Qual è la struttura degli occhi delle api da miele?

0
36

A una domanda insolita su quanti occhi ha un'ape, rispondiamo immediatamente: “Solo cinque occhi, 3 sono semplici e 2 sono complessi, costituiti da sfaccettature.

Le api hanno un sistema visivo complesso. Unisce i diversi organi del sistema visivo, responsabili di determinate funzioni.

Quanti occhi ha un'ape?

Tali organi aiutano le api a orientarsi nello spazio, compensano la mancanza di luce, consentono loro di annusare i fiori a una distanza massima di 1 km. Non sono solo responsabili della percezione dell'ambiente, ma svolgono anche funzioni aggiuntive. I lavoratori delle api hanno gli occhi di una struttura complessa ai lati della testa. Sono formati da un numero enorme di celle speciali. Si chiamano sfaccettature. Le api vedono l'ambiente circostante come un mosaico, costituito da minuscole particelle. Ogni aspetto è responsabile di formare la propria parte dell'immagine.

Caratteristiche degli occhi di un'ape regina, fuco, ape da lavoro

Se confronti gli organi visivi di api di classi diverse, troverai differenze. Un'ape operaia ha occhi semplici sulle sue ombre. Al contrario, un drone e un'ape hanno tali organi direttamente sulla fronte. Gli insetti hanno un numero diverso di sfaccettature (ommatidi). Nelle api, il loro numero raggiunge spesso i 4.000 pezzi, nelle api operaie – 5.000 pezzi, nelle api drone – 9.000 pezzi.

Peculiarità degli occhi delle api

Gli occhi sfaccettati sono perfettamente visibili nei droni, mentre convergono sulle ombre. Nell'utero di un'ape, un'ape da lavoro, è difficile distinguere questi organi visivi con uno sguardo superficiale. In tutti gli insetti descritti, i semplici ocelli hanno un dispositivo primitivo. Si tratta di speciali lenti trasparenti, sporgono notevolmente dalla testa. Ognuno di loro cattura le immagini separatamente.

Meccanismo di visione di un'ape

Quando guardi da vicino le sfaccettature degli occhi usando una lente d'ingrandimento, noterai un rilievo esagonale sulla superficie di ciascun organo. A causa di questa specifica goffratura, gli occhi sono spesso chiamati occhi a rete. Ciascuna delle sfaccettature è un fascio costituito da cellule che hanno una forma allungata, un bordo sottile. Tra gli occhi vicini ci sono speciali cellule del pigmento.

La presenza di migliaia di sfaccettature non fornisce alle api una buona vista. Indipendentemente dalle condizioni ambientali, l'immagine degli oggetti non è sufficientemente chiara. È diviso in punti separati. Uno speciale dispositivo del sistema binoculare impone i suoi limiti. È stato dimostrato che gli occhi delle api sono più adatti alla percezione di oggetti in movimento, in volo. La visione non si adatta bene alla percezione di oggetti fermi, non cambia la loro posizione.

Le informazioni visive che le api percepiscono attraverso i loro occhi si trasformano istantaneamente in impulsi nervosi. Entrano immediatamente nel cervello. Lì, prima, avviene l'analisi e poi l'elaborazione delle informazioni in arrivo. Dopo che la risposta è stata generata dal dipartimento del sistema nervoso centrale, il segnale viene trasmesso agli organi periferici. La visione degli insetti è caratterizzata da volume e immagini sfocate.

Posizione e numero di occhi in un'ape

Indipendentemente dalla classe dell'insetto (ape da lavoro, fuco, ape regina), ha cinque occhi. Sulla testa di ogni individuo si trovano:

  • tre piccoli occhi dorsali (ocelli);
  • due grandi occhi con una struttura complessa.

Il secondo tipo di occhi è chiamato occhi sfaccettati perché si trovano ai lati della testa, formati da un numero enorme di sfaccettature. Tali occhi hanno una forma allungata. Rappresentano la convessità, che è diretta verso il basso.

Gli occhi sfaccettati sono formati da ommatidi, che sono unità strutturali. Sono densamente posizionati, gli ommatidi vicini sono strettamente adiacenti l'uno all'altro. Ciascuna di queste unità funzionali, che fanno parte di un organo sfaccettato, ha una parte rifrangente, isolante e percettiva.

È interessante notare che la dimensione dell'occhio di ogni ape è in media di 2 millimetri. E il numero di occhi rimane invariato per ogni individuo. L'area più significativa ha gli organi visivi del drone, il secondo posto su questo criterio è occupato dai lavoratori e il secondo posto è occupato dalla lista dell'utero.

Perché tanti occhi?

L'apparato visivo delle api industriose è inizialmente poco sviluppato. Per compensare la mancanza di vista, la natura li ha dotati di diversi organi visivi. Cinque occhi interi consentono a questi insetti di orientarsi nell'ambiente, ottenere informazioni sulle piante da fiore, vedere oggetti diversi. Gli occhi grandi aiutano a vedere gli oggetti, a formare un quadro completo di ciò che sta accadendo intorno a un insetto.

Gli organi dorsali (ocelli) sono responsabili della visione crepuscolare. Aiutano le api a conoscere l'alba che si avvicina e l'arrivo di un nuovo giorno, oltre a ricevere informazioni sulla sua fine senza fallo. Ocelli sostituisce parzialmente il tocco; come parte del sistema binoculare, hanno una funzione secondaria. Gli organi delle faccette formano immagini sotto forma di un mosaico, che consiste di singoli punti e aiuta ad ottenere una visione olistica degli oggetti.

Gli occhi sfaccettati con la struttura complessa sono usati come collegamento principale dell'apparato visivo. Al contrario, gli occhi semplici sono considerati un collegamento secondario. Forniscono alle api informazioni oggettive sullo spazio circostante.

La percezione del colore del mondo dagli occhi delle api

Tali insetti distinguono molti colori e sfumature. Solo loro non percepiscono il colore rosso, non possono distinguerlo dal nero. A proposito, ecco perché tutti gli esami invernali delle api vengono effettuati utilizzando una luce rossa, le api non possono vedere la luce, quindi sono meno preoccupate. Le immagini del mondo intorno alle api si formano nello spettro ultravioletto.

Gli adulti possono percepire meglio le sfumature di bianco, blu e giallo. La visione degli adulti può essere definita mosaico. Quando si forma un'immagine, il loro cervello fa molto lavoro. L'intero processo è simile a questo:

  • Ciascuna delle migliaia di sfaccettature percepisce solo una parte di un oggetto, non l'intero oggetto.
  • Il cervello elabora le immagini in arrivo con le singole parti dell'oggetto catturate.

Il cervello unisce le singole parti dell'oggetto e le api operaie percepiscono l'intera immagine come risultato.

Le api non vedono una differenza speciale tra i colori arancione, verde, insalata e giallo. Il sistema di visione delle api ha la capacità di percepire la luce polarizzata. Questa qualità consente agli insetti di navigare nello spazio con calma.

Può essere visto dalle api al buio?

Le api possono vedere molto bene nell'oscurità totale. Possono navigare nel campo elettromagnetico della terra. Alcuni individui preferiscono condurre una vita notturna. Nell'oscurità, le api possono distinguere non solo i fiori, ma anche determinare inequivocabilmente la strada che porta a casa. Il sistema visivo di questi insetti si è adattato perfettamente alle condizioni di illuminazione inadeguata. I voli nell'oscurità totale non creano problemi alle api che possono tranquillamente tornare al loro alveare nativo di notte.

Va notato che le api operaie volano raramente al buio, con poche eccezioni. Ciò è dovuto non solo alla necessità di riposare di notte ma anche all'abbassamento del campo elettromagnetico. Questo fattore contribuisce a un disturbo dell'orientamento nello spazio delle api, quindi preferiscono principalmente non volare di notte. L'esperienza ha scoperto che questi insetti possono distinguere la forma degli oggetti.

Cosa succede se accechi un'ape con una luce intensa?

Se accechi un'ape che passa con un lampo di luce intensa e diretta, l'ape semplicemente cadrà, perdendo il suo orientamento. Un tale esperimento danneggerà gravemente l'insetto, il che ha un vantaggio significativo. Quindi non abbagliare l'ape. I suoi organi visivi non sono in grado di elaborare una luce troppo brillante e forte. L'ape operaia accecata e stordita non si riprende immediatamente dopo l'esposizione a un lampo di luce. Decolla dopo un certo tempo per continuare il suo viaggio.

Studi recenti hanno rilevato la miopia negli organi sfaccettati delle api mellifere. Questi lavoratori vedono chiaramente gli oggetti che si trovano a distanza ravvicinata. Più lontano è l'oggetto, più difficile è per le api vederlo in dettaglio e formarsi la propria idea su di esso. A una distanza di oltre 50 cm, gli insetti notano solo gli oggetti che si muovono. Le api da miele si vedono meglio a una distanza di pochi centimetri.

196

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui