lunedì, Luglio 15, 2024
HomeLifestyleViaggiCosa sapere prima di andare a Istanbul

Cosa sapere prima di andare a Istanbul

Il parlamento turco potrebbe essere ad Ankara, ma Istanbul rimane la capitale spirituale, culturale e storica del paese.

Prima che Istanbul fosse Istanbul, era Costantinopoli. Prima di allora, Bisanzio e il cambiamento sono stati una costante. Costruito per la prima volta su sette colline, da allora si è espanso su molti altri fino a diventare una delle città più grandi del mondo sotto ogni punto di vista. Ha attraversato il solito passaggio urbano da ciottoli e legno a cemento e vetro nel processo, ma la crescita economica della Turchia nell’ultimo decennio ha accelerato il processo in modo drammatico, con baldorie di costruzione a volte sconsiderate con scarso riguardo per il patrimonio. Anche dopo pochi anni di distanza, i visitatori noteranno grandi differenze. Potrebbero anche notare la crescente influenza del governo del presidente Recep Tayyip Erdoğan e la corrispondente intolleranza per il dissenso. Ma molto rimane lo stesso: l’architettura monumentale ottomana definisce ancora lo skyline, c’è ottimo cibo ad ogni angolo e le strade si animano con un accattivante, anche se a volte esasperante, senso di caos. Il parlamento turco potrebbe essere ad Ankara, ma Istanbul rimane la capitale spirituale, culturale e storica del paese.

Scegli la tua stagione. Una ventata di caldo e umidità si insedia su Istanbul per i mesi estivi, con temperature che possono salire fino a 30 gradi centigradi (80-90 gradi Fahrenheit). La gente del posto spesso scappa sulla costa o sulle isole e un afflusso di visitatori prende invece il controllo delle strade. In inverno può essere grigio e umido per settimane, anche se almeno è più probabile che tu abbia attrazioni per te stesso e la possibilità che nevichi. Se puoi, visita la primavera o l’autunno quando il clima è mite, la pioggia rara e la città piena di colori. Se non puoi, allora vai comunque, ma porta la crema solare o un cappotto caldo.

Trova il tuo orientamento in Piazza Taksim, quindi vai avanti. Taksim è il cuore della moderna Istanbul, sede di numerosi hotel, la stazione centrale della metropolitana e il Monumento della Repubblica, con la sua raffigurazione di Mustafa Kemal Atatürk e altri fondatori della Turchia moderna. Non c’è bisogno di restare in giro, però. Da lì puoi seguire i tram rossi storici oltre i negozi, i caffè, i cinema e i bar della pedonale Istiklal Caddesi, o invece passeggiare verso i caffè e le boutique di Cihangir.

Scegli una base. Istanbul è enorme: 39 distretti tentacolari in tutto, con alberghi nella maggior parte dei casi. Ma non tutti sono creati uguali per i visitatori. Beyoğlu, sul lato europeo, che si estende da Galata a Taksim, è una buona base, anche se se possibile, evita gli hotel di qualità mista intorno a Taksim. Se ti senti a disagio, gli hotel esclusivi di Pera sono stupendi. Altrimenti, ci sono Airbnb e appartamenti con servizi per quasi tutte le tasche.

Inizia la giornata con una festa. La colazione è una cosa seria in Turchia, un rituale caro. Le sue preparazioni vanno da quelle utilitarie a quelle veramente epiche, ma una diffusione tipica prevede una tavola zeppa di piccoli piatti di marmellate, olive, formaggi locali, miele, panna e burro, oltre a pane fresco su cui caricare il tutto. Le versioni più elaborate includono anche piatti a base di uova: ordina menemen (strapazzati con cipolle, peperoni e pomodori) o provali fritti con sucuk, una salsiccia di manzo secca piccante. Van Kahvaltı Evi a Cihangir è (giustamente) popolare, anche se durante il fine settimana probabilmente dovrai fare la fila per un tavolo. Anche il Çakmak Kahvaltı Salonu a Besiktas è un’istituzione, e anche il Rumeli Kale Cafe lungo la costa di Sariyer offre una vista sul Bosforo. Ordina un menu fisso completo, poi goditi un bicchiere dopo bicchiere di tè nero, poi goditi un bicchiere di tè nero e sarai pronto anche per la giornata più lunga di esplorazione.

Di ‘”merhaba”. Puoi cavartela nelle zone più frequentate da Istanbul senza parlare in turco, ma alcune parole e frasi di base andranno molto lontano, soprattutto se hai intenzione di avventurarti più lontano, perché l’inglese non è molto parlato. Ciao (merhaba), grazie (teşekkür ederim, teşekkürler, o più semplicemente, sağol), sì (evet), no (hayir) torneranno sicuramente utili. E quando qualcuno dice benvenuto (hoşgeldiniz) assicurati di rispondere a hoşbulduk per gentile ringraziamento. Anche il turco è scritto per lo più foneticamente, quindi potresti prenderne di più man mano che procedi.

