sabato, Ottobre 16, 2021
Home Amore e Passione Cosa dicono le religioni mondiali sulla masturbazione?

Cosa dicono le religioni mondiali sulla masturbazione?

La masturbazione, affine ad altri bisogni essenziali del nostro corpo umano, è un atto naturale. Tuttavia, ci sono diverse prospettive sull’argomento nelle diverse religioni. La maggior parte delle religioni del mondo si oppone alla masturbazione e la proclama peccato.

Ci sono alcune circostanze in cui le religioni consentono la masturbazione. Ad esempio, è lecito masturbarsi se è un atto di autocontrollo sessuale o fa parte dell’autoesplorazione. Le religioni del mondo si oppongono alla masturbazione se una persona la pratica con intenzioni sbagliate.

Qui discuteremo di ciò che le religioni del mondo come il cristianesimo, l’islam, l’induismo e il buddismo dicono sulla masturbazione.

Cosa dice il cristianesimo sulla masturbazione?

La Bibbia non menziona nulla in relazione alla masturbazione come atto peccaminoso. Tuttavia, c’è un riferimento alla Storia di Onan nell’Antico Testamento. Molti credenti vedono questa storia come una rappresentazione della masturbazione come un atto vergognoso. Ma si concentra sul metodo di estrazione durante un atto sessuale.

Quando guardiamo al quadro generale, varie chiese del cristianesimo hanno prospettive diverse sulla masturbazione. Ad esempio, le chiese cattoliche romane e ortodosse orientali considerano la masturbazione un peccato. Tuttavia, alcune chiese protestanti considerano la masturbazione naturale.

Secondo il Catechismo della Chiesa Cattolica, un’opera che fa parte del cattolicesimo romano presenta la masturbazione come un “atto disordinato”. Il cristianesimo è anche contro il sesso al di fuori del matrimonio. È perché la religione lo vede come un atto che diverge dall’ordine naturale.

Agostino d’Ippona, un’altra figura religiosa del cristianesimo, presenta anche la masturbazione come un atto peccaminoso. Anche se è fisicamente e psicologicamente benefica, la maggior parte dei sistemi di credenze è contraria.

Sebbene alcune chiese protestanti credano nel significato della masturbazione, altre si oppongono. Ad esempio, Martin Lutero, una figura toccante del protestantesimo, considera la masturbazione immorale.

Negli ultimi decenni, ci sono stati lievi cambiamenti in questi punti di vista e opinioni. Sta cambiando in alcune scuole di pensiero e chiese cristiane. La Chiesa Presbiteriana degli USA, nel 1991, ha presentato la masturbazione come un’affermazione positiva della sessualità umana. Ci sono anche alcuni studiosi e pensatori cristiani che sostengono la necessità della masturbazione.

Cosa dice l’Islam sulla masturbazione?

Simile al cristianesimo, anche l’Islam è in larga misura contro la masturbazione. Il Santo Corano (23: 5-7) considera la ricerca del piacere sessuale separato dal proprio partner come una trasgressione. L’Islam proibisce la masturbazione e alcuni gruppi la considerano un’alternativa all’adulterio.

Tuttavia, la masturbazione è consentita in determinate circostanze nell’Islam. È accettabile che una persona non sposata si dedichi alla masturbazione in alcuni gruppi islamici. Mentre, d’altra parte, ci sono pochi altri che presentano la masturbazione come un reato punibile. Tuttavia, se qualcuno si masturba, la persona deve purificare il proprio corpo facendo un bagno. È anche essenziale fare la doccia dopo il rapporto sessuale nell’Islam.

Durante il mese sacro del Ramadan, lo sceicco Hamed Al-Ali, uno studioso islamico, si schiera contro la pratica della masturbazione. Afferma che la masturbazione durante i giorni del Ramadan può violare la santità del Mese Santo.

In generale, l’Islam si oppone alla masturbazione come atto peccaminoso simile ad altre credenze religiose in tutto il mondo.

Cosa dice l’induismo sulla masturbazione?

L’induismo considera il sesso o Kama come una parte essenziale del ciclo della vita umana. Secondo l’induismo, ci sono quattro fasi principali della vita. Dopo che una persona ha completato la sua fase educativa e spirituale di Brahmacharya, si entra in Grihastya Jeevan.

Grihastya Jeevan o fase della famiglia è quando il Kama incontra Artha. È il momento della relazione coniugale. Tuttavia, l’induismo non menziona esplicitamente la masturbazione. Il Kama Sutra, un testo popolare dell’induismo, non condanna la masturbazione. Invece, possiamo trovare spiegazioni su come ci si dovrebbe dedicare alla masturbazione nel Kama Sutra.

Tuttavia, ci sono alcuni insegnamenti nell’induismo che affermano che ci si deve astenere dall’impudicizia. È essenziale starne alla larga nei nostri pensieri, azioni e parole.

Cosa dice il buddismo sulla masturbazione?

Sulla base della scuola buddista, la prospettiva della masturbazione cambia. Comunemente, il buddismo è contro la masturbazione. Tuttavia, è accettabile in determinate circostanze.

Il buddismo ha cinque precetti, e il terzo afferma che bisogna “astenersi dalla cattiva condotta sessuale”. Secondo il sistema di credenze buddiste, la masturbazione o altri atti sessuali ostacolano la nostra capacità di ottenere la liberazione dal Samsara. Samsara è un concetto che crede nel ciclo della nascita e della morte.

Sebbene ci siano molte opinioni sulla masturbazione in diverse religioni, è essenziale considerare la masturbazione come naturale. Nel giro di pochi anni, la percezione della masturbazione cambierebbe positivamente. Si spera che le religioni del mondo possano gradualmente accettare la masturbazione come un processo sano e sicuro.

Foto di copertina di Unsplash

Ti è piaciuto questo articolo? Condividere

Copia link

ARTICOLI CORRELATI

I PIÙ POPOLARI