e dicembre, ma non sono altrettanto intense: tendono a manifestarsi con raffiche brevi e torrenziali, per poi tornare rapidamente al cielo azzurro.

Generi alimentari sul marciapiede a Stone Town. Foto di: Megan Dolski

Assapora il mondo. Zanzibar ha avuto molti governanti nel corso dei secoli e la sua lunga e tragica storia ha creato una delle cucine più interessanti dell'Africa. Questo è il cibo fusion originale, un delizioso mash-up di tradizioni culinarie indiana, araba, cinese, portoghese e africana, il tutto guidato dalla presenza costante di spezie (queste sono conosciute come le Isole delle spezie, dopotutto, dove chiodi di garofano, cannella, pepe nero e noce moscata provengono direttamente dalla fonte.) Prova l'ugali africano, il chapatti indiano, il curry swahili e mangia quanto più pesce fresco umanamente possibile. Cerca le specialità dell'isola come il polpo al curry e l'urojo, una zuppa a base di curcuma e cocco con frittelle croccanti e patate speziate che sembra racchiudere l'intera storia dell'isola nel suo brodo. Se vuoi provare queste ricette a casa, dirigiti al mercato di Darajani, il bazar principale, dove la gente del posto fa la spesa, ma arrivaci presto, prima che arrivi il caldo.

Chapati fresco sul lato della strada, avvolto nelle notizie del mattino. Foto di: Megan Dolski

I tuorli d'uovo sono bianchi, non gialli. In tutta Zanzibar e in molte parti della Tanzania continentale, le opzioni per la colazione sono albume d'uovo o bianco d'uovo, anche quando è incluso il tuorlo. Non c'è niente di sbagliato in loro, è solo che i tuorli non sono mai un giallo solare. Non hanno un sapore diverso; i polli qui si nutrono di un grano che li fa produrre uova monocromatiche. Il sorgo che i polli mangiano in tutta la Tanzania ha meno pigmentazione del mais giallo somministrato ai polli in altre parti del mondo.

BYO buon senso. A Zanzibar si beve, e va bene indossare abiti da spiaggia nei posti giusti. Detto questo, ci sono momenti e luoghi in cui nessuno dei due è appropriato. È meglio evitare vestiti succinti e ubriacatura a Stone Town. Ci sono alcuni bar a Stone Town, e puoi bere in ristoranti per turisti ed ex-pat e in hotel più eleganti in città e sulla costa, ma ricorda che il cameriere che ti serve probabilmente non beve, quindi tagliali un po 'allentati se il loro l'apertura della bottiglia di vino non è delle più graziose. Ci sono solo un paio di negozi a Stone Town che vendono alcolici, ed è una buona idea portare la tua borsa in modo da non brandire una bottiglia di gin per le strade.

Foto di: Martijn Munneke

Prenditi del tempo per il tè. La cultura del bere non è solo per i tetti e i bar sulla spiaggia. La scena del tè locale è un buon modo per incontrare persone che vivono effettivamente sulle isole, non semplicemente di passaggio. Prova il tangawizi (zenzero) chai e aggiungi la vaniglia se possibile. Afferrare una tazza di tè caldo e piccante sul ciglio della strada è un buon modo per osservare la gente. La maggior parte delle bancarelle o dei carrelli da tè iniziano a servire una volta che il sole è tramontato. Se ti trovi a Stone Town, chiedi in giro il Babu Chai più vicino e qualcuno dovrebbe essere in grado di indicarti la giusta direzione.

Non ci sono leoni, elefanti o giraffe. La Tanzania è nota per i suoi safari mozzafiato, ma questo non è il Serengeti: la fauna è tutta sott'acqua. Se arrivi alle isole, prova a raggiungere uno dei tanti centri di immersione che offrono corsi di addestramento per le immersioni subacquee e, naturalmente, viste sulla vita e sui coralli dell'Oceano Indiano. Ma tieni presente che la pesca eccessiva e la mancanza di controllo ambientale hanno compromesso molte delle migliori barriere coralline di Zanzibar. Alcuni dei migliori snorkeling si possono fare sull'isola di Chumbe, un parco marino protetto a circa dieci minuti di auto e 45 minuti di barca da Stone Town. La gita di un giorno è notevolmente più costosa dei pacchetti economici offerti per strada, ma i soldi vanno a pagare uno staff di gente del posto di livello mondiale e a ripristinare alcuni degli ecosistemi più fragili di Zanzibar. (Per non parlare di un pranzo incredibile e di alcuni dei migliori snorkeling in Africa orientale.)

Una vista dal porto di Stone Town. Foto di: Megan Dolski

Vieni fuori la sera. Stone Town può sembrare spettrale di notte quando arrivi per la prima volta: la collezione scarsamente illuminata di strade strette e vicoli secondari non invita esattamente a vagare senza meta da parte di chi non lo sapesse. Ma non lasciare che la stranezza e gli avvisi di viaggio che richiedono maggiore cautela dopo il tramonto ti tengano confinato nella tua stanza dopo il tramonto. Stone Town è piena di vita la sera, con bambini che giocano, coppie che passeggiano e ovunque gente che banchetta. Il mercato notturno di Central Park, Forodhani Gardens, è pieno di gente del posto e turisti che assaggiano le due dozzine di bancarelle di cibo fresco. Salta gli spiedini di crostacei, che potrebbero essere stati seduti fuori tutto il giorno, e opta per pollo speziato indiano alla griglia e pizza di Zanzibar, inseguita con succo di canna da zucchero fresco.

Pesce al mercato notturno di Forodhani Garden. Foto di: Fabulous Fabs

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui