lunedì, Ottobre 18, 2021
Home Lifestyle Viaggi 19 cose da sapere prima di andare a Sydney

19 cose da sapere prima di andare a Sydney

Guerre del gelato, stazioni ferroviarie confuse e bere birra dalle golette: decodificare la più grande città d'Australia.

Non c'è centro lì. Sydney è un mosaico disparato, ufficialmente diviso in 10 villaggi distinti con caratteri distinti. Il Central Business District (CBD), intasato dal traffico e dai grattacieli svettanti, non è davvero il cuore della città. Le aree del porto sono costose e esclusive, mentre i sobborghi settentrionali sono ricchi. Newtown ha hipster, Surry Hills ha più caffè di quanti potresti visitare in un anno e Redfern, un centro di storia e cultura aborigena, ha anche caratteristiche terrazze vittoriane. C'è Bondi, un'attrazione turistica, e Haymarket, la vecchia Chinatown, con le sue bancarelle di spaghetti e centri commerciali. L'ampia espansione della città rende sgradevole camminare tra i villaggi: durante le ore di punta (7-9 e 16-19), è meglio spostarsi con i mezzi pubblici grazie ai parcheggi limitati e al traffico strisciante.

TripView è la tua bussola. Sydney può essere difficile da attraversare anche con i mezzi pubblici. Non c'è metropolitana, solo un mosaico di treni, autobus e traghetti per servire lo sprawl. La stazione del municipio, che serve il CBD, è un male necessario: un groviglio di ascensori e piattaforme in stile Escher impilati uno sopra l'altro e una grave mancanza di posti a sedere per i viaggiatori in attesa. (A un certo punto, i servizi igienici erano fuori dalla stazione e quindi aperti a molto traffico pedonale, il che li rendeva pratici ma piuttosto sgradevoli.) È meglio evitare il municipio durante le ore di punta dei pendolari e sapere in anticipo di quali piattaforme hai bisogno se ti connetti e quale uscita desideri. La segnaletica della stazione potrebbe non corrispondere alla destinazione desiderata e l'uscita sbagliata ti porterà a diversi isolati di distanza. L'app Sydney TripView ti dice orari e percorsi e renderà l'intera esperienza più fluida.

Dover Heights, un sobborgo costiero orientale di Sydney. Foto di: Adam.J.W.C

Sydney non è economica. Nel 2014, l'Australia ha mantenuto il titolo di paese più costoso del mondo per il quarto anno consecutivo. Questo onore è dovuto principalmente ai trasporti pubblici (l'Australia è il posto più costoso per prendere un treno), all'alloggio e al prezzo delle sigarette. Anche il settore immobiliare a Sydney è in forte espansione. Il prezzo medio per unità (appartamento) a Sydney è di $ 830.000 (US $ 585.000) e il canone di locazione settimanale medio è quasi il doppio di quello che pagheresti altrove nello stato del New South Wales.

Caffè = religione. Gli australiani sono davvero, davvero orgogliosi del loro caffè e lo fanno a modo loro. La cultura del caffè di qualità è arrivata in Australia con le grandi ondate migratorie europee negli anni '50, e di conseguenza puoi contare su un ottimo caffè negli angoli più remoti e nelle grandi città. Oltre alla solita cucina da bar, il menu qui include il nero lungo (un americano, o nero corto se lo vuoi più forte) e il ristretto (un colpo concentrato con meno amarezza di un espresso, con la parte più dolce del crema). Alcuni sostengono che il flat white sia stato inventato a Sydney (o Melbourne, o in Nuova Zelanda) e Starbucks vende flat white nel resto del mondo come un'invenzione australiana, sebbene la catena big bad non abbia fatto breccia nella stessa Australia: la maggior parte dei franchising a Sydney hanno chiuso. Vai invece a Single Origin o Mecca Espresso.

