19 cose da sapere prima di andare a Vancouver

0
50

Una guida sul campo che sfonda i miti in una città di intenso orgoglio, startup Umbrella e sushi.

Vancouver è la migliore città del mondo. Forse. L'intenso orgoglio della città natale non è insolito, ma gli abitanti di Vancouver pensano di vivere davvero nel posto più bello della terra. Sono nato in città e ho vissuto lì per anni, quindi posso riferirmi alle prove. Si colloca costantemente tra le prime cinque città più vivibili al mondo, spesso l'unica città del Nord America a rientrare tra le prime dieci. Certo, c'è chi si lamenta del fatto che Vancouver sia troppo provinciale, o la sua vita notturna troppo tranquilla, per essere una città veramente di "classe mondiale". Ma i duri a morire pensano che non sia questo il punto. Ecco la Vancouver di cui cantano: clima mite e orgoglioso progressismo circondato da spiagge sabbiose e montagne sciabili. Anche il caffè sta migliorando. Ma c'è un problema: è costoso. Il mercato immobiliare sta attraversando una "crescente crisi di inaccessibilità", con investimenti stranieri e una popolazione in aumento che sta superando di gran lunga lo sviluppo. Vivi in ​​una delle città più vivibili del mondo? Ti costerà.

Questa è la terra delle startup ombrello. Vancouver piove circa 170 giorni all'anno, raccogliendo 60-100 pollici, a seconda della parte della città in cui ti trovi. Molte persone associano il Canada al freddo, ma Vancouver non fa freddo. È bagnato. Nevica molto raramente e, quando lo fa, la città entra in modalità di blocco perché non sa come affrontare la raffica. La pioggia quasi costante, tuttavia, non interrompe lo stile di vita. Le persone vanno in bicicletta per lavorare sotto la pioggia e portano i loro Golden Retriever a rotolarsi in parchi fangosi per cani. Gore-Tex è sempre in voga e diversi giovani imprenditori hanno recentemente lanciato marchi e app ombrello per startup. C'è un lato positivo: con tutta quella pioggia, non incontrerai un gruppo più felice quando uscirà il sole. Gli uffici si svuotano e le spiagge traboccano di canadesi estasiati non appena le nuvole si aprono.

Il ponte Burrard attraversa l'insenatura di False Creek sopra Granville Island, collegando il centro a Kitsilano. Nel 2009, la città ha trasformato una delle corsie automobilistiche del ponte in una pista ciclabile separata. Foto di: Eric Greene

Il sindaco è un evangelista in bicicletta. I poteri politici di Vancouver hanno fatto questa cosa subdola negli ultimi anni, chiudendo temporaneamente una strada per lavori di costruzione e quando riaprirà avrà una corsia per le auto in meno e una pista ciclabile nuova di zecca. Se sei un ciclista, ti piace questo. Se guidi una macchina, non così tanto. In ogni caso, c'è un'avida cultura della bicicletta a Vancouver e il sindaco Gregor Robertson, forse il sindaco più bello del mondo, è disposto a fare tutto il necessario per portare più biciclette sulla strada. Durante lo sviluppo di nuove piste ciclabili in centro, Robertson ha detto ai critici: "Ci sono troppi ciclisti e non c'è abbastanza spazio, quindi sto prendendo una decisione esecutiva. Stiamo riprendendo le strade. " I frequentatori di feste vanno in bicicletta al bar e gli impiegati del centro vanno in bicicletta in ufficio. Il Seawall di Vancouver è un percorso pedonale e ciclabile che avvolge l'insenatura di False Creek e collega entrambi i lati della città intorno a Stanley Park. Il segmento Park è a senso unico e se provi ad andare controcorrente, trarrai molti commenti. Gli abitanti di Vancouver sono amichevoli ma non infrangono le regole.

Il sushi è un alimento base. Il Canada non è forte sull'autentico cibo messicano, ma puoi affogare il tuo dolor nel sushi. Come porta d'accesso al Pacifico, Vancouver è ricca di ristoranti di sushi. Esiste una razza standard di locali economici per il pranzo e la maggior parte dei locali ha i suoi preferiti. Da lì, troverai una varietà di sushi fino ai ristoranti giapponesi di fama mondiale. Toshi, Guu e Tojo's sono alcuni esempi che coprono la diffusione. Mangiare sushi altrove (a parte il Giappone!) È una sfida per gli abitanti di Vancouver perché lo sanno bene a casa. Spinach Gomae è un ingrediente essenziale locale e c'è uno standard a livello cittadino per il sashimi locale. Oh, e il rotolo della California è nato a Vancouver.

Roulette Roll dal ristorante giapponese ShuRaku a Vancouver. Foto di: Geoff Peters

Il caffè sta davvero migliorando. Così vicino a Seattle, per molto tempo gli abitanti di Vancouver hanno dovuto prendere la loro dose di caffè da bicchieri di carta bianca con etichette verdi a forma di sirena. Ma ultimamente, a Gastown, Chinatown, lungo Main Street e persino nel corridoio commerciale del centro, stanno spuntando caffè indipendenti con un arredamento elegante costruito intorno all'idea di "caffè lento". Sì, questo è il Canada, ma quello di Tim Horton non governa l'Occidente come fa l'Oriente.

L'erba non è legale. Contrariamente allo stereotipo popolare, Vancouver non è una marijuana libera per tutti. Le autorità tendono ad essere più indulgenti con i fumatori di erba qui, ma nonostante il suo credito nel Pacifico nord-occidentale, la Columbia Britannica non ha raggiunto il suo vicino meridionale, lo Stato di Washington, sull'uso ricreativo legale. Vancouver ha dispensari dove i titolari di licenza di marijuana medica possono riempire le loro prescrizioni di marijuana. Se ottieni un certificato medico per concederti una licenza, la città verde è tua. Più tabù è il semplice fumo di tabacco: Vancouver è una cultura attenta alla salute, amante del fitness, dipendente dai succhi spremuti a freddo, tutto biologico, che pratica lo yoga dei fanatici del benessere che non fumano. Fumare in un parco pubblico incassa una multa di $ 250, con una dose gratuita di discriminazione sociale.

È davvero diverso. A Vancouver mancano le tasche di quartiere culturale definite comuni in altre città multiculturali: il suo crogiolo si diffonde in tutta la città. La Grande Migrazione dei primi dell'Ottocento portò per la prima volta coloni britannici ed europei. I lavoratori migranti cinesi arrivarono più o meno nello stesso periodo, e un afflusso di massa arrivò più tardi nel secolo con la corsa all'oro e la costruzione della Canadian Pacific Railroad. I migranti dall'Asia meridionale e da altre regioni hanno continuato ad arrivare per tutto il ventesimo secolo. Naturalmente, le comunità indigene si trovavano nell'area di Vancouver molto prima dei coloni stranieri. La gente del Coast Salish è la gente del posto originaria e ci sono tre gruppi principali sparsi in diverse comunità nell'area di Vancouver.

I RISTORANTI FAST FOOD STANNO MORENDO LENTA MORTE

Mangia internazionale. I quattro principali stili di ristorazione a Vancouver sono dim sum, phở, sushi e indiano. È disponibile la maggior parte delle altre cucine, ma la maggior parte dei ristoranti della città rientra in uno di questi "gruppi alimentari". A parte la nicchia del brewpub, i ristoranti e gli hamburger non sono popolari: sono i bar Izakaya e i ristoranti cinesi aperti fino a tarda notte che attirano folle grandi ed etnicamente diverse. I fast food stanno morendo di una lenta morte a Vancouver, con camion di cibo che li sostituiscono rapidamente. Nel 2010, Vancouver ha adottato il modello di street food di successo di Portland per offrire "scelte più diversificate e nutrienti" in luoghi accessibili in tutta la città.

Non contare su Uber per farti andare in giro. Se non vuoi andare in bicicletta sotto la pioggia, ci sono autobus, più due linee principali dello SkyTrain. Non ci sono servizi di ride sharing perché il B.C. Il Ministero dei Trasporti ha votato contro di loro. (Uber è un problema dolente in molte città del Canada, dove i governi locali si sono opposti all'espansione senza regolamentazioni dell'azienda. I tassisti di Montreal si sentono persino minacciati abbastanza da spronare le auto Uber in segno di protesta.) Ma i taxi a Vancouver possono essere scarsi, e tu spesso devo telefonare per un pick-up piuttosto che chiamarne uno dal marciapiede. Ci sono diverse petizioni online per portare Uber a Vancouver. Nonostante il suo obiettivo di diventare la città più verde del mondo, è ancora un luogo dipendente dalle auto.

"Trans Am Totem" dell'artista di Vancouver Marcus Bowcott. L'installazione di cinque auto su un ceppo di cedro fa riferimento all'eredità delle Prime Nazioni di Vancouver e allo sviluppo urbano nell'area di False Creek. Foto di: Ann Greene

Non dare da mangiare agli orsi della spazzatura. A tutti i bambini canadesi viene insegnato crescendo che nutrire un orso significa uccidere un orso. Simpatici, pelosi e intimidatori, gli orsi possono diventare dipendenti dalla spazzatura con un solo gusto. Sanno istintivamente dove cercare il cibo: nei cassonetti, nelle auto e attraverso le finestre aperte. Se sei nuovo in città e non hai mai visto orsi prima d'ora, non lasciarti ingannare pensando che abbiano fame e abbiano bisogno della feccia del tuo fish-and-chips. Convincere un orso della spazzatura a lasciare la città e tornare nel deserto è quasi impossibile.

Nutriti di birra. Come per la sua cultura del caffè, la scena della birra di Vancouver sta dilagando. "Rivoluzione della birra artigianale" è una frase stanca ovunque, ma un vero cambiamento nella cultura del bere di Vancouver è stato innescato da un cambiamento nella legge, che ha consentito una maggiore flessibilità con le vendite di alcolici nelle sale di degustazione, happy hour prolungati e licenze più clementi. I canadesi adorano bere, ma oggigiorno non sorprenderai i giovani che sorseggiano lattine di Molson. Invece, collegano le sale di degustazione indipendenti e discutono su quale lotto di ricette dovrebbero portare a casa nelle loro bottiglie di growler ricaricabili.

L'isola di Vancouver non è un'isola a Vancouver. L'isola di Vancouver è lunga quasi 300 miglia, con oltre 2.000 miglia di costa e quasi un milione di persone che ci vivono. È a due ore di traghetto da Vancouver e molte altre piccole isole occupano lo Stretto di Georgia tra le due masse. La città più grande dell'isola di Vancouver è Victoria, anche la capitale della provincia. Ci sono foreste pluviali, stazioni sciistiche, università, alcuni dei laghi più belli del mondo e una natura incontaminata. È un posto completamente diverso dalla città di Vancouver, ma vale la pena visitarlo. Potresti anche vedere alcune balene dal traghetto.

La "Digital Orca", una scultura di Douglas Coupland, si trova accanto al Vancouver Convention Center. Foto di: Pauline Eiferman

Sì, ci sono le balene. Se non ti interessano le balene, passa al suggerimento successivo, anche se dovresti sapere che potresti essere una persona meschina che cerca invano di negare la maestà del mondo naturale. Se non sei quel tipo di persona, unisciti agli osservatori di balene che vengono da tutto il mondo. Le barche guida sono una delle principali fonti di turismo, ma a volte non devi nemmeno lasciare la città per vedere le balene perché nuoteranno nelle insenature del centro. Branchi di orche corrono regolarmente lungo la costa, le megattere sono comuni e le balene grigie migrano verso nord attraverso l'area ogni inverno. Se finisci su una barca guida e ti capita di essere sconcertato dall'osservazione delle balene, per lo meno il capitano si assicurerà che tu veda alcuni orsi (non del tipo spazzatura) sulla battigia.

Dirigiti a Downtown Eastside per grinta e storia. Vancouver non è solo marciapiedi in marmo e vetrine di abbigliamento per lo yoga (vedi Robson Street). Il DTES era un tempo il cuore di Vancouver, contenente il municipio, il tribunale e le amate istituzioni commerciali, ma il quartiere iniziò a declinare con l'avvento delle autostrade e la fuga verso i sobborghi. Oggi ha una delle più grandi comunità di strada del Nord America di tossicodipendenti e senzatetto, e il governo ha implementato una serie di programmi finanziati con fondi pubblici per mitigare il traffico di droga. Non è veramente conosciuta come una zona pericolosa – ci sono negozi che si rivolgono ai turisti – ma c'è ancora una grande percentuale di criminalità, uso di droghe e prostituzione. Sì, la gentrificazione incombe: diversi ristoranti di fascia alta hanno aperto negozi e le tensioni derivanti dallo sviluppo, dallo sfollamento e dal degrado urbano comuni in molte altre città si stanno manifestando qui ora. Se sei interessato a vedere uno dei quartieri più antichi di Vancouver, vale la pena visitare il DTES: non tagliare i vicoli bui con una telecamera al collo mentre navighi sul tuo iPad.

Il calcio è il nuovo hockey. I Vancouver Whitecaps sono entrati a far parte della Major League Soccer nel 2011 e si sono guadagnati una fedele base di fan in una città non nota per il fandom del calcio. I Whitecaps giocano nello stadio BC Place recentemente rinnovato nella zona di False Creek del centro, attirando fan accaniti da tutto il Pacifico nord-occidentale nel cuore della città. Lo stadio si trova dall'altra parte della strada rispetto alla Rogers Arena, sede della squadra NHL dei Vancouver Canucks. I Canucks sono naturalmente estremamente popolari, ma è importante sapere che Vancouver non è solo una città dell'hockey.

La North Shore ospita alcuni dei migliori sentieri escursionistici di Vancouver. Quarry Rock è una delle salite più gettonate perché dal parcheggio si raggiunge il belvedere in 30 minuti. Foto di: Paige Greene

Vai nel buff sotto il bluff. Il campus della University of British Columbia si trova su un promontorio nel punto più occidentale della città. Da qui, una scala (473 gradini!) Scende attraverso la foresta fino a Wreck Beach, una striscia di sabbia bianca circondata da uno spesso muro di abeti Douglas. È una spiaggia che non richiede abbigliamento, quindi i nudisti di tutte le varietà saranno laggiù ogni volta che c'è il sole. Wreck Beach offre l'esperienza culturale naturalistica completa: alcuni dei clienti abituali allestiscono bancarelle di cibo o bancarelle di abbigliamento di canapa e sono disponibili anche vari psichedelici.

Stanley Park: il miglior parco del mondo? Il parco è di 1.001 acri di parco boscoso ai margini del centro ed è quasi interamente circondato dall'oceano. Dai tempi degli indigeni alla colonizzazione britannica fino ad oggi, è straordinario che la città si sia sviluppata attorno a una tale riserva di risorse naturali che in qualche modo sono rimaste preservate. Decenni fa, Stanley Park era un luogo più buio, dove vivevano abusivi e strani crimini nei boschi, ma oggi è pulito, bello e sicuro. Di nuovo, la mia obiettività è sospetta: mio padre è stato per anni un giardiniere di Stanley Park. Ma non fidarti solo della mia parola: visita i ristoranti, il porto turistico o l'acquario, assisti a un concerto all'aperto o cammina per chilometri sulla diga. E poi possiamo discutere.

Terza spiaggia a Stanley Park. Foto di: Sébastien Launay

Alcuni dei migliori piatti cinesi del mondo sono a pochi minuti di distanza. Richmond, sede dell'aeroporto internazionale YVR, è il primo sobborgo a sud di Vancouver vero e proprio. Richmond ha una popolazione di immigrati del 60%, la percentuale più alta in Canada, e circa la metà dei suoi residenti si identifica come cinese. Molti degli altri sono canadesi indiani, filippini e giapponesi. È pieno di centri commerciali cinesi pieni di ristoranti Szechuan, dim sum, xiao long bao e noodle, per citare solo una piccola parte dei pasti offerti. Gli chef "maestri" di Richmond trascorrono decenni a perfezionare le loro particolari abilità culinarie. La flotta peschereccia residente della città costiera è la più grande del Canada, quindi è anche una mecca del pesce fresco. Prenota una serata per il mercato notturno di Richmond, il più grande mercato notturno del Nord America, con centinaia di venditori al dettaglio di cibo, selvaggina e al dettaglio. Funziona nelle notti del fine settimana da maggio a ottobre.

Nonostante tutto, è una città facile da lasciare. Il sistema SkyTrain ha una linea che arriva direttamente all'aeroporto internazionale YVR. Il confine via terra con lo Stato di Washington è a 30 minuti di auto dalla città e tre traghetti lasciano la città attraverso l'oceano. Quando hai fatto il pieno e sei pronto per uscire, partire da Vancouver non potrebbe essere più semplice. Ma se puoi sopportare 170 giorni di pioggia all'anno e permetterti un appartamento da un milione di dollari, potresti voler rimanere per sempre.

Immagine in alto: Eric Greene

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui