giovedì, Ottobre 21, 2021
Home Lifestyle Viaggi 16 cose da sapere prima di andare in Danimarca

16 cose da sapere prima di andare in Danimarca

Una guida in Danimarca che consente di risparmiare denaro, preservare la sanità mentale e massimizzare il piacere.

La Danimarca è cara. Il Giappone è costoso. Ecco cosa ti offriranno $ 5: una tazza di caffè, una bibita in un ristorante, una corsa in metropolitana, una cartolina, metà di un panino aperto, due birre al 7-11, pochi minuti su un telefono pubblico . Ho solo pensato di farti sapere che in anticipo per risparmiarti lo shock adesivo che abbiamo sentito quasi ovunque andassimo.

La barca a destra? Il nostro nascondiglio AirBnb. Foto di: Matt Goulding

AirBnB è il tuo migliore amico a Copenaghen. Le camere degli hotel spartani hanno i cartellini dei prezzi di Manhattan e hanno una personalità preziosamente piccola. Utilizzando il sistema di prenotazione privata online, abbiamo ottenuto il nostro primo posto, un piccolo appartamento vicino a Christiania, per $ 120 a notte. Il nostro secondo posto è stato una barca sui canali di Christianshavn. Trascorrere le tarde serate sul retro della barca bevendo birre e guardando il sole trasformare l'acqua di mille sfumature di arancio è stato uno dei grandi piaceri della nostra settimana nel Regno di Danimarca. Ci è costato $ 65 a notte, il prezzo di una bottiglia di vino da quattro soldi in un ristorante. I soldi che abbiamo risparmiato sulle camere d'albergo pagati per l'alcolico banchetto del Noma di 26 portate e quattro ore.

Tutti prendono la plastica, ma nessuno prende le carte di credito. Se la tua carta non ha un pin, non scorrerà nella maggior parte delle strutture danesi. Prepara la tua carta di debito o mantieni il tuo portafoglio pieno di corone.

Le creazioni di pesce congelato di Ronny Emborg. Foto di: Nathan Thornburgh

Non entrerai nel Noma. Statisticamente parlando, le tue possibilità di entrare nel "miglior ristorante del mondo" sono circa 1 su 200. Non è una lotteria lunga, ma è dannatamente vicina. Non preoccuparti. L'esplosione di ristoranti nordici di alto livello sulla scia dell'ascesa del Noma significa che ci sono almeno una dozzina di posti eccezionali solo a Copenaghen che ti daranno un'idea del motivo per cui questa città è diventata improvvisamente la destinazione gastronomica più alla moda del mondo. Le scommesse popolari sono Radio e Relée, entrambe gestite da pesi massimi del sistema Noma, che offrono entrambi menù ricchi di verdure profondamente dedicati alla stagionalità per circa un quarto del prezzo di ingresso al Noma. Per la nostra corona, tuttavia, AOC è uno dei ristoranti più interessanti del paese. Lo chef Ronny Emborg, un allume dei titani iberici elBulli e Mugaritz, sta mescolando ingredienti nordici con la tecnica d'avanguardia spagnola per creare piatti come riccioli di halibut congelati con uova di grumo, crema di uova e rafano fresco. È il tipo di piatto che ti fa dimenticare tutti gli altri ristoranti (anche il Noma), almeno per un po '.

Il frutto dei danesi chiama "carri di salsiccia". Foto di: Nathan Thornburgh

Gli hot dog sono il re. Scherzi a parte, in danese vengono venduti da cose chiamate salsicce carri, motivo sufficiente per rendere la carne incassata il primo pasto che abbiamo mangiato dopo lo sbarco in Danimarca. Ma se hai bisogno di più motivazione, che ne dici di questo: la qualità della carne è eccezionale, lo schiocco del cane alla griglia è quasi udibile mentre mordi e i condimenti – cipolle fritte croccanti, fette di sottaceto tonificanti, remoulade cremoso – metti Venditori ambulanti di New York di cui vergognarsi. La nostra filosofia generale del cibo da strada può essere meglio riassunta come segue: mangia alto e basso. Menù degustazione e cani da strada.

Erba e tanta. Foto di: Nathan Thornburgh

No, l'erba non è effettivamente legale a Christiania. L'enclave post-hippie nel centro di Copenaghen sembra esistere al di fuori della legge danese, ma non lo è, non sulla carta comunque. "Penso che l'idea generale sia che sia legale all'interno di Christiania", dice un residente. "Non è. È solo che la polizia non viene così spesso qui. " La polizia, a proposito, non entra perché le bande di motociclisti che controllano la droga a Christiania tendono a litigare, così come i residenti dalla mentalità indipendente e armati di roccia. Tutto ciò è per dire, divertiti a Christiania vero e proprio, ma non essere un idiota e prendi la canna fuori dai cancelli.

Le tante regole di Pushertown. Foto di: Matt Goulding

Nessuna foto su Pusher Street. La fotografia di mercato è un genere consacrato dal tempo tra i viaggiatori: cerca su Flickr la Boqueria, Pike Place o Spice Market Istanbul per una rapida overdose di fotografia di mercato. Nathan non è meno un fanatico della forma, avendo ceduto alla tentazione di enormi cuori di manzo agli uncini e al massacro generale del mercato principale di Sukhumi. Ma in Pusher Street, il bazar di erba e hashish di Christiania, anche lui teneva la macchina fotografica nella fondina. Ciò è dovuto agli enormi cartelli ovunque che dicono No Photography e alle legioni di corridori allampanati e malvagi e guardie del corpo malviventi che aiutano a far rispettare la regola. La grande ironia, ovviamente, è che la polizia danese sta sorvegliando l'inferno da Pusher Street con tutti gli strumenti a disposizione del moderno stato panottico. Buona fortuna a convincere la polizia a smetterla di scattare foto di mercato, signori.

Esci da Copenaghen. Città dannatamente bella, ma gran parte della vera Danimarca si trova proprio dall'altra parte dell'isola di Fionia. Vai nello Jutland, in particolare nel tratto occidentale che i locali chiamano la banana marcia (l'autoironia è un'arte raffinata in Danimarca). Niente di marcio: solo un affascinante paesaggio di brughiere, fiordi e torbiere. Meglio ancora, porta le biciclette e percorri le dolci colline. E alla fine del tuo viaggio, prendi il traghetto da Ebeltoft per tornare a est, non solo perché è una barca molto veloce, ma perché Ebeltoft è anche la sede di quello che crediamo potrebbe essere l'unico chiosco di hot dog al mondo che funge anche da salone di massaggi thailandesi.

LARPing the kids to (fake) death. Foto di: Nathan Thornburgh

Porta la tua ascia da battaglia. Il gioco di ruolo dal vivo (LARP) è una cosa seria in tutto il Regno. Pensa a una convenzione di Star Trek incrociata con la Battaglia di Helm's Deep e puoi iniziare a immaginare la follia di LARPing. Durante il fine settimana, i danesi si recano in campagna in costume per ricreare scenari incredibilmente complessi che vanno dalle rievocazioni della Seconda Guerra Mondiale a più livelli alle fantasmagorie della guardia dei prigionieri che sono più esperimenti psicologici che passatempi spensierati. Una mattina siamo entrati in azione con alcune centinaia di scolari danesi, Nathan come un soldato malvagio destinato alla morte e Matt come un mostro che vive nella foresta con un'ascia da battaglia di 12 piedi e un ringhio del ventre che provoca lacrime. Controlla con Rollespils Fabrikken per vedere se qualche LARPing sta andando giù durante il tuo soggiorno in Danimarca.

I danesi consumano più carne di maiale di chiunque altro al mondo. Il cittadino medio impacchetta 142 libbre di maiale all'anno, superando di ben 20 libbre i bizzarri tossicodipendenti suini come gli spagnoli. (Bevono anche più degli americani e vivono anche più a lungo. Perché non sei lì adesso?!?!) Mentre ci sono molti modi deliziosi per ottenere una dose di maiale in questo paese (l'arrosto di maiale con ciccioli è forse il migliore) , ti suggeriamo di prestare particolare attenzione alle molte cose deliziose che i danesi non mangiano, vale a dire le ostriche di prima classe, i cannolicchi e le cozze blu del Limfjord a nord. Esatto, in un paese circondato dall'acqua i più grandi tesori del mare vengono in gran parte ignorati a favore del maiale. Ma posti come Fiskebaren a Copenaghen stanno facendo del loro meglio per cambiare questa situazione, offrendo il meglio della generosità acquatica con tocchi leggeri (uova di lompo con formaggio affumicato, cozze al vapore con sidro di mele), un forte promemoria che c'è vita oltre il bacon.

Coltivatori di birra gloriosa. Foto di: Matt Goulding

Bevi una buona birra. Carlsberg è la centrale elettrica danese, ma è solo un piccolo gradino sopra Budweiser sulla scala della schiuma. Il rovescio della medaglia, il minuscolo Mikkeller è uno dei birrifici più innovativi del mondo, noto per pubblicare il tipo di pozioni che i beergeek portano nei forum per discutere fino alla nausea. Fermati al loro bar nel centro di Copenaghen e assapora cosa succede quando qualcuno (in questo caso, l'ex insegnante di fisica Mikkel Borg Bjergsø) porta l'immaginazione di uno chef modernista e la precisione di uno scienziato nel processo di produzione della birra. La loro lista di bottiglie è lunga 10 pagine e include una bottiglia da $ 700 di Mikkeller 2007 Barrell Aged Imperial Stout, ma siamo rimasti abbastanza contenti con $ 5 da 12 once di Super Galena, un singolo luppolo brillante con un morso croccante e amaro, o Texas Ranger, un scuro, minaccioso peperoncino porter che ti gratta leggermente la gola durante la discesa. (Mentre sei lì, assicurati di ordinare una pinta di Cantillon Kriek se ce l'hanno alla spina. Uno dei migliori risultati della produzione di birra del Vecchio Mondo, una bottiglia di questo in un bar negli Stati Uniti e nella maggior parte dell'Europa sarà ambientato restituisci $ 25. A $ 5 l'uno, rappresenta uno dei pochi veri affari in tutto il paese.)

Smørrebrod, l'eroico panino a faccia aperta. Foto di: Nathan Thornburgh

Quando non mangi cani da strada, banchetti stellati Michelin, ostriche crude e cucina casalinga danese, assicurati di spremere un po 'di smørrebrød. Il panino nazionale preferito è costruito su un'unica fetta di segale scura imburrata, un trampolino di lancio denso e soddisfacente per livelli di guarnizioni elaborate: tartare di manzo, tagliata con cipolle rosse e capperi, coronata da un tuorlo d'uovo crudo; fette spesse di patè ricoperte di funghi saltati, pancetta affumicata e un rettangolo traballante di salsa gelificata; o, il nonno di tutti loro, lo stjerneskud, la "stella cadente" della disciplina smørrebrød che accoppia metà delle creature dell'oceano – pesce bianco fritto croccante, riccioli rubino di salmone affumicato, gamberetti dolci, sfere di caviale salate – con cetriolo e aneto e spicchi di uovo sodo. È una stella della morte colpita dalla fame e l'esempio più potente dello slogan della campagna pubblicitaria smørrebrøod che abbiamo creato sulla strada: metà del pane, due volte il panino.

L'Akvavit, lo spirito nazionale danese, potrebbe perdere il favore dei giovani danesi, che preferirebbero battere vodka Red Bull piuttosto che bere la roba che i loro genitori tengono nell'armadietto dei liquori, ma questo significa solo che c'è di più per te. Tradizionalmente viene sorseggiato durante il pranzo, abbinato come il vino a una varietà di piatti ricchi di sale, salamoia e spezie che l'akvavit – fortemente carico di cumino e aneto – gioca perfettamente. Meglio provarlo ad Aalborg, dove è nato akvavit danese. Al ristorante Elbjørn, un battello a vapore convertito che galleggia a non più di poche centinaia di metri dalla fabbrica di Aalborg Akvavit, puoi assaggiare quasi una dozzina di tipi mentre ti fai strada durante il pranzo. Uno smørrebrød di aringhe in salamoia e qualche grammo di acqua da fuoco danese intorno a mezzogiorno ti libereranno.

Porta a due ruote. Le stime dicono che un terzo di Copenaghen fa il pendolare in bicicletta, e se sei in strada alle 8 del mattino, schivando grossi pacchi di pedali e raggi, è facile crederci. Unisciti alla mischia urbana ed esplora la capitale su ruote, o meglio ancora, prendi una bicicletta e esci dalla città. La Danimarca è uno dei paesi più piatti del mondo e ovunque ti giri ti ricorderà la Contea. Prova l'area del Lammefjord appena a nord di Copenaghen, dove le strade sono dolci e tortuose, i campi sono dipinti di giallo con fiori di colza e le città sono costellate di taverne di campagna perfette per alimentare l'avventura. Se hai mangiato e bevuto tanto quanto noi, avrai bisogno dell'esercizio.

Cucina casalinga sull'isola di Mors. Foto di: Matt Goulding

Fatti invitare a cena. È una strategia intelligente, non importa dove ti trovi nel mondo, ma è particolarmente geniale in Danimarca, dove molti dei piatti di comfort profondamente soddisfacenti del paese si trovano esclusivamente sul tavolo della sala da pranzo di famiglia. Abbiamo imparato questa lezione nel miglior modo possibile, da Solveig Brask Christensen, madre di Kristian (alias l'ambasciatore del piacere), un ragazzo la cui generosità e passione per la Danimarca ci hanno mostrato più cose su quel paese di quanto avremmo mai potuto scoprire da soli. La principale tra quelle scoperte fu l'eccezionale cucina di sua madre: una semplice insalata di gamberi dolci, maionese e limone, patate bollite cremose e, gloria di tutte le glorie, un petto perfettamente arrostito, rosso rosato, bordato di grasso e profumato di aglio e un l'amore della madre. Pesante di vino e lungo con piacevoli conversazioni, è stato uno dei pasti migliori e più significativi in ​​una settimana di magica alimentazione.

I danesi parlano inglese meglio di te. Ok, non tutti, ma la padronanza della lingua a livello nazionale è piuttosto sorprendente, anche se hai già trascorso del tempo nel nord Europa. Incontriamo pescatori di ostriche, agricoltori rurali e spacciatori di droga che lo hanno parlato con disinvoltura. Quando i danesi inseriscono casualmente parole come "incendiario" e "lamento" in una conversazione, sai che questi tizi sono cresciuti oltre il livello di scioltezza dell '"inglese da film" che si trova nella maggior parte dei paesi del mondo. Quindi vai avanti, impara quelle cinque parole e usale il più spesso possibile (ti aiuteremo a iniziare: ciao = "hej"); ma non sorprenderti quando l'inglese estremamente raffinato ti viene respinto.

ARTICOLI CORRELATI

I PIÙ POPOLARI