giovedì, Luglio 18, 2024
HomeAmbienteL'ecosistema marino della Groenlandia sta vivendo un radicale "cambio di regime"

L’ecosistema marino della Groenlandia sta vivendo un radicale “cambio di regime”


Quando il biologo marino Mads Peter Heide-Jørgensen iniziò a studiare le acque boreali che circondano la Groenlandia 40 anni fa, una zattera gonfiabile lo trasportò attraverso vaste distese di ghiaccio polare, con narvali e trichechi che passavano spesso. L’incredibile ghiaccio marino blu sembrava quasi inviolabile nella sua grandezza.

Ma con la Groenlandia che ha raggiunto le temperature più alte degli ultimi 1.000 anni, la scena sta cambiando. Il ghiaccio marino artico, che è responsabile del mantenimento delle basse temperature polari, si sta riducendo rapidamente. Il più antico e più spesso è diminuito del 95% durante tre decenni di riscaldamento globale.

“C’era un bellissimo paesaggio che prima c’era”, ha detto Heide-Jørgensen, ricercatrice presso il Greenland Institute of Natural Resources. “Oggi, possiamo vedere che tutto il ghiaccio è sparito.”

Così anche un numero crescente di creature che vi abitavano. Le comunità Inuit stanno vedendo poche o nessuna prova di specie endemiche come i narvali e i trichechi con cui Heide-Jørgensen ha acquisito familiarità. Invece, stanno trovando animali originari di acque più meridionali, tra cui sgombri, tonno rosso e molti tipi di cetacei, tutti attratti dalle acque calde e dalle abbondanti prede.

L’osservazione visiva e il telerilevamento lasciano a Heide-Jørgensen e al biologo della pesca Brian Mackenzie pochi dubbi sul fatto che si stia verificando un cambiamento di regime potenzialmente irreversibile, un cambiamento da una condizione ecologica stabile a un’altra. Un numero senza precedenti di delfini e balenottere comuni e megattere suggerisce un punto di non ritorno nell’ecosistema marino al largo della costa orientale dell’isola più grande del mondo. Questo spostamento guidato dal clima significa non solo che i fenomeni meteorologici e climatologici a migliaia di chilometri di distanza possono influenzare le condizioni locali in modi inaspettati, ma creano il potenziale per effetti a cascata su interi ecosistemi.

“Ha una forza motrice molto specifica per l’elemento di ribaltamento, che è il ghiaccio marino”. ha affermato Heide-Jørgensen, che attribuisce il cambio di regime principalmente a una significativa diminuzione del ghiaccio marino estivo proveniente dal Mare di Beaufort.

Quello specchio d’acqua, situato lungo la costa più settentrionale dell’Alaska, genera la banchisa che si trova al largo della costa orientale della Groenlandia. È trasportato lì nel corso di diversi anni da venti e correnti. Per le specie marine autoctone della Groenlandia, il ghiaccio regola le temperature riflettendo la luce solare e fornisce habitat critici e vivaio per animali, invertebrati e alghe.

Mentre la sterna vola, il Mare di Beaufort è lontano da queste acque quanto Anchorage, in Alaska, è da Portland, nell’Oregon. “È una distanza enorme”, ha detto Heide-Jørgensen. Ha notato che la portata di ciò che sta accadendo in Groenlandia mostra che gli effetti del cambiamento climatico sono certi ea lungo raggio, con un impatto sugli ecosistemi per migliaia di chilometri. “Va ben oltre ciò che avevamo inizialmente pensato. I sistemi locali possono essere gravemente colpiti da qualcosa di così lontano, il che è una lezione appresa”.

Mentre molti studi hanno mostrato cambiamenti di regime in altri ecosistemi marini in tutto il mondo, fino ad ora è stato rivelato poco su tali cambiamenti nell’Artico. I ricercatori osservano che il processo che ha stimolato il cambiamento radicale probabilmente è iniziato da 10 a 20 anni fa, quando le temperature hanno iniziato ad aumentare in modo più drammatico. Grazie agli esploratori del XIX secolo, le registrazioni di ghiaccio in tutta la Groenlandia risalgono al 1820 e aiutano a rivelare modelli ed effetti climatologici.

