lunedì, Ottobre 18, 2021
Home Lifestyle Viaggi 17 cose da sapere prima di andare a Lahore

17 cose da sapere prima di andare a Lahore

Vivere alla grande, mangiare alla grande e viaggiare in modo intelligente nella capitale del Punjab del Pakistan

Lahore vive in grande. È la capitale della popolosa provincia del Punjab del Pakistan, divisa tra India e Pakistan quando divennero indipendenti dalla Gran Bretagna nel 1947. Un vecchio adagio punjabi recita: "Chi non ha visto Lahore semplicemente non ha vissuto". È la capitale culturale del paese, ed è qui che è nata l'identità islamica del Pakistan. È anche il tipo di città in cui la gente balla e canta spontaneamente con il tempo inclemente: un giornalista televisivo una volta ha abbandonato la sua trasmissione e si è unito alle danze sotto la pioggia. I residenti di Lahore, soprannominati "zinda dilan-e-Lahore" o "le persone i cui cuori sono vivi", hanno affinato l'arte di lasciarsi andare a una forma d'arte. Se è il tuo sogno guidare un flash mob o indossare i tuoi vestiti più appariscenti senza giudizio, questa è la città da visitare. Potrebbe essere più conservatore di Karachi e Islamabad, ma è anche stranamente disinibito: gli uomini si mettono in fila per stabilire i record di tirare un camion con i baffi o vedere quanti rotis riescono a cucinare.

Lahore è la città dei giardini. I Lahoris adorano i loro parchi. L'attentato al parco Gulshan-e-Iqbal nel marzo 2016, che ha ucciso più di 70 persone, ha colpito il cuore di questo amore. I parchi sono i pochi spazi egualitari lasciati ai poveri e alla classe media. Mentre la gentrificazione, l'urbanizzazione e la costruzione di comunità recintate creano enclave per i ricchi, i colletti blu di Lahore non hanno altro posto dove andare se non i parchi: gli ultimi spazi aperti e divertenti rimasti in città. I vasti giardini Shalimar dell'era Mughal e le sue fontane in disuso, il Bagh-e-Jinnah e il suo giardino botanico, l'ippodromo (che ospita uno “ spettacolo di cavalli e bestiame '' annuale) e il parco dello zoo cittadino sono pieni nei fine settimana , motivo per cui i parchi sono diventati un bersaglio così potente dal punto di vista simbolico per il terrore.

Lahoris a Shalimar Gardens, un complesso di giardini Mughal su cui iniziò la costruzione nel 1637. Foto di: Guilhem Vellut

La questione della sicurezza. Nonostante i bombardamenti del mese scorso, Lahore è stata a lungo considerata "più sicura" di altre città pakistane, anche se ciò è in parte dovuto alla tendenza del governo a nascondere la militanza per incoraggiare il turismo e gli investimenti nella città. Le regole per viaggiare ovunque si applicano anche in Pakistan: si può viaggiare consapevoli dei rischi e non deviare da soli in territori sconosciuti. Il miglior consiglio per un turista è: non "tirare un Raymond Davis".

Non hai mangiato finché non sei stato a Lahore. Se i gastronomi dell'Impero Mughal erano abituati a pasti esagerati, i residenti moderni di Lahore non sono meno esigenti. Lahore si è consacrata da tempo la capitale alimentare del Pakistan. La cultura punjabi è tutta una questione di cibo; è una società fondamentalmente agraria e le tradizioni delle sue cucine Mughal, così come l'etnia Punjabis con radici nel Kashmir, hanno lasciato il segno nel cibo della città. Lahore è dove ho imparato a parlare correttamente l'urdu, anche se con un'inflessione punjabi, e ad apprezzare veramente il cibo. Ho passato un anno crescendo nel vecchio e affollato quartiere del mercato di Icchra, dove il caseificio del quartiere era di proprietà di un segugio dei pettegolezzi che vendeva anche il perfetto firni, un dolce al latte, servito in piatti di argilla uniti con lo spago, quasi come se metti insieme due ciotole per formare un tutt'uno. È a Lahore che ho raccolto gli abbinamenti alimentari apparentemente strani di uova sode con ceci, o naan con pakoras, verdure fritte in una pastella di farina di ceci. Dal dessert alle frattaglie, Lahore è la risposta a tutte le tue aspirazioni alimentari, dal grandioso piatto di siri paye, un piatto glutinoso di zampetti, ai biscotti nan khatai della Khalifa Bakery nella città vecchia. Il ghee era fresco a Lahore molto prima che i minuscoli barattoli di burro chiarificato finissero nel tuo Whole Foods locale. È un affronto se il cibo non arriva con sopra un mestolo di burro chiarificato. Preparati per porzioni extra-grandi di tutto: focacce che drappeggiano grandi piatti per la cena, porzioni abbastanza grandi da sfamare una piccola famiglia, una scorta infinita di naan.

Non puoi sbagliare con i classici del cibo. Una recente serie di ispezioni sanitarie ha rivelato un'igiene deplorevole nei ristoranti sovraffollati e di lusso della città, così come nei commensali di fascia media, lasciando molti Lahoris con il cuore spezzato e costretti a ripensare ai loro ordini da asporto. Ma non temere: non è solo carne d'asino e cucine sporche. Evita la tanto pubblicizzata “ Gawalmandi food street '' e scegli i classici, iniziando con la versione di Lahore della pannocchia venduta sui carretti in ogni strada, servita bollita e strofinata con i limoni e immersa in una dipendenza mix di spezie. Se ti trovi nel vecchio quartiere di Gawalmandi, dirigiti verso il nudo Haji Amritsari per la combinazione di cereali e kebab stufati di hareesa e cerca di non stabilire un contatto visivo con il ritratto (selvaggiamente politicamente scorretto) sulla porta di Ilm -ud-Din, un "eroe" locale giustiziato nel 1929 per aver ucciso qualcuno che avrebbe bestemmiato l'Islam.

Siri paye, un grande piatto glutinoso di trottatori. Foto di: Miansari66

Abbandona la corsa. Dimentica di noleggiare un'auto o di salire su un risciò. Il modo migliore per vedere Lahore è lanciarti letteralmente su un MetroBus, insieme alle dozzine di persone ammassate in ogni angolo, schiacciate contro le porte e accovacciate su un centimetro di spazio libero sul pavimento, e guardare i panorami della città svolgersi . Prova a sistemare un posto vicino al finestrino o accanto all'autista nella sezione delle donne. Partirai con una conoscenza approfondita delle conversazioni WhatsApp piene di emoji dei tuoi compagni di viaggio e una vista come nessun altro della città dai binari degli autobus sopraelevati. Durante il mio ultimo viaggio, una ragazza alle prese con il percorso dell'autobus ha consegnato il suo cellulare all'autista in modo che potesse parlare con le persone a destinazione e capire la sua fermata dell'autobus. È anche il modo più economico per vedere la città dal terminal principale degli autobus di Shahdara fino al Canale e fino a Gajjumata: per 20 rupie, puoi vedere grandi distese della città senza rimanere bloccato in uno degli interminabili ingorghi di Lahore.

Fai di Lassi la tua libagione. Non sorprende che Lahore non abbia una grande cultura dell'alcol; non c'è un negozio di liquori in città. La vita notturna di Lahore, come in gran parte del resto del Pakistan, ruota attorno al mangiare fuori. (Generazioni di adolescenti hanno guidato senza meta per la città o hanno frequentato il Liberty Market della città per poondi, un termine gergale che significa dare un'occhiata a qualcuno, ma di solito implica diversi livelli di molestie.) Quindi concediti un po 'di riposo al fegato e concediti qualcosa di extra- bicchieri alti di lassi in acciaio inossidabile (misura standard di Lahore, naturalmente) che accompagnano ogni colazione unta che si rispetti o una cena a bordo strada. Lassi è disponibile in due versioni: una miscela spumosa, zuccherata e ricca di yogurt; o un tipo salato, che è più popolare come bevanda dopo pranzo. La versione saccarina si deposita nello stomaco come un mattone, sebbene sia anche estremamente fortificante.

Città vecchia di Lahore. Foto di: Guilhem Vellut

Evita la passeggiata in città. La città originale di Lahore era chiamata la "città murata" e chiusa da 13 porte. Ora è chiuso da barricate e truppe, perché le condizioni di sicurezza in peggioramento del Pakistan hanno trasformato la maggior parte dei confini delle città in zone militarizzate. Il modo per eccellenza di vedere Lahore è camminare nella Città Vecchia andando da un cancello all'altro, ma questo è estenuante e rimarrai bloccato a guardare Google Maps per tutto il tempo. Attenersi a un quartiere e scoprirlo correttamente; che si tratti delle antiche gemme architettoniche piene di affreschi delle case che stanno cadendo a pezzi o sono state convertite in scuole e piazze, o del mercato della bigiotteria all'interno di Anarkali, dove è possibile acquistare diademi scintillanti e finti girocolli a bracciata.

Interrompi la dieta per il bhatooray. Quando arrivo a Lahore, mi trasformo in me stesso di dieci anni, con una lista di cibi da mangiare: kebab da Bhaiyya a Model Town; haleem (ecco un vecchio pezzo di R&K che ho scritto a riguardo) dal mio vecchio quartiere di Icchra. Ma solo un oggetto mi trasforma in un balbettio ossessivo. È il piatto per il quale ho e continuerò a infrangere ogni sorta di regole dietetiche: bhatooray, un puri a strati (una focaccia fritta) servito con un curry di ceci piccante. È il comfort food al suo meglio. I migliori bhatooray sono probabilmente ancora a Ichhra, ma negli ultimi anni ho evitato il trekking e invece ho preso residenza presso la bancarella bhatooray dell'annuale Festival letterario di Lahore. Sono anche un grande fan della chat di samosa a Liberty, essenzialmente una samosa servita con i ceci. L'altra mia kryptonite è Andaaz, un ristorante di lusso con sede in una vecchia casa ben arredata con vista sulla Moschea di Badshahi. (Cuckoo's Den, anche lui nello stesso quartiere, è molto più famoso, ma Andaaz vince per il suo cibo superlativo.) È probabilmente l'unico posto di alta cucina in Pakistan che deve ancora deludermi: tutto, dal loro daal al loro barbecue è abbastanza da suscitare lacrime di gioia.

Pane non così piatto: bhatooray. Foto di: Jonathan Brown

No, non chiamatelo LaWhore. Usare questo soprannome significa che sei uno scolaro troppo cresciuto o un residente amareggiato di Karachi. In quella nota, evita il desiderio stonato, espresso da molti turisti e residenti fuori città, di vedere il quartiere a luci rosse di Lahore (soprannominato il mercato dei diamanti). Questo distretto è stato originariamente formato come quartiere dell'harem degli imperatori Mughal e generazioni di cortigiane vi lavorarono fino a quando non fu bandito negli anni '50. Di conseguenza, il commercio del sesso si è diffuso in tutta la città, ma questa zona è ancora operativa. Mentre i ballerini e le prostitute iniziano a lavorare solo dopo l'orario di lavoro, in realtà è durante il giorno che vale la pena vedere il quartiere: simboli sciiti, uomini che si vantano dei loro legami politici, ragazzi che guardano le poche donne per le strade e le finestre chiuse. delle case in cui le prostitute lavorano i loro turni.

Fingi finché non ce la fai. Se non ce l'hai fatta da nessuna parte, puoi sicuramente farcela qui. La società di Lahore ama un outsider "esotico", ma ama davvero chiunque abbia nuovi soldi. Ottieni l'accesso ai circoli dorati con un paio di presentazioni alle signore che pranzano, un falso Birkin e una storia su come tuo nonno ha servito nel governo coloniale britannico. Punti bonus se ti tingi i capelli di biondo e fingi di vendere qualcosa, dalla linea di mobili di Versace alle pellicce, o hai intenzione di investire milioni nelle miriadi di comunità recintate che spuntano in tutto il Pakistan. Solo i pochi sangue blu fiuteranno i tuoi antecedenti e la grossolanità dei nuovi ricchi, gli altri vogliono solo essere invitati alle tue feste.

Foto di: Guilhem Vellut

Gheddafi governa ancora qui. Il nome del defunto dittatore libico incombe a Lahore: c'è persino uno stadio di cricket che porta il suo nome. La sua popolarità dura da decenni grazie alla sua assistenza finanziaria al Pakistan, ed è diventato un simbolo dei resti del panarabismo. L'amore pakistano per Muammar Gheddafi è radicato a Lahore, sede della conferenza annuale dell'Organizzazione dei paesi islamici del 1974. L'elenco dei partecipanti che sono entrati a Lahore per l'evento era una versione mediorientale di #squadgoals, inclusi Hafez al-Assad, Yasser Arafat e Anwar Sadat. L'evento ha alimentato un esodo di migranti pakistani verso la Libia e tutor arabi sono spuntati a Lahore. Il ritratto di Gheddafi, commissionato dopo l'evento, è appeso al Museo di Lahore e sembra adeguatamente minaccioso, quasi come se l'artista avesse ricevuto il brief: "futuro dittatore, incolperà i disordini dei manifestanti drogati di caffeina". colonne e brontolii su Twitter dopo la morte di Gheddafi, cambiare il nome del famoso stadio di cricket non è mai stato preso seriamente in considerazione.

Il gelato ha un sapore migliore in inverno. Lahore ha un serio gioco di gelato: Chaman sono i gelatieri artigianali originali, che hanno aperto in Beadon Road negli anni '70. Il loro gelato originale al gusto di frutta attira ancora orde di clienti. Fino agli anni '90, Anarkali Bazaar aveva negozi dove si poteva ottenere il gelato al mango fatto con macchine a manovella, ma queste macchine ora si basano sull'elettricità. Poi ci sono gli avvincenti coni di vaniglia semplice al Paradise at Liberty Market, che per qualche motivo inspiegabile, hanno un sapore molto migliore in inverno. Una volta ho passato un'ora lì a mangiare un cono dopo l'altro.

14. Le moschee sono zone relax. Mentre le moschee dell'era Mughal come Badshahi sono state in gran parte abbandonate ai pochi turisti e ai diplomatici in visita per decenni, sono state riscoperte dalle coppie hipster di Lahore, che fanno il broncio di fronte all'architettura del XVI secolo mentre l'abito da sposa da $ 6.000 della sposa spazza il pavimento polveroso . Invece di scattare la tua duecentesima foto di Instagram, prendi un libro e siediti all'interno dei portici ombreggiati e goditi l'intricato lavoro di piastrelle. E come con tutto in Pakistan, una tangente (o una connessione ben piazzata) può trasformare una normale esperienza turistica in un'esperienza davvero mozzafiato. Chiedete alla vostra guida di farvi entrare in uno dei minareti della moschea Wazir Akbar Khan per vedere i resti della vecchia Lahore, o girate in punta di piedi intorno allo Shahi Hammam, i bagni reali, riaperto di recente. Poiché le moschee sono sia destinazioni turistiche che luoghi di culto funzionanti, la direzione della moschea non si oppone a nessuno che trascorra del tempo fuori casa, anche se un cartello a Wazir Akbar Khan recita "dormire e radersi (!) È vietato".

La moschea Wazir Akbar Khan, costruita in sette anni a partire dal 1634-35 circa, è famosa per le sue intricate piastrelle. Foto di: Saba Imtiaz

Il potere si spegnerà. La provincia periferica del Punjab è da tempo in preda a una crisi energetica. Di conseguenza, le interruzioni di elettricità avvengono una dopo l'altra o ogni due ore e spesso non c'è gas nel cuore dell'inverno. Non c'è niente di positivo in questo: è infelice in entrambi i casi.

Segui il canale. È difficile perdere il canale. È uno dei luoghi più iconici di Lahore e spesso assomiglia più ai fanghi marroni che a un condotto dell'acqua. Il canale è un microcosmo di Lahore; un pezzo di storia, un riflesso della disuguaglianza e l'unica tregua che molti hanno dal caldo. In estate, il canale assomiglia a una grande piscina, con i ragazzi che si spogliano e saltano nelle acque fangose. Nei fine settimana, le famiglie fanno picnic sui tratti erbosi in pendenza e il governo della città di tanto in tanto posiziona carri illuminati per celebrare occasioni come l'inizio della primavera.

Ci saranno leoni. Non sorprenderti se ti ritroverai faccia a faccia con un leone o una tigre a Lahore. I leoni e le tigri fungono da simbolo elettorale del partito politico al potere, la Lega musulmana pakistana dell'attuale primo ministro Nawaz Sharif, quindi i grandi felini abbondano su manifesti e striscioni e negli zoo privati ​​nelle case dei nuovi ricchi. Durante la stagione delle elezioni, potresti trovarti a una manifestazione politica con leoni impagliati di tutte le taglie, uomini vestiti con abiti di pelliccia e leoni e tigri reali in gabbia, perché Lahore non è altro che più grande della vita.

Immagine in alto: Moschea Wazir. Foto di: Flickr / Creative Commons

ARTICOLI CORRELATI

I PIÙ POPOLARI