martedì, Maggio 24, 2022
HomeSenza categoriaCome trapiantare un albero di alloro

Come trapiantare un albero di alloro

L’alloro, Laurus nobilis, è una di quelle meraviglie del giardino che servono a più di uno scopo.

Oltre ad aggiungere un interesse ornamentale sempreverde agli spazi interni ed esterni con il loro fogliame verde intenso e lucido, le foglie possono anche portare un sapore aromatico alla tua cucina.

Anche se non ti piace il sapore delle foglie di alloro, il profumo simile alla canfora quando passi accanto a questa pianta è qualcosa da vedere.

Se sei alloro in crescita, potrebbe arrivare un momento in cui il tuo albero non sta più prosperando nella sua posizione attuale. Oppure potrebbe aver superato il suo attuale contenitore e potrebbe trarre vantaggio dal rinvaso.

Ci colleghiamo ai fornitori per aiutarti a trovare prodotti pertinenti. Se acquisti da uno dei nostri link, potremmo guadagnare una commissione.

Se hai bisogno di trapiantare il tuo alloro, sei nel posto giusto.

Ecco cosa tratterò in questo articolo:

Tieni a portata di mano la tua vanga e prepariamoci a scavare.

Perché trapiantare l’alloro?

Se il tuo alloro è perfettamente soddisfatto delle condizioni di crescita nella sua attuale casa, allora perché trapiantarlo tutto? Ci sono una serie di ragioni, a cominciare dalla possibilità che possa aver superato il punto esistente.

Che tu lo stia coltivando in un contenitore o nel terreno, potresti raggiungere un punto in cui la pianta ha bisogno di più spazio per distendersi.

Come puoi sapere se il tuo L. nobilis richiede un trapianto?

Determinare il momento giusto per trapiantare una pianta coltivata in contenitore è più facile di quanto potrebbe esserlo per una che cresce nel terreno. Ad esempio, potresti vedere le radici che crescono dal foro di drenaggio sul fondo di un vaso o che sporgono dalla superficie del terreno.

Notare alcune foglie ingiallite nel corso della stagione di crescita è normale, ma se il tuo albero è stressato, più foglie del solito possono ingiallire o marrone e cadere dalla pianta.

Se sta crescendo nel terreno, la tua L. nobilis generalmente va bene da lasciare sul posto, a meno che non inizi a invadere altre piante con la sua diffusione, o a crescere più alta di quanto vorresti.

Potresti avere un impianto esistente che preferiresti spostare in una nuova posizione, se ti stai trasferendo in una nuova casa o stai intraprendendo un progetto paesaggistico nel tuo cortile.

O forse hai un alberello che sei partito da un taglio o sono cresciuti dal seme.

In nessuno di questi casi, non devi aver paura di scavare e dargli una nuova casa, a meno che non sia già particolarmente grande.

Un enorme alloro non è un buon candidato per il trapianto. Se l’albero maturo è alto più di un metro e mezzo, probabilmente farai fatica a scavare l’intero apparato radicale e la pianta potrebbe subire uno shock da trapianto o morire dopo il reimpianto.

In questo caso, puoi tagliare drasticamente la tua pianta invece di trapiantarla. Gli alberi di alloro sono piante robuste e possono gestire una potatura seria. Puoi rimuovere fino a metà della pianta in autunno o all’inizio della primavera senza effetti negativi.

Scopri di più su come e quando potare l’alloro in questa guida. (Prossimamente!)

Quando è il momento giusto?

Se hai un’emergenza per l’impianto – costruzione, trasloco in una nuova casa e così via – è tecnicamente possibile trapiantare un alloro in qualsiasi periodo dell’anno.

Ma se vuoi avere maggiori possibilità di successo, l’autunno o l’inverno sono il momento migliore per spostare la tua pianta, purché tu possa lavorare il terreno.

Durante i mesi più freddi, le piante sono dormienti. Ciò significa che il tuo alloro non sta investendo nessuna delle sue energie in una nuova crescita, fioritura o semina, il che gli dà l’opportunità di concentrarsi sul recupero e sulla crescita delle radici.

Il clima più fresco darà anche al tuo L. nobilis una migliore possibilità di evitare lo shock da trapianto, e poiché il clima è solitamente più umido in questo periodo dell’anno, le radici non sono in genere minacciate da siccità e stress da caldo come potrebbero essere in estate.

Questo, ovviamente, dipende da dove vivi, dal clima e dal tempo locali.

Puoi anche scegliere di trapiantare all’inizio della primavera, se necessario, ma corri il rischio di arrestare la crescita della pianta per la prossima stagione.

Se vuoi trapiantare in primavera, assicurati di farlo abbastanza presto, prima che inizi a comparire una nuova crescita, in modo che la pianta abbia tutto il tempo per stabilirsi e riprendersi dallo shock di essere stata spostata.

Come Trapiantare

L’obiettivo numero uno quando trapianti dovrebbe essere quello di scavare quanta più zolla possibile. Le radici di alloro sono poco profonde, ma crescono larghe.

Avrai bisogno di scavare almeno tanto quanto il fogliame della pianta, o più lontano se noti che stai colpendo molte radici spesse.

Scava finché continui a vedere radici a misura di matita. Per riferimento, come minimo, la zolla dovrebbe essere larga almeno 14 pollici e profonda 12 pollici per un albero di tre piedi.

Aiuta se la tua vanga è stata affilata di fresco in modo che tagli le radici in modo pulito. Ciò consente loro di guarire più rapidamente.

Lavora delicatamente la pianta fuori dal terreno scavando e inclinando leggermente la pianta continuamente, usando la tua vanga per incunearla delicatamente fuori dal terreno.

Le radici dell’alimentatore più fini possono essere lasciate indietro se necessario, ma aiuta a sollevarle delicatamente con il resto della zolla mentre lavori, se possibile.

Se stai cercando di far leva sulla zolla e si conficca nel terreno, puoi usare un paio di forbici per tagliare via le radici ostinate rimaste se non riesci a scavarle.

Vuoi essere sicuro di ripiantare il prima possibile dopo averlo rimosso dal terreno. Il rischio più grande quando trapianti il ​​tuo albero è che le radici possano seccarsi prima che venga ripiantato, il che potrebbe significare un disastro.

Se non riesci a piantare subito, avvolgi la zolla nella tela da imballaggio e mantienila umida, in un luogo ombreggiato.

È un’ottima idea preparare l’area di semina prima di iniziare a scavare l’alloro, in modo da poter prima allentare il terreno e scavare una buca in modo che la nuova posizione sia pronta per l’uso. Ma dal momento che potresti non essere in grado di indovinare esattamente quanto sarà grande la zolla quando la scaverai, potrebbe essere necessario un po ‘di scavo aggiuntivo prima di poter sistemare le radici dissotterrate in posizione.

Sia che tu stia spostando la tua pianta in un nuovo contenitore o in un nuovo posto nel terreno, dovrai assicurarti che le radici abbiano abbastanza spazio per distendersi.

Se stai piantando nel terreno, significa scavare una buca della stessa profondità e larga due volte la zolla della tua pianta esistente.

Prima di posizionare la pianta nella buca, allenta delicatamente le radici e allargale leggermente. Nessuna delle radici dovrebbe essere attorcigliata insieme o ben compattata quando vengono ripiantate.

Riempire con terreno a metà e aggiungere acqua. Stai indietro e assicurati che l’albero sia in piano. Riempi il resto del percorso e immergi nuovamente la pianta con acqua. Vuoi dare alla pianta circa mezzo gallone d’acqua per ogni piede quadrato di superficie del suolo che hai spostato.

Assicurati che la pianta non si trovi più in profondità di quanto cresceva originariamente, altrimenti corri il rischio di soffocare le radici.

Non concimare fino a metà primavera se hai trapiantato in autunno o in inverno. Se hai trapiantato in qualsiasi altro momento, aspetta un mese o due prima di concimare la tua pianta.

Baia del contenitore di rinvaso

Se sei far crescere la tua baia in un contenitoreè tempo di trapiantare quando puoi vedere le radici crescere fuori dalla base, o se rimuovi la pianta dal suo contenitore e puoi vedere che le radici crescono in cerchio lungo l’interno del muro del contenitore.