Cammina nella penisola storica. C’è molto, molto di più a Istanbul rispetto alle sue attrazioni più famose, ma questo non significa che dovresti trascurarle. Fortunatamente, la maggior parte può essere vista in un solo giorno, se non ti dispiace che sia lungo. Inizia presto sul ponte di Galata per evitare le inevitabili folle, gironzola per il Bazar delle spezie, poi prosegui verso la Moschea Blu (che è libera di entrare), la Basilica di Santa Sofia (che non lo è) e poi verso il Palazzo Topkapi, il Parco Gulhane, e forse la Basilica Cisterna. Per souvenir e regali c’è, ovviamente, il Grand Bazaar, dove dovresti essere sicuro di contrattare. Non è facile da trovare, ma se riesci ad arrampicarti fino a Büyük Valide Han, vieni pomeriggio, e sarai ricompensato da una vista incredibile. Trova l’edificio al largo di Çakmakçılar Yokuşu, sali le scale per i laboratori dove gli artigiani producono e riparano ancora i prodotti tradizionali e per poche lire il custode potrebbe accettare di sbloccare una scala nascosta sul tetto. Guarda il tuo passo mentre sei lassù.

Porta delle buone scarpeo ottenere un Istanbulkart. Se hai scarpe comode o stivali robusti e non ti dispiace fare un’escursione, gran parte di Istanbul può essere vista a piedi. Ma una rete pulita ed efficiente di treni, autobus, tram e traghetti collega la maggior parte delle parti della città. Se hai intenzione di prendere i mezzi pubblici, prendi un Istanbulkart contactless, che può essere ricaricato nei chioschi e nelle stazioni ed è più economico rispetto ai gettoni. Evita le ore di punta e controlla prima i percorsi: sebbene affidabile e veloce, la metropolitana non serve tutta la città, ad esempio.

Sii saggio riguardo ai taxi. I taxi sono comodi e convenienti, ma le cinture di sicurezza sono rare, i limiti di velocità spesso ignorati e ci sono storie regolari di conducenti che addebitano ai turisti somme gonfiate in modo selvaggio, quindi assicurati che il contatore sia acceso. Uber è tecnicamente illegale, ma può comunque essere utilizzato e offre anche l’opzione (consigliata) di chiamare un taxi più responsabile e paghi in contanti. L’app locale BiTaksi ti consente di fare lo stesso e di pagare con carta di credito.

Trova il tempo per çay. Il tè, forte, nero, servito in un bicchierino con zucchero a parte, è forse la più diffusa delle esperienze turche. A Istanbul, troverai un giardino del tè (çay bahçesi) praticamente in ogni parte della città che visiti. Il menu, e anche i tavoli, le sedie e gli altri arredi probabilmente non cambieranno molto, ma in alcuni potrete godervi viste incredibili della città o il mare privilegiato sul lungomare a un costo minimo (una tazza è spesso un po ‘di più di 20 centesimi). Siediti, riposa le gambe e guarda il mondo che passa. Alcuni dei nostri preferiti sono Firuzağa Kahvesi dietro l’omonima moschea, il lungomare Dolmabahçe Çay Bahçesi, Pierre Loti sopra il cimitero di Eyüp e Moda Çay Bahçesi sul lato asiatico.

Prendi un traghetto, non una crociera. Può essere difficile apprezzare l’espansione e lo splendore di Istanbul dalla terra. Si vede meglio dall’acqua, dal Bosforo o dal Corno d’Oro. Ci sono barche da turismo per tutte le tasche, ma l’opzione ideale è viaggiare con uno dei tanti traghetti passeggeri che ogni giorno attraversano i corsi d’acqua della città. Il percorso da Karakoy a Kadikoy è particolarmente panoramico e parte ogni 30 minuti circa dal nuovo terminal a due piani sul molo di Karakoy. Ordina un tè, trova un posto sul ponte superiore e goditi alcune delle viste più belle dei quartieri storici. Se diventa noioso, unisciti alla gente del posto nel lanciare pezzi di simit stantio ai gabbiani che si accalcano dietro.

