venerdì, Settembre 24, 2021
Home Lifestyle Viaggi 19 cose da sapere prima di andare a Tunisi

19 cose da sapere prima di andare a Tunisi

Decodificare l'antica capitale della Tunisia, dove i pedoni non hanno la precedenza ma puoi soffocare il cibo con l'harissa e festeggiare con le suore italiane.

La vecchia Tunisi è davvero vecchia. Quando ero piccola, mio ​​padre tunisino mi intratteneva con storie della buonanotte di donne forti e intelligenti nella speranza che sarei cresciuto fino a diventarlo. La sua storia preferita da raccontare era quella di Didone, la principessa fenicia che fondò Cartagine, l'antica città su cui è fondata Tunisi, intorno all'814 a.C. La storia racconta che in seguito a una serie di eventi sfortunati (vedovanza, status di rifugiato, quasi indigenza), Didone si trovò sulle coste del Nord Africa, dove chiese a un re berbero un terreno come rifugio. Pensando di ottenere un affare decisamente migliore, accettò gentilmente di vendere solo ciò che poteva essere racchiuso in una pelle di bue. Tagliando la pelle in strisce sottili e ricucendole, Didone è riuscito a formare il perimetro sorprendentemente ampio di Cartagine. Divenne uno degli imperi più potenti del Mediterraneo, un epicentro di scambi e conquiste che si estendeva a ovest fino al Marocco e a nord in Italia. Ci furono lunghe e sanguinose battaglie con altri imperi, l'ascesa del famoso generale Annibale e tattiche militari che comportarono la marcia di elefanti sulle Alpi (sebbene la battaglia di Cartagine portò alla decisiva vittoria romana e alla fine di Cartagine). È ancora possibile visitare le rovine di Cartagine, ora un sobborgo di Tunisi, e anche l'antico porto dell'impero è ben conservato. Alcune delle opere d'arte più impressionanti di questo periodo sono ospitate nel Museo del Bardo nel centro della città.

Antiche rovine di Cartagine. Foto: Wikipedia / Commons

Puoi stare al sicuro. Sebbene non sia immune dalla crescente diffusione della violenza nella regione, la Tunisia è stata in gran parte al riparo dal tipo di terrore emerso nella vicina Libia. Tuttavia, i recenti attacchi terroristici guidati dall'ISIS a Sousse e Tunisi, entrambi in località turistiche, hanno messo in crisi il Paese. Il governo ha risposto emettendo uno stato di emergenza e approvando una controversa legge antiterrorismo, ma la Tunisia non ha né i soldi né le risorse per combattere attivamente il terrorismo, le cui radici sono intrecciate con l'emarginazione economica e l'oppressione politica. Nonostante questi attacchi, i caffè continuano a servire il caffè, gli uomini continuano a fumare narghilè, i bambini vanno ancora a scuola a piedi e la gente è persino tornata a prendere il sole sulla spiaggia. È la verità cliché: la vita va avanti. Sebbene i governi degli Stati Uniti e del Regno Unito avvertano della possibilità di un altro attacco terroristico, Tunisi, nel complesso, si sente al sicuro. Prendi alcune precauzioni, come faresti ovunque: sii vigile con ciò che ti circonda, non camminare da solo di notte ed evita manifestazioni politiche.

Non cammini, doolesha. Doolesha è un'antica parola dialettale tunisina che si traduce approssimativamente in passeggiare a passo lento per piacere, ed è l'unico modo per esplorare la vecchia medina (città). Una volta che le braci bruciate di Cartagine si raffreddarono, gli arabi vennero e costruirono la medina riconosciuta dall'UNESCO come Patrimonio dell'Umanità, molto prima che ci fosse l'UNESCO, o qualsiasi veicolo più largo del fianco di un cavallo. La città vecchia è stata costruita intorno alla Moschea Zaytouna (aperta ai visitatori; le donne dovrebbero coprirsi i capelli e tutti dovrebbero coprirsi gli arti), che puoi usare come una sorta di bussola, anche se stai certo che ad un certo punto ti perderai. Per le viaggiatrici sole, i fischi, i fischietti, i baci e i "complimenti" che si trovano in così tante città in tutto il mondo saranno la colonna sonora delle tue passeggiate, in particolare nel souk e in centro. Un paio di occhiali da sole e cuffie scuri può aiutare a bloccare gli sguardi e soffocare il rumore.

Ingorgo stradale nella medina. Foto di: Sarah Souli

Insha’Allah è uno stile di vita. L'arabo per "se Dio vuole" è sia una frase fondamentale che un riconoscimento fatalistico comune in tutti i paesi islamici. La Tunisia è musulmana al 98% e Dio vuole tutti qui, che si tratti del vostro ordine di cibo, del clima o dell'unificazione politica del paese. Viene utilizzato ogni volta che ci si riferisce al futuro, il che può essere leggermente spaventoso quando dici a tua nonna che la vedrai domani e lei risponde solennemente insha’Allah. Ma la maggior parte delle volte, è un bel promemoria che le cose sono beatamente fuori dal nostro controllo. Tanto vale abbracciarlo.

La Tunisia ha una doppia personalità. Per gran parte della sua storia postcoloniale, in Tunisia il nazionalismo laico ha avuto la priorità sull'Islam (il presidente Bourguiba ha bevuto succo d'arancia alla televisione nazionale durante il Ramadan). L'Islam rimane una forte forza culturale e politica qui, ma una certa classe di tunisini ha adottato stili di vita più secolari e queste identità diverse coesistono goffamente. La rivoluzione tunisina – la scintilla della primavera araba – è iniziata quando un venditore ambulante si è dato fuoco nel dicembre 2010 dopo essere stato umiliato da un funzionario municipale. L'atto è diventato un catalizzatore per le proteste contro il regime secolare, ma corrotto, di Ben Ali. Dopo la rivoluzione, i politici islamici sono stati votati, le moschee hanno riaperto 24 ore su 24, 7 giorni su 7 e abiti conservatori sono filtrati nelle strade. Allo stesso tempo, molte donne sono a capo scoperto; molti tunisini preferiscono un governo laico; e molti si sentono legati, per quanto nebulosamente, all'Europa.

Un anziano signore di La Goulette, un sobborgo di Tunisi, si è preso una brutta piega per un clima di 75 gradi. Foto di: Sarah Souli

Ci sono due tipi di caffè a Tunisi. Quelli da uomo e quelli da uomo e da donna. Se sei un ragazzo, un maqhwa (caffè) tutto maschile può essere un posto meraviglioso dove sedersi, fumare una sheesha e fare subito una mezza dozzina di amici. Le donne tunisine generalmente non frequentano questi luoghi. Il Théâtre de L'Étoile du Nord è un'opzione migliore, che gestisce un teatro e una caffetteria ed è il terreno preferito dai giovani tunisini di sinistra. Nel souq, dirigiti all'Ali's Cultural Cafe, dove i prezzi sono alti (2.500 dinari – circa $ 1,50 – per un tè alla menta) ma i panorami sono sereni, o Foundouk El Attarine (situato nel Souk des Parfumeurs) e Etoile de la Medina , entrambi ospitati in affascinanti cortili nascosti.

La Tunisia può essere mediterranea, ma la dieta non lo è. I tunisini, con la loro propensione per il petrolio e lo zucchero che ha portato a tassi vertiginosi di malattie cardiache, non aderiscono alla dieta mediterranea a base di mandorle e yogurt. La pietra angolare di un pasto tunisino è il pane, e il resto della tavola gemerà sotto il peso di carboidrati aggiuntivi: maccheroni con patate, cuscus, patate fritte e peperoni schiacciati in una pasta chiamata kefteji, panini ripieni di patatine fritte. Ci sono molti ristoranti nei dintorni di Tunisi che servono questi piatti tradizionali con la stessa tenera precisione dei cuochi casalinghi. Chou Chou vicino a Le Passage ti porterà il mergez ojja (shakshuka con steroidi) servito in ciotole di argilla con un lato di tre baguette, e il couscous di pesce fritto con fave del Cafe Maklaoui nel souq è un altro punto culminante.

Bignè a Sidi Bou Said. Foto di: Sarah Souli

Harissa è meglio del ketchup. Una focosa pasta di peperoncino a base di peperoni rossi e serrano, aglio, coriandolo e cumino, l'harissa è il condimento base. I tunisini credono che mangiare cibi piccanti faccia bene alla salute, anche se potrebbe devastare un apparato digerente non abituato. La maggior parte dei pasti viene servita con un piccolo piatto laterale di harissa e qualsiasi tostiera spalmerà l'harissa sul pane. A seconda dei tuoi gusti e dei tuoi limiti, chiedi schwaya (poco) o barsha (molto).

I francesi hanno lasciato più delle baguette. Nel 1881, la Francia colonizzò la Tunisia e vi si stabilirono 150.000 due punti. Inevitabilmente, le influenze francesi penetrarono nella cultura tunisina (sia per forza che per osmosi). Puoi ancora cavartela a Tunisi con poche parole di francese e passeggiando per certi quartieri è impossibile dimenticare l'eredità del colonialismo francese. Nel centro moderno ci sono ampi viali e tanto verde che incorniciano l'architettura bianca arabescata, un mix di stile neoclassico francese con la tradizionale costruzione araba. Uno dei quartieri migliori per vedere questi edifici è La Fayette, vicino a Passage.

Dettagli architettonici a La Fayette, con un abbeveratoio al piano terra. Foto di: Sarah Souli

Si applicano regole di contrattazione. Se sei abituato ai clic sottili e anonimi dello shopping online, il souk, che è diviso in diverse aree specializzate in pelle, legno d'ulivo, tessuti, rame, gioielli, ceramiche, profumi, cibo, elettrodomestici da cucina, libri religiosi e il la gloria sgargiante e trapuntata di raso dei matrimoni arabi, potrebbe sembrare opprimente. Una buona regola pratica è dividere il prezzo che ti viene detto a metà, e forse anche di nuovo a metà, e non comprare mai oro o argento che non sia stato pesato. Fortunatamente, la maggior parte delle cose in vendita sono davvero prodotte in Tunisia. Il sollievo dal souk sotto forma di prezzi delle vignette può essere trovato nella libreria Espace Diwan in Rue Sidi Ben Arous, che vende libri francesi e arabi e una piccola selezione di vecchi dischi.

Puoi cambiare la tua pelle. Nelle strade tortuose della vecchia medina, ci sono porte a strisce rosse e nere che designano gli hammam di quartiere (bagni pubblici). Se ti senti a disagio con il vapore, la semi-nudità o la sensazione della tua pelle morta che si stacca dal tuo corpo, stai lontano. Altrimenti, compra un guanto esfoliante e una saponetta e segui le persone che rotolano le valigie lungo la strada fino all'hammam più vicino. Gli hammam sono dello stesso sesso e si rivolgono a uomini e donne in orari diversi, ma sia gli uomini che le donne dovrebbero togliersi tutto tranne la biancheria intima. Una volta dentro, ti verranno consegnati due secchi di plastica. Siediti il ​​più a lungo possibile nel bagno turco, per preparare la tua pelle. Una signora (o un signore) Hammam strofinerà il tuo corpo mentre guardi con un misto di fascino e disgusto i vermi neri e grassi di pelle morta che vengono rimossi.

Aiuta ad amare il tonno e le uova. Pochi sono ambivalenti riguardo al tonno o alle uova, i due diamanti sulla corona culinaria tunisina, e Tunisi sarà un'esperienza più piacevole se li ami con lo stesso fervore dei tunisini. Il modo migliore per assaggiare questa combinazione è con il plat tunisien: una ciotola poco profonda è riempita con insalata di verdure grigliate, limoni conservati, harissa, cetrioli tritati, ed è sormontata da un uovo in camicia e rifinita con tonno. Oppure fai uno spuntino su un mattone a l'oeuf, che è il più vicino a un gnocco che troverai. Un sottile foglio di pasta viene riempito con prezzemolo, tonno, patate e un uovo crudo prima di essere fritto fino a diventare croccante e servito con limone.

Carta BYO. Carta igienica, cioè. Con l'eccezione di alcuni degli stabilimenti più eleganti della città, la maggior parte dei bagni pubblici e privati ​​è dotata solo di un ingombrante tubo flessibile. Acqua e sapone sono considerati più puliti della carta igienica e, secondo la pratica islamica, la tua mano sinistra è riservata al compito sporco. La mano destra, nel frattempo, arriva a pizzicare le guance, spalare il cibo in bocca e scambiare denaro.

Calcio in prima serata nella medina. Foto di: Sarah Souli

La cosa migliore di Tunisi: è in Tunisia. È un paese abbastanza piccolo che un viaggio di otto ore ti porterà dalla punta acquosa dell'Africa al deserto del Sahara. A solo un'ora dalla città ci sono spiagge di sabbia bianca e acque turchesi, antiche fortezze fenicie e hammam costruiti in grotte rocciose. A Korbus ci sono bagni caldi di acqua salata e tramonti arancioni sulle scogliere; a Biserta, mercati del pesce e acquisti di frittelle (di seconda mano); ad Hammamet, cocktail e feste in spiaggia. La maggior parte delle grandi città è raggiungibile dalle principali stazioni ferroviarie o degli autobus di Tunisi, ma se la guida caotica e senza regole non ti disturba, noleggia un'auto e guida lungo la parte settentrionale della costa lunga 713 miglia. In una giornata limpida, puoi vedere in Italia.

C'è spazio per il restante 2%. Per la maggior parte della sua storia, Tunisi ha ospitato una considerevole popolazione di cristiani ed ebrei. Sono rimasti solo un paio di centinaia di ebrei tunisini in città (la maggior parte si sono trasferiti in Francia o in Israele) e anche meno cristiani tunisini, ma i loro contributi culturali sono ancora in circolazione. Su Avenue de la Liberte c'è La Grande Sinagoga di Tunisi, sorvegliata da diversi agenti di polizia e da un imponente tratto di filo spinato. La sinagoga è aperta per i servizi durante lo Shabbat, anche se se sei ebreo dovrebbero essere in grado di aprirti le porte per pregare in qualsiasi momento. Poche strade più in basso, la più grande chiesa greco-ortodossa in Africa è ombreggiata da un gigantesco albero di fico. Dietro l'angolo su Avenue Habib Bourguiba si trova la molto più imponente Cattedrale di San Vincenzo de 'Paoli, un monumento cattolico costruito dai francesi. Le suore sono italiane ed egiziane e la maggior parte delle mecenate sono dell'Africa occidentale ed europee; offrono servizi domenicali in italiano, francese e inglese.

Verdure fresche. Foto di: Sarah Souli

La vita notturna di Tunisi è difficile da trovare. Un venerdì, l'unico invito sociale che ho ricevuto è stato un messaggio in cui mi chiedevo se volevo andare al settimanale pizza party cristiano organizzato dalle suore italiane della città. Questo dice qualcosa su di me o sulla scena della festa di Tunisi, che, a meno che tu non sappia dove guardare, è sfuggente. Ci sono alcuni punti del centro che servono Celtia, la birra locale del paese, anche se come i caffè, questi generalmente si rivolgono solo agli uomini che potrebbero interpretare male la presenza di una donna. Se non ti interessa e vuoi evitare le norme culturali, vai al Cafe des Journalistes (Avenue Habib Bourguiba), che, da quello che ho potuto dire, non ospitava giornalisti. Altrimenti, il giovane e bellissimo sorso ha importato Heineken a Villa 78, un giardino incolto completo di lucine scintillanti e snack gratuiti. Oppure prendi l'ascensore fino all'ultimo piano dell'Hotel El Hana, per una vista stellare di Tunisi. Per ballare e cocktail, la soluzione migliore è dirigersi verso i sobborghi, tra cui La Marsa, La Goulette e Sidi Bou Said, dove troverai discoteche e bar come Le Plug e Carpe Diem. La maggior parte dei club chiude intorno alle 2 del mattino.

La vista da Sidi Bou-Said. Foto di: Sarah Souli

Tunisi non scuote la casbah. Le leggi sulla droga sono dure e essere scoperti anche con una piccola quantità di marijuana è punibile fino a cinque anni di carcere (e non vuoi andare nella prigione tunisina). Puoi trovare alcolici in alcuni bar, hall di hotel e ristoranti (in particolare nei sobborghi) anche se molti posti smetteranno di servire drink prima di mezzanotte. Chiunque può acquistare birra e vino dalle grandi catene come Carrefour e Monoprix (anche se il venerdì l'alcol viene venduto solo da questi negozi in periferia, e devi mostrare un documento d'identità per dimostrare che non sei musulmano). Nota che non è socialmente accettabile, né necessariamente sicuro, essere bevuto in pubblico.

Un giovane shebab fa l'autostop in metropolitana. Foto di: Sarah Souli

Il trasporto pubblico è una sfida. Camminare è il modo migliore per spostarsi a Tunisi, ma nota che ufficiosamente i pedoni non hanno la precedenza e dovresti manovrare il tuo corpo come se fosse un grosso camion. Altre modalità di trasporto non sono sempre semplici. La metropolitana leggera Métro Léger de Tunis, con sei linee ferroviarie verde brillante, ha 66 fermate sparse per la città. Non c'è un programma rigido e durante le ore di punta sarai stipato con il resto dei pendolari di Tunisi. La metropolitana non è così completa e alcune parti remote della città sono raggiungibili solo in taxi. Per fermare una cabina, cerca la luce rossa (non verde!) Lampeggiante sul cruscotto. È utile avere pochi MB di dati sul telefono; la maggior parte dei taxi non è dotata di GPS e potresti passare una notevole quantità di tempo a guidare in tondo. Assicurati di dire all'autista di accendere il tassametro: un viaggio attraverso la città, senza traffico, non dovrebbe costare più di 10 dinari.

Vai alla periferia. La TGM (metropolitana Tunisi-Goulette-Marsa) serve un tratto di periferia costiera. Una delle prime tappe è La Goulette, che storicamente ospitava le maggiori popolazioni ebraiche e siciliane della città; troverete ancora uomini e donne anziani vestiti con giacche da marinaio e acconciature anni '50 che camminano lungo la corniche. Due strade dietro la spiaggia troverai una fila di ristoranti di pesce, dove 10 dinari ti offriranno un pasto di pesce alla griglia di quattro portate. Una delle ultime tappe del TGM è Sidi Bou Said, una minuscola enclave di artisti costruita su una scogliera a picco sul Mediterraneo e dipinta interamente di bianco e blu. Affronta le file e prendi un bignè ricoperto di zucchero da uno dei venditori e cammina per la città mentre le briciole ti cadono davanti, godendoti la vista di Tunisi.

ARTICOLI CORRELATI

I PIÙ POPOLARI