22 cose da sapere prima di andare in Calabria

0
29

In qualche modo, questa terra di peperoni ardenti, pizza di livello superiore e spiagge superlative è una delle regioni meno visitate d'Italia.

Prenota il tuo biglietto. La Calabria è la punta dello stivale d'Italia e una delle regioni meno visitate del paese, motivo per cui dovresti venire. Ha montagne, tre parchi nazionali (Aspromonte, Pollino e Sila), 500 miglia di costa, acque turchesi e dolci colline verdi fiancheggiate da ulivi, aranci e limoni. La storia della Calabria risale all'VIII-V secolo a.C., quando era una colonia della Grecia nota come Magna Grecia. Nel corso dei secoli, varie culture, tra cui spagnolo, arabo e normanno, hanno influenzato la cultura, la lingua e l'architettura della regione.

Trova la tua famiglia. Milioni di italoamericani fanno risalire i loro antenati al Mezzogiorno (Italia meridionale), compresa la Calabria. Sono uno di loro. Quello che è iniziato come un viaggio di ricerca genealogica nel 2002 mi ha portato a trasferirmi nel villaggio collinare dei miei antenati, Badolato, sulla costa orientale. Vivo lì da 15 anni ormai. Fai un po 'di lavoro sulle gambe prima di arrivare (o paga qualcuno per farlo) e potresti persino trovare qualcuno nel vecchio villaggio che almeno afferma di essere un parente (parente); Non riesco a contare il numero di riunioni di famiglia calabresi, storie di persone che ho sentito nel corso degli anni. Se non hai un'eredità calabrese, non preoccuparti. I calabresi sono calorosi e accoglienti, quindi non abbiate paura di avviare una conversazione e accettate sempre l'offerta di un bicchiere di vino fatto in casa dalla cantina.

Scegli una base. Ci sono molti villaggi sonnolenti in cui soggiornare se vuoi la vita semplice. Diversi anni fa, molti locali hanno approfittato dei finanziamenti per aprire bed & breakfast e anche gli agriturismi (fattorie con camere per gli ospiti) sono comuni. Per un'esperienza più vivace, guarda le città Reggio Calabria, Cosenza e il capoluogo di regione, Catanzaro, che si trova in posizione centrale e quindi ideale come base per gli spostamenti. Soverato sulla costa orientale o Tropea sulla costa occidentale sono scelte solide se vuoi soggiornare in una città più piccola ma comunque adatta ai viaggi. Pizzo Calabro è l'ideale se vuoi essere vicino a Tropea, ma non nel bel mezzo delle cose. Il mio paese, Badolato sulla costa ionica, ha una rete ben sviluppata di luoghi di soggiorno. Rossano Calabro sulla costa tirrenica ospita molti dei siti più interessanti della regione, tra cui il Museo della liquirizia Amarelli e il Purple Codex Rossanensis (Rossano Gospels), un manoscritto illustrato bizantino del VI secolo stampato in lettere greche su pergamena viola.

Una vista della spiaggia di Tropea e della chiesa di Santa Maria dell'Isola dal Mar Tirreno e Tropea, Calabria.

Stai lontano ad agosto. Italiani e altri europei vengono a frotte ad agosto per consumare il loro generoso tempo di vacanza, il che significa folle gomito a gomito sulla spiaggia e traffico frustrante. I bancomat spesso finiscono i soldi. Luglio è un po 'meno affollato ma ancora caldo e in molti alloggi non si può contare sull'aria condizionata. Aprile-giugno e settembre-novembre sono ottimali. Questi tempi hanno un clima e una folla più gestibili, ma anche molti ristoranti e attrazioni sono chiusi al di fuori di queste stagioni intermedie.

Assaggia il peperoncino. Il simbolo non ufficiale della Calabria è il peperoncino rosso a forma di corno. Non solo aggiunge un calcio piccante a qualsiasi piatto, ma allontana anche il malocchio (il malocchio). Se sei sensibile alle spezie, presta attenzione agli ingredienti di un menu perché il peperoncino si apre dappertutto, spesso con i pomodori. C'è un festival del peperoncino a Diamante ogni settembre e uno dei migliori souvenir della regione è un pacchetto di spezie, tra cui peperoncino essiccato, etichettato come spaghettata, da condire con la pasta. Economico, delizioso e facile da trasportare.

Peperoni rossi e cipolle rosse appesi a Tropea, Calabria. Foto di: Katarzyna Uroda

Colpisci i mercati. La maggior parte delle città ha mercati settimanali, le merci generalmente determinate dalle dimensioni della città. Quelli più grandi situati in riva al mare, come quelli di Catanzaro (giovedì) e Soverato (venerdì) sono generalmente un mix di molta spazzatura casuale che troverai ovunque in Italia, interessanti souvenir calabresi e un sacco di eccezionali coltivati ​​localmente e prodotti alimentari, compresi frutta, verdura, carne, miele, olive stagionate e prodotti da forno. Non consiglio la contrattazione nel mercato alimentare, ma non aver paura di andartene se senti che il prezzo è troppo alto per una borsa o un paio di scarpe; il venditore probabilmente ti richiamerà. Alzarsi e uscire presto nei giorni di mercato: iniziano a chiudere verso mezzogiorno.

Impara un po 'di italiano. Anche se questo sta lentamente cambiando, l'inglese non è molto diffuso. Di solito puoi trovare qualcuno che parli almeno abbastanza inglese per ottenere informazioni importanti, ma la gente del posto apprezzerà qualsiasi sforzo tu faccia e apprezzerà anche la sfida di usare il loro inglese. Con gli smartphone, non ci sono scuse per non avere a portata di mano un'app di traduzione italiana come WordReference o iTranslate; se sei vecchia scuola, un dizionario tascabile e un taccuino funzioneranno.

Un'enoteca a Tropea. Foto di: Martin Charles Hatch

Conserva la pizza per cena. Troverai una pizza pazzesca in Calabria. Il problema è che la maggior parte delle pizzerie non accende quel forno a legna per l'ora di pranzo. Anche nei ristoranti / pizzerie il menù pizza potrebbe non essere disponibile a pranzo. Molti ristoranti non sono affatto aperti a pranzo, soprattutto nelle zone non turistiche, e soprattutto al di fuori di luglio e agosto. La soluzione migliore in quei tempi è una rosticceria o tavola calda, che servono prelibatezze fritte come arancini (polpette di riso), pollo arrosto, cotolette e panini. Alcuni di questi locali servono la pizza al taglio, che è quadrata e servita in carta oleata. È abbastanza gustoso e andrà bene in un pizzico, ma per la vera pizza, fatti un favore e aspetta la versione da sera a legna.

Affittare una macchina. Il modo migliore per spostarsi in Calabria è nel proprio tempo, con i propri mezzi. Ci sono trasporti pubblici e funzionano abbastanza bene (soprattutto) soprattutto nelle città più grandi, ma i treni passano solo lungo la costa, quindi dovresti fare collegamenti in autobus, a volte diversi, per entrare nell'entroterra e gli orari possono renderlo lungo viaggio scomodo. Se non puoi guidare con il cambio manuale, richiedi un cambio automatico in anticipo, perché la maggior parte delle auto a noleggio ha un cambio manuale. Se non vuoi guidare, potresti avere un autista privato per almeno alcune escursioni. Gli americani avranno bisogno di un permesso di guida internazionale (IDP), che dovresti ottenere prima del tuo viaggio attraverso AAA o l'American Automobile Touring Alliance (AATA).

Veduta della piazza principale di Pizzo Calabro, Calabria. Foto di: Giovanni Boscherino

Vieni per le spiagge … La Calabria è meglio conosciuta per le sue vaste spiagge lungo il Mar Tirreno sulla costa occidentale e il Mar Ionio sulla costa orientale, e le loro spettacolari scogliere, calette e surreali formazioni rocciose. Sulla maggior parte delle spiagge è possibile noleggiare ombrelloni e sdraio o portarli da casa. Le distese di sabbia con file di ombrelloni luminosi fanno pagare un supplemento (che va dai 5 ai 20 euro) e spesso dispongono di servizi come le docce. Spesso, solo una stringa fragile separa le spiagge a pagamento da quelle libere, quindi l'unica differenza è che dovrai portare la tua roba per la spiaggia libera. Ho un debole per la spiaggia del Cannone di Tropea, all'ombra del santuario benedettino di Santa Maria dell'Isola, perché è un angolo relativamente tranquillo in un villaggio altrimenti trafficato.

… Ma non solo per le spiagge. Il cuore della regione è costituito da fitte foreste, punteggiate da canyon, ruscelli e cascate. Serra San Bruno, nel cuore del Parco Regionale delle Serre, merita il lungo, tortuoso viaggio profumato di pini per i terreni della Certosa, una certosa dell'XI secolo fondata da San Bruno di Colonia. Il monastero è chiuso ai visitatori, ma il museo ha riproduzioni degli alloggi dei monaci e canti atmosferici che scorrono attraverso gli altoparlanti. La Cascina del Monastero è un ottimo ristorante all'interno del complesso (provate la ricotta fresca e qualsiasi cosa con i porcini!) Oppure potete portare un pic-nic. D'inverno si scia in Sila e in Aspromonte.

Veduta del Castello Ruffo e della Spiaggia delle Sirene a Scilla, Reggio Calabria. Foto di: Vera Kalyuzhnaya

Diventa medievale. I borghi medievali sono sparsi in tutta la regione, ma ognuno è unico e vale la sua mezza giornata. Prenditi del tempo per vagare per le strade di ciottoli non abbastanza larghe per le auto (anche se ciò non impedisce alle persone di percorrerle). Gerace, sulla costa ionica, è probabilmente il borgo medievale meglio conservato. Ha la cattedrale più grande della Calabria e praticamente tutto ciò che vorresti in una città medievale: secoli di delizie architettoniche e una strada principale scorrevole, fiancheggiata da caffè e negozi che vendono prodotti locali. Da non perdere la vista dalla Porta del Sole all'estremità della città, un grande arco che si affaccia sul Mar Ionio. Altomonte, Bova, Chianalea, Morano Calabro e Stilo sono tra i borghi più belli d'Italia. Se ti piacciono i paesi fantasma, la Calabria ha anche quelli: ad Amendolea, Brancaleone, Pentedattilo, Roghudi e altri ancora.

1: Morano Calabro. Foto di: Quanthem. 2: Feste tradizionali medievali a Stilo, Calabria. Foto di: Paolo Bona

Guarda come è fatta la salsiccia. La Calabria è la terra dei salumi, e anche se non riesci a vedere com'è fatto (ancora da tante famiglie in modo tradizionale), devi assaggiarlo. La soppressata è una salsiccia stagionata appiattita di origine calabrese a base di carne di maiale e peperoncino, e talvolta altre spezie come il finocchio. Particolarmente delizioso è il tipo a base di suino nero di Calabria. Poi c'è la 'nduja (n-DOO-yah): una salsiccia speziata e spalmabile. È ottimo sul pane o con uova, pasta e pizza. La versione di Spilinga è l'originale ed è anche protetta dall'origine.

Nduja, la tradizionale salsiccia piccante spalmabile calabrese. Foto di: Luigi Bertello

Prova cibi che normalmente non proveresti. Acciughe (alici), tonno (tonno), pesce spada (pesce spada) e cipolle rosse dolci, qui hanno un sapore incredibile. Le cipolle rosse di Tropea sono di origine protetta (DOP) e venerate in tutta Italia. Da non perdere il gelato alla cipolla rossa e la marmellata. La zona di Reggio Calabria – soprattutto i comuni di Bagnara e Scilla un po 'più a nord lungo la costa – è nota per il suo pesce spada, il tonno e le acciughe sono ottimi in tutta la Calabria (anche in scatola), ma più vicino al mare è meglio. Un altro punto forte: peperoncini ripieni di capperi e tonno o acciughe e confezionati in olio d'oliva. Ed ecco il mio miglior consiglio: mangia la pizza condita con tonno calabrese e cipolla rossa di Tropea.

Foto di: Chicco Dodi FC

Abbraccia il digestivo. Il drink dopo cena per aiutare la digestione è comune in tutta Italia, ma il Vecchio Amaro del Capo è unico in Calabria. Prodotto a Capo Vaticano, sulla costa tirrenica, questo liquore dal colore ambrato è infuso con anice locale, liquirizia, menta piperita e altre erbe. È meglio servire freddo o addirittura freddo. Un'opzione più dolce è il limoncello. La Costiera Amalfitana potrebbe essere più famosa per i suoi limoni, ma gli agrumi calabresi non sono troppo squallidi, il che significa che di solito puoi trovare anche un ottimo limoncello. Se sei fortunato, il tuo ospite ti offrirà la crema di limoncello, una sorta di bibita alcolica al limone in un bicchiere freddo e delicato. Per un altro dolcetto dopo cena, ordina il tartufo di Pizzo, una pallina di gelato alla nocciola ricoperta di cioccolato fuso e ricoperta di cioccolato fuso.

Non aspettarti fantasia. La maggior parte dei posti in cui mangiare in Calabria sono informali. Ci sono alcuni locali più elaborati, come l'Abbruzzino stellato Michelin a Catanzaro e Pietramare a Isola di Capo Rizzuto, ma se sei in un paesino e ti aggiri in una trattoria, non stupirti se non c'è nemmeno un menu e ti servono qualunque cosa abbiano preparato quel giorno. Ma potrebbe essere uno dei migliori pasti della tua vita. La Calabria non brulica di turisti, quindi i ristoranti in genere devono essere abbastanza buoni per rimanere in attività, perché anche la gente del posto deve approvare il cibo. Inoltre, non sentirti sotto pressione per ordinare una cena di sette portate. Puoi sempre ordinare tutto ciò che ti piace: non è necessario ordinare un antipasto, un piatto di pasta, un piatto di carne e così via, oltre al dessert.

Ristorante con tavoli all'aperto nel centro storico di Tropea. Foto di: Maud Anros

Scollegare. La connessione Wi-Fi gratuita è disponibile occasionalmente nei luoghi pubblici e negli alloggi in Calabria e la ricezione 3G e 4G può anche essere imprevedibile a seconda della posizione. Se hai bisogno di un accesso affidabile a Internet, questa dovrebbe essere la tua prima domanda ovunque ti trovi in ​​modo che possano consigliarti una soluzione. E mentre parliamo di telefoni, se hai il cuore concentrato su una particolare attrazione, chiama in anticipo per verificare i loro orari. Gli orari di apertura pubblicati non sono sempre precisi.

Rallenta. Il Sud Italia ha la reputazione di muoversi solo un po 'più lentamente. Che si tratti di lavori stradali o di assistenza in piccoli negozi, quasi tutto richiederà più tempo di quanto potresti aspettarti. Una volta durante un viaggio in autobus lungo la strada tortuosa a due corsie verso la costa, il nostro autista si è fermato per chiedere a un uomo che aveva tirato fuori la sua macchina cosa stesse facendo. "Delfini!" l'uomo ha risposto e ha indicato il mare. Di sicuro, tre delfini si inarcarono e si tuffarono ripetutamente nelle acque cristalline dello Ionio. Che lo volessimo o no, tutti i passeggeri dell'autobus hanno guardato lo spettacolo per alcuni minuti prima che l'autista lo riavviasse. Aspettati ritardi. E a volte i delfini.

Porta contanti. A Roma o Firenze potresti farla franca pagando con carta di debito o credito ovunque tu vada, ma in Calabria sconsiglio di rischiare. Se rimani nelle città, questo potrebbe non essere un problema, ma molti posti mamme e pop del villaggio, compresi i bar per il tuo cappuccino mattutino, accettano ancora solo contanti. E non dimenticare le monete. Poiché uno e due euro sono in moneta, possono sommarsi rapidamente e i proprietari di negozi più piccoli li adorano soprattutto perché spesso non tengono troppi contanti a portata di mano. E a loro non importa aspettare che tu lo conti.

Vestiti per la stagione. Le acque possono assomigliare ai Caraibi, ma la Calabria non ha un clima tropicale. In inverno, anche sulla costa, le temperature possono scendere fino allo zero e la neve è comune in montagna. Come l'aria condizionata, il riscaldamento centralizzato non è la norma, quindi tenetelo conto nel vostro imballaggio e pianificazione.

Penisola di Tropea. Foto di: Natalia Macheda

Non scherzare sulla criminalità organizzata. La Calabria è la base della ‘Ndrangheta (n-DRAHN-get-ah), un sindacato criminale internazionale con radici nelle montagne dell'Aspromonte. Molto di quello che si legge sulla Calabria menzionerà la 'Ndrangheta, perché pervade molti aspetti della vita calabrese. Non è certo un motivo per non visitarla, ma sappi che mentre si è tentati di fare battute sulla mafia, la questione è molto meno divertente per le persone che ci vivono.

Riposo nel pomeriggio. Forse conosci meglio il termine siesta, ma qui si chiama riposo. In Calabria quasi tutto è chiuso dalle 12 alle 17 circa (di solito dalle 13 alle 16, ma varia a seconda dei capricci del proprietario). Le persone non passano necessariamente queste ore a sonnecchiare, ma è comunque un momento per riposare, soprattutto nei villaggi più piccoli. A causa di queste pause, non sarai comunque in grado di fare molto nel pomeriggio, quindi è meglio uscire presto, riposare nel pomeriggio e poi stare fuori fino a tardi. La via italiana.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui