lunedì, Luglio 15, 2024
HomeIntrattenimentoRetrogaming, il fenomeno che riporta in auge i videogiochi del passato

Retrogaming, il fenomeno che riporta in auge i videogiochi del passato

In questi anni dominati da internet e dalle tecnologie digitali, abbiamo visto il settore dei videogame evolversi rapidamente, con proposte sempre più realistiche e accattivanti in grado di raccogliere consensi in ogni parte del mondo. Esiste, tuttavia, un fenomeno sempre più popolare che sta riportando in auge i videogiochi del passato, in netta controtendenza con i titoli di ultima generazione: questo trend prende il nome di retrogaming e ha catturato l’attenzione di appassionati di tutte le età, portando i classici del passato a rivivere sui dispositivi dei più nostalgici e a conquistare, al tempo stesso, le nuove generazioni.

La nascita del retrogaming

Il termine retrogaming si riferisce al revival dei videogiochi del passato, una tendenza che si muove dalle console arcade alle vecchie console domestiche come l’Atari 2600, il Nintendo Entertainment System (NES), il Genesis di casa SEGA e molte altre, fino a includere i primi videogame utilizzati sui PC tra gli anni ’80 e i primi anni 2000. Mosso dal motore della nostalgia, il fenomeno del retrogaming spinge i tanti appassionati che hanno vissuto quell’epoca a cimentarsi nuovamente con i titoli che hanno segnato la propria giovinezza, ma non sono soltanto loro a trovare interessante questa nuova tendenza, anzi sono sempre di più i giovani che, pur non appartenendo a quella generazione, trovano interessante l’uso dei videogiochi vintage.

È così che anno dopo anno stanno tornando in auge titoli iconici del passato, da Super Mario a Pac-Man, disponibili non soltanto nelle versioni attualizzate con le nuove tecnologie ma anche nella loro forma originaria, che nonostante grafiche elementari e un funzionamento basico attraggono tantissimi utenti. Anche un comparto particolare come quello dei giochi da casino viene fatto spesso rientrare in questo trend, non tanto da un punto di vista delle tecnologie utilizzate per l’accesso ai giochi stessi, quanto per il ritorno al passato e all’uso di passatempi tradizionali digitalizzati come le slot machine senza particolari modifiche in termini di strategie e regole di gioco, una tendenza che ha portato al successo le piattaforme oggi attive via web e app mobili.

La crescita del mercato retrogaming

Il mercato del retrogaming sta crescendo rapidamente, con una domanda sempre più alta per giochi, console e accessori vintage. La vendita di vecchie console e giochi su piattaforme online di aste e mercati secondari è diventata un affare fiorente, tanto che molte persone stanno cercando di monetizzare proprio vendendo oggetti di questo genere conservati in casa. Alcuni titoli di giochi retro, soprattutto quelli più rari e ricercati, possono raggiungere prezzi notevoli tra i collezionisti, generando un giro d’affari da non sottovalutare.

Il fenomeno fa inoltre sempre più gola alle aziende, che in molti casi hanno rilanciato versioni aggiornate delle console classiche, come il “NES Classic Edition” di Nintendo e il “Sega Genesis Mini”, combinando l’esperienza di gioco retro con alcune comodità moderne, come la possibilità di salvare il progresso delle partite.

Le comunità e gli eventi retrogaming

Di fronte a un fenomeno così vivace, non potevano che nascere comunità online ed eventi di settore: il retrogaming, infatti, è sempre più protagonista sia online che nel mondo fisico. Pullulano, per esempio, forum e siti web specializzati che offrono una piattaforma per i giocatori sulla quale condividere esperienze, consigli e suggerimenti, e per organizzare scambi e vendite di giochi retro, ma al tempo stesso sono sempre più frequenti gli eventi fisici, come le fiere dedicate proprio al retrogaming, che attirano migliaia di appassionati e rappreentano un luogo ideale per l’acquisto di oggetti vintage e il confronto con altri giocatori.

Spesso, peraltro, al di là dell’aspetto nostalgico, si tende ad attribuire al retrogaming anche un valore educativo: i giochi del passato, infatti, richiedevano una certa dose di pazienza per la risoluzione di enigmi e per lo svolgimento delle partite, diventando molto utili per sviluppare abilità cognitive e problem-solving in una maniera differente rispetto a quanto non accada oggi con i titoli più all’avanguardia. I videogame retro si trasformano inoltre in un’opportunità per le nuove generazioni di provare quei giochi che hanno influenzato molte delle creazioni moderne, capendo la storia e l’evoluzione di questi prodotti nel tempo.

Il retrogaming è dunque molto più di una moda passeggera, ma può essere anzi considerato un vero e proprio un movimento culturale in piena evoluzione, che da un lato celebra i giochi del passato e li rende accessibili a tutti e, dall’altro, unisce generazioni differenti portandole a condividere esperienze e sensazioni uniche, una tendenza che non sembra destinata a svanire presto, sospinta dal crescente amore per i classici del gioco.

RELATED ARTICLES

Most Popular