Le piante del giglio della pace sono tossiche per i gatti?

0
136

Immagina: sei a casa a rilassarti con le tue adorabili piante d'appartamento e il tuo meraviglioso gattino quando improvvisamente inizia a ululare.

Naturalmente, ti precipiti immediatamente in azione e cerchi di scoprire cosa c'è che non va.

Noti che mancano pezzi della tua pianta di giglio della pace (Spathiphyllum spp.). Uh Oh.

È davvero una crisi?

I gigli della pace sono leggermente velenosi per i gatti, sebbene i composti che contengono fortunatamente non siano così tossici come quelli dei veri gigli.

Anche così, chiama immediatamente il veterinario! Il tuo gattino è molto a disagio, ma dovrebbe sopravvivere al calvario.

Se avesse mangiato un vero giglio (appartenente al genere Lilium), o addirittura bevuto acqua da un vaso contenente gigli recisi di questo tipo, il suo destino potrebbe essere molto diverso, comportando un'insufficienza renale acuta.

Fortunatamente, il livello di tossicità correlato a questa pianta d'appartamento è in genere molto più lieve.

Continua a leggere per conoscere tutti i sintomi dell'avvelenamento da giglio della pace e cosa fare se il tuo gatto ingerisce parte di questa pianta.

Ecco cosa tratteremo:

Che succede con i gigli della pace? Vengono in nome della pace, solo per avvelenare i tuoi animali domestici?

Non tenere questo contro di loro. Più di 215 famiglie di piante hanno membri che producono lo stesso veleno coinvolto qui: cristalli di ossalato di calcio (CaOx).

Tra le altre funzioni, queste servono ad aiutare le piante a regolare i livelli di calcio e prevenire erbivori – o in altre parole, questi veleni possono aiutare a proteggerli dall'essere mangiati.

Sintomi di avvelenamento

Secondo il Pet Poison Helpline, i segni comuni di avvelenamento nei gatti dal consumo di parti di specie comunemente coltivate di piante di giglio di pace includono:

  • Sbavando
  • Dolore orale
  • Pawing alla bocca
  • Vomito
  • Diminuzione dell'appetito

Questi si verificano immediatamente dopo che l'animale ha masticato il fogliame.

Uno dei motivi principali di questi sintomi nel tuo animale domestico è che i cristalli di ossalato di calcio sono come lance microscopiche.

Penetrano nel tessuto della bocca del tuo gatto, comprese le gengive e la lingua, e giù fino alla gola e all'esofago, e provocano un intenso bruciore. Chi potrebbe biasimare il tuo gattino per aver urlato in queste circostanze?

Il miagolio del tuo gatto potrebbe anche avere un tono diverso, a causa del dolore intenso e della sbavatura.

È possibile che le vie aeree superiori si gonfino, il che rende difficile respirare. Fortunatamente questo sintomo è raro quando i gigli della pace sono i colpevoli.

Come trattare i gatti avvelenati dai gigli della pace

La buona notizia è che il dolore e il disagio scompaiono da soli, di solito entro poche ore.

Puoi anche aiutare a lenire l'irritazione dandone un po 'al tuo animale domestico latte o yogurt senza lattosio refrigerato.

Troppo lattosio può causare diarrea e la maggior parte degli animali adulti è intollerante al lattosio, quindi i latticini regolari dovrebbero essere evitati se possibile o somministrati con parsimonia.

Esistono molte specie diverse di piante che possono essere tossiche per i gatti e l'identificazione può essere la chiave per un trattamento adeguato.

Se porti il ​​tuo animale domestico dal veterinario, prendi una talea del giglio della pace o scatta una foto sul tuo telefono per aiutare il veterinario con la sua diagnosi.

Anche altre piante della stessa famiglia rappresentano una minaccia

Potresti essere in grado di indovinare dai bei fiori e brattee prodotti dai gigli della pace che queste piante appartengono alla famiglia delle Aracee.

Molte altre piante d'appartamento comuni in questa famiglia producono anche cristalli insolubili di ossalato di calcio. Questi includono canna muta (Dieffenbachia), giglio di calla, pothos, filodendro, albero ombrello (Schefflera), orecchio di elefante e sempreverde cinese.

In caso di dubbio, tieni sempre animali domestici e bambini piccoli lontano dalle piante d'appartamento e chiama il controllo dei veleni o il tuo medico o veterinario se l'ingestione accidentale può essere un problema.

Dove si trova l'ossalato di calcio?

Forse ti starai chiedendo, le piante che producono cristalli di CaOx li creano in concentrazioni più elevate nelle foglie, nei fiori, nelle radici o in altre parti?

