martedì, Giugno 25, 2024
HomeLifestyleCasa e GiardinoGiardino di casa: come progettarlo da soli 

Giardino di casa: come progettarlo da soli 

Possedere una zona esterna significa avere a propria disposizione un grosso valore aggiunto. Una casa con giardino, infatti, non è solo più appetibile sul mercato, ma permette anche di trovare ristoro in un contesto outdoor costruito su misura per le vostre esigenze. Così come gli ambienti interni della casa rispecchiano le vostre attitudine e preferenze, quindi, anche quelli esterni lo faranno, concedendovi degli spazi in cui riposare, dare valore ai momenti e organizzare serate in compagnia di amici e familiari a base di barbecue e grosse risate. Da qui nasce l’esigenza di allestire il giardino come meglio si crede, creando delle zone adibite totalmente al comfort

Destinare una porzione di giardino a un’area relax non è mai una scelta sbagliata. Naturalmente in questi casi è fondamentale provvedere all’installazione di una pergola o di una tenda da sole di qualità per rendere questa zona fruibile a tutte le ore. Al riguardo suggeriamo di optare per le strutture di alta qualità come ad esempio quelle proposte su chetenda.it, sito tra i più apprezzati del settore, in modo da avere la garanzia di una lunga durata.  

Arredare il giardino di casa non è propriamente semplice, richiedendo uno sforzo in termini di energie e tempo e, molto spesso, di denaro, non indifferenti. Proprio alla luce di quest’ultimo aspetto molte persone preferiscono delegare questo lavoro a dei professionisti del settore, per non mettere a rischio i complementi e tutto ciò che è stato acquistato per poter personalizzare da cima a fondo il giardino. Scopriamo, nelle prossime righe, tutto ciò che chi, con un po’ di manualità, desidera progettare e mettere a punto la propria area relax outdoor in autonomia

Creare il giardino da soli, fasi preliminari 

Le primissime fasi sono, ovviamente, di progettazione e si rivelano necessarie per comprendere il tipo di lavori e lo stile che si vuole per il proprio giardino, anche in relazione alle possibilità dell’area outdoor che la vostra casa ha a disposizione. per questo motivo, dovremo capire se, ad esempio, il giardino sarà esposto all’ombra o al sole. In quest’ultimo caso, si potrà scegliere un range di piante molto più limitato, evitando sempreverdi e scegliendo quelli a foglia caduca. I giardini esposti al sole avranno, invece, bisogno di un sistema di irrigazione o delle vostre attenzioni costanti. 

Scendendo nel pratico della fase di progettazione, poi, avrete bisogno di carta e matita, con cui andare a tracciare la mappa, il più preciso possibile, per poi andare ad inserire tutti i complementi, gli accessori e gli elementi che andranno a costituire il vostro giardino: fontane, barbecue, siepi, alberi e tutto ciò di cui avrete bisogno per fare vostra la zona esterna della casa. Abbiate cura di calcolare le proporzioni in modo accurato, facendo attenzione agli ingombri

L’ultimo aspetto preliminare, decisamente più pratico, riguarda la preparazione del terreno. Dovrete, quindi, sporcarvi le mani e rimuovere le erbacce. Si procede, poi, dissodando il terreno, arieggiando il prato e concimandolo. Infine, dovrete tracciare i contorni delle aiuole come da progetto e lasciare che il terreno si assesti, lasciandolo così per una decina di giorni all’incirca. 

Creazione del giardino, ecco cosa fare 

La parte dedicata alla progettazione è, sicuramente, quella più delicata. Al termine di quest’ultima potrete iniziare piantando fiori e piante come da progetto, prendendovi cura dell’estetica della vostra area outdoor e facendo di tutto affinché rispetti le vostre esigenze estetiche. È molto importante scegliere i colori, in modo tale che siano piacevoli alla vista e che si sposino bene con gli elementi artificiali del giardino. Ricordate che i colori hanno un impatto sulla psiche e che, per questo, vadano scelti con una certa ponderazione. 

RELATED ARTICLES

Most Popular