“Contribuisce alla base di prove generali di come il cambiamento climatico stia influenzando la vita negli oceani”, ha affermato Mackenzie, professore presso l’Università tecnica della Danimarca. “Ora ci sono molti studi che mostrano cambiamenti nelle distribuzioni, cambiamenti nelle reti trofiche e così via. Non molti per l’Artico o in luoghi remoti come questo. E quindi sta contribuendo al modello che abbiamo visto nella comunità scientifica”.

Le balene megattere, che di solito si trovano al largo della costa del New England e di Terranova e nelle acque a nord della Scandinavia, stanno ora migrando a migliaia lungo la costa orientale della Groenlandia. Anche le balenottere comuni, solitamente avvistate al largo del Nord Atlantico, sono sempre più comuni. E mentre questo spostamento non è necessariamente un male per i cetacei opportunisti, che possono adattarsi a una certa soglia di spostamenti oceanici, pone un immenso stress sulle specie endemiche come il narvalo. I ricercatori sospettano che le creature native si stiano spostando verso nord mentre l’acqua si riscalda e arrivano gli intrusi.

I nuovi arrivati ​​come le balene, che richiedono molto cibo per sostenersi e migrare per migliaia di chilometri, stanno ora consumando più di 1 milione di tonnellate di cibo all’anno, superando gli altri animali. “Ci sono grandi implicazioni ecologiche per la biodiversità locale e le interazioni tra le specie”, ha detto Mackenzie. “In particolare nelle relazioni di competizione tra predatori e prede.”

Le specie marine non sono le uniche a sperimentare queste ramificazioni. I cambiamenti nella distribuzione delle specie, in particolare dei pesci, potrebbero rimodellare la pesca commerciale.

Il tonno rosso non era mai stato registrato al largo della costa orientale della Groenlandia prima del 2012, ma da allora è stato registrato ogni anno. “Abbiamo ricevuto alcune segnalazioni da equipaggi di pescatori groenlandesi secondo cui avevano catturato del tonno rosso come cattura accessoria”, ha detto Mackenzie. “E abbiamo potuto vedere che la temperatura nella zona era aumentata parecchio rispetto agli anni precedenti. L’habitat termale si è espanso, e questo è uno dei motivi per cui pensiamo che il tonno abbia iniziato a farsi vedere. Lo sgombro stesso non era stato visto nelle acque della Groenlandia prima del 2011 e pensiamo che il tonno abbia più o meno seguito lo sgombro. Con cambiamenti come questo, è probabile che ci siano molteplici effetti in tutta la catena alimentare, specialmente a livelli trofici inferiori”.

A meno che l’esportazione di ghiaccio dal nord non aumenti e le temperature non si raffreddino, è molto probabile che questo nuovo regime diventi permanente. “Sarebbe necessaria l’improbabile e sostanziale inversione dell’attuale riscaldamento e diversi anni per invertire la tendenza con poco ghiaccio pluriennale nell’Oceano Artico”, ha affermato Heide-Jørgensen. “Nessun accordo sul clima sembra coprire questo al momento”.

Dato il ritmo del cambiamento climatico globale, l’Oceano Artico potrebbe nel corso della nostra vita registrare la sua prima estate senza ghiaccio. Alcuni studi suggeriscono che potrebbe accadere entro pochi decenni. “Quaranta o 50 anni fa, quel concetto sarebbe stato impensabile”, ha detto Mackenzie. “Ma sembra che accadrà. E se ciò dovesse accadere, significherebbe cambiamenti ancora più importanti sulla rete alimentare e sugli ecosistemi lassù».




RELATED ARTICLES

Most Popular