lunedì, Novembre 29, 2021
Home Amore e Passione Non-consenso consensuale: esplorare confini impegnativi

Non-consenso consensuale: esplorare confini impegnativi

Rinunciare alla possibilità di usare una safeword in incontri stravaganti.

Negli ultimi anni, la discussione sul "non consenso consensuale" o "CNC" è stata sempre più diffusa nel mondo del kink e del sadomasochismo (BDSM). Le idee del CNC sono un'esplorazione del potere e l'erotizzazione di rinunciare completamente a tutto il potere e mettersi completamente nelle mani di un altro. Mentre questa idea è terrificante per alcuni, per altri quel terrore si traduce in una potente corsa erotica.

Il sadismo e il masochismo descrivono individui che si impegnano nel dare o nel ricevere dolore, come parte del loro repertorio sessuale. La ricerca moderna ora suggerisce che le caratteristiche di ricerca dell'eccitazione, estroversione e apertura all'esperienza sono caratteristiche personali chiave che spingono gli individui a impegnarsi in comportamenti sessuali come il BDSM (Brown, Barker & Rahman, 2019; Wismeijer & van Assen, 2013). Proprio come alcune persone gravitano verso hobby di tipo "adrenalinico" come il paracadutismo mentre altri preferiscono lavorare a maglia, alcune persone gravitano verso comportamenti sessuali altamente stimolanti, mentre altri preferiscono fare l'amore in silenzio.

I comportamenti sessuali che coinvolgono sculacciate ed elementi di forza, aggressività o dominio sono estremamente comuni e non sono associati a patologie o disturbi emotivi (ad es. Joyal, 2015). In genere, nei comportamenti BDSM, ci sono individui che si impegnano in comportamenti dominanti, assertivi, aggressivi o disciplinari. Per alcuni, il dominio psicologico o "giochi di testa" è una componente centrale dell'esperienza, per cui un sottomesso è costretto a provare intense e potenti emozioni di paura, ansia, persino disgusto, mentre si trova nel contesto di una relazione di fiducia, negoziata e consensuale. Mentre BDSM e CNC sono spesso sessuali, questi comportamenti a volte possono comportare l'unica esplorazione del potere, senza alcun contatto erotico palese.

Il consenso ai comportamenti sadomasochisti sta ricevendo l'attenzione della ricerca attuale (ad esempio, Carvalho, Freitas & Rosa, 2019) e ci sono diversi modelli o quadri di consenso utilizzati nel BDSM, tra cui: "Safe, Sane and Consensual", "Risk Aware Consensual Kink ”, “Prendersi cura, comunicazione, consenso e cautela” e “Consenso continuo” (Santa Lucia, 2005; Williams, Thomas, Prior & Christensen, 2014). Le persone che partecipano al BDSM organizzato tendono ad essere più consapevoli degli aspetti sfumati del consenso e sono abili nel negoziare il consenso (ad es. Dunkley e Brotto, 2019), sebbene le violazioni del consenso e le aggressioni sessuali continuino a verificarsi all'interno di questi gruppi. Le "safeword" fanno parte della negoziazione dell'attività BDSM, in base alla quale gli individui si identificano (una parola o un gesto non verbale) in cui terminerebbero l'attività se si sentissero angosciati e che consentono loro anche di dire "no" e resistere o lottare, senza terminare l'attività.

Fonte: Pixabay

Il "non consenso consensuale" descrive l'impegno in comportamenti che possono includere giochi di ruolo di comportamenti non consensuali o possono comportare la negoziazione di comportamenti sessuali in cui un partner accetta di rinunciare al consenso durante determinati comportamenti o relazioni. Ad esempio, questo può coinvolgere individui che descrivono al loro partner o potenziale partner che fantasticano di essere rapiti e violentati e i partner accettano di recitare questo come una "scena" di gioco di ruolo nella vita reale, per soddisfare la fantasia desiderata. "CNC" descrive come gli individui negoziano consensualmente in anticipo cosa implicherebbero i comportamenti non consensuali del momento e il gioco di ruolo. Il non consenso consensuale rappresenta una forma di individui che mettono la responsabilità e il controllo nelle mani di un'altra persona e li invitano a spingere l'individuo oltre i propri limiti o ad assumersi la responsabilità di superare gli ostacoli interni del sottomesso a impegnarsi nei comportamenti desiderati. Il non consenso consensuale, in sostanza, riflette una forma estrema di erotizzazione dell'impotenza.

