mercoledì, Ottobre 5, 2022
HomeBenessereDieteLo sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio fa davvero ingrassare?

Lo sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio fa davvero ingrassare?

Se acquisti una lattina di Coca-Cola in Messico, potresti notare alcune differenze rispetto alla sua controparte statunitense. Il gusto potrebbe essere un po’ meno dolce e il prezzo relativamente maggiore.

Il motivo è che la Coca-Cola messicana è fatta con vero zucchero fresco dalla canna da zucchero e solo minimamente lavorato prima di raggiungere il tuo bicchiere. La Coca-Cola americana è addolcita con lo sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio (HFCS) super dolce ed economico. Potresti aver sentito i resoconti dei media che avvertono dei pericoli per la salute degli HFC, ma si scopre che gli HFC potrebbero non essere molto peggiori per te dello zucchero o di altri dolcificanti aggiunti.

Lo sciroppo HFCS ha fatto il suo debutto nell’approvvigionamento alimentare americano intorno al 1970, quando rappresentava circa lo 0,5% dell’uso totale di dolcificanti. Viene prodotto quando lo sciroppo di mais subisce la lavorazione per convertire il glucosio in fruttosio. Entro la metà degli anni 2000, quasi la metà di tutti gli alimenti zuccherati era addolcita con HFCS. Pertanto, gli HFC costituiscono un’ampia percentuale di dolcificanti aggiunti nelle bevande e negli alimenti trasformati e confezionati, inclusi molti alimenti in scatola, cereali, prodotti da forno, dessert, latticini aromatizzati e zuccherati, caramelle e fast food.

Due forme di HFCS sono utilizzate nell’approvvigionamento alimentare degli Stati Uniti: HFCS-55 e HFCS-42. L’HFCS-55, che si trova principalmente nelle bevande gassate, è composto da 55% di fruttosio, 41% di glucosio e 4% di polimeri di glucosio. L’HFCS-42 si trova principalmente negli alimenti trasformati e contiene leggermente meno fruttosio al 42% di fruttosio, al 53% di glucosio e al 5% di polimeri di glucosio.

I produttori di alimenti preferiscono il fruttosio allo zucchero puro (che è composto da zucchero, saccarosio) a causa del suo basso costo. Ciò è in gran parte dovuto ai sussidi per il mais e ad altre politiche volte ad aumentare la produzione di mais e portare i prezzi del mais al di sotto del 25-30% rispetto al costo di produzione. Inoltre, le tariffe elevate sulla canna da zucchero importata rendono costoso l’addolcimento con la roba completamente naturale.

Dopo la pubblicazione di numerosi studi su animali e studi sull’uomo di qualità marginale che hanno dimostrato che gli HFCS possono contribuire all’obesità, all’insulino-resistenza e al diabete e alla diminuzione della sensazione di pienezza dopo il consumo, i sostenitori della salute e i media si sono allarmati dal fatto che gli HFCS possano contribuire a esiti negativi per la salute, tra cui l’impennata dell’obesità. Ma gli studi sugli animali erano imperfetti. Ad esempio, i livelli di HFCS forniti a quegli animali (circa 4 g/kg) erano molto più di quanto un essere umano potesse ragionevolmente consumare, rendendo quegli studi per lo più non validi nel tentativo di tracciare parallelismi con il consumo umano. E molti degli studi sull’uomo sono stati condotti male e di parte.

Recenti studi sull’uomo su larga scala non hanno mostrato un aumento del rischio di sovrappeso, obesità o disordini metabolici come il diabete quando gli HFC vengono consumati in quantità ragionevoli. Tuttavia, il numero di studi controllati a lungo termine e di alta qualità è limitato. Tuttavia, il Centro del gruppo di esperti sulla nutrizione alimentare e la politica agricola ha sostenuto che il fruttosio non contribuisce al sovrappeso e all’obesità in modo diverso rispetto ad altri dolcificanti calorici. Hanno anche aggiunto che il fruttosio consumato in quantità tipiche (<50 g al giorno) non ha alcun impatto sulla salute, ma che livelli molto elevati di consumo di fruttosio (>100 g al giorno) possono aumentare i livelli di trigliceridi subito dopo. (La persona media che consuma una dieta tipica americana riceve circa 15-20 g di fruttosio al giorno.) Livelli elevati di trigliceridi sono associati a un aumentato rischio di malattie cardiache e ictus. La maggior parte delle persone non consuma nemmeno vicino a 100 g di HFCS al giorno.

Questo non vuol dire che una persona possa mangiare tutti gli HFCS che vuole senza rischio di conseguenze negative. Piuttosto, gli HFC probabilmente non aumentano il rischio per la salute più dello zucchero o di altri dolcificanti. Ma il tipico americano consuma ancora circa il 10% delle calorie giornaliere dagli zuccheri aggiunti. Si tratta di circa 200 calorie in più al giorno di “calorie vuote”, che forniscono un valore nutritivo minimo. Aggiungilo e il tipico americano mangia circa 20 libbre di zucchero aggiunto nel corso di un anno.

Chiunque cerchi di perdere o controllare il proprio peso, ridurre il rischio di insulino-resistenza o diabete dovrebbe mirare a ridurre al minimo il consumo di HFC e altri zuccheri aggiunti, incluso il saccarosio (zucchero da tavola) e altri dolcificanti calorici.

Scansionando attentamente le liste degli ingredienti, scoprirai presto che non importa se bevi Coca-Cola messicana o Coca-Cola americana: cercare di ridurre gli zuccheri aggiunti nella dieta è una grande sfida. Senza politiche su larga scala in atto per ridurre gli zuccheri aggiunti – compresi gli HFCS – nell’attuale approvvigionamento alimentare, milioni di americani continueranno a lottare contro l’obesità.

RELATED ARTICLES
- Advertisment -
Google search engine

Most Popular

Recent Comments