Se lo stai coltivando in a contenitore in argilla o terracottaè anche il momento di rinvasare se l’argilla sembra asciugarsi rapidamente e devi annaffiare più frequentemente.

Non trapiantare in un contenitore molto più grande a meno che tu non voglia che la tua pianta cresca rapidamente. Se vuoi mantenerlo a una dimensione più maneggevole, usa un contenitore che sia solo qualche centimetro più grande di quello in cui cresceva prima.

Per rimuovere la pianta dal suo contenitore originale, inclina il vaso e afferra saldamente la pianta attorno allo stelo il più vicino possibile alla base. Arrotola il contenitore avanti e indietro mentre lo tiri delicatamente. Può aiutare a farlo quando il terreno è leggermente asciutto, poiché il terriccio si espande quando è bagnato.

Dopo aver rimosso la pianta dal vaso, allenta delicatamente la zolla con le mani e elimina le radici morte.

Riempi il nuovo vaso con abbastanza terriccio in modo che l’alloro si trovi alla stessa altezza del suo contenitore precedente. Metti la pianta nel suo nuovo contenitore e riempi i bordi con terriccio. Ora è il momento di dargli una bella ammollo.

Non concimare per i primi due o tre mesi, dopodiché puoi riprendere il normale programma di concimazione.

Come affrontare lo shock da trapianto

Lo shock del trapianto si verifica quando la tua baia appena ripiantata non è contenta della grande mossa e non riesce a prosperare. Ciò può derivare dal disturbo delle radici o dal fatto che la pianta sia stata sottoposta a una potatura pesante prima di scavarla.

Non dovresti dare al tuo alloro una potatura pesante tre mesi prima e dopo il trapianto.

È più probabile che le piante subiscano uno shock quando il clima è estremamente secco o caldo, motivo per cui si consiglia di trapiantare durante i mesi più freddi. Le piante più grandi tendono a soffrire più di quelle più piccole.

Se la tua pianta inizia a cadere o a far cadere le foglie poco dopo il reimpianto, non farti prendere dal panico. La tua pianta avrà bisogno di un po’ di baby sitter per un po’, ma probabilmente andrà bene.

Per cominciare, dagli un po’ più d’acqua del normale. Quando una pianta perde parte del suo apparato radicale, non può assorbire più acqua come prima, quindi dovrai aiutarla. Assicurati che il terreno sia ben drenante, in modo che non rimanga nemmeno in acqua stagnante.

Puoi anche applicare due pollici di pacciame organico come muffa di foglie, trucioli di legno o paglia. Questo aiuta a proteggere le radici dal calore e aiuta a trattenere l’umidità nel terreno. Non posizionare il pacciame contro lo stelo alla base dell’albero: lascia uno spazio da uno a due pollici attorno al tronco.

Dai alla tua pianta qualche mese per riprendersi. Se l’hai rinvasato o trapiantato in autunno, potrebbe non apparire al meglio fino alla primavera successiva. E come accennato, non essere tentato di applicare fertilizzante mentre la pianta si sta riprendendo.

È il momento della grande mossa

Non è così complicato, giusto? Fortunatamente, gli alberi di alloro sono abbastanza indulgenti. Anche se non fai tutto alla perfezione, probabilmente sopravviverà al trasloco se gli dai un po’ di cura e attenzione in più ed eserciti un po’ di pazienza.

Le cose più importanti da ricordare sono mantenere la maggior parte possibile della zolla intatta e mantenere le radici umide.

Dopo che la tua baia è stata trapiantata, fammi sapere come è andata nei commenti qui sotto! Mi piace sempre ascoltare le tue esperienze.

E per ulteriori informazioni su erbe in crescita nel tuo giardino, dai un’occhiata a queste guide:

© Chiedi agli esperti, LLC. TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Vedi i nostri TOS per maggiori dettagli. Foto non accreditate: Shutterstock.

ARTICOLI CORRELATI

I PIÙ POPOLARI