Mangia tutto il cibo di strada … I ristoranti di Istanbul sono famosi, ma nel trambusto di oltre 15 milioni di persone che svolgono i propri affari, non tutti hanno il tempo di sedersi. Il cibo di strada è uno stile di vita per i frugali e frugali allo stesso modo, e i venditori sono uno dei luoghi più comuni della città. Su Istiklal e le sue strade laterali (e anche in molti altri posti), carretti e bancarelle vendono simit (anelli di pasta incrostati di semi di sesamo), tavuk pilav (pollo e riso) e midye dolma (cozze con riso e limone). Prendi balik ekmek (panini di pesce) da una delle dozzine di piccole bancarelle sulle rive di Karaköy o Eminönü e divertiti mentre cammini sul lungomare. Spuntini in tutta la città grill kebap, döner e köfte, insieme a dürüm e al loro parente più piccolo, tantuni. Prova Çiya, Dürümzade o Kasap Osman.

..e il cibo notturno. Quando i bar chiudono, i festaioli si rivolgono alla maggior parte dei cibi di cui sopra, così come al kokoreç, un piatto di intestini di agnello alla griglia, che si compra meglio in una bancarella che lo griglia sui carboni ardenti: trovane uno al mercato di Balik Pazari, al largo di Istiklal. All’angolo di piazza Taksim, i locali notturni vendono anche hamburger islak (umidi), un’invenzione unica di Istanbul che non ha ancora trovato il favore internazionale: tortini in panini imbevuti di salsa di pomodoro all’aglio poi ammucchiati in teche di vetro, dove raccolgono sapore e vaporizzarne l’integrità strutturale.

Siediti a meyhane cena. Cenare in uno dei meyhanes, o taverne, di Istanbul dovrebbe essere un’esperienza tanto sociale quanto culinaria, un raduno spesso rumoroso da gustare al meglio con un gruppo di amici. Ma questo non significa che il cibo sia trascurato. Inizia con formaggio bianco (beyaz peynir) con fette di melone fresco, quindi scegli tra una vasta selezione di piatti meze tra cui yogurt, fagioli, pesce e sottaceti. Lascia spazio a un piatto di pesce di stagione e accompagnalo con bicchieri di raki, la bevanda nazionale turca aromatizzata all’anice, servito diluito con acqua e ghiaccio a piacere. Sorseggia, non sbuffare sia per l’etichetta sia perché il raki è ingannevolmente forte (circa il 45% di ABV), entro la fine della serata potresti unirti ad altri avventori che ballano al ritmo della musica tradizionale su tavoli e sedie. Puoi trovare meyhanes in tutta la città, ma la concentrazione maggiore è su Nevizade Sokak.

Attraversa i continenti. Molti dei luoghi e dei quartieri storici più noti di Istanbul si trovano sul lato europeo, ma anche le sponde asiatiche del Bosforo hanno molto da offrire. Prendi un traghetto per Kadikoy, dove vedrai lo storico porto di Haydarpaşa e la stazione ferroviaria, quindi inizia a camminare. Sfoglia i negozi e i mercati, quindi passeggia per Moda per un caffè e dirigiti verso i porti turistici di Fenerbahçe e Kalamış fino al molo per dare un’occhiata al glamour sbiadito e al Mar di Marmara.

Andate in alto al calar della notte. I tramonti di Istanbul sono spesso gloriosi e, in una serata limpida, è meglio gustarli con un cocktail o una birra fresca in uno dei tanti bar sul tetto della città. Si possono trovare luoghi per tutte le tasche, ma vale la pena spendere un po ‘di tempo per un posto con una vista privilegiata sul Bosforo a 5.Kat, Leb-e Derya, Mikla o 360, dove puoi guardare la fine della giornata e le luci che si accendono la città.

Dirigiti verso l’alto per il tramonto in uno dei bar sul tetto di Istanbul. Immagine Foto di: Alex Segre / Shutterstock.com

Andate in città, ma state alla larga da Istiklal. Beyoğlu, dal lato europeo, è il cuore tradizionale della vita notturna di Istanbul e, sebbene le cose stiano cambiando, è ancora il miglior punto di partenza. Evita i locali notturni troppo cari di Istiklal in cui i bagarini tentano di radunare i turisti e invece trova un bar più adatto ai tuoi gusti nelle strade laterali, che ospitano di tutto, dalle immersioni hipster ai club rock e agli spazi LGBTQ. Cocktail e un’atmosfera più rilassata si possono trovare nella vicina Cihangir, e ci sono anche più opzioni vicino all’acqua a Karaköy.

Prendi un drink nel quartiere alla moda di Karaköy in riva al mare.

Guarda oltre il Grand Bazaar. Il Grand Bazaar è una tappa obbligata, ma a volte è meglio andare locali. La maggior parte dei distretti avrà un mercato settimanale che vende di tutto, dalla frutta e verdura fresca ai vestiti, gadget e tessuti. Il caos tentacolare e indisciplinato del mercato di Çarşamba (mercoledì) a Fatih è il più grande della città e occupa numerose strade del quartiere storico. Il mercato di Yeşilköy offre un’alternativa più esclusiva lo stesso giorno, mentre il mercato domenicale di Inebolu offre una vasta varietà di prodotti biologici anatolici. Tarlabaşi’s, a poche strade da Taksim, è un mondo lontano dal trambusto turistico e merita una visita.

Leggere. Istanbul ha ispirato molti autori. La semi-autobiografia “Istanbul: Memories and the City” del premio Nobel Orhan Pamuk offre uno scorcio del passato della città e un senso di quanto profondamente sia cambiata, con fotografie dell’incomparabile Ara Güler (che ha raccontato la città per decenni). Lì si trova anche il “Museo dell’innocenza” di Pamuk e a Cihangir è stato costruito un museo ispirato al romanzo. Il più recente “The Bastard of Istanbul” di Elif Şafak ha suscitato polemiche; un tribunale turco ha accusato Şafak di denigrare il carattere turco. Per gli appassionati di storia, “Strolling Through Istanbul: the Classic Guide to the City” offre una vasta gamma di approfondimenti.

Rilassati con un hammam. Istanbul è piena di stabilimenti balneari, dalla varietà utilitaria self-service, ai palazzi secolari con archi e cupole un tempo prediletti dai sultani ottomani. Vai il più esclusivo possibile. Kılıç Ali Paşa Hamamı è uno dei migliori, Çinili Hamam è più economico e Süleymaniye Hamamı è uno dei pochi che consente le coppie. La segregazione di genere è generalmente rigorosamente osservata e quasi tutti avranno sezioni o momenti della giornata separati per uomini e donne. Scegli un assistente e verrai massaggiato, strofinato con decisione, insaponato per 15 minuti, quindi risciacquato e lasciato ai tuoi dispositivi. Goditi l’alternanza di caldo e freddo finché non sarai veramente rilassato e uscirai rinnovato, ma mancia il tuo assistente prima di partire.

Trova il tempo per la chiesa. Istanbul è, come il resto della Turchia, prevalentemente musulmana, e vedrai molte moschee spettacolari. Ma ci sono anche chiese greco-ortodosse in molti distretti. Cerca le più belle o metti la testa dentro mentre le incontri per dare un’occhiata a un lato diverso della storia della città.

Fuga alle isole. Le Isole dei Principi sono un arcipelago di nove isole nel Mar di Marmara, le quattro più grandi delle quali sono accessibili con traghetti regolari sia dalla parte europea che da quella asiatica di Istanbul. Il viaggio dura circa un’ora, ma sono un’oasi di tranquillità dopo il trambusto della città. Il traffico automobilistico è vietato, quindi gli unici modi per spostarsi sono a piedi, in bicicletta (ampiamente disponibile a noleggio), oa cavallo e in carro (phaeton), che può portarti da un punto all’altro o darti un tour. Le isole hanno una storia lunga e leggendaria, da un luogo di esilio per i reali bizantini, a una destinazione estiva per i ricchi. Offrono anche uno scorcio della storia multiculturale della città e rimangono resti di popolazioni greche, armene ed ebraiche. Famosi ex residenti includono molti scrittori e poeti, oltre a Leon Trotsky. Sbarca a Büyükada e passeggia tra i palazzi dell’epoca ottomana, le chiese storiche e i monasteri.

Cammina lungo i muri. Quando Costantino il Grande fondò Costantinopoli come nuova capitale dell’Impero Romano nel IV secolo d.C., la circondò con una serie di mura difensive in pietra. Successivamente i governanti li modificarono e li aggiunsero, creando vaste fortificazioni che mantennero la città al sicuro per secoli. Rimasero in gran parte intatte fino al 1800, quando la città iniziò a gonfiarsi oltre i suoi vecchi limiti. Alcune parti sono state demolite e trascurate, ma molte sezioni sono ancora in piedi e camminare accanto o, ove possibile, sopra di esse fornisce una visione affascinante delle antiche radici di Istanbul. La sezione che inizia intorno alla chiesa di Chora (ora un museo che vale la pena visitare) a Edirnekapi offre panorami particolarmente suggestivi.Vedi di più della Turchia. Istanbul è un’ottima base da cui esplorare più parti del paese. I voli nazionali sono numerosi e, ad eccezione dei periodi di punta delle vacanze, economici e ci sono due aeroporti. In poco più di un’ora, potresti atterrare vicino alle formazioni rocciose ultraterrene della Cappadocia, le spiagge e le montagne della costa mediterranea, o prepararti a esplorare le antiche rovine greche.

RELATED ARTICLES

Most Popular