giovedì, Luglio 18, 2024
HomeAmbienteQuanto erano buone le proiezioni climatiche della Exxon?

Quanto erano buone le proiezioni climatiche della Exxon?


Questa trascrizione è stata modificata per lunghezza e chiarezza.

Negli anni ’80, un gruppo di scienziati ha predetto il cambiamento climatico con straordinaria precisione. Quegli scienziati lavoravano per la Exxon.

Molte aziende di combustibili fossili erano a conoscenza del cambiamento climatico molto prima del grande pubblico.

Ma una recente revisione di dozzine di documenti interni della Exxon degli anni ’70 e ’80, ha rilevato che gli scienziati dell’azienda sapevano molto di più delle basi di ciò che i gas serra stavano facendo sul pianeta.

Per capire cosa sapeva Exxon e come lo sapevano, torniamo al 1977. Questo è stato un momento importante nella storia: gli scienziati e le agenzie governative stavano appena iniziando a studiare seriamente il cambiamento climatico. I ricercatori conoscevano le basi – i livelli di anidride carbonica stavano aumentando e molto probabilmente la Terra si sarebbe riscaldata – ma c’erano ancora molte domande senza risposta. Ed Exxon, un’importante azienda di combustibili fossili con un dipartimento di ricerca qualificato, ha deciso di spendere milioni di dollari per rispondere da sola a queste domande.

Se leggi documenti storici o interviste di questo periodo, hai la sensazione che gli scienziati della Exxon fossero sinceramente interessati a comprendere il cambiamento climatico, anche un po’ idealisti! Un importante scienziato dell’azienda all’epoca immaginava Exxon al centro di un progetto globale di ricerca sul clima “mirato a beneficiare l’umanità”.

Exxon credeva che una buona scienza del clima avrebbe solo aiutato i loro affari. Vedete, l’azienda stava guardando un altro settore affrontare un’altra crisi ambientale.

Solo pochi anni prima, il mondo stava iniziando a preoccuparsi per la scomparsa dello strato di ozono. Alcune sostanze chimiche presenti negli spray aerosol e nei frigoriferi stavano danneggiando la parte dell’atmosfera che protegge la terra dai raggi più nocivi del sole. E così il governo ha deciso di vietare le bombolette spray che usavano quelle sostanze chimiche.

I migliori scienziati della Exxon hanno visto l’impatto del divieto sull’industria chimica. E nel 1979 hanno scritto,
“Quando Freon è basato [sic] i contenitori aerosol sono stati vietati [sic], anche l’industria chimica è stata colta impreparata. Se l’industria avesse anticipato il problema, avrebbe potuto lavorare su propellenti sostitutivi”.

Più o meno allo stesso modo, Exxon pensava che se avesse davvero compreso la scienza alla base del cambiamento climatico, avrebbe potuto scoprire soluzioni, sfumature o nuove opportunità commerciali che avrebbero potuto aiutare l’azienda a lungo termine. Così hanno riunito un team di scienziati dell’atmosfera. Hanno costruito un laboratorio climatico ad alta tecnologia su una delle loro petroliere per aiutare a studiare la CO2 nell’oceano. E hanno investito in modelli informatici all’avanguardia per prevedere le future temperature globali.

I primi modelli climatici degli scienziati Exxon sono stati pubblicati privatamente nel 1982, anni prima che il grande pubblico fosse a conoscenza del cambiamento climatico. Exxon ha previsto che il clima si sarebbe riscaldato di poco meno di mezzo grado centigrado tra il 1980 e il 2000. E all’inizio degli anni 2000, hanno scoperto che la terra potrebbe essere abbastanza calda da rilevare oggettivamente il cambiamento climatico. (Gli scienziati hanno rilevato ufficialmente il cambiamento climatico nel 1995). Negli anni successivi, le previsioni climatiche della Exxon continuarono a migliorare.

Alla fine degli anni ’80, il cambiamento climatico stava iniziando a entrare nel dibattito pubblico.

Lo scienziato della NASA James Hansen ha notoriamente messo in guardia il Congresso sui cambiamenti climatici nel 1988. Quasi immediatamente, Exxon ha cambiato rotta.

Meno di due mesi dopo la testimonianza di James Hansen, Exxon ha esposto la sua strategia in un promemoria interno: Al fine di prevenire lo “sviluppo non economico delle risorse di combustibili non fossili”,

hanno incaricato il loro staff di “sottolineare l’incertezza nelle conclusioni scientifiche riguardo al potenziale effetto serra potenziato”.

Per i successivi due decenni, Exxon si è attenuta a quella strategia di enfatizzare l’incertezza climatica. Nel frattempo, gli scienziati della Exxon hanno continuato a studiare e prevedere silenziosamente le tendenze del cambiamento climatico nelle riviste accademiche. Quindi, la Exxon chiamava simultaneamente la scienza del clima “pura speculazione” e pubblicava modelli climatici sottoposti a revisione paritaria che mostravano un mondo sempre più caldo.

Quanto erano buoni quei modelli Exxon vecchi di decenni? Di recente, un gruppo di ricercatori esterni ha confrontato ciascun modello climatico della Exxon con i record climatici del mondo reale, assegnando loro un punteggio da 0 a 100. E hanno scoperto che, in media, le previsioni della Exxon erano accurate al 72%! La migliore previsione di Exxon, pubblicata nel 1985, era accurata al 99 percento, più accurata delle previsioni dei migliori scienziati indipendenti e governativi del mondo in quel momento.

Come giudichi l’accuratezza di un modello climatico?

I modelli climatici sono programmi per computer che utilizzano molte variabili per prevedere quanto si riscalderà il nostro pianeta in futuro.

Una buona previsione del clima dipende da due cose principali: in primo luogo, il modello al computer deve simulare accuratamente il complesso sistema climatico della Terra. In secondo luogo, i modellatori climatici devono prevedere con precisione la quantità di CO2 che emetteremo in futuro. Ciò è determinato da fattori economici, tecnologici e sociali.

Per valutare l’accuratezza di un modello, gli scienziati confrontano la previsione climatica con i record storici del mondo reale. Una previsione che si allinea strettamente con la realtà è considerata “abile” e riceve un punteggio fino a 100; una previsione che è molto fuori base riceve un punteggio pari a 0.

Gli scienziati possono valutare le previsioni climatiche in due modi. Un metodo confronta semplicemente il riscaldamento previsto con quello effettivo nel tempo, il metodo che menzioniamo nella nostra storia.

Un altro metodo si concentra solo sull’accuratezza della parte “climatica” del modello climatico. Gli scienziati tengono traccia della quantità di riscaldamento prevista dai modelli per unità di CO2 e la confrontano con dati simili del mondo reale. Ciò consente agli scienziati di ignorare il ruolo svolto dall’effettivo utilizzo di combustibili fossili nella differenza tra previsione e realtà.

I modelli climatici interni di Exxon erano, in media, accurati al 72% nel prevedere il riscaldamento nel tempo e al 75% nel prevedere il riscaldamento per unità di combustibili fossili. Uno studio separato ha utilizzato gli stessi metodi per classificare i migliori modelli climatici governativi e indipendenti: questi modelli hanno ottenuto il 69% con entrambi i metodi di valutazione.

Questa ricerca si aggiunge a una storia: per anni, uno dei migliori modelli climatici al mondo proveniva da una compagnia petrolifera. E poi, hanno passato i decenni successivi a screditarlo.




RELATED ARTICLES

Most Popular