Un piccolo latté da Toast. Foto di: Rahim Packir Saibo

Sentiti libero di guidare il fucile. A New York o Londra, sederti sul sedile anteriore con un tassista ti darebbe uno sguardo divertente al meglio. Non esiste una regola ufficiale, ma a Sydney è normale quando si guida da soli salire sul sedile anteriore di un taxi, forse un cenno all'etica dell'egualitarismo australiano. Per quanto riguarda la mancia, arrotondare al dollaro più vicino, ma non è una cultura della mancia.

In Australia, le parole sono più brevi. Gli australiani adorano abbreviare le parole. La gente dice davvero buongiorno a Sydney. Alcune delle abbreviazioni più comunemente usate sono Maccas (McDonalds), exy (costoso) e cozzie (costume da bagno). Servo è una stazione di servizio. Arvo è un pomeriggio. Le persone si riferiscono al cibo vegetariano come vego. E sappi che, in Australia, un perizoma va sui tuoi piedi, non sotto un vestito: è il termine australiano per le infradito.

Ricorda i primi capitoli dell'Australia. Come molti altri posti al mondo, l'Australia ha un passato travagliato con la sua popolazione indigena, conosciuta come aborigena (nota la A maiuscola) e isolani dello Stretto di Torres, e c'è ancora tensione tra gli attivisti aborigeni e il governo. Quando la First Fleet (le barche che trasportavano detenuti dal Regno Unito che segnarono l'inizio dell'insediamento europeo in Australia) arrivò a quella che oggi è la Botany Bay di Sydney nel 1788, gli aborigeni erano già lì da 40.000 anni. I primi coloni presero il territorio con la forza e, quando la nuova nazione si formò, leggi razziali discriminatorie – e peggio – significarono che gli aborigeni diventarono cittadini di seconda classe. Ci sono stati alcuni tentativi di guarigione delle ferite, ma i sondaggi nazionali hanno mostrato che una popolazione indigena su quattro subisce una regolare discriminazione razziale. In alcuni luoghi dell'Australia, i visitatori potrebbero non incontrare aborigeni, ma intorno a Sydney c'è una grande popolazione perché molti sono venuti nei sobborghi interni in cerca di lavoro. Il popolo Eora, composto da 29 gruppi di clan, è il gruppo aborigeno che viveva lungo la costa di Sydney. Il sobborgo di Redfern è un centro per l'attivismo e la storia degli aborigeni, ma anche se non ci vai, è una buona idea essere consapevoli di cosa è successo.

Il mattiniero cattura il pesce. Gli Eora chiamano Darling Harbour tumbalong: “luogo dove ci sono frutti di mare” e ancora dominano i frutti di mare. Ogni spiaggia di Sydney ha almeno un negozio di fish and chips. Il mercato del pesce di Sydney pullula ogni giorno, specialmente alla vigilia di Natale, quando gli scommettitori arrivano molto presto per segnare il pasto di Natale. Per il resto dell'anno, scendi verso le 5.30 per ottenere il meglio del pescato fresco, o fatti vedere più tardi a pranzo al ristorante del mercato. C'è anche una scuola di cucina annessa al mercato per insegnare alle persone cosa fare con la loro generosità del mercato.

Granchi cotti della chiave al mercato del pesce di Sydney. Foto di: I Stole the TV

Bevi un pony, sette, una pentola o una goletta. Le misure della porzione di birra sono leggermente diverse qui. Prima della misurazione in Australia, la birra veniva servita in diverse misurazioni di once imperiali, con nomi diversi in ogni stato. C'è ancora qualche variazione ma in generale, a differenza delle opzioni di pinta o mezza pinta note agli inglesi, i frequentatori di pub possono ordinare un pony (140 ml / 5 fl oz.), Un sette (200 ml / 7 fl oz.), Un una pentola (285 ml / 10 fl oz.), una goletta (425 ml / 15 oz.) o una pinta (570 ml / 20 fl oz.). Le strane misurazioni risalgono alla seconda guerra mondiale, quando il razionamento in tempo di guerra ridusse la produzione di birra a due terzi della normale produzione e i bicchieri da pinta furono eliminati dai pub del New South Wales. Vale anche la pena notare che per comodità alcolica, l'Australia ha abbracciato i negozi di liquori drive-thru, chiamati "negozi di bottiglie".

Non esiste una sola cucina australiana. Ci sono torte di carne e altri piatti inglesi, e una torta al cioccolato e cocco chiamata Lamingtons (ma in realtà, quelli provengono dalla Nuova Zelanda). Ma il mix di culture a Sydney significa che c'è uno standard elevato di cucina italiana, greca, libanese, indiana, thailandese, taiwanese e vietnamita. Sydney è anche una città per il brunch. Sydney ospita l'originale Bill's (di Bill Granger) più altri tre rami dell'ormai esportatore globale di brunch.

Unity Hall Hotel di Sydney. Molti pub sono chiamati hotel, perché in passato le licenze dei liquori consentivano ai pub solo di vendere alcolici al pubblico in viaggio. L'aggiunta di alcune stanze ai locali era un modo per aggirare queste regole. Foto di: Jan Smith

Quasi la metà degli abitanti di Sydney è nata all'estero. Nel 2011, il 49,1% dei residenti di Sydney era nato all'estero e il 34,8% di questi proveniva da un paese non anglofono. Oltre ai kiwi e agli inglesi, i più grandi gruppi di immigrati provengono dall'Asia orientale, dalla Grecia e dal Medio Oriente. L'Australia è orgogliosa del multiculturalismo, ma le tensioni razziali continuano a ribollire. Le rivolte settarie a Cronulla tra surfisti locali e australiani di discendenza libanese nel 2005 sono state ampiamente derise come "non australiane". Ma le rivendicazioni australiane di egualitarismo e multiculturalismo hanno subito un duro colpo con le recenti politiche in materia di asilo e le durevoli difficoltà delle popolazioni indigene.

Sydney, lo stato della bambinaia. Le recenti leggi volte a frenare la cultura del bere (e dei pugni) hanno fatto sì che i club nel fulcro della vita notturna di Kings Cross impongano un blocco all'1: 30.Le leggi dei lockout e dell '"ultimo drink" alle 3 del mattino hanno costretto molti club e istituti musicali di Sydney a chiudere. Anche le leggi sul fumo sono molto rigide: non accendersi vicino a scuole, stazioni ferroviarie o edifici pubblici, o verrai schiaffeggiato con una grossa multa. I biglietti per eccesso di velocità vengono distribuiti come coriandoli. Le leggi doganali australiane sono leggendarie, ma ci sono buone ragioni per il severo divieto di introdurre prodotti alimentari e di mettere in quarantena gli animali: in Australia non sono stati introdotti molti parassiti, quindi introdurli potrebbe essere disastroso per l'agricoltura.

Dessert di origine controversa: il Lamington, popolare anche a Cleveland, Ohio, è un pan di spagna al cioccolato e cocco. Foto di: Monico Shaw

Seriamente, indossa la protezione solare. Melbourne ha i caffè e la cultura, ma Sydney ha le spiagge, il porto e i parchi. Sydney ha un bel tempo tutto l'anno, con temperature che raramente superano i 95 gradi in estate o sotto i 45 gradi in inverno, quindi una delle grandi attrazioni di Sydney è la vita all'aria aperta. Ma il sole australiano non è come il sole degli altri posti. Dagli anni '60, lo strato di ozono australiano si è ridotto tra il 5-9%. Ciò significa che brucerai, anche in una giornata nuvolosa.

Raggiungi la spiaggia (e le piscine naturali). Bondi non è nemmeno la spiaggia migliore: Manly o Coogee sono opzioni meno turistiche. Inoltre, le leggi locali di Coogee dicono che è assolutamente OK bere in pubblico in spiaggia. Ma le spiagge non sono l'unico posto dove trascorrere una giornata di sole. Ci sono piscine di roccia libere che sono state scolpite dalla piattaforma di arenaria sul bordo dell'oceano che sono prive di squali e marea, ma danno comunque un colpo di acqua salata (anche se nei giorni in cui il mare è agitato, anche la piscina sarà mossa .) La maggior parte delle spiagge intorno a Sydney ha piscine naturali all'estremità meridionale; ce ne sono circa 40. I bagni di Wylie a Coogee, aperti tutti i giorni dell'anno, prevedono un piccolo supplemento. C'è anche il Ladies Baths, solo per donne e bambini, che offre anche alle donne musulmane la possibilità di nuotare.

Sydney ha circa 40 piscine naturali e il nuoto può essere agitato. Foto di: Taro Taylor

Non tutto sta cercando di ucciderti. La maggior parte degli attacchi di squali australiani avvengono sulla costa occidentale. È più probabile che tu venga investito da un'auto sulla strada per una spiaggia di Sydney che mangiato da uno squalo una volta che sei lì. Il tipo di squalo più pericoloso è lo squalo toro e preferisce infestare i fiumi di Sydney, quindi evita di nuotare in essi, soprattutto al tramonto. Tuttavia, ci sono molti squali nel porto di Sydney.

Le persone di Sydney non vivono a Sydney. Sydney è sia il nome della città che la "grande regione", che si estende per circa 12.000 kmq. Solo il 4% circa degli abitanti di Sydney vive nella città reale, quindi per vedere come vivono le persone, è necessario lasciare i 10 villaggi per la regione più grande di Sydney per vedere le loro case in riva al mare, con i loro grandi cortili e le linee speciali per il bucato.

Già nel Bushwalk. L'Australia è incentrata sulla boscaglia e in gran parte è raggiungibile da Sydney. Ci sono parchi nazionali e riserve di cespugli: cascate, formazioni rocciose, vegetazione infinita e spiagge appartate. Camminare nel bush è un ottimo modo per allontanarsi dallo stile di vita della città e dare un'occhiata a come appariva la natura australiana 300 anni fa. Il Lane Cove National Park è a soli 10 km dal CBD e puoi andare in bicicletta, pagaiare o camminare attraverso la boscaglia. Inoltre, l'Australia ospita molti marsupiali e animali selvatici nativi, gli animali gentili che sembrano così strani che quando i britannici ne hanno scritto per la prima volta a casa, nessuno ci credeva. La boscaglia è il posto migliore per vedere questi ragazzi nel loro habitat naturale, anche se se hai poco tempo il Taronga Zoo lo farà.

SYDNEY'S COW AND THE MOON IN ENMORE È STATO NOMINATO MIGLIOR PRODUTTORE DI GELATO AL MONDO

Conosci le tue guerre del gelato. Nel 2014, la famiglia dietro Sydney's Cow and the Moon a Enmore è stata nominata i migliori gelatieri al mondo per il loro sapore di mandorle affogato, ottenuto combinando cipolle caramellate italiane con caffè con una base di vaniglia del Madagascar. Ma Gelato Messina, forse il più noto gigante del gelato di Sydney, dà filo da torcere a Cow on the Moon. Gli unici vincitori di questa battaglia sono i (tanti) fan dei gelati di Sydney.

Cita il castello. È una commedia sciocca (e il primo film di Eric Bana) del 1997 su una famiglia operaia di Melbourne che lotta per mantenere la propria casa in una discarica tossica quando The Man vuole acquisire la terra per l'ampliamento del vicino aeroporto. Ma non è solo un film, è un simbolo culturale con uno status leggendario in Australia e Nuova Zelanda. Una familiarità con la serie di battute del film ti renderà caro a molti australiani che incontri.

Immagine in alto: Paleontour / Flickr

ARTICOLI CORRELATI

I PIÙ POPOLARI