sabato, Ottobre 16, 2021
Home Lifestyle Animali Cosa mangiano i cavalli allo stato brado e a casa?

Cosa mangiano i cavalli allo stato brado e a casa?

Il cavallo è un erbivoro, il che significa che si nutre esclusivamente di cibo vegetale.

Questo può essere visto chiaramente in condizioni naturali quando i cavalli rosicchiano l'erba per circa 20 ore al giorno. Poiché lo stomaco dei cavalli è piccolo, mangiano frequentemente ma in piccole porzioni. Al di fuori della natura, tuttavia, i cavalli da corsa hanno perso la capacità di avere un accesso costante all'erba e hanno ancora più bisogno di energia extra per lavorare. Parliamo di un'alimentazione efficiente e di come mangiano i cavalli, cosa mangiano e quanto, in questo momento.

Cosa mangiano i cavalli?

Circa vent'anni fa, nessuno avrebbe pensato che i cavalli potessero essere nutriti con qualcosa di diverso da fieno, avena ed erba. Oggi, tuttavia, è un'intera industria sviluppata. L'alimentazione dei cavalli è diventata l'attività di molti scienziati in dozzine di laboratori in tutto il mondo. È sicuro dire che ora è una scienza completamente complessa che richiede un approccio particolare.

Come gli umani, i cavalli hanno un carattere individuale, peculiarità del corpo, costituzione e quindi la quantità di cibo necessaria. Il mangime per cavalli dovrebbe fornire al corpo tutti i nutrienti necessari e dipendere dallo scopo dell'utilizzo dell'animale. Per la maggior parte, la dieta degli animali domestici consiste in foraggi grossolani e concentrati. Ma la dieta di un cavallo selvaggio è molto diversa. Ma parliamo di tutto in ordine.

Cavalli che mangiano allo stato brado

Quindi, cosa mangia un cavallo in natura? La risposta è ovvia: erba e vegetazione varia. I cavalli selvaggi devono accontentarsi di questo cibo tutto l'anno. Solo durante la stagione calda, la loro dieta è costituita da erba fresca e succosa e in inverno da erba secca e congelata. Come puoi vedere, questo è abbastanza perché i cavalli liberi esistano perfettamente.

La dieta e il foraggio dei cavalli differiscono da regione a regione e dipendono dalla zona. In condizioni climatiche più inospitali, i cavalli selvaggi possono mangiare piccoli ramoscelli di cespugli e persino rosicchiare la corteccia degli alberi. Alle latitudini meridionali, invece, gli animali si adattano a un'erba più morbida e succulenta. Nelle regioni della steppa, i cavalli mangiano erbe alte e piante con steli densi.

Cavallo che mangia in casa

Nel processo di addomesticamento e nell'uso dei cavalli per il lavoro, gli esseri umani dovevano nutrire i loro animali in modo corretto e più attento. Dopotutto, lavoravano praticamente tutto il giorno: arando, guidando, combattendo, trasportando carichi e altro ancora. Ora erba e fieno non bastavano a un cavallo per svolgere adeguatamente il suo servizio. La dieta dei cavalli iniziò a includere cereali e vari prodotti a base di farina per sostenere l'energia degli animali. Poco dopo, con lo sviluppo dello sport equestre, sempre più concentrato, fu richiesto il mangime nutriente, sotto forma di crusca, mangimi composti, e tutti i tipi di premiscele vitaminiche.

La dieta dei cavalli da corsa dipende da molti fattori. Qui gli zootecnici tengono conto del sesso dell'animale, dell'età, della direzione del lavoro, della salute, del periodo dell'anno, della costituzione, della razza e altro. Durante l'addestramento e le prove, il feed può cambiare ogni giorno. Pertanto, non esiste una dieta perfetta. È più corretto dire che è individuale ma necessariamente equilibrato.

A casa, gli animali mangiano grano, fieno, erba, ortaggi a radice, mangimi concentrati, crusca, integratori vitaminici. Questa è la base della dieta di ogni cavallo sano. Ma quando e cosa mangiano i nostri moderni cavalli da corsa, parliamo più in dettaglio.

Come e cosa do da mangiare ai miei cavalli?

Come abbiamo detto prima, per i cavalli, il mangime e la sua quantità dipendono dall'uso e dal lavoro dell'animale. Quindi ora daremo solo una media di cosa e quanto mangia un cavallo domestico medio. Ad esempio, un cavallo che pesa 450-500 chilogrammi al giorno avrà bisogno di circa 6 chilogrammi di avena, 7-10 chilogrammi di fieno, fino a 6 chilogrammi di ortaggi a radice (barbabietole o carote), circa 2 kg di crusca. Questo in aggiunta all'erba fresca in estate durante il pascolo e altre prelibatezze sotto forma di mele, cavoli o crostini. Il menù va inoltre variato con appositi integratori vitaminici a seconda del sesso e dell'età dell'animale.

I cavalli dovrebbero essere nutriti in piccole porzioni in orari specifici a seconda del programma e del regime della giornata. La routine più corretta si basa sull'alimentazione tre volte al giorno, ad esempio al mattino dopo il sonno, all'ora di pranzo e alla sera. Inoltre, nella mangiatoia dovrebbe esserci sempre fieno fresco e leccasale in un contenitore separato. In estate, nel tempo libero, gli animali vengono lasciati al pascolo.

Struttura della razione del cavallo

Gli zootecnici dividono condizionatamente tutti i mangimi per cavalli in due grandi gruppi: ingombranti – erba, fieno, paglia e concentrati – cereali e prodotti a base di cereali. Tuttavia, ciascuno di questi gruppi è diviso in gruppi ancora più piccoli. Ad esempio, i mangimi sfusi sono suddivisi in grossolani – fieno e paglia, e succulenti – erba, fieno. I concentrati sono suddivisi in cereali, radici e altri additivi come la crusca. La differenza fondamentale tra tutti questi alimenti è il valore nutritivo ed energetico.

Quando si tratta di come nutrirsi correttamente, tutto dipende dal lavoro. Un cavallo che lavora sodo dovrebbe ottenere molti concentrati, ma gli animali che fanno lavori leggeri non ne hanno bisogno. Tuttavia, è importante notare che da un punto di vista fisiologico, il primo gruppo di alimenti è più importante per la salute del cavallo rispetto al secondo. La quota di mangime sfuso dovrebbe essere dal 60 all'80% della norma giornaliera. Ma il numero di concentrati non dovrebbe superare il 40%.

ARTICOLI CORRELATI

I PIÙ POPOLARI