mercoledì, Aprile 17, 2024
HomeAmbientePer i ghiacciai in via di estinzione dell'Uganda, il tempo sta per...

Per i ghiacciai in via di estinzione dell’Uganda, il tempo sta per scadere


Questa storia è stata originariamente pubblicata da Yale Environment 360 ed è riprodotta qui come parte del Sportello climatico collaborazione.

Enock Bwambale si fermò sull’orlo del ghiacciaio morente, il suo naso smussato che si inarcava ripidamente verso le rocce levigate, poi gridò alla sua collega guida Uziah Kule che il ghiaccio era troppo ripido per scendere a piedi. Conficcando la sua ascia nella superficie croccante, ha attorcigliato una vite da ghiaccio in modo che potessi calarmi lungo la tozza parete del ghiacciaio Stanley nel Parco nazionale delle montagne del Rwenzori in Uganda, patrimonio mondiale dell’UNESCO al confine con la Repubblica Democratica del Congo.

Scesi in sicurezza, il nostro piccolo gruppo ha ammirato le altezze del Monte Stanley: Margherita Peak – a oltre 16.700 piedi (5.100 metri), il terzo punto più alto in Africa – e Alexandra Peak, tra cui si nasconde il ghiacciaio Stanley. Girai la macchina fotografica e cercai di abbinare una foto di Vittorio Sella, che aveva documentato le vette delle surreali Montagne della Luna durante il primo tentativo riuscito di vetta europea, nel 1906. Ma uno scatto contemporaneo equivalente era impossibile: Sella aveva scattato la sua fotografare dalla cima di un ghiacciaio sano che era stato centinaia di piedi più alto della mia testa.

“Lassù al giorno d’oggi, non c’è nessun ghiacciaio”, ha detto Kule. “Il ghiacciaio lo troviamo solo nella valle qui.”

In tutto il mondo, il cambiamento climatico sta causando il ritiro dei ghiacciai. Ma i ghiacciai africani, che si trovano tutti a un giorno dall’equatore, si stanno sciogliendo più velocemente della media globale. Dal 1906, oltre l’80% del ghiaccio del Rwenzoris si è sciolto e l’UNESCO ha recentemente riferito che un terzo dei 50 siti del Patrimonio Mondiale che contengono ghiacciai, tra cui il Rwenzoris, scomparirà entro il 2050, indipendentemente dalle azioni intraprese per rallentare il riscaldamento globale. . Alcuni scienziati prevedono che i ghiacciai dell’Uganda potrebbero scomparire anche prima: entro un decennio.

Gli scienziati affermano che la perdita preannuncia cambiamenti drammatici per questo ecosistema unico, un’isola celeste circondata da un mare soffocante di foreste di pianura. Le specie endemiche poco studiate potrebbero estinguersi con l’aumento delle temperature; le comunità locali vulnerabili prevedono la perdita di entrate turistiche precedentemente affidabili; e gli scienziati perderanno i dati climatici storici mentre il ghiaccio che indica i cambiamenti di temperatura nel corso dei secoli si trasforma in acqua.

“La perdita di questi ghiacciai è la perdita di una componente critica di un sistema, e non tornerà in nessun momento nel prossimo futuro”, ha detto James Russell, che ha guidato le spedizioni nel Rwenzoris quasi ogni anno dal 2006 e presiede il dipartimento di scienze della terra, ambientali e planetarie presso la Brown University. “È straziante.”

Una mappa aerea che mostra la posizione delle montagne del Rwenzori in Uganda
Per gentile concessione di Yale Environment 360
Ambiente Yale 360

Partiti alle 2 di quella mattina, avevamo attraversato due ghiacciai nell’oscurità e raggiunto la cima Margherita poco prima dell’alba. Ci sono voluti sei giorni per arrivare a questo punto, a volte percorrendo sentieri della foresta pluviale così ripidi che le nostre guide avevano installato scale di bambù. Altre volte arrancavamo nel fango fino alle ginocchia.

Ma anche il primo giorno, l’impatto del cambiamento climatico è stato evidente nel villaggio di Kilembe, il nostro punto di partenza. Qui, le case si ergevano vacillanti sul bordo della riva del fiume, aperte verso il cielo da quando le forti piogge, iniziate un decennio fa, avevano ripetutamente causato inondazioni improvvise, uccidendo dozzine e migliaia di sfollati.

Lasciando le colline coltivate del villaggio, attraversammo il confine del parco e ben presto entrammo nella foresta tropicale, dove fiori simili a gioielli facevano capolino da sotto felci giganti e scimmie si materializzavano e svanivano mentre la nebbia filtrava attraverso i legni duri contrafforti. Abbiamo attraversato la foresta di bambù, salendo a 12.800 piedi (3.900 metri), dove siamo entrati nelle brughiere afro-alpine ultraterrene, che contengono specie endemiche, in via di estinzione e rare.

Per due giorni saltammo dai ciuffi erbosi alle radici scivolose degli alberi, attraverso paludi di muschio spugnoso e rivoli silenziosi. Barbe di licheni ondeggiavano dai rami di gigantesche eriche. I cefalofi rossi del Rwenzori, una sottospecie di antilope in via di estinzione, fissavano da fitti boschetti di cartacei eterni d’argento.

Le piante, adattate in modo univoco al loro habitat, sono diventate più strane mentre salivamo. Terreni giganti punteggiavano i fondovalle. I loro pompon verdi appuntiti li fanno sembrare palme, ma i loro cappotti ispidi di foglie morte li proteggevano dal freddo.

Mentre il pianeta si riscalda, le piante e gli animali si stanno spostando verso l’alto nel Rwenzoris, come altrove, alla ricerca di temperature più fresche. Ma c’è solo così lontano che possono andare. Alla fine, “si limiteranno a scendere dalla cima della montagna”, ha detto Sarah Ivory, ricercatrice presso la Penn State.

“Adesso trovi impronte di irace di roccia sui ghiacciai”, ha detto Bwambale mentre camminavamo. “Lo stesso per i duiker.”

Il quinto giorno, abbiamo notato alcuni nostri cambiamenti. Tenendo in mano una delle foto di Sella per confrontarla con il paesaggio odierno, abbiamo scoperto che uno stagno alimentato da ghiacciai annidato nella valle tra il Monte Baker e il Monte Stanley si era ridotto quasi a zero.

I tre punti più alti in Africa hanno tutti perso enormi quantità di ghiaccio nel secolo scorso, riporta un articolo del 2019 pubblicato su Geoscienze. Sul Monte Kilimangiaro in Tanzania, il punto più alto dell’Africa, il ghiaccio si è ridotto del 90% dalla sua prima indagine nel 1912, a meno di 1 miglio quadrato. I ghiacciai del Monte Kenya, la seconda vetta più alta dell’Africa, misurano meno di un decimo di miglio quadrato. I ghiacciai del Rwenzoris, molto meno studiato, coprivano circa 2,5 miglia quadrate nel 1906; nel 2003 coprivano meno di 1 miglio quadrato. Oggi sono ancora più piccoli.

Mentre i ghiacciai si stanno ritirando ovunque, le cause sono diverse da luogo a luogo. Nel Rwenzoris, dove i ghiacciai si trovano a una quota relativamente bassa di 4.400 piedi (4.400 metri), il problema è il riscaldamento dell’aria. Le montagne, il cui nome significa “creatore di pioggia” nella lingua locale, ricevono da 6 a 10 piedi di precipitazioni all’anno, quindi i ghiacciai non sono affamati di acqua: si stanno solo sciogliendo più velocemente di quanto la pioggia possa congelare e sostituire il ghiaccio sciolto. Tuttavia, sul Monte Kilimanjaro e sul Monte Kenya, dove il ghiaccio si trova ad altitudini più elevate, le precipitazioni sono diminuite. Qui il ghiaccio sta evaporando nell’aria secca.

Qualunque sia la causa, il ghiaccio ad alta quota sta scomparendo ovunque, una tendenza che continuerà mentre il riscaldamento globale accelera il tasso di cambiamento negli ecosistemi montani, nei sistemi criosferici, nei regimi idrologici e nella biodiversità, secondo la Mountain Research Initiative.

Il ghiaccio si sta sciogliendo rapidamente anche nelle Ande del Sud America, dove si trovano anche i ghiacciai tropicali. Come in Africa, questi ghiacciai si formano a causa dell’altitudine, non della latitudine, e non sono influenzati dalle stagioni o dai forti cambiamenti climatici. La principale differenza tra le due regioni è come lo scioglimento influirà sugli esseri umani: il ritiro di grandi calotte glaciali e ghiacciai in Sud America minaccia le forniture di irrigazione e acqua potabile, ma i ghiacciai dell’Uganda sono così piccoli che nessuna comunità dipende dalla loro acqua di fusione.

Come ovunque, però, la rapida scomparsa del ghiaccio sulle montagne africane rappresenta un problema urgente per gli scienziati del clima. Sul Monte Kilimanjaro, circa 2.000 anni dei dati climatici più recenti sono scomparsi poiché le superfici dei campi di ghiaccio sono evaporate, secondo un documento del 2002 in Scienza. La perdita di informazioni derivate dalle carote di ghiaccio (che contengono sacche di aria antica) rende difficile per gli scienziati del clima realizzare modelli accurati per l’Africa tropicale o fornire tali informazioni per modelli globali. Ad aggravare il problema, le zone tropicali tendono a mancare di recenti registrazioni scritte del tempo e la nuvolosità costante sul Rwenzoris limita le misurazioni satellitari.

Due foto di montagne affiancate ne mostrano una a sinistra con molta neve e ghiaccio e una a destra con pochissima neve o ghiaccio.
Mount Stanley nel 1906 (a sinistra) e nel 2022 (a destra).
Klaus Thymann tramite Wikipedia

A causa di queste lacune nella conoscenza, ha affermato Russell, della Brown University, “abbiamo un’idea molto scarsa di ciò che i tropici equatoriali hanno fatto nel tempo”.

Per aggirare questo problema, Russell e altri ricercatori si sono affidati ad altri metodi, estraendo carote di sedimenti di laghi alpini che, come le carote di ghiaccio, possono risalire a decine di migliaia di anni; analizzando gli isotopi trovati su scaglie di pietra, che indicano quando sono stati esposti al sole dopo che il ghiaccio si è ritirato; e alimentando faticosamente i dati morenici glaciali raccolti in modelli computerizzati che calcolavano l’estensione dei massimi del ghiaccio passato. Senza capire cosa è successo al ghiaccio in passato, i ricercatori non possono capire cosa sta succedendo oggi nel Rwenzoris.

Negli ultimi anni, questo intenso studio ha rivelato che in un prossimo futuro potrebbero verificarsi condizioni prive di ghiaccio nel Rwenzoris. E mentre i driver esatti della perdita glaciale sono ancora dibattuti, ciò che è certo è che i mezzi di sussistenza di coloro che dipendono da essi sono minacciati. Nel villaggio dove vivono le mie guide, lo scioglimento dei ghiacciai del Rwenzori rappresenta un duro colpo, dato che il turismo dà lavoro a circa 650 persone.

“Quando [the glaciers] scompariranno completamente, sarà dura”, ha detto Bwambale, mentre si trovava sotto i picchi che un tempo erano così bianchi che la gente del posto pensava che fossero fatti di sale. “Le giovani generazioni non vedranno mai la vera bellezza della montagna”.

Ci siamo alzati alle 2 del mattino del sesto giorno e abbiamo indossato l’attrezzatura per il freddo incastrata nel fondo delle nostre borse, necessaria solo per la vetta. Facendo un’escursione su sentieri appena visibili e scivolando lungo scivoli di ghiaione, abbiamo attraversato un paesaggio di roccia rotta appena depositata dai ghiacciai in ritirata. Mentre sbuffavo, Kule si lamentava di come il ghiaccio in ritirata e assottigliato abbia costretto le guide a trovare vie nuove e talvolta molto più difficili per raggiungere la vetta.

Avendo già attraversato il ghiacciaio Elena inferiore, abbiamo camminato, arrampicato e scivolato fino a raggiungere il fondo del ghiacciaio Stanley, a circa 14.700 piedi (4.500 metri). Era ancora buio. Le nostre guide mi hanno aiutato ad allacciare i ramponi e abbiamo iniziato la facile ma faticosa salita finale.

Nel 1906, gli esploratori attraversarono una pianura ghiacciata in leggera pendenza. Oggi il ghiacciaio è una massa di ghiaccio ripida che abbraccia il contorno della valle tra Alexandra Peak e Margherita Peak, il nostro obiettivo. Per raggiungere la cima, gli esploratori edoardiani dovettero mettersi l’uno sulla testa dell’altro con stivali chiodati per arrampicarsi su una gigantesca cornice formata dal rapido scioglimento e congelamento quotidiano del ghiaccio.

In cima, il team del 1906 ha scoperto che tutto era “coperto di neve, e non una sola roccia viene in superficie”. In effetti, c’era così tanta neve che soffrirono per giorni di intensa cecità da neve. Quando abbiamo raggiunto la vetta verso le 7 del mattino, non abbiamo visto un briciolo di neve. Invece, abbiamo camminato lungo un sentiero ghiacciato e disseminato di rocce e abbiamo ammirato un’alba mozzafiato che ha dipinto le chiazze di neve sull’Alexandra Peak in pesca e oro.

Ci siamo soffermati a guardare lo Stanley Glacier, adagiato sotto di noi, consapevoli che questo groppone di ghiaccio situato in modo surreale a poche decine di miglia dall’equatore molto probabilmente cesserà di esistere molto presto. Ho scattato alcune foto e poi siamo scesi.

Poiché i Rwenzori vengono visitati relativamente raramente, gli scienziati che ho intervistato dopo il mio ritorno a casa mi chiedevano spesso di vedere le mie fotografie. Volevano tutti vedere quanto si era ritirato il ghiaccio. Chinandosi su uno schermo Zoom condiviso, Georg Kaser si è fatto scivolare gli occhiali sul naso come un medico alla ricerca dei sintomi di una malattia terminale ed ha esaminato le mie foto del ghiacciaio Stanley e delle pareti di roccia appena esposte su entrambi i lati.

Autore principale di due capitoli dei rapporti dell’IPCC, Kaser ha raggiunto la vetta del Margherita Peak nel 1991 ed è l’ex preside dell’Istituto di scienze atmosferiche e criosferiche dell’Università di Innsbruck. Studiando le rocce arancioni, nere e marroni, indicò una scogliera con una linea di scolorimento. Questo “indica un ritiro piuttosto recente”, ha detto Kaser.

La combinazione della sua valutazione delle foto con la conoscenza delle condizioni climatiche moderne ha portato Kaser a una prognosi infausta per il Rwenzori e tutti i ghiacciai dell’Africa. “Puoi negoziare su quasi tutto”, ha detto, “ma non puoi negoziare il punto di fusione del ghiaccio”.




RELATED ARTICLES

Most Popular