mercoledì, Febbraio 28, 2024
HomeAmbienteDal picco al crollo in 15 anni: il carbone continua il suo...

Dal picco al crollo in 15 anni: il carbone continua il suo precipitoso declino


Non molto tempo fa, il carbone era in piena espansione negli Stati Uniti. I generatori di energia del paese hanno utilizzato più di quel combustibile nel 2007 che mai: poco più di 1 miliardo di tonnellate. Quattro anni dopo, la capacità di generazione delle centrali elettriche a carbone della nazione ha raggiunto il picco di 318 gigawatt, elettricità sufficiente per 238 milioni di case.

Ma nell’ultimo decennio, il settore energetico statunitense ha compiuto un drastico allontanamento dal combustibile fossile che produce gas serra. La ricerca mostra che continua a farlo a un ritmo sorprendente. Quasi la metà della capacità di generazione vista nel 2011 dovrebbe svanire entro la fine del 2026, secondo un rapporto pubblicato lunedì dall’Institute for Energy Economics and Financial Analysis, un think tank senza scopo di lucro focalizzato sulla transizione energetica globale. L’analisi ha anche rilevato che il consumo di carbone da parte dei produttori di energia elettrica degli Stati Uniti potrebbe raggiungere solo 400 milioni di tonnellate quest’anno. E circa il 40 percento dell’attuale capacità a carbone del paese dovrebbe chiudersi entro il 2030.

“La gente non prevedeva che sarebbe successo così velocemente”, ha detto a Grist Seth Feaster, autore del rapporto e analista di dati presso l’istituto. “Questo è un declino strutturale a lungo termine. Questo non è un ciclo economico che semplicemente se ne andrà. È una vera e propria eliminazione graduale in tutto il settore dell’uso del carbone”.

L’attuale capacità elettrica a carbone del paese è di 184 gigawatt. Si tratta di un calo del 42% rispetto ai 318 gigawatt prodotti nel 2011. Mentre altre 173 centrali elettriche a carbone chiuderanno o smetteranno di utilizzare il carbone nei prossimi anni, si prevede che la capacità raggiungerà i 116 gigawatt entro il 2030.

Il precipitoso declino del carbone è dovuto in gran parte al boom del gas naturale e all’aumento delle energie rinnovabili. I loro costi in calo – a causa delle innovazioni tecnologiche e degli incentivi governativi, come quelli dell’Inflation Reduction Act – hanno reso più economico sostituire il 99 percento delle centrali a carbone statunitensi in funzione con parchi solari ed eolici, secondo un recente studio di climate and energy think- serbatoio Energia Innovazione. L’anno scorso, per la prima volta nella storia degli Stati Uniti, è arrivata più elettricità dalle fonti rinnovabili che dal carbone.

“Il carbone è inequivocabilmente più costoso delle risorse eoliche e solari. Semplicemente non è più competitivo in termini di costi con le rinnovabili “, ha detto al Guardian Michelle Solomon, analista politico di Energy Innovation.

Mentre il consumo di carbone è in calo da un decennio e ha toccato il minimo durante i primi mesi della pandemia, alcuni osservatori del settore pensavano che sarebbe rimbalzato quando i prezzi del gas naturale sarebbero aumentati in seguito all’invasione russa dell’Ucraina. Non è successo davvero, ha detto Feaster. Sebbene il consumo abbia registrato una leggera ripresa nel 2021, è nuovamente diminuito nel 2022. La US Energy Information Administration prevede che i generatori di energia utilizzeranno meno carbone quest’anno rispetto al 2020.

“La cosa più sorprendente di questo declino è quanti fattori, tra cui l’aumento dei prezzi del gas, gli scatti di una domanda di energia molto elevata a causa delle ondate di calore e una robusta ripresa economica post-pandemica, dovrebbero essersi allineati nel 2022 per fornire una delle migliori opportunità per un rimbalzo del carbone”, ha scritto Feaster. “Invece, sembra essere scivolato via di fronte ai problemi di consegna basati sulla ferrovia; carenza di manodopera; una resistenza o incapacità di aumentare la produzione; e l’apparente riluttanza delle utility a tornare al carbone dal gas.

Tuttavia, anche se le energie rinnovabili usurpano parte della quota di mercato del carbone – che l’EIA prevede di ridurre dal 20 al 17% quest’anno – alcuni analisti affermano che la transizione non sta avvenendo abbastanza velocemente per raggiungere gli obiettivi climatici delineati nell’accordo di Parigi. Non solo il gas naturale, un combustibile fossile, è ancora la principale fonte di elettricità negli Stati Uniti, ma a livello globale l’uso del carbone è aumentato negli ultimi anni. L’Agenzia internazionale per l’energia si aspettava che raggiungesse il massimo storico lo scorso anno, poiché paesi come l’India e la Cina continuano a fare molto affidamento su di esso.




RELATED ARTICLES

Most Popular