23 cose da sapere prima di andare a Barcellona

0
107

La tua guida completa alla sopravvivenza nella capitale catalana.

La Catalogna non è la Spagna. Certo, tecnicamente lo è, per ora, ma i catalani vedono la loro regione, la loro cultura e il loro patrimonio come del tutto unici (e, per molti, superiori) a quelli del resto della Spagna. Centinaia di anni di cattivo sangue e ambizioni separatiste sono venute al culmine negli ultimi anni, quando i leader catalani e molti cittadini cercano l'indipendenza dalla Spagna. Un voto non vincolante sull'indipendenza nell'ottobre 2017 è diventato esplosivo quando il governo centrale spagnolo ha usato la forza per cercare di fermare quello che considerava un voto illegale. I leader del governo catalano poco dopo la dichiarazione dell'indipendenza, e ne seguì il caos, senza che nessuna delle due parti si muovesse di un centimetro in una disputa con profonde ramificazioni politiche, economiche e sociali per la regione e il paese nel suo insieme.

Lo stato della situazione dell'indipendenza sta cambiando ogni giorno ed è improbabile che venga risolto presto. Ti farai impazzire cercando di avvolgere la tua testa intorno ad esso. Ma ecco quello che devi sapere: sebbene l'animosità tra la Catalogna e il resto della Spagna sia reale, non influenzerà la tua visita. Le proteste sono frequenti e ferventi, ma finora sono state straordinariamente pacifiche. La vita quotidiana avanza inesorabilmente. Non importa come andrà a finire, Barcellona sarà sempre una città cosmopolita, una in cui si parla spagnolo e catalano ovunque e dove i molti volti della cultura spagnola sono rappresentati nel cibo e nel tessuto della città.

Il "Barça" non è il Barcellona. Il Barça è il soprannome dell'FC Barcelona, ​​una delle più grandi squadre di calcio del pianeta; è anche, invariabilmente, ciò che ogni nordamericano chiama Barcellona (con la confusione e il dolce divertimento della popolazione locale). Il Barna non scivola oltre le labbra in modo così netto come il Barça, ma è il soprannome corretto per la città.

Questa non è la Spagna della tua immaginazione. Non troverai piccoli e strazianti bar di flamenco, donne con lunghi abiti colorati che ballano sevillana o arene sporche di sangue circondate da folle di appassionati che bevono vino. Se questa è l'esperienza che cerchi, dirigiti verso l'Andalusia, in posti come Siviglia e Granada, dove la Spagna Technicolor dei tuoi sogni è viva e vegeta (e dove, a differenza di Barcellona, ​​la corrida è ancora legale). C'è chi a Barcellona ti venderà volentieri una fetta di quella Spagna: una notte intrisa di sangria di flamenco e paella si può trovare lungo gli innumerevoli affluenti che scorrono dalla Rambla. Ma sarebbe come andare a New York per guardare uno spettacolo di blues e mangiare jambalaya.

1. Il barrio del Born. 2. Parque de la Ciutadella.

Barcellona è la lattina e tu sei la sardina. Seriamente, questo posto è pieno. Non c'è una vera stagione bassa qui sul Mediterraneo; è gennaio mentre scrivo e dal mio balcone vedo le strade sotto gonfie di facce internazionali. Il novanta per cento del tempo e del denaro viene speso nella Ciutat Vella, la città vecchia composta dal Born, dal Quartiere Gotico e dal Raval. Senza dubbio questi sono tra i quartieri più belli di Barcellona, ​​ma se vuoi vedere la città "vera", esplora quartieri come Gracia, Poble Sec e Poblenou.

Pedoni nel quartiere di El Raval.

Detto questo, dovresti comunque essere strategico su quando visiti. Il momento migliore per venire? In qualsiasi momento tra oggi e la Semana Santa, la Settimana Santa che dà il via all'alta stagione per il turismo in Spagna. Bonus per l'arrivo all'inizio della primavera: le calçotadas, grandi feste incentrate su porri grigliati e vino rosso robusto, sono in piena fioritura. In caso contrario, vieni a fine settembre o ottobre, quando il Mediterraneo è ancora abbastanza caldo per nuotare e le folle estive sono diminuite. Il momento peggiore per essere qui? Agosto. Tutti i locali svuotano la città e vengono sostituiti da centinaia di migliaia di sudati italiani, francesi, tedeschi, inglesi e americani che si chiedono dove siano andati tutti i catalani.

Scegli i tuoi pasti con saggezza. Certo, c'è un certo ronzio che si prova mangiando piccoli piatti in una delle città più cool d'Europa, ma nonostante l'enorme reputazione culinaria di Barcellona, ​​la città è satura di bar di tapas davvero tristi: ristoranti pigri che vendono piatti di crocchette surgelate e pesce troppo costoso oltre il suo apice. Se non stai attento, inizierai a sentire come se l'intera città condividesse lo stesso menu. Avrai bisogno di una combinazione di acute capacità di osservazione e ricerca di base per farlo bene, ma ecco alcuni preferiti per iniziare: Suculent (per la cucina catalana piena di sentimento), La Cova Fumada (per bombas, birra e bei tempi) , El Quim de la Boqueria (per una colazione a base di uova fritte e calamaretti, innaffiati con cava), Somodó (per la migliore cena da € 24 in Spagna) e qualsiasi cosa da Albert Adria (il re regnante del ristorante di Barcellona, ​​che capisce cibo come pochi altri).

Impara qualche parola in catalano. Non ingannerai nessuno facendogli credere che sei un locale, ma comunica un messaggio chiaro e molto importante per l'orgogliosa popolazione locale: so che questa è la Catalogna. Apprezzo il tuo desiderio di indipendenza. Le ragioni possono essere poco chiare e il risultato improbabile, ma mentre vagherò per le vostre terre, lo rispetterò comunque. Alcune semplici frasi per trasmettere quel messaggio nel modo più efficiente possibile: bon dia (buongiorno), si us plau (per favore), vagi be (be well) e visca Barça! (lunga vita al FC Barcelona!).

Architettura di Gaudi sul Paseo do Gracia, una delle strade principali di Barcellona.

Questa è una città del gin tonic. Barcellona può essere diversi anni indietro rispetto alla maggior parte delle altre città cosmopolite quando si tratta di cultura dei cocktail, ma nessuno mette più tempo e pensiero nel matrimonio di inebrianti botanici di gin e tonico agrodolce. Più di pochi bar in questi giorni sono dedicati esclusivamente all'artigianato: Pesca Salada nel Raval e Xixbar nel Poble Sec sono i due preferiti, servendo bicchieri di cabernet con cubetti di ghiaccio di dimensioni glaciali e guarnizioni leggere di erbe e spezie per rafforzare il gin. Ma anche un anonimo abbeveratoio locale può contenere una mezza dozzina o più di gin e alcuni tonici diversi per placare la sete locale con stile. (Nota: ordinare un gin tonic o qualsiasi altro cocktail prima di cena è una mossa strana da queste parti. Il superalcolico è quasi esclusivamente un piacere dopo cena, che è una delle chiavi della resistenza notturna spagnola.)

Il Barcellona è schifoso di piccoli furti. Portafogli, iPhone, borse per computer, gioielli e portamonete vengono portati via dai turisti con una facilità e una frequenza allarmanti. Questo tipo di crimine raramente, se non mai, diventa violento, ma richiede comunque una ragionevole vigilanza da parte di persone che si distinguono come visitatori. Gli autori della spazzatura sono disponibili in molte forme e dimensioni, ma tendono a colpire nella parte centrale della città nei luoghi che ti aspetteresti: i trasporti pubblici, la Boqueria e altri mercati popolari, le strade del Raval o il Quartiere Gotico fino a tardi. notte. Tre tattiche di cui essere consapevoli: il Bump (classica mossa da borseggiatore in cui qualcuno inizia il contatto fisico mentre lui o un complice ti solleva dal portafoglio), il Paper (in cui qualcuno ti si avvicina al tuo tavolo con un pezzo di carta o una mappa e usa per distrarti mentre sollevano il cellulare) e la Domanda (una tattica che implica una vaga domanda di indicazioni per confonderti mentre un cospiratore afferra la tua borsa). Molto di questo accade nelle ore nebbiose del primo mattino, quando una marea di alcol e baldoria ha abbassato le difese di ignari turisti. Le forze di polizia di Barcellona si sono dimostrate incredibilmente incapaci di frenare quello che è facilmente il più grande fastidio della città, quindi preparati a cavartela da solo.

L'unica presenza più persistente per le strade della città vecchia rispetto ai ladrones sono i venditori ambulanti di birra. Dall'alba al tramonto, troverai angoli di strada occupati da immigrati che cercano di spacciare birra a buon mercato ai pedoni assetati. Tecnicamente, l'intera transazione è illegale e la gente del posto si lamenta comprensibilmente dell'impatto di una scorta infinita di birra a buon mercato e incredibilmente fredda sui loro quartieri, ma una discreta birra di strada che vaga per gli stretti passaggi – tutta pietra e ombra – del Quartiere Gotico è uno dei grandi piaceri della notte di Barcellona. (Se la fame dovesse aumentare durante una di queste passeggiate, dirigiti verso Carrer d'Avinyó, dove immigrati pakistani e indiani vagano per le strade con le samosa ancora calde delle loro mogli cullate tra le braccia.)