Ebbene, il fatto è che, nelle piante che lo producono, puoi trovare ossalato di calcio praticamente ovunque. Ma nel complesso, solo alcuni producono effettivamente grandi quantità di questa tossina.

Secondo un articolo su questo argomento pubblicato da Sevil Tütüncü Konyar et al sulla rivista Botanical Studies nel 2014, cristalli di ossalato di calcio sono stati trovati nelle radici, foglie, steli, semi e fiori di alcune piante.

In effetti, probabilmente ti sei divertito a mangiare piante commestibili che contengono un certo livello di acido ossalico (la forma solubile di ossalato) senza nemmeno rendertene conto.

Hai mai rosicchiato un membro del genere acetosella, piante che sembrano un po 'come il trifoglio, con un bel sapore piccante? Oxalis è l'omonimo di questo genere, e non è un caso!

L'acetosella è nota per contenere acido ossalico sin dal XVII secolo. Infatti, il botanico e medico olandese Herman Boerhaave isolò per primo un sale di acido ossalico da questo tipo di pianta nel 1745.

Gli ossalati si trovano anche in barbabietole, spinaci, bietole e cavoli, così come barbabietole e cime di rapa, rabarbaro, patate dolci, arachidi, e altre piante commestibili.

La maggior parte delle persone sane può consumare regolarmente le basse concentrazioni di ossalati presenti in queste piante senza problemi, ma alcune persone con problemi renali o digestivi potrebbero dover apportare modifiche alla loro dieta, come consigliato da un professionista sanitario.

L'acido ossalico ha anche usi industriali. È usato come risciacquo acido nelle lavanderie, perché è così efficace nel rimuovere macchie di ruggine e inchiostro, ed è anche usato per rimuovere il calcare dai radiatori dei veicoli.

Yikes! Sembra una sostanza chimica davvero sgradevole!

Le piante, d'altra parte, contengono concentrazioni di acido ossalico molto inferiori a quelle che sarebbero necessarie per l'uso industriale caustico.

Come accennato in precedenza, gli irritanti cristalli di CaOx aiutano le piante a evitare che vengano mangiate dagli animali in cerca di cibo – un vantaggio decisivo, dal momento che non possono semplicemente scappare come gli altri organismi viventi!

È interessante notare che questi cristalli possono formarsi anche nel corpo umano.

L'ossalato di calcio è uno dei principali costituenti dei calcoli renali. Se hai mai provato il dolore lancinante associato al passaggio di uno di questi, probabilmente puoi incolpare anche questo composto chimico cristallino.

Il tuo gatto dovrebbe sopravvivere!

Anche se il calvario di aver mangiato parte di un giglio della pace sarà probabilmente molto traumatico per il tuo gatto, la buona notizia è che il tuo amato animale domestico dovrebbe sopravvivere indenne al calvario.

Se il tuo gatto è incline a mordere, masticare o consumare fiori o foglie attraenti, potresti riconsiderare di tenere questa e altre piante d'appartamento potenzialmente velenose nella tua casa.

E per favore ricorda, se il tuo gatto mangia parte di una pianta che non viene consumata regolarmente come parte della sua dieta regolare, velenosa o meno, ciò potrebbe provocare mal di stomaco a causa di irritazione meccanica.

Uno dei tuoi animali domestici ha iniziato a rosicchiare le tue piante d'appartamento? Prendi le dovute precauzioni per fornire la migliore cura e un ambiente sicuro per i tuoi animali e facci sapere quali sono alcune delle tue piante preferite per i gatti nei commenti!

Continua a leggere per ulteriori informazioni su piante d'appartamento in crescita a casa:

© Chiedi agli esperti, LLC. TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Vedi i nostri TOS per maggiori dettagli. Foto non accreditate: Shutterstock. Con la scrittura e il montaggio aggiuntivi di Allison Sidhu.

A proposito di Helga George, PhD

Una delle più grandi gioie dell'infanzia di Helga George è stata la lettura di piante rare e da serra che non sarebbero cresciute in Delaware. Ora che vive vicino a Santa Barbara, in California, è felicissima che molti di questi crescano proprio fuori! Affascinata dalla scoperta infantile che le piante producono sostanze chimiche per difendersi, Helga ha intrapreso ulteriori studi accademici e ha ottenuto due lauree, studiando le malattie delle piante come specialista in patologia vegetale. Ha conseguito un BS in agricoltura presso la Cornell University e un MS presso l'Università del Massachusetts Amherst. Helga è poi tornata a Cornell per ottenere un dottorato di ricerca, studiando uno dei sistemi modello di difesa delle piante. È passata alla scrittura a tempo pieno nel 2009.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui