Vai a Vienna? Ecco 15 cose da sapere prima di partire

0
27

Una guida di Vienna dalla schnitzel al paradeiser.

La vita è facile. Vienna ha avuto un periodo d'oro di impero e intrighi come poche altre città: solo nel 1913, Hitler, Freud e Stalin vissero tutti qui. La città è ancora costellata di palazzi, musei e teatri d'opera, per non parlare dello zoo più antico e maestoso del mondo, nel Palazzo di Schoenbrunn. Tutto questo abbigliamento formale architettonico potrebbe far sembrare la città sterile rispetto ai suoi vicini spigolosi del Danubio, Praga o Budapest. E forse non è bella come Berlino, romantica come Parigi o cosmopolita come Londra, ma pochissime città possono combinare un po 'ciascuna di queste qualità con la stessa efficacia di Vienna, il tutto pur essendo una delle città più vivibili del mondo. Gli austriaci si godono la facilità di vivere qui, dai loro caffè onnipresenti ai loro laghi e fiumi quasi incontaminati: puoi persino nuotare in alcune parti del Danubio (provalo nell'Hudson, nel Tamigi o nella Senna).

Mescola cultura alta e bassa. Vienna non è solo una cittadella di alta arte, musica classica e cioccolatini fantasiosi (sì, Mozartballs). Ha anche dato al mondo i padrini EDM / batteria e basso Kruder & Dorfmeister. L'unico successo numero uno in lingua tedesca negli Stati Uniti ("Amadeus" di Falco) era una creazione austriaca. La città organizza serate di discoteca per studenti nel suo storico municipio e, per un po 'lì, concerti rock nelle ex officine del gas (gasometro). Flex, che è incuneato tra un tunnel della U-Bahn e il canale del Danubio, è conosciuto come uno dei migliori locali notturni d'Europa e distribuisce gratuitamente sia i tappi per le orecchie che l'acqua frizzante. La città ha portato al mondo il bacio di Klimt, ma anche l'arte di Hermann Nitsch, il cui mezzo preferito sono i fluidi corporei, e Manfred Deix, uno spietato e puerile caricaturista. Ospita l'esclusivo Opera Ball, dove i ricchi e famosi si riuniscono per ballare il valzer e onorare i ricchi e famosi. Ma altrettanto ricercato è il Life Ball, il più grande evento di beneficenza d'Europa che "combina la tradizione del ballo viennese con balli queer in costume". E, naturalmente, l'Eurovision Song Contest 2014 è stato vinto dalla concorrente austriaca Conchita Wurst, una drag queen barbuta. (Il fatto che un partito di destra abbia cercato di protestare contro il poster del Life Ball del 2014 – un celebre scatto di David LaChappelle di un transessuale nudo – è stato visto come motivo di imbarazzo per gli austriaci progressisti, che temevano che il clamore li avrebbe fatti guardare indietro e bigotti verso il resto del mondo).

Il tram 1. Foto di: Osamu Kaneko

Prendi il tram 1. Divisa in distretti a spirale concentrici molto simili a Parigi, Vienna si è sempre espansa in anelli partendo dal centro. Il centro storico (Primo Quartiere) è circondato da un ampio viale che ricalca le antiche mura medievali della città, e il tram 1 segue quasi tutto il cerchio (era solito fare tutto il giro, ma ora si dirama in parte). Ma è comunque un buon modo per accedere a molti punti di interesse lungo la parte occidentale del centro città, dai musei con biglietti grandi alle strade pedonali acciottolate con i loro negozietti che vendono libri, francobolli e pipe oscuri. È come un tour Get On Get Off senza la plasticosa atmosfera del tour bus. (C'è anche il Vienna Ring Tram orientato ai visitatori, che percorre tutto il Ring in circa 25 minuti, ma non è possibile salire o scendere.)

Alzati (su). Vienna è quasi insopportabilmente pittoresca dall'alto. È annidato tra le colline piene di vigneti e diviso in due dal Danubio, che da lontano sembra infatti blu. È una buona idea iniziare da un punto di vista. Ma come ottenere l'altitudine? L'autobus 38A da Heiligenstadt ti lascia un facile giro di 20 minuti attraverso i boschi dalla cima del Kahlenberg, dove gli eserciti austriaco e polacco trattennero gli ottomani durante l'assedio di Vienna. In alternativa, puoi recarti al parco divertimenti Prater e ammirare il panorama dalla ruota panoramica resa famosa da The Third Man.

La vista dall'alto. Foto di: Miroslav Petrasko (hdrshooter.com) via Flickr

Vai oltre la cotoletta. Schnitzel – una cotoletta di vitello schiacciata con un mazzuolo, poi fritta nel pangrattato fine – è il piatto viennese, e se devi averlo, puoi trovarlo nella maggior parte dei menu dei ristoranti, o andare in uno dei tre rami di Figlmüller, il re di ristoranti schnitzel o provare l'innovativo Skopik & Lohn. Ma anche il cibo di strada è grande qui: ai chioschi Wurstlstand che rimangono aperti fino a tardi in quasi ogni angolo è possibile acquistare non solo birra, gomme da masticare e sigarette, ma anche l'iconico Kaesekrainer, un potente bratwurst di maiale e manzo condito con bollente Formaggio Emmenthal. Una vasta gamma di altre opzioni di salsicce, che coprono la geografia del vecchio impero dalla Germania alla Turchia, possono essere servite affettate, arricciate come a Berlino, con un contorno di rafano e pfefferoni – pepe verde – su un piatto di carta o in una baguette, che loro impalare su un grosso spuntone di metallo per svuotarlo prima di farcire la salsiccia all'interno. È meno disordinato di un chili dog e, francamente, è una porzione più grande. Per coloro che potrebbero essere più inclini a seguire la rotta del kebab, i festaioli a tarda notte (e durante il giorno) fanno il viaggio al ristorante turco Lale a Schwedenplatz, che ha una piccola finestra per asporto.

Un altro classico, lo strudel. Foto di: Luca Sartoni

"Wien" è il modo in cui scrivi "vino" quando sei ubriaco. Vienna è vino. L'insediamento militare romano ai margini dell'impero nella valle del Danubio, Vindobona – pensato da alcuni per riferirsi al vino bianco della regione (si traduce approssimativamente come "base bianca") era un insediamento celtico prima che i romani si schiantassero alla festa. Per integrare il vino austriaco allora scadente dato ai soldati, i romani iniziarono a portare l'uva dai climi più caldi dell'impero. Ora, Vienna è l'unica grande città al mondo che produce quantità significative di vino entro i limiti della città. Ci sono circa 320 viticoltori intorno al Kahlenberg nel verdeggiante 19 ° distretto e nell'area di Grinzing, che è considerata dall'UNESCO per il suo ruolo nella cultura di Vienna. È anche il luogo in cui molte delle taverne conservano le loro fondamenta medievali e romane e i torchi. La maggior parte del vino prodotto a Vienna è bianco: il famoso Gruener Veltliner, nonché Riesling e miscele, ma ci sono anche alcuni rossi decenti (Zweigelt, Blaufraenkisch).

Vigneti nel 19 ° distretto di Vienna. Foto di: Alexa van Sickle

L'autunno è da degustare. Da settembre in poi, i viticoltori locali allestiscono i tavoli nei vigneti intorno al 19 ° distretto in modo che le persone possano degustare guardando la città sottostante. Questi "Heurigen" o "Buschenschanken" servono anche cibo semplice da abbinare al vino. Feuerwehr Wagner spicca tra questi: interni di torchi per vino e legno, con coperte per notti fredde e la migliore Schnitzel fuori dal centro città. Weingut Cobenzl, a metà della montagna Kahlenberg, funziona come una specie di deposito di vini austriaci, con annesso un ristorante grill e, sospettosamente, una fattoria didattica. Zum Martin Sepp è un'istituzione di Grinzing che ora vende il proprio vino nel Meatpacking District di New York (sebbene il loro vino non provenga da Vienna, ma a nord-est nel Wine Quarter della Bassa Austria). I negozi WINE & CO in giro per la città sono un buon posto per acquistare tutti i tipi di vini austriaci, brandy e altri prodotti speciali come l'olio di semi di zucca (l'orgoglio della Stiria-provincia natale di Arnold Schwarzenegger).

Nota sulle misure di alcol: il vino viene servito in formati da 1/8 o ¼ di litro; non lo chiamano grande o piccolo. La birra può essere una "Seiterl" (grande) o un "Kruegerl" (molto grande).

Il trasporto pubblico sembra solo gratuito. Poiché la U-bahn e il sistema di trasporto pubblico non hanno barriere o tornelli, può sembrare che sia gestito su un sistema d'onore a livello cittadino. Ma non essere tentato di evitare la tariffa: l'intera griglia è schifosa di ispettori dei biglietti sotto copertura. Invocare l'ignoranza non funziona, né dare loro un indirizzo falso. Se non hai i soldi per pagare la multa, ti faranno scendere dal treno e ti accompagneranno al bancomat più vicino. Comprare un biglietto.

L'importanza della chiusura del negozio. Gli orari di apertura in gran parte della città – e nella maggior parte dei luoghi fuori Vienna – rimangono antiquati e cattolici, grazie alle pressioni della chiesa cattolica austriaca e dei proprietari di piccole imprese, quindi c'è molto poco da comprare dopo le 18:00 e la domenica nei giorni feriali. Saranno aperte una manciata di farmacie più grandi ("Apotheken") e la città sta sperimentando alcuni acquisti a tarda notte nei quartieri centrali, ma non contare sulla possibilità di prendere un paio di collant o qualche rasoio in più all'esterno ore di funzionamento normale di 9-6. La serata libera ("Feierabend") è una libertà importante per gli austriaci. I supermercati di base negli snodi dei trasporti come Landstrasse e Praterstern e nelle stazioni ferroviarie regionali sono aperti la domenica.

Detto questo, la vita notturna inizia tardi e finisce tardi. Le persone iniziano a prepararsi per uscire intorno alle 23:00 o mezzanotte, andando in discoteca fino alle 5:00 circa. Alcuni chiudono solo quando l'ultima persona se ne va.

Attenti a quelle maniere. Gli austriaci hanno una reputazione – a volte meritata – come alcuni dei conducenti più rudi e impazienti d'Europa, ma danno anche molto valore all'etichetta vecchio stile. Le strette di mano sono importanti; non essere la persona con la stretta di mano inerte. Saluta le persone quando sei fuori a passeggiare in campagna. Non mettere i piedi sui sedili degli autobus, non sputare, non masticare gomme ad alta voce o rifiuti e mantieni il decoro pubblico, anche perché le donne anziane in pelliccia non esiteranno a farti vergognare in pubblico. Forse la cosa più importante, è il massimo della maleducazione non stabilire un contatto visivo quando qualcuno fa un brindisi: assicurati di guardare tutti negli occhi quando viene fatta una "prost". Ma non sono tutte formalità: i viennesi hanno un tipo speciale di umorismo basato sul concetto di "Schmaeh", che si traduce meglio come affetto per le cazzate e umorismo oscuro. E una volta che il ghiaccio si è rotto, i viennesi non ti permetteranno di tornare a casa, e sono generosi nell'andare in giro. Quando dicono che vogliono invitarti, ('einladen') intendono anche trattarti come in, pagare per tu. Le persone raramente dividono il conto, ma invece pagano a turno.

Siediti e sorseggia. La cultura dei caffè è così centrale a Vienna che è elencata come "Patrimonio culturale immateriale" da una subagenzia dell'UNESCO. Nei caffè viennesi, si legge nella dichiarazione, "si consumano tempo e spazio, ma in bolletta si trova solo il caffè". Gli austriaci passeranno interi pomeriggi a sparare, mangiare e leggere giornali, spesso con cani annoiati ai piedi. Freud e Trotsky avevano i loro caffè preferiti (Café Landtman e Café Central). Tra i migliori nel centro della città oggi c'è il Café Hawelka, che è piccolo e fumoso, una grotta di un caffè, un bar per le immersioni di un caffè. Ci sono anche istituzioni venerabili come il Cafe Alt Wien e il Cafe Sperl, e luoghi di ritrovo più moderni come il Cafe Europa e il Cafe Stein. Se ti piacciono le vibrazioni della metà del secolo, prova il Cafe Prueckerl. La maggior parte dei Kaffeehaeuser serve anche birra e vino. Un altro dei locali preferiti è il Kleines Café, fondato dall'attore viennese Hanno Poeschl, piccolo ma di grande personalità, nascosto in un angolo tranquillo del primo distretto.

Mance: arrotondate i conti di ristoranti, bar e taxi. Il 10-15% è sufficiente.

Senti il ​​fumo. È ovunque; nei caffè, nei bar, nei club, per strada e anche alcuni taxi avranno odore di fumo. I regolamenti stabiliscono che i caffè e i ristoranti più grandi devono avere sezioni sia per fumatori che per non fumatori, con quelli più piccoli interamente non fumatori; ma nessuno presta davvero attenzione. Se esci per una serata, finirai per odorare come l'angolo della vergogna dell'aeroporto.

In estate, nuoti. L'Austria può essere meglio conosciuta per lo sci e le vette alpine, ma l'estate va molto bene, quando fa un caldo glorioso, ma non in modo soffocante. I viennesi nutrono un profondo affetto per il nuoto di baden. Ci sono spiagge lungo il Danubio con sci nautico, kitesurf e vela. C'è l'Amalienbad, il famoso centro termale, o il Krapfenwaldbad in alta quota ("Piscina della foresta di ciambelle") con un'ampia vista su tutta la città. Puoi anche nuotare di notte, con o senza alcol.

E una nota sulla "cultura del corpo": molti austriaci sono scattanti, anche se un po 'conservatori, ma amano anche spogliarsi. Le spiagge e i campi per nudisti (Freie Koerper Kultur o "cultura del corpo libero") sono comuni in tutta la contea e nella maggior parte dei luoghi di balneazione pubblici, quante meno donne saranno in topless.

Il "Krapfenwaldbad" o "piscina della foresta di ciambelle" offre una delle migliori viste sulla città. Foto di: Alexa van Sickle

Il Wiener Prater è fantastico. È come avere un carnevale e Disneyland in città tutto il tempo; è libero di entrare, quindi puoi semplicemente andare in giro per vedere i luoghi e raramente ci sono linee. Il parco tematico Prater (dove si trova la grande ruota panoramica) è solo una piccola parte del parco del popolo, che fu allestito dall'imperatore come luogo di gioco della classe operaia, e oggi contiene grandi campi, impianti sportivi, un ippodromo, un paio di diamanti da baseball, il principale stadio di calcio e una discoteca di cinque piani con piscina. Il parco a tema, composto da 20 blocchi quadrati e aperto al pubblico, ha treni fantasma della vecchia scuola, labirinti, scivoli d'acqua, sale degli specchi e cavalcate sui pony. Vale la pena andare solo per il kitsch vaudevilliano. C'è anche il ristorante Schweizerhaus, dove ai primi sussurri di primavera la gente del posto va per enormi porzioni di stinco di maiale e pollo allo spiedo.

Parla localese. In Austria te la caverai con Hochdeutsch (tedesco "tedesco"), ma ci saranno altre parole – per pomodori, patate o emozioni – che semplicemente non vengono usate in Germania; Il viennese è un dialetto famoso e ha un'influenza molto più esotica rispetto alla maggior parte delle città tedesche, dallo yiddish, allo slavo e al turco, e rende la lingua più complessa e colloquiale. Prendi un paio di parole come Bim per il tram e Paradeiser per il pomodoro e sarai un Wiener in pochissimo tempo.

Il Prater di notte. Foto di: nicubunu.photo

Immagine in alto: il Danubio di notte. Foto di: Thomas Leiser

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui