martedì, Febbraio 27, 2024
HomeBenessereFitnessUn'ossessione nutriente?: come l'ortoressia cambia la nostra visione di cibo e carburante...

Un’ossessione nutriente?: come l’ortoressia cambia la nostra visione di cibo e carburante nel fitness

Un’alimentazione sana è un elemento fondamentale del benessere, ma con le mode incentrate sul “mangiare pulito” e il numero di diete che affermano che la loro strada è la migliore, può essere una sfida sapere cosa è sano. È possibile esagerare con il mangiare pulito?

Sebbene non sia ufficialmente riconosciuto come disturbo alimentare nel Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, l’ortoressia condivide molti dei segni distintivi di una relazione disordinata con il cibo.

Cos’è l’ortoressia?

Il termine ortoressia è stato coniato per la prima volta dal medico Dr. Steven Bratman nel 1997 e definito come un’ossessione per la qualità nutrizionale e la purezza degli alimenti. Mentre la definizione è ancora in discussione, un articolo del 2015 di Koven e Abry ha definito l’ortoressia come: “un’ossessione patologica per una corretta alimentazione caratterizzata da una dieta restrittiva, schemi alimentari ritualizzati e rigida evitamento di cibi ritenuti malsani o impuri .”

Koven e Abry continuano descrivendo che mentre l’intenzione sottostante è quella di dare priorità alla salute, i modelli alimentari di ortoressia possono portare a carenze nutrizionali, problemi medici e una qualità della vita inferiore. Quella qualità di vita inferiore è in parte dovuta al rimuginare sul cibo, alla diminuzione del piacere di mangiare e mentre si mangia con gli altri e alle limitate interazioni sociali dovute alla sfida di trovare cibi che soddisfino i rigidi standard dell’individuo.

Potresti chiederti come qualcuno che dà la priorità a un’alimentazione sana possa essere carente dal punto di vista nutrizionale o sviluppare problemi di salute. Questo perché alcune diete che privilegiano il “mangiare pulito” possono tralasciare importanti macro e micronutrienti, influenzando la salute.

Prendiamo ad esempio i modelli alimentari sani convenzionali della fine del XX secolo. A partire dagli anni ’50 ci fu un’epidemia di malattie cardiache negli uomini americani di mezza età. Medici e ricercatori hanno cercato di spiegare perché così tanti uomini stavano avendo attacchi di cuore. Sono arrivati ​​​​a incolpare l’aumento dei grassi nelle loro diete ignorando l’aumento dei traumi e dello stress delle guerre dei decenni precedenti, l’elevato consumo di alcol e gli alti tassi di fumo, tutti fattori associati a un aumento del rischio di malattie cardiovascolari.

Quei medici, ricercatori e alla fine il governo degli Stati Uniti iniziarono a promuovere una dieta a basso contenuto di grassi, che ora sappiamo privare il corpo di un macronutriente essenziale necessario per ormoni sani, membrane mucose, pareti cellulari e della capacità di assorbire sostanze liposolubili vitamine.

Ci sono molti esempi oggi di diete che eliminano interi gruppi di alimenti, macronutrienti o altri alimenti di base di una dieta equilibrata in nome del “mangiare pulito”. Se portati troppo lontano possono causare danni al corpo, alla psicologia, al benessere emotivo e alle relazioni.

Segni di ortoressia

Poiché la ricerca sull’ortoressia è in corso e i professionisti della salute mentale e fisica ne stanno ancora discutendo la definizione, non ci sono parametri chiaramente definiti per ciò che costituisce l’ortoressia. Tuttavia, ci sono alcuni temi chiave di cui essere consapevoli:

• Trascorrere una quantità eccessiva di tempo a ricercare o interagire con i contenuti cercando di chiarire quali alimenti sono “sani” o “puliti”. Saprai che questo sta accadendo quando rinunci alle cose che ti piacciono o ti sottrai alle responsabilità per dare priorità alla tua ricerca. Allo stesso modo, ritrovati assorbito dai post sui social media sul cibo.

• Se trovi un senso di importanza, un valore personale o un’identità speciale nella pulizia, nella qualità o in altri aspetti del tuo cibo. Ciò è particolarmente vero se apprezzi o giudichi gli altri che non mangiano come fai tu. Quel tipo di giudizio è un segno che stai creando un’identità attorno alla tua dieta.

• Sviluppare regole alimentari restrittive o estreme e classificare gli alimenti come “buoni” o “cattivi”. Questo può riguardare non solo gli alimenti stessi, ma anche valutare i giudizi su te stesso o su chiunque altro mangi quei cibi. Ad esempio, giudicare qualcuno che percepisci come aver mangiato “cattivo”.

• Ansia o altro disagio emotivo riguardo a cosa c’è in ogni alimento e come viene preparato il cibo che mangi. Ad esempio, passare ore a pianificare e preparare il cibo, in modo che soddisfi gli standard di pulizia o purezza, per poi avere paura di commettere un errore. Ciò potrebbe provocare vergogna se mangi qualcosa al di fuori del piano.

• Le fissazioni alimentari o le regole alimentari influenzano le interazioni sociali. Che si tratti di giudicare qualcuno per aver mangiato un cibo ritenuto “impuro”, per paura che i cibi “giusti” non siano disponibili, o perché passi così tanto tempo a pensare, pianificare e preparare il cibo che ti isoli.

Ci sono tre fattori importanti legati ai temi di cui sopra.

In primo luogo, molti dei temi di cui sopra sono veri per altre forme di alimentazione disordinata e se tu o qualcuno con cui lavori li stai sperimentando, potresti prendere in considerazione una guida professionale.

In secondo luogo, l’ortoressia è nettamente diversa dal mangiare limitato a causa di una diagnosi medica o di altri problemi di salute. Non mangiare glutine per celiachia o evitare il lattosio per intolleranza non è segno di ortoressia.

Terzo, potresti leggere quell’elenco e chiederti “cosa c’è di sbagliato nel voler mangiare sano o avere degli standard?” Anche se non c’è niente di sbagliato nel voler essere sani, potresti prendere in considerazione quando l’attenzione alla salute può diventare dannosa.

Pratiche di benessere per mitigare l’ortoressia

Poiché l’ortoressia non è formalmente riconosciuta come disturbo alimentare, al momento non esiste un trattamento chiaro, tuttavia uno studio di Rodgers, White e Berry pubblicato nel dicembre del 2021 ha rilevato che le donne che praticavano i comportamenti fondamentali dell’alimentazione intuitiva mostravano meno comportamenti di ortoressia. Questa è la scoperta più efficace e positiva finora nel trattamento dell’ortoressia. I quattro pilastri fondamentali che hanno misurato sono:

• Permesso incondizionato di mangiare: che i cibi non sono buoni o cattivi e la persona non prova vergogna, biasimo o senso di colpa indipendentemente da ciò che sta mangiando.

• Mangiare per ragioni fisiche piuttosto che emotive: l’individuo mangia quando ha fame, si ferma quando è sazio e non si limita né mangia per motivazioni emotive.

• Affidamento a segnali di fame e sazietà: invece di utilizzare app di tracciamento, regole alimentari, orari di programmazione o altre motivazioni su quando e quanto mangiare.

• Riconoscere che gli alimenti hanno molti ruoli nella vita di una persona: il corso Certified Wellness Coaching della NASM elenca nutrizione, gusto, energia e divertimento, oltre all’espressione culturale e personale.

Ottenere supporto per un disturbo alimentare

L’alimentazione disordinata è un problema psicologico complesso e deve essere trattato con cura. Se ritieni di riscontrare uno dei segni di un’alimentazione disordinata, puoi trovare risorse e aiuto presso la linea di assistenza della National Eating Disorder Association.

Se sei un professionista che lavora nel fitness e/o nel benessere, come un personal trainer o un coach del benessere, potresti considerare come le tue pratiche attuali influenzano i comportamenti alimentari a lungo termine dei tuoi clienti. Mentre i risultati di un cliente sono importanti per te e per lui, gli strumenti, il linguaggio e le tecniche che utilizzi per supportare il cambiamento del comportamento possono avere un impatto duraturo sulle convinzioni del tuo cliente sulla nutrizione e su se stesso. Un’alimentazione restrittiva e la retorica sui cibi “puliti” possono lasciare i tuoi clienti ossessionati e confusi e diminuire il loro benessere.

RELATED ARTICLES

Most Popular