C'è una discussione molto limitata sul CNC nella ricerca e nella letteratura clinica. Il concetto correlato di "fantasie di stupro" è stato ampiamente studiato, con ricerche che suggeriscono che è estremamente comune. Vari studi suggeriscono che tra il 30-60% delle donne riferisce fantasie sessuali di essere violentate, violentate o assunte in altro modo sessualmente contro la loro volontà, con circa la metà che riferisce che tali fantasie sono eccitanti e positive per loro (ad es. Bivona e Critelli, 2009) . Ci sono poche informazioni su quante donne incorporano tali fantasie nel loro comportamento sessuale come giochi di ruolo. Molte donne temono che la condivisione di tali fantasie possa portarle a essere effettivamente stuprate o che le persone credano di voler effettivamente subire un'aggressione sessuale, cosa che non fanno (Bivona e Critelli, 2009). Quando le coppie tentano di incorporare la fantasia del gioco di ruolo sullo stupro nei loro comportamenti sessuali, può essere un'attività complessa, tesa, ma spesso gratificante e positiva. (Johnson, Stewart e Farrow, 2019)

La National Coalition for Sexual Freedom ha intervistato le persone coinvolte nel BDSM per indagare sulla portata e sulla natura delle violazioni del consenso all'interno di coloro che praticano il BDSM. Tra oltre quattromila intervistati, il 29% ha riportato una storia di violazioni del consenso, che vanno dalle carezze e toccamenti alla penetrazione genitale non consensuale. Il quaranta per cento ha riferito di essersi volontariamente impegnato in scene e comportamenti CNC, in cui "una o più persone rinunciano al diritto di revocare il consenso per la durata della scena". Di coloro che si erano impegnati nel CNC, solo il 14% ha riferito che i propri limiti pre-negoziati erano stati violati in una scena o relazione CNC, che era la metà del tasso di violazioni del consenso riportato nel campione in generale. Solo il 22% delle persone che si impegnano in comportamenti CNC ha riferito di aver subito violazioni del consenso in qualsiasi momento, rispetto al 29% del campione in generale. Gli autori suggeriscono che "l'ulteriore discussione e negoziazione che occorrono per impegnarsi nel CNC è una delle chiavi per ottenere un consenso pienamente informato". (Wright, Stambaugh & Cox, 2015, pag. 20)

Le relazioni "padrone-schiavo" sono una forma ritualizzata di relazioni BDSM consensuali non consenzienti, in cui gli individui negoziano una relazione consensuale in cui un partner consente all'altro di controllare tutti gli aspetti della propria vita. Le relazioni padrone-schiavo sono rare, ma esistono e sono state studiate nel 2013 da Dancer, Kleinplatz e Moser. Hanno scoperto che incorporando eventi banali della vita quotidiana come le faccende domestiche e le routine quotidiane negli aspetti differenziali di potere delle loro vite, i partecipanti hanno ampliato i confini del loro interesse BDSM oltre le semplici attività sessuali. Sebbene esistessero percezioni e ideali di "totale sottomissione", gli "schiavi" che avevano negoziato il non consenso consensuale esercitavano ancora il libero arbitrio quando ne avevano bisogno per i loro migliori interessi. Circa la metà degli "schiavi" in questo studio ha descritto di aver rinunciato a qualsiasi capacità di rifiutare gli ordini dal loro padrone, una volta entrati nella loro relazione. Il 74% degli "schiavi" ha riferito di aver tenuto comportamenti che in precedenza erano sembrati loro inconcepibili, poiché erano stati "spinti oltre i propri limiti" dal loro padrone.

Il non consenso consensuale, le relazioni padrone-schiavo, le fantasie di giochi di ruolo sullo stupro e il BDSM in generale sono componenti di discussioni online estremamente popolari nei social media online. Sfortunatamente, come tutto online, queste discussioni possono coinvolgere tante informazioni cattive o errate quanto idee e materiale sani o positivi. Sessuologi e clinici come me incontrano spesso individui le cui informazioni su come praticare BDSM, CNC o pratiche sessuali alternative provengono interamente da fonti online e contengono una grande quantità di informazioni o pratiche sospette e malsane.

Una comprensione clinica e scientifica della prevalenza, della natura e dell'eziologia delle pratiche sessuali consensuali senza consenso è agli inizi. La ricerca e il lavoro clinico su questi argomenti sono in corso, ma anche quest'area del comportamento sessuale si sta evolvendo man mano che cresce, rendendo difficile concettualizzare o inquadrare completamente. È chiaro che molte persone fantasticano di trovarsi in situazioni sessuali in cui non possono fuggire o porre fine all'esperienza. Meno persone mettono in atto tali comportamenti nella vita reale attraverso il gioco di ruolo, rispetto alla fantasia, anche se sembra che non sia raro farlo. Fatto con consenso, consapevolezza di sé, negoziazione e comunicazione, sembra che l'integrazione di pratiche consensuali di non consenso nei comportamenti sessuali possa essere un aspetto sano e appagante della sessualità per alcune persone, consentendo loro di espandere i propri confini sessuali.

Postato originariamente su Psychology Today da David Ley.

Foto di copertina di Pixabay

Ti è piaciuto questo articolo? Condividere

Copia link

ARTICOLI CORRELATI

I PIÙ POPOLARI