Valle. Non ci possono essere parole più utili in nessuna lingua. Significa molte cose, inclusi "valore" e "buono", ma il suo vero significato in Spagna è semplicemente "ok" e, a seconda del tono, dell'inflessione, dell'entusiasmo, può essere adattato a dozzine di situazioni diverse. Non è inconcepibile tenere un'intera conversazione con un tassista usando solo vale. Vamos al mercado? Valle. Te dejo aqui en la esquina? Valle. Quieres otra cerveza? Vale vale.

Visita il Museo dello skate. Picasso e Miró hanno entrambi collezioni impressionanti qui (che, a proposito, sono gratuite dopo le 15:00 la domenica), ma non c'è visione migliore che guardare i disadattati a quattro ruote andare a lavorare per le strade della città. Barcellona è una delle capitali mondiali dello skateboard, un parco giochi di sporgenze lisce, corrimano ripidi e bizzarre strutture di cemento che consentono tutti i tipi di contorsioni impossibili del corpo e della tavola. La cosa migliore è il MACBA, il museo di arte moderna nel quartiere del Raval, che attrae i più grandi nomi del pattinaggio tutto l'anno. È meglio andare martedì pomeriggio, quando il museo chiude e l'eterna battaglia tra le guardie di sicurezza e i pattinatori ha il suo giorno di riposo.

Pattinaggio fuori dal museo MACBA.

La paella non è un piatto che ha viaggiato molto fuori casa nelle risaie di Valencia (abbiamo dedicato 3.000 parole all'argomento qualche anno fa), quindi, nonostante l'abbondanza di ristoranti che offrono pentole di riso giallo tempestate di piselli e pepe, è meglio mantenere il consumo al minimo. Un'opzione migliore a Barcellona è la fideuà, paella di dimensioni e statura, ma fatta con vermicelli tostati al posto del riso, e generalmente un vincitore più coerente nei ristoranti della città. (Se devi mangiare la paella, vai alla Barceloneta e prova Can Majó, Can Sole o Kaiku. Tutti e tre servono rispettabili versioni disseminate di frutti di mare.)

Stai lontano dalla Rambla. Le guide ti diranno il contrario, che questa strada pedonale ambigua è il più grande tesoro della città. Potrebbe essere vero 30 anni fa, ma di questi tempi è un covo di sangria costosissima, tapas scaldate al microonde e borseggiatori indigenti. Vale sicuramente la pena fare una passeggiata o due, se non altro per ammirare alcuni degli incredibili intrattenitori di strada che costeggiano la Rambla, ma se ti ritrovi a muoverti su e giù come l'ascensore di un hotel, allora ti manca il resto e il meglio -della città.

Vai oltre Gaudí. Amico sa come progettare un edificio, senza dubbio. E la sua influenza sull'estetica di ogni cosa in questa città è giustamente onnipresente, ma ci sono straordinarie opere di architettura moderna intorno a Barcellona che vengono in gran parte trascurate da coloro che sono bloccati nella linea di quattro isolati per la Sagrada Familia. (Per inciso, se vuoi entrare nella Sagrada Familia, risparmia qualche ora di fila acquistando i biglietti per le sue maggiori attrazioni qui.) Per alcune delle cose migliori, fai una passeggiata nel tardo pomeriggio lungo il Mediterraneo. A Vila Olímpic, raggiungerai per primo l'edificio interamente in vetro del Gas Natural, seguito dal Parco di ricerca biomedica a forma di ferro di cavallo e dall'enorme pesce dorato di Frank Gehry. Prosegui per Poblenou per ammirare una serie di condomini modernisti e alla fine la scintillante struttura triangolare del Forum. Torna indietro attraverso Poblenou per una vista notturna della Torre Agbar, il monolite colorato che si estende per 38 piani verso le stelle.

1. Il pesce d'oro di Frank Gehry. 2. Torre Agbar.

Solleva uno sgabello. Andare in una cattedrale del calcio come il Camp Nou dell'FC Barça (e sostenere i prezzi elevati che i biglietti comandano) è meglio lasciare ai duri a morire. Se vuoi vivere la cultura fútbol spagnola al suo meglio, trova uno sgabello al bar del quartiere il mercoledì o il sabato sera (quando si gioca la maggior parte delle partite del campionato spagnolo). Se l'illuminazione è vistosa, il vino esce da una botte e il pavimento è disseminato di tovaglioli, sei nel posto giusto. Salta in sella, ordina una caña (una birra alla spina) e fai i rumori appropriati mentre il gioco si svolge. Se il Barça sta giocando a Madrid e vuoi fare subito amicizia con i vecchi catalani al bar, fai uscire questo gioiello nel primo tempo: "Este Portugués, que hijo de puta es." (Questo portoghese [Barcelona mortal enemy Cristiano Ronaldo], che figlio di puttana!)

Modifica il tuo programma. Mi chiedo perché quel ristorante è vuoto alle 8 di sera? O perché il ristorante sembra chiuso alle 13:00? O perché il bar è piuttosto solitario prima di mezzanotte? Perché le ore di pasto cambiano una volta attraversato l'Atlantico. Il pranzo è il pasto principale della giornata, il momento in cui la maggior parte degli spagnoli vuole sedersi a un pasto di tre portate e bere mezza bottiglia di vino. Il pranzo generalmente scende tra le 13:30 e le 15:30 e la cena dalle 21:00 alle 23:30. Se il tuo stomaco non riesce a resistere, fai quello che fanno molti catalani e lavora in due mini pasti extra durante il giorno: almuerzo, di solito un bocadillo (panino), intorno alle 11:00, e merienda, un drink e uno spuntino intorno alle 19:00 .

Attenti alla Boqueria. È, senza dubbio, uno dei mercati più belli d'Europa, con un'incredibile collezione di prodotti alimentari: frutta impilata in piramidi arcobaleno, enormi pezzi di salumi che non vedono l'ora di essere affettati, bancarelle con funghi più esotici del parcheggio di un Phish concerto. Ma di questi tempi sembra più Disneyland che un mercato funzionale e l'atteggiamento pungente dei venditori riflette i mutevoli dati demografici del mercato. La buona notizia è che ogni quartiere principale di Barcellona è ancorato al proprio mercato, una collezione interna di bancarelle di prodotti, pescherie e fornitori di formaggi e salumi. Santa Caterina, situata in posizione centrale sotto uno splendido tetto modernista, è una delle preferite, con molto spazio per passeggiare e una manciata di buoni bar per una birra veloce e tapa. Dai un'occhiata alla pagina del governo catalano per una carrellata completa dei mercati municipali.

Mercado Santa Caterina.

Metti via quella mancia. La mancia in Spagna è quasi inaudita tra la gente del posto. Questo non vuol dire che non dovresti dare la mancia a un cameriere in un ristorante molto carino (dovresti, il 5 o il 10 percento andrà bene) o dire a un barista o un tassista di mantenere il resto se ti hanno servito bene, ma lasciandoti un un grosso conto al tavolo susciterà più probabilmente confusione che gioia. Negli ultimi anni, i camerieri di una certa classe di ristoranti si sono abituati alle abitudini di mance degli stranieri e potrebbero persino aspettare con i palmi aperti il ​​loro 15 percento, ma se il tuo cameriere si aspetta una mancia importante, probabilmente stai mangiando in modo sbagliato ristorante.

Patatas bravas. Dopo vale, queste potrebbero essere le due parole più importanti da sapere a Barcellona.

Patatas bravas e vermut.

Le domeniche sono morte. La Spagna può essere una delle nazioni cattoliche meno entusiaste del mondo, ma questa è una tradizione che ancora le tiene cara. Le strade possono essere piene di gente del posto che si prende il pomeriggio nel loro giorno libero, ma il 90% di ristoranti, mercati e bar sarà chiuso, quindi fai scorta di snack sabato o preparati a mangiare in un posto turistico. L'unica eccezione: il vermut, la tradizione catalana di bere vermouth scuro dolce (o birra) e mangiare spuntini salati la domenica pomeriggio prima di pranzo. La gente si riversa per strada e l'intera cosa è una festa piuttosto dolce. Prova Morro Fi, nell'Eixample, o una dozzina di posti vicino al mercato di Sant Antoni per la migliore scena di vermut a Barcellona.

Vermut a Morro Fi.

Barcellona potrebbe essere il posto più bello del pianeta per un picnic– non solo per l'abbondanza di posti eccellenti dove gettare una coperta, ma per la qualità oltraggiosa della dispensa locale, pronta in un attimo per essere saccheggiata. Ecco la ricetta della grandezza: recati al mercato più vicino e acquista 100 grammi di jamón iberico de bellota (il meglio delle molte classi di prosciutto della Spagna); 1 fuet (una salsiccia di maiale catalana secca), 1 forma di Garrotxa (un formaggio di capra semistagionato, uno dei migliori trionfi di latticini della Catalogna), ¼ di chilo ciascuno di peperoni rossi arrostiti e carciofi grigliati, una manciata di frutti di mare in scatola (le conserve sono catalane tesoro e dovrebbe essere trattato come tale; prova le navaja [razor clams] o boquerones [white anchovies preserved in vinegar]), il miglior pane che riesci a trovare e 1 bottiglia di spumante freddo. Porta la generosità sulle colline erbose del Parc de la Citudella o al castello di Montjuic e bevi alla bella vita.

Per saperne di più sul bello, sul brutto e sul cattivo del Barcellona, ​​dai un'occhiata alla serie spagnola di R & K.