mercoledì, Febbraio 28, 2024
HomeBenessereFitnessPuoi (e dovresti) allenarti con il COVID-19?

Puoi (e dovresti) allenarti con il COVID-19?


Il COVID-19 si è diffuso in tutto il mondo, causando la quinta pandemia documentata nella storia dalla pandemia influenzale del 1918 (Liu et al., 2020). La pandemia ha avuto un impatto significativo sul mondo, costringendo gli esseri umani a isolarsi per prevenire la trasmissione comunitaria del virus. Questo ha cambiato il modo in cui le persone si esercitano durante questi tempi difficili.

In questo blog, risponderemo ad alcune domande comuni utilizzando le ultime prove di ricerca. E se sei interessato ad esplorare ancora di più questo argomento, guarda il corso NASM gratuito sulla gestione del COVID!

Il CDC e gli operatori sanitari raccomandano alle persone con diagnosi di COVID-19 di astenersi dall’attività fisica per un periodo di circa 10-14 giorni (CDC, 2021). Ciò è dovuto alla natura altamente contagiosa del virus e al modo in cui il virus può colpire diversi individui. Alcuni individui potrebbero non avere sintomi e alcuni potrebbero avere sintomi gravi.

Attualmente, non ci sono ricerche su come le persone con COVID-19 risponderanno all’esercizio, il che ha spinto ricercatori ed esperti a essere cauti e raccomandare l’isolamento e il riposo durante il periodo di circa due settimane del virus COVID-19 (CDC, 2021) .

I professionisti del fitness dovrebbero raccomandare ai loro clienti di riposare durante il periodo virale e consultare un medico qualificato per quanto riguarda l’esercizio. Le migliori pratiche (attualmente) includono il rispetto delle linee guida COVID-19 e la collaborazione con il fornitore di servizi medici del cliente per garantire la loro sicurezza. A causa delle molte incognite di COVID-19, un approccio conservativo è ottimale fino a quando non si conoscono maggiori informazioni sugli effetti dell’esercizio su questa malattia.

La risposta breve è sì! Gli individui sedentari possono soffrire di più complicanze COVID-19 a lungo termine rispetto agli individui attivi. I ricercatori degli Stati Uniti hanno recentemente pubblicato uno studio su larga scala di 48.400 adulti con COVID-19. I ricercatori hanno scoperto che le persone inattive (meno di 10 minuti a settimana di esercizio) avevano un rischio maggiore di ricovero, ricovero in unità di terapia intensiva e morte a causa di COVID-19.

Gli individui più attivi (fino a oltre 150 minuti di esercizio a settimana) presentavano fattori di rischio minori (Sallis et al., 2021). I ricercatori brasiliani hanno anche riscontrato risultati positivi simili tra gli individui attivi (150 minuti a settimana di attività fisica di intensità moderata o 75 minuti a settimana di attività fisica di intensità vigorosa), con una riduzione del 34,3% dei ricoveri rispetto agli individui sedentari (de Souza et al. ., 2021).

Dovresti allenarti mentre sei malato (in generale)?

I ricercatori hanno documentato che brevi periodi (ad esempio, fino a 45 minuti) di esercizio di livello moderato possono migliorare la funzione immunitaria ed essere utili per le persone con infezioni virali (ad esempio, influenza) (Simpson et al., 2020). La gravità dei sintomi e i giorni di malattia potrebbero essere ridotti dagli esercizi (Grande et al., 2020). Tuttavia, la ricerca è promettente; tuttavia, gli esperti avvertono ancora le persone malate di non esporre gli altri alla malattia (ad esempio, esercitandosi in palestra) o di sovrallenarsi attraverso un intenso esercizio prolungato, che può causare immunosoppressione (Martin et al., 2009). Per quanto riguarda COVID-19, nessuna ricerca ha esaminato la risposta immunitaria di un esercizio di livello moderato per le persone infette.

Ciò supporta le attuali linee guida del CDC secondo cui le persone con COVID-19 dovrebbero astenersi dall’esercizio fisico a causa delle molte incognite sulla malattia. A volte, il riposo può essere la migliore medicina! Le migliori pratiche per i professionisti del fitness includono consigliare ai clienti con infezioni di astenersi dall’esercizio se manifestano sintomi come la febbre (Dick & Diehl, 2014). Inoltre, i clienti possono consultare il proprio medico poiché diverse malattie virali e batteriche possono avere altri effetti sul corpo.

Quali sono le complicanze a lungo termine del COVID-19 e il rischio di miocardite tra gli atleti e gli appassionati di fitness?

Il professionista del fitness dovrebbe considerare che i ricercatori hanno documentato che l’80% delle persone ricoverate in ospedale con COVID-19 ha manifestato almeno un sintomo persistente sei mesi dopo il recupero (Lopez-Leon et al., 2021). I cinque sintomi a lungo termine più comuni includono affaticamento (58%), mal di testa (44%), disturbo dell’attenzione (p. es., nebbia COVID-19) (27%), perdita di capelli (25%) e mancanza di respiro (24% ) (Lopez-León et al., 2021). Altri sintomi comuni a lungo termine possono includere ma non sono limitati a tosse, dolore toracico, febbre intermittente, dolore muscoloscheletrico e palpitazioni cardiache (CDC, 2021).

Gli individui con complicazioni a lungo termine sono spesso classificati come “trasportatori a lungo raggio” a causa di problemi persistenti (Baig, 2020). Una complicanza emergente sono le condizioni cardiache, inclusa la miocardite (infiammazione del muscolo cardiaco). I ricercatori hanno documentato che il 10-30% delle persone ospedalizzate con COVID-19 soffriva di qualche tipo di condizione cardiaca, inclusa la miocardite (Mitrani et al., 2020). Per gli atleti e gli appassionati di fitness, la miocardite è diventata una preoccupazione crescente tra gli esperti. La miocardite è la principale causa di morte improvvisa tra gli atleti competitivi (Daniels et al., 2021).

Studi recenti hanno documentato un aumento della miocardite tra gli atleti agonisti che avevano il COVID-19 (Martinez et al., 2021). Il professionista del fitness dovrebbe considerare che questa condizione può verificarsi anche in clienti attivi post-COVID-19 che partecipano a un intenso esercizio fisico.

Le migliori pratiche per i professionisti del fitness includono che il cliente lavori con il proprio medico e possibilmente si sottoponga a uno schermo di ritorno cardiaco all’attività prima di partecipare a un programma di esercizi vigorosi (Starekova et al., 2021). Lo screening cardiaco ha dimostrato di essere un metodo eccellente per rilevare la miocardite o qualsiasi altro fattore di rischio cardiaco per gli atleti e le persone attive che tornano all’esercizio dopo aver contratto il COVID-19 ((Martinez et al., 2021; McKinney et al., 2020).

Quali sono le linee guida di sicurezza COVID-19 raccomandate per la gestione dei clienti e l’igiene generale della struttura?

L’industria del fitness ha subito cambiamenti radicali dall’inizio del COVID-19. Diversi stati hanno consentito alle strutture per il fitness di tornare a un’occupazione parziale al chiuso insieme a un continuo esercizio all’aperto. Tutti i professionisti del fitness dovrebbero considerare di seguire le ultime normative CDC, statali e locali COVID-19 che si applicano alla loro pratica professionale. Le migliori pratiche includono anche il rispetto delle precauzioni COVID-19 standard da persona a persona durante la formazione dei clienti (Tabella 1).

Queste misure preventive dovrebbero ancora essere prese in considerazione fino a quando non saranno in vigore linee guida aggiornate che cambino tali interazioni da persona a persona.

Raccomandazioni da persona a persona

Precauzioni per il covid-19

  • Controllo della temperatura senza contatto

Durante una giornata tipica all’interno di qualsiasi palestra, persone diverse possono toccare le stesse superfici e attrezzature, aumentando il rischio di trasmissione di COVID-19. I ricercatori hanno scoperto che il coronavirus può durare fino a 9 giorni su superfici inanimate (Wiktorczyk-Kapischke et al., 2021).

Le superfici delle attrezzature sportive come, a titolo esemplificativo ma non esaustivo, maniglie su macchine o attrezzature cardiovascolari, touch screen, pesi liberi (ad es. manubri, kettlebell, ecc.) o perni del pacco pesi delle macchine possono rappresentare un potenziale rischio di trasmissione a causa del contatto ripetuto tra le persone . Le apparecchiature portatili che possono rappresentare un rischio di trasmissione possono includere, a titolo esemplificativo ma non esaustivo, palle fisioterapiche, rulli in schiuma e tubi o bande in lattice (CDC, 2021).

Leggi anche: Come pulire la tua palestra

Il CDC e l’EPA raccomandano l’uso di un disinfettante chimico approvato di basso livello o preferibilmente un disinfettante di livello intermedio (Veiga-Malta, 2016). I comuni disinfettanti di livello intermedio includono alcool isopropilico al 70%, prodotti disinfettanti a marchio Lysol® e prodotti disinfettanti a marchio Clorox®.

La candeggina può essere utilizzata anche per pulire (ad esempio, cinque cucchiai o 1/3 di tazza di candeggina in 1 litro di acqua) ma può essere corrosiva per alcune superfici (Veiga-Malta, 2016). Le migliori pratiche nella gestione dei clienti e nell’igiene delle strutture forniranno l’ambiente più sicuro per tutti i clienti.

Conclusione

Queste sono domande comuni che i professionisti del fitness e i clienti possono porre in merito all’esercizio fisico e al COVID-19. Il professionista del fitness dovrebbe impegnarsi a rimanere aggiornato con le linee guida COVID-19 del CDC e del governo locale e la ricerca su questo argomento. Garantire un ambiente sicuro e un programma di esercizi sia per il cliente che per il professionista del fitness dovrebbe concentrarsi su tutta la programmazione del fitness.

I professionisti del fitness sono incoraggiati a vedere il nuovo corso NASM COVID-19 Fitness Management, che fornisce una copertura più completa di questo argomento.

RELATED ARTICLES